Differenze tra le versioni di "Papa Giovanni Paolo I"

Jump to navigation Jump to search
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile
In paese, rifiutando la scelta del vescovo, si costituì allora un comitato che proponeva di far rimanere il cappellano Botteon o come nuovo parroco, o come viceparroco. La risposta del vescovo Luciani fu negativa: non solo, come già detto, per il [[codice di diritto canonico]] non è contemplata l'elezione del parroco da parte dei parrocchiani, ma il cappellano Botteon era troppo giovane per amministrare da solo una parrocchia. Inoltre, non si riteneva necessario un viceparroco per un paese così piccolo. La scelta di Luciani provocò una durissima reazione della popolazione, che arrivò a murare porte e finestre della [[Chiesa (architettura)|chiesa]] e della [[canonica]] per impedire al cappellano Botteon di andare via.
 
Montaner si divise allora fra i sostenitori del cappellano Botteon come nuovo parroco e una minoranza che non riteneva giusto ribellarsi al vescovo. Tra le due fazioni scoppiò un vero e proprio odio, sfociato anche in atti di violenza. Nei giorni seguenti la protesta si inasprì e il paese venne presidiato stabilmente dai [[carabinieri]], anche per la notizia che a Montaner fossero state trovate delle armi; la cosa non fu smentita dalla popolazione, visto che molti in casa avevano pistole e fucili dal tempo della [[seconda guerra mondiale]].
 
Il 9 febbraio [[1967]] una delegazione di montaneresi partì per [[Roma]] con la speranza, rimasta vana, di un colloquio con [[Paolo VI]]. La data più cruenta di questa vicenda fu il 12 settembre [[1967]]: dopo varie mediazioni fallite nei mesi precedenti, nel pomeriggio arrivò a Montaner Albino Luciani in persona, preceduto dal vicequestore di [[Treviso]], alcuni commissari, poliziotti e un autobus di carabinieri, chiamati per scortare il vescovo, nonostante lui stesso non ne avesse richiesto l'intervento.
 
Per punire la disobbedienza di quei parrocchiani, Luciani entrò in chiesa, prelevò le ostie consacrate dal tabernacolo e andò via, lanciando l'[[Interdetto#Nel Cattolicesimo|interdetto]] contro la parrocchia: da quel momento nessun sacerdote avrebbe più potuto celebrare funzioni o amministrare i sacramenti.<ref>[https://www.youtube.com/watch?v=l_9FV9jE6N8 Lo scisma di Montaner]</ref> I parrocchiani dissidenti, allora, compirono un vero e proprio [[scisma]], costituendo in paese una [[chiesa ortodossa|comunità ortodossa]] che resiste ancora al giorno d'oggi.
 
=== Concilio Vaticano II ===
7 683

contributi

Menu di navigazione