Papa Eutichiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Eutichiano
Eutychian.jpg
27º papa della Chiesa cattolica
Elezione 4 gennaio 275
Fine pontificato 7 dicembre 283
Predecessore papa Felice I
Successore papa Caio
Nascita Luni, giugno 228
Morte 7 dicembre 283
Sepoltura Catacombe di San Callisto
Sant'Eutichiano
Sarzana-cattedrale-facciata3.jpg

Papa

Nascita giugno 228
Morte 7 dicembre 283
Venerato da Chiesa cattolica
Santuario principale catacombe di Callisto
Ricorrenza 8 dicembre

Eutichiano (Luni, giugno 2287 dicembre 283) è stato il 27º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica, che lo venera come santo. Fu papa dal 4 gennaio 275 al 7 dicembre 283.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo epitaffio originale venne scoperto nelle catacombe di Callisto. Dall'iscrizione che recita «... Eutichianus ... natione Tuscus de civitate Lunae...» si deduce che il papa provenisse dall'antica colonia romana di Luni. Oltre ciò, null'altro è noto. Anche le date del suo regno sono, in realtà, incerte. Il Liber Pontificalis indicava un pontificato di 8 anni e 11 mesi, dal 275 al 283, mentre Eusebio di Cesarea, affermava che il suo ministero durò solo 10 mesi.

Non è noto alcun particolare del suo pontificato. Forse istituì il rito dell'"Offertorio" nella celebrazione liturgica. Il rito della benedizione dei prodotti dei campi, attribuitogli dal Liber Pontificalis, indubbiamente risale ad un periodo successivo. Anche la tradizione che lo vuole come il promulgatore di nuove regole per la sepoltura dei martiri e che gli attribuisce il merito di averne sepolti molti con le proprie mani, non può essere accettata, visto che dopo la morte di Aureliano (275) la Chiesa poté godere di una lunga tregua dalle persecuzioni. È quindi assai probabile che Eutichiano sia morto di morte naturale.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La sua memoria liturgica ricorre l'8 dicembre.

Dal Martirologio Romano (ed. 2004):

« 8 dicembre - A Roma nel cimitero di Callisto sulla via Appia, deposizione di sant'Eutichiano, papa. »

Il Calendario romano del IV secolo lo ricordava (7 dicembre) nel Depositio Episcoporum (elenco dei vescovi di Roma), non nel martyrum (elenco dei martiri).

I suoi resti furono inumati nella cripta papale delle Catacombe di Callisto.

Nel 1659 le sue reliquie furono donate da papa Innocenzo X al vescovo di Fidenza, il Cardinale Filippo Casoni, che, dopo la sua morte, per testamento, fece in modo che arrivassero a Sarzana, cittadina al centro della Lunigiana, probabile zona di origine di questo papa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Felice I 4 gennaio 275 - 7 dicembre 283 Papa Caio
Controllo di autorità VIAF: (EN58608059 · LCCN: (ENnb2007022879 · GND: (DE119222507 · ULAN: (EN500355689 · CERL: cnp00550454