Papa Urbano VII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Urbano VII
Urbano VII
228º papa della Chiesa cattolica
C o a Urbanus VII.svg
Elezione 15 settembre 1590
Fine pontificato 27 settembre 1590
Predecessore papa Sisto V
Successore papa Gregorio XIV
Nome Giovanni Battista Castagna
Nascita Roma, 4 agosto 1521
Ordinazione diaconale 30 marzo 1553 dal vescovo Filippo Archinto (poi arcivescovo)
Ordinazione sacerdotale 30 marzo 1553 dal vescovo Filippo Archinto (poi arcivescovo)
Nomina ad arcivescovo 1º marzo 1553 da papa Giulio III
Consacrazione ad arcivescovo 4 aprile 1553 dal cardinale Girolamo Verallo
Creazione a cardinale 12 dicembre 1583 da papa Gregorio XIII
Morte Roma, 27 settembre 1590
Sepoltura Basilica di Santa Maria sopra Minerva

Urbano VII, nato Giovanni Battista Castagna (Roma, 4 agosto 1521Roma, 27 settembre 1590), è stato il 228º papa della Chiesa cattolica (227º successore di Pietro) per tredici giorni nel settembre 1590. Il suo è ricordato soprattutto per essere stato il pontificato più breve della storia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giambattista Castagna nacque a Roma da Costanza Ricci Giacobazzi. Per parte di madre egli era pronipote del cardinale Domenico Giacobazzi ed era quindi anche imparentato col cardinale Cristoforo Giacobazzi. Il padre, Cosimo Castagna, era un nobile di Genova.

Intrapresi gli studi ecclesiastici, Giambattista studiò diritto civile e canonico dapprima all'Università di Perugia e poi all'Università di Padova, dove si laureò in utroque iure. Successivamente ottenne un dottorato all'ateneo di Bologna. Entrato al servizio della Curia romana, fu avvocato concistoriale e referendario dei tribunali della Segnatura Apostolica sotto il pontificato di Giulio III. Nominato prelato domestico di Sua Santità, divenne datario del cardinale Girolamo Veralli durante la sua legazione in Francia.

Il 30 marzo 1553, a Roma, ricevette gli ordini minori e maggiori da Filippo Archinto, vescovo di Saluzzo e vicario di Roma. Il 4 aprile 1553 venne consacrato dal cardinale Veralli nel suo palazzo personale, assistito da Girolamo Maccabei, vescovo di Castro e maestro della Cappella pontificia, e da Pietro Affatato, vescovo di Accia.

Seguono incarichi diplomatici che lo portano alla corte dei principali regni d'Europa. Nunzio in Spagna, dove rimane fino al 1572, celebra il battesimo della prima figlia femmina di re Filippo II, l'infanta di Spagna Isabella Clara Eugenia.

Nel concistoro del 12 dicembre 1583 venne nominato cardinale presbitero ricevendo poi, il 9 gennaio 1584, la berretta cardinalizia e il titolo di San Marcello. Legato pontificio a Bologna nuovamente dall'8 ottobre 1584 al maggio del 1585, prese parte al conclave che in quello stesso anno elesse papa Sisto V per poi venire nominato dal 19 novembre dell'anno successivo inquisitore generale del Sant'Uffizio.

Partecipò ai conclavi del 1585 e del settembre 1590.

Cronologia incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Il Conclave del settembre 1590[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Conclave del settembre 1590.

Alla morte del papa il Sacro Collegio dei Cardinali era formato da 67 membri, ma 13 cardinali non parteciparono al conclave, pertanto il nuovo papa fu eletto da 54 cardinali. Il conclave si svolse fra il 7 e il 15 settembre.

Il pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Curia romana

Nel 1590 il cardinale Castagna prese parte al conclave che lo elesse poi pontefice, ma è certo che la sua elezione al papato venne ampiamente supportata dalla fazione spagnola, proseguendo una tradizione che ormai tendeva nel voler preferire per l'elezione al soglio di Pietro rappresentanti della nobiltà di curia piuttosto che membri di potenti famiglie romane. Venne scelto come successore di Sisto V, il 15 settembre 1590, proponendosi fin dall'inizio come fedele esecutore dei decreti tridentini e continuatore della politica restauratrice inaugurata dal suo predecessore.

Il 18 settembre si ammalò di malaria che lo portò poi alla morte poco prima della mezzanotte del 27 settembre dello stesso anno della sua elezione, prima ancora di essere stato solennemente incoronato. Data la sua improvvisa morte, gli venne ricavata una tomba nella basilica di San Pietro in Vaticano, con un'orazione funebre tenuta da Pompeo Ugonio. Il 21 settembre 1606 le sue spoglie vennero trasferite nella chiesa romana di Santa Maria sopra Minerva ove aveva sede la Confraternita dell'Annunziata alla quale lo stesso Urbano VII, nelle sue disposizioni testamentarie, aveva lasciato 30 000 scudi del proprio patrimonio personale.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Supremo del Cristo

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gino Benzoni, Urbano VII, in Enciclopedia dei Papi, vol. III, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 2000, pp. 222-230.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Sisto V 15 settembre 1590 - 27 settembre 1590 Papa Gregorio XIV
Predecessore Arcivescovo di Rossano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Paolo Emilio Verallo 1º marzo 1553 - 23 gennaio 1573 Lancillotto Lancillotti
Predecessore Nunzio apostolico in Spagna Successore Emblem Holy See.svg
Alessandro Crivelli 3 novembre 1565 - 3 luglio 1572 Nicolò Ormaneto
Predecessore Nunzio apostolico nella Repubblica di Venezia Successore Emblem Holy See.svg
Giovanni Antonio Facchinetti 15 giugno 1573 - 1º luglio 1577 Annibale di Capua
Predecessore Delegato apostolico nelle Fiandre Successore Emblem Holy See.svg
- 1º febbraio 1578 - 1º febbraio 1579 Ottavio Mirto Frangipani
(nunzio apostolico)
Predecessore Delegato apostolico a Colonia Successore Emblem Holy See.svg
Bartolomeo Portia 1º febbraio 1578 - 1º febbraio 1579 Minutio Minucci
Predecessore Cardinale presbitero di San Marcello Successore CardinalCoA PioM.svg
Marcantonio Bobba 9 gennaio 1584 - 15 settembre 1590 Benedetto Giustiniani
Controllo di autorità VIAF: (EN32816676 · LCCN: (ENn91126695 · ISNI: (EN0000 0000 7139 5944 · GND: (DE120014424