Papa Giovanni XIX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Giovanni XIX
144-John XIX.jpg
144º papa della Chiesa cattolica
Elezione 19 aprile 1024
Insediamento 24 giugno/15 luglio 1024
Fine pontificato 9 ottobre 1032
Predecessore papa Benedetto VIII
Successore papa Benedetto IX
Nome Romano dei conti di Tuscolo
Nascita Roma, ?
Morte Roma, 9 ottobre 1032
Sepoltura Basilica di San Pietro in Vaticano

Giovanni XIX, nato Romano dei conti di Tuscolo (Roma, ... – Roma, 9 ottobre 1032), è stato il 144º papa della Chiesa cattolica dal 1024 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di diventare Papa[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del conte Gregorio di Tuscolo[1] e di Maria[2], succedette a suo fratello Benedetto VIII il 19 aprile 1024[3], ma fu intronizzato due-tre mesi dopo, tra il 24 giugno e il 15 luglio. Membro della potente famiglia dei Conti di Tuscolo (che aveva già dato alla Chiesa Benedetto VII e Giovanni XII)[4], Romano era legato, attraverso altri legami parentali, coi papi Sergio III e Giovanni XI. Quando venne eletto pontefice, Romano era console e senatore dei romani (carica che, secondo il Gregorovius, non lasciò neanche da pontefice[5]), e pertanto un laico non ordinato[2]. Per questo motivo Romano venne ordinato prima sacerdote e, in un momento successivo, vescovo, allo scopo di permettergli di ascendere allo scranno papale con l'intronizzazione[6].

Il Pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Relazioni con il Sacro romano imperatore[modifica | modifica wikitesto]

Nei suoi otto anni di pontificato, Giovanni XIX procedette alla consacrazione di un nuovo imperatore. Alla morte di Enrico II avvenuta nel 1024, Papa Giovanni diede il suo appoggio a Corrado II, che assieme alla sua consorte venne incoronato prima re d'Italia nella primavera del 1026 dal volitivo arcivescovo di Milano Ariberto d'Intimiano[7]; poi fu incoronato come sacro romano imperatore da Papa Giovanni a San Pietro, nella Pasqua del 1027, che in quell'anno cadeva il 26 marzo[4][8].

Relazione con gli altri monarchi cristiani[modifica | modifica wikitesto]

In occasione della Pasqua di quell'anno, Giovanni XIX ebbe modo di conoscere Canuto il Grande, re d'Inghilterra e di Danimarca, e Corrado III di Borgogna, che erano venuti ad omaggiare il pontefice[7]. In quest'occasione, Canuto decretò che venisse offerto il denaro di San Pietro al pontefice[9], in cambio della cessazione del versamento in denaro che i vescovi inglesi davano alla Santa Sede per ricevere il pallio episcopale[2]; Corrado invece decretò che nei suoi territori venisse applicato il diritto romano anziché quello longobardo[7].

Governo della Chiesa[modifica | modifica wikitesto]

Guido d'Arezzo e il vescovo Teobaldo, dal Codex Lat. 51 f°35v (XI secolo), conservato a Vienna.

Romano, appena fu al soglio pontificio come Giovanni XIX, mostrò la sua libertà dai pregiudizi ecclesiastici e anche la sua completa ignoranza della storia ecclesiastica accettando, in cambio di un sostanzioso pagamento, di concedere al Patriarca di Costantinopoli Eustazio il titolo di "vescovo ecumenico", cioè il "primato pietrino"[2], senza rendersi conto di quel che effettivamente faceva. Questa compravendita simoniaca suscitò un'indignazione generale in tutta la Chiesa, specialmente tra i vescovi italiani e la comunità cluniacense[10]. Lo scandalo costrinse Giovanni XIX quasi immediatamente a rinunciare all'accordo. Ferdinand Gregorovius narra l'intera vicenda con queste parole, dando del papa un ritratto delineato da tratti ed espressioni ironiche:

« Pareva che il novello pontefice non avesse in mente alcun concetto dei doveri che il ministero suo gli imponeva. Era uomo di animo tanto semplice od altrimenti sì avaro che, avenogli l'imperatore di Bisanzio spediti a Roma dei ricchi donativi, intendeva di accordare al patriarca greco il titolo di vescovo ecumenico. Ma i vescovi d'Italia e la Congregazione di Cluny si sollevarono vivamente contro siffatto proposito, e fu allora soltanto che i lpapa riuscì a comprendere la gravità di ciò che era stato in procinto di fare... »

(Gregorovius, p. 206)

Nel governo della Chiesa, Giovanni XIX mostrò il suo apprezzamento nei confronti dell'azione riformatrice di Cluny[2] e, nel 1032, riconobbe il culto di san Romualdo, fondatore dei Camaldolesi[9].

Governo dell'Urbe[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni XIX governò Roma e il contado in modo estremamente tranquillo, anche per il fatto che il potere civile era concretamente in mano al suo casato, i Conti di Tuscolo[11]. Un gesto di mecenatismo brillò nel pontificato di Giovanni: l'invito a Roma del celebre monaco Guido perché gli spiegasse il nuovo sistema musicale da lui inventato[7].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

La data di morte precisa di Giovanni XIX è sconosciuta, tanto che il sito del Vaticano non riporta neppure il mese dell'anno 1032 in cui il papa spirò[12]. Sennis propende per una data precisa, il 20 ottobre[2], mentre Rendina fa oscillare il giorno della morte negli ultimi mesi del 1032[7].

La questione del numerale XIX[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Papa Giovanni XIV bis.

Si noti che il successivo pontefice Giovanni fu Papa Giovanni XXI e non ci fu un Papa Giovanni XX, così come Giovanni XVI fu un antipapa. In realtà Romano prese nome "Giovanni XVIII" e non "XIX", ma gli storici poi corressero il suo ordinale, fino a trasformarlo in "XX" per poi ripristinarlo in "XIX". Ciò perché Pedro "Ispano" Iuliani (che avrebbe dovuto essere "Giovanni XIX" e invece si chiamò "XXI"), oltre a ritenere il Filàgato un papa legittimo, credeva pure che tra Bonifacio VII e Giovanni XV ci fosse un Papa "Ioannes XIV Bis" mai riconosciuto perché morto prima di essere consacrato e che, invece, non era mai esistito.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Papa Giovanni XIX Padre:
Gregorio I di Tuscolo
Nonno paterno:
Alberico II di Spoleto
Bisnonno paterno:
Alberico I di Spoleto
Bisnonna paterna:
Marozia, Regina d'Italia
Nonna paterna:
Stefania Crescenzi
Bisnonno paterno:
Giovanni Crescenzi I
Bisnonna paterna:
Teodora II dei Teofilatti
Madre:
Maria
Nonno materno:
?
Bisnonno materno:
?
Bisnonna materna:
?
Nonna materna:
?
Bisnonno materno:
?
Bisnonna materna:
?

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. Rendina, p. 360, nella sezione riguardante Benedetto VIII ove viene presentata la sua famiglia.
  2. ^ a b c d e f Sennis
  3. ^ Giovanni XIX e Sennis
  4. ^ a b Moroni, p. 58 §2
  5. ^ Gregorovius, p. 206
  6. ^ Cfr. Rendina, p. 363, ove si avanza il sospetto di simonia: «...con voti comprati ed estorti». Antonio Sennis è invece più prudente, dal momento che le fonti provengono da Rodolfo il Glabro, ostile al papato dell'epoca ed unica fonte:

    « La notizia, riportata dal solo Rodolfo il Glabro e accettata da parte della critica...secondo cui G[iovanni] avrebbe anche versato del denaro per assicurarsi l'elezione va invece considerata con una certa cautela. »

    (Sennis)
  7. ^ a b c d e Rendina, p. 364
  8. ^ Calcolo data Santa Pasqua
  9. ^ a b Moroni, p. 59 §1
  10. ^ Rendina, p. 363
  11. ^ Rendina, p. 364 e Gregorovius, p. 211
  12. ^ Giovanni XIX

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Sennis, Giovanni XIX, in Enciclopedia dei Papi, vol. 2, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2000, SBN IT\ICCU\USS\0002453. URL consultato il 22 gennaio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Benedetto VIII 19 aprile 1024 - 9 ottobre 1032 Papa Benedetto IX
Controllo di autoritàVIAF: (EN29061073 · LCCN: (ENnb2007019532 · GND: (DE118712578 · CERL: cnp00586047