Papa Marino II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Marino II
Marino II
128º papa della Chiesa cattolica
Elezione 30 ottobre 942
Insediamento 30 ottobre 942
Fine pontificato 10 maggio 946
Cardinali creati vedi categoria
Predecessore papa Stefano VIII
Successore papa Agapito II
Nascita Roma, ?
Morte maggio 946
Sepoltura Basilica di San Pietro in Vaticano

Marino II, detto anche Martino III (Roma, ... – 10 maggio 946), fu il 128º papa della Chiesa cattolica dal 30 ottobre 942 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini ed elezione[modifica | modifica wikitesto]

Romano di nascita e cardinale prete di San Ciriaco[1], Marino fece parte della serie di papi cortigiani di Alberico II di Spoleto[2], come i suoi predecessori Leone VII e Stefano VIII. Fu eletto il 30 ottobre del 942[3][4] e consacrato prima dell'11 novembre[1].

Pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Di Marino II sono note solamente alcune donazioni alle abbazie di Fulda e di Montecassino, in continuità con l'azione di riforma monastica di Alberico e dei suoi immediati predecessori sul Soglio di Pietro[1]. Sotto il suo pontificato Ugo di Provenza abdicò in favore del figlio Lotario, che fu posto sotto la tutela del Re d'Italia Berengario II. Di lui non si sa nulla di più. Il suo pontificato si svolse all'insegna della politica albericiana, tanto che il monaco Benedetto del Soratte scrisse che:

(ITA)

« non osava fare qualcosa al di fuori di un ordine del principe Alberico. »

(LA)

« non audebat adtingere aliquis extro [sic!] iussio Alberici principi. »

(Chronicon, p. 167)

Morte e sepoltura[modifica | modifica wikitesto]

Marino II morì nel maggio del 946[1][3][4] e fu sepolto nella Basilica di San Pietro[1].

Il nome pontificale "Marino"[modifica | modifica wikitesto]

Per molti secoli il suo nome fu mutato in "Martino III" così come Marino I in "Martino II" perché si pensava, a torto, che "Marino" fosse una variante di "Martino". Nel 1281, quando fu eletto Simone de Brion, il nuovo pontefice, in omaggio a papa Martino I, piuttosto che chiamarsi "Martino II" decise di chiamarsi "Martino IV"[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Piazzoni.
  2. ^ Per la biografia di quest'ultimo, si veda:Arnaldi.
  3. ^ a b Marino II in www.vatican.va, w2.vatican.va. URL consultato il 10/1/2015.
  4. ^ a b Rendina, p. 324.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Girolamo Arnaldi, Alberico di Roma, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 1, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1960, SBN IT\ICCU\PAL\0013194. URL consultato l'8 novembre 2015.
  • Ambrogio M. Piazzoni, Marino II, in Enciclopedia dei Papi, vol. 2, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2000, SBN IT\ICCU\USS\0002453. URL consultato l'8 novembre 2015.
  • Claudio Rendina, I Papi - storia e segreti, Roma, Newton&Compton editori, 2005, SBN IT\ICCU\PAL\0279694.
  • Benedetto di Sant'Andrea del Soratte, Il Chronicon di Benedetto monaco di S. Andrea del Soratte e il Libellus de imperatoria potestate in urbe Roma, a cura di Giuseppe Zucchetti, Roma, Tipografia del Senato, 1920, SBN IT\ICCU\NAP\0204467.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marino II, vatican.va. URL consultato l'8 novembre 2015.
  • Marinus II, documentacatholicaomnia.eu. URL consultato l'8 novembre 2015., Opera Omnia dal Migne Patrologia Latina con indici analitici
Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Stefano VIII 30 ottobre 942 - 10 maggio 946 Papa Agapito II
Controllo di autorità VIAF: (EN75844123 · LCCN: (ENnb2007019942 · ISNI: (EN0000 0001 0718 8526 · GND: (DE100953018 · CERL: cnp00166504