Papa Urbano III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Papa Urbano III
B Urban III.jpg
172º papa della Chiesa cattolica
Urbaniii-wopen1.png
Elezione25 novembre 1185
Insediamento1º dicembre 1185
Fine pontificato20 ottobre 1187
Predecessorepapa Lucio III
Successorepapa Gregorio VIII
 
NomeUberto Crivelli
NascitaCuggiono, 1120 circa
Nomina a vescovo1182 da papa Lucio III
Consacrazione a vescovo1182
Elevazione ad arcivescovo9 maggio 1185 da papa Lucio III
Creazione a cardinalesettembre 1173 da papa Alessandro III
MorteFerrara, 20 ottobre 1187
SepolturaCattedrale di San Giorgio, Ferrara

Urbano III, nato Uberto Crivelli (Cuggiono, 1120 circa – Ferrara, 20 ottobre 1187), è stato il 172º papa della Chiesa cattolica dal 25 novembre 1185 alla morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e carriera ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Uberto Crivelli (indicato anche nelle varianti di "Oberto" e "Lamberto") nacque a Cuggiono, una piccola cittadina nell'arcidiocesi di Milano, membro di una nobile casata milanese che disponeva di proprietà fondiarie in queste terre. Il padre era Guala Crivelli; i fratelli avevano per nome Pietro, Domenico, Pastore e Guala. Uberto fu inoltre zio del futuro Papa Celestino IV per parte di madre.

Intraprese la carriera ecclesiastica e compì gli studi a Bologna; tornato a Milano ricevette la tonsura. La famiglia Crivelli era da tempo di parte guelfa e sosteneva il Papa contro l'imperatore Federico Barbarossa; molti suoi membri (tra cui lo stesso Uberto), furono costretti all'esilio in Francia quando Federico I saccheggiò Milano nel marzo del 1162. Nominato arcidiacono della Cattedrale di Bourges, Uberto ritornò a Milano dopo la ricostruzione della città, divenendo canonico e poi arcidiacono della Cattedrale di Milano. Nel 1170 si prodigò per la fondazione del monastero di San Pietro all'Olmo, costruito su terreni di sua proprietà ed ancora oggi esistente.

Per l'influenza politica di cui la sua famiglia godeva a Milano, nel concistoro convocato da papa Alessandro III nel settembre 1173 venne creato cardinale presbitero (il suo titolo iniziale rimane sconosciuto). Nel 1181 partecipò al conclave che elesse papa Lucio III. Nell'agosto del 1182 optò per il titolo di San Lorenzo in Damaso.

Verso la fine del 1182 fu eletto vescovo di Vercelli ed il 9 maggio 1185 venne nominato arcivescovo di Milano.

Pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 novembre 1185 partecipò all'elezione papale, che assegnò al primo scrutinio il Soglio pontificio al cardinale francese Henri de Marsiac, il quale però rifiutò la carica e al secondo scrutinio venne eletto lo stesso Uberto, che assunse il nome di Urbano III. Egli riprese vigorosamente le diatribe del suo predecessore con l'imperatore Federico I Barbarossa, inclusa la duratura disputa sulla successione ai territori della contessa Matilde di Canossa. Anche dopo la sua elevazione al Papato conservò la carica di arcivescovo di Milano, presumibilmente nel timore che nel periodo di vacanza della sede milanese l'imperatore avocasse all'impero le prebende connesse all'arcidiocesi, com'era d'uso a quei tempi.[1]. Nella veste di arcivescovo si rifiutò di incoronare come re d'Italia il figlio di Federico, Enrico, che aveva sposato Costanza d'Altavilla, erede del regno di Sicilia. Mentre Enrico a sud cooperava con il Senato ribelle di Roma, Federico a nord bloccò tutti i valichi alpini, tagliando così le comunicazioni tra il papa, che risiedeva a Verona, e i suoi aderenti tedeschi. Urbano era ora risoluto a scomunicare Federico, ma i veronesi protestarono contro un tale procedimento preso all'interno delle loro mura e lo costrinsero a lasciare la città.[1] Aggredito dal camerlengo, Urbano si ritirò a Ferrara, ospite di Obizzo I d'Este, ma morì prima che potesse dare corso alle sue intenzioni. A succedergli fu Gregorio VIII.

Secondo la leggenda, morì di dolore udendo le notizie della sconfitta crociata nella battaglia di Hattin del luglio 1187.[senza fonte]

Concistori per la creazione di nuovi cardinali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Urbano III.

Papa Urbano III durante il suo pontificato ha creato 5 cardinali nel corso di 2 distinti concistori.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ambrogio M. Piazzoni, Storia delle elezioni pontificie, Casale Monferrato (AL), Edizioni Piemme S.p.A., 2005. ISBN 88-384-1060-7. p. 134
  2. ^ (EN) Salvador Miranda, Uberto Crivelli, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University. URL consultato il 26 luglio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85184598 · ISNI (EN0000 0000 7821 2792 · LCCN (ENnr91034558 · GND (DE119499622 · BNF (FRcb107313571 (data) · CERL cnp00406371