Giorgio Lamberti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Lamberti
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Nuoto Swimming pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità stile libero
Squadra Leonessa Brescia
Palmarès
Campionati mondiali 1 0 2
Campionati europei 3 3 3
Giochi del Mediterraneo 6 2 1
Europei giovanili 0 1 1
Campionati italiani 33 7 4
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 9 agosto 2011

Giorgio Lamberti (Brescia, 28 gennaio 1969) è un ex nuotatore italiano. Specializzato nello stile libero. Primo nuotatore maschio italiano a vincere una medaglia d'oro in un campionato mondiale, è stato inserito nella Hall of fame internazionale nel 2004.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

A sei anni Lamberti era piuttosto gracile e i dottori gli consigliarono di praticare il nuoto per crescere meglio. Nel 1985, a 16 anni, da perfetto sconosciuto, il ragazzino tesserato per la Leonessa Nuoto (e allenato da Pietro Santi) vince due medaglie agli europei giovanili di Ginevra. Nel 1986 ha vinto il primo dei suoi campionati nazionali, ed è stato immediatamente inserito nella rosa per i Campionati Mondiali di Madrid, dove è entrato nella finale B dei 200 stile libero, ed è entrato nella 4x200 della stessa specialità.

L'anno successivo il posto di Santi alla Leonessa è stato preso da Alberto Castagnetti, che è diventato il mentore di Lamberti per tutto il resto della sua carriera. Il 1988 è il primo anno in cui Lamberti stupisce il mondo: a Bonn, infatti, stabilisce le migliori prestazioni mondiali dei 200 sl e dei 400 sl in vasca corta (all'epoca ancora non riconosciuti dalla FINA). Alle Olimpiadi di Seoul, in Corea, tuttavia non si qualifica per le finali individuali: 'Colpa' anche, si dice, dello stress per gli esami per la maturità. Dopo una pausa sabbatica, si è presentato nel 1989 ai Campionati Europei, in programma di nuovo a Bonn. Ha vinto le medaglie d'oro nei 100 sl e 200 sl, e in questa specialità ha stabilito, con il tempo di 1'46"69, un record del mondo che è rimasto imbattuto per 10 anni, il periodo più lungo della storia dei 200. Lo ha poi abbassato l'australiano Grant Hackett a Brisbane, nel 1999. Un terzo oro è arrivato nella 4x200 sl.

Nel 1991, a Perth, in Australia, Lamberti è salito anche sul gradino più alto dei Mondiali sempre nei 200, ed è arrivato a medaglia anche nei 100 e nella 4x200. Agli Europei, invece, ha dovuto accontentarsi dell'argento nei 200 arrivando alle spalle del polacco Artur Wojdat, e del bronzo nella 100 (oro ad Alexander Popov) e nei 400 (Evgenij Sadovyi).

L'ultimo tentativo olimpico di Lamberti arriva nel 1992 alle Olimpiadi di Barcellona. Un quinto posto nella 4x200 è stato il migliore risultato. In carriera, in totale, Lamberti ha collezionato quattro record mondiali: uno nei 200 stile libero in vasca lunga, due nei 200 in vasca corta, uno nei 400 in vasca corta. Nel 1993 è arrivato il ritiro, seguito da diverse attività per conto della Federazione italiana nuoto (Fin). Nel 1998 ha sposato Tanya Vannini, anche lei nuotatrice di livello internazionale. Nel 2004 è stato eletto alla Hall of Fame del nuoto internazionale, secondo nuotatore italiano della storia dopo Novella Calligaris. È stato assessore allo sport ed attività ricreative del comune di Brescia nella giunta Corsini (2003-2008).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

M= primato mondiale, E= europeo

Giochi Olimpici 50 m st. libero 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
1988 Seoul
Corea del Sud Corea del Sud
--- --- 12º in batteria[1]
1'50"47
12º in batteria[1]
3'53"29
8º - 3'22"93
frazione: 50"31
5º - 7'16"00
frazione: 1'47"29
---
1992 Barcelona
Spagna Spagna
--- 17º in batteria
50"65
--- --- 10º - 3'23"43
frazione: 51"12
5º - 7'18"10
frazione: 1'49"80
---
Campionati del mondo 50 m st. libero 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
1986 Madrid
Spagna Spagna
--- 26º in batteria
51"71
8º in finale B
1'52"28
--- --- 8º - 7'33"44
frazione: 1'52"02
---
1991 Perth
Australia Australia
--- Bronzo
49"82
Oro
1'47"27
--- --- Bronzo: 7'17"18
frazione: 1'46"86
5º - 3'42"29
frazione: 49"16
Campionati europei 50 m st. libero 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
1987 Strasburgo
Francia Francia
---
50"55
Argento
1'48"68

3'58"52
7º - 3'25"24
:
6º - 7'27"33
:
4º - 3'46"63
:
1989 Bonn
bandiera Germania Ovest
--- Oro
49"24 - E
Oro
1'46"69 - M
--- 6º - 3'21"37
frazione: 48"73
Oro: 7'15"39
frazione: 1'45"53
Bronzo: 3'43"14
frazione: 48"82
1991 Atene
Grecia Grecia
--- Bronzo
49"57
Argento
1'48"15
Bronzo
3'50"46
4º - 3'20"94
frazione: 49"20
Argento: 7'18"30
frazione: 1'47"54
squalificato (7º)
:
Giochi del Mediterraneo 50 m st. libero 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
1987 Latakia
Siria Siria
--- Oro
50"68
Oro
1'49"27
Oro
3'56"13
Argento: 3'27"11
:
Oro: 7'35"90
:
---
1991 Atene
Grecia Grecia
Bronzo
23"80
--- Oro
1'49"34
--- Argento: 3'26"33
:
Oro: 7'28"71
:
Europei giovanili --- 100 m st. libero 200 m st. libero 400 m st. libero 4×100 m st. libero 4×200 m st. libero 4×100 m mista
1985 Ginevra
Svizzera Svizzera
--- --- Argento
1'54"49
--- --- Bronzo: 7'43"36
:

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

18 titoli individuali e 15 in staffette, così ripartiti:

  • 1 nei 50 m stile libero
  • 4 nei 100 m stile libero
  • 10 nei 200 m stile libero
  • 3 nei 400 m stile libero
  • 9 nella staffetta 4×100 m stile libero
  • 6 nella staffetta 4×200 m stile libero
Anno
Edizione
st.libero
50 m
st.libero
100 m
st.libero
200 m
st.libero
400 m
st.libero
4×100 m
st.libero
4×200 m
mista
4×100 m
1986 Estivi - 3 1 - - - -
1987 Primaverili - 1 1 1 1 2 -
1987 Estivi - 1 1 - 1 1 -
1988 Primaverili - - 1 - 1 1 2
1988 Estivi - - 1 1 1 1 2
1989 Primaverili - - 1 - 1 1 -
1989 Estivi 2 - 1 - 1 1 -
1990 Primaverili 1 1 1 - - - 2
1990 Estivi - 1 1 - 1 - 2
1991 Primaverili - - - - 1 - 3
1991 Estivi - - 1 1 1 1 3
1992 Primaverili - - - 3 - - -
1992 Estivi - - - - 2 - -

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b non nuota nella finale B

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aronne Anghileri, Alla ricerca del nuoto perduto, Cassina de' Pecchi, SEP editrice S.R.L., 2002, vol. II. ISBN 88-87110-27-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]