Marco Albarello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Albarello
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 187 cm
Peso 84 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Esercito
Ritirato 1998
Palmarès
Olimpiadi 1 3 1
Mondiali 1 2 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Marco Albarello (Aosta, 31 maggio 1960) è un allenatore di sci nordico ed ex fondista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sciistica[modifica | modifica wikitesto]

In Coppa del Mondo ha ottenuto il primo risultato di rilievo il 2 marzo 1984 nella 15 km di Lahti (17°), il primo podio il 15 dicembre 1990 nella 15 km a tecnica classica di Davos (2°) e la prima vittoria il 9 gennaio 1993 nella 15 km a tecnica classica di Ulrichen.

In carriera ha partecipato a quattro edizioni dei Giochi olimpici invernali (Calgary 1988, Albertville 1992, Lillehammer 1994 e Nagano 1998), vincendo cinque medaglie, e a sette dei Campionati mondiali, vincendo quattro medaglie.

Albarello ha ottenuto anche dieci titoli italiani[senza fonte]. Si è ritirato al termine della stagione 1997-1998.

Carriera da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la carriera agonistica è stato nominato direttore tecnico per il settore sci di fondo della Nazionale di sci nordico dell'Italia[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 5º nel 1993
  • 5 podi (3 individuali, 2 a squadre[3]), oltre a quelli conquistati in sede olimpica o iridata e validi ai fini della Coppa del Mondo:
    • 1 vittoria (individuale)
    • 3 secondi posti (2 individuali, 1 a squadre)
    • 1 terzo posto (a squadre)

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Luogo Paese Disciplina
9 gennaio 1993 Ulrichen Svizzera Svizzera 15 km TC

Legenda:
TC = tecnica classica

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce d'argento al merito dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'argento al merito dell'Esercito
«Sottufficiale atleta degli Alpini, dotato di eccezionali capacità tecniche e di elevato spirito di sacrificio, partecipava, con la Nazionale italiana, alle XVI Olimpiadi Invernali svoltesi ad Albertville (Francia), conseguendo nella specialità dello sci nordico ben due prestigiose medaglie d'argento. II più che lusinghiero successo, frutto di un'intensa preparazione, viene a coronare una lunga serie di importanti affermazioni sportive del Sottufficiale, ottenute in pretendenti competizioni, dimostrando così spiccate doti d'atleta non separate da una profonda serietà di preparazione raggiunta con quotidiana abnegazione. Esemplare per dedizione allo sport, con tali brillantissimi risultati, contribuiva all'affermazione in ambito internazionale dei colori italiani, elevando al massimo grado l'immagine delle Forze Armate. Albertville (Francia), 13-18 febbraio 1992.»
— 6 maggio 1992.[4]
Croce d'oro al merito dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro al merito dell'Esercito
«Sottufficiale degli alpini, atleta della Sezione Sci della Scuola Militare Alpina, componente della rappresentativa nazionale italiana che ha partecipato alle XVII Olimpiadi Invernali, conquistava una medaglia d'oro ed una di bronzo, rispettivamente, nella staffetta 4x10 Km e nella combinata 10 Km di sci di tondo, a riprova di perfetto connubio, di non comuni qualità fisiche e profondo spirito di sacrificio. Contribuiva, pertanto, al consolidamento dell'immagine della Nazione e dell'Esercito Italiano. LILLEHAMMER (NORVEGIA) - 12.02.1994 - 27.02.1994.»
— 21 febbraio 1995.[4]
Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 23 ottobre 2000.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda Fondoitalia.it. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  2. ^ a b c d e f g Gara valida anche ai fini della Coppa del Mondo.
  3. ^ Fino al 2000 dati parziali per le prove a squadre.
  4. ^ a b Dettaglio decorato. Albarello Mar. Capo Marco. URL consultato il 22 settembre 2014.
  5. ^ Dettaglio decorato. Albarello Aiut. Marco. URL consultato il 22 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]