Papa Benedetto XII

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Papa Benedetto XII
Benedetto XII
197º papa della Chiesa cattolica
C o a Benedictus XII.svg
Elezione20 dicembre 1334
Incoronazione8 gennaio 1335
Fine pontificato25 aprile 1342
Cardinali creativedi Concistori di papa Benedetto XII
Predecessorepapa Giovanni XXII
Successorepapa Clemente VI
 
NomeJacme Fornièr
NascitaSaverdun, 1285
Nomina a vescovo19 marzo 1317 da papa Giovanni XXII
Creazione a cardinale18 dicembre 1327 da papa Giovanni XXII
MorteAvignone, 25 aprile 1342
SepolturaCattedrale di Avignone

Benedetto XII, nato Jacme Fornièr (Saverdun, 1285Avignone, 25 aprile 1342), è stato il 197º papa della Chiesa cattolica dal 1334 alla morte.

Una scultura e la sua tomba

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e carriera ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia modesta della contea di Foix, divenne un monaco cistercense a Boulbonne, e in seguito a Fontfroide da suo zio, Arnaud Nouvel, che lo inviò a studiare a Parigi al collegio Saint-Bernard. Maestro di teologia, successe a suo zio come abate di Fontfroide nel 1311. Vescovo di Pamiers nel 1317, perseguì attivamente la lotta contro i seguaci del Catarismo. Fu allora che praticò di persona una politica inquisitoria molto attiva contro gli eretici. I registri dei suoi interrogatori, che teneva scrupolosamente, serviranno allo studio dei comportamenti e delle mentalità, soprattutto all'interno del villaggio di Montaillou[1]. Nel 1326, diventò vescovo di Mirepoix e cardinale con il titolo di Santa Prisca nel 1327.

Soprannominato il "cardinale bianco" — poiché aveva mantenuto la sua veste da cistercense[2] — fu un uomo austero e ardente, che intervenne con autorità in tutti i dibattiti teologici del momento: povertà evangelica, fraticelli, visione beatifica. Su quest'ultimo punto, fissò la dottrina nella sua Benedictus Deus del 1336.

Il pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Eletto papa il 20 dicembre 1334 alla morte di papa Giovanni XXII, non proseguì con le politiche del suo predecessore. Raggiunse la pace con l'imperatore Luigi IV, che era stato precedentemente scomunicato, e, per quanto possibile, scese a patti con l'ordine francescano, che era all'epoca in contrasto con la Sede apostolica.

Tentato di riportare la sede pontificia a Roma nel 1335, alla fine si accontentò di dimorare ad Avignone, dove costruì il primo palazzo pontificio, la cui austerità architettonica ne riflesse la personalità. Non rifiutò comunque di dare un certo decoro all'edificio, motivo per cui chiamò presso di sé il noto pittore senese Simone Martini.

Benedetto fu un papa riformatore e cercò di limitare il lusso degli ordini monastici, ma senza molto successo. Mise ordine nel sistema di collazione dei benefici e di conseguenza nel fisco pontificio.

Concistori per la creazione di nuovi cardinali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Benedetto XII.

Papa Benedetto XII durante il suo pontificato ha creato 7 cardinali nel corso di 2 distinti concistori.[3]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran maestro dell'Ordine supremo del Cristo - nastrino per uniforme ordinaria Gran maestro dell'Ordine supremo del Cristo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emmanuel Le Roy Ladurie, Storia di un paese: Montaillou, Rizzoli 1977, ISBN 88-17-11289-5
  2. ^ (FR) Jean Joseph Vaissete, Histoire générale du Languedoc, avec des notes et les pièces justificatives..., in Histoire générale du Languedoc, avec des notes et les pièces justificatives, vol. 4, Parigi, Jacques Vincent, 1742, p. 215. URL consultato il 13 maggio 2017.
  3. ^ (EN) Salvador Miranda, XII Benedict XII, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University. URL consultato il 28 luglio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN36914465 · ISNI (EN0000 0001 2369 1690 · SBN IT\ICCU\SBLV\104620 · LCCN (ENn85088928 · GND (DE118508903 · BNF (FRcb11891183k (data) · ULAN (EN500314191 · CERL cnp01231387