Papa Celestino IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Papa Celestino IV
B Colestin IV.jpg
179º papa della Chiesa cattolica
C o a Celestinus IV.svg
Elezione25 ottobre 1241
Insediamento28 ottobre 1241
Fine pontificato10 novembre 1241
Predecessorepapa Gregorio IX
Successorepapa Innocenzo IV
 
NomeGoffredo Castiglioni
NascitaMilano, ?
Creazione a cardinale18 settembre 1227 da papa Gregorio IX
MorteRoma, 10 novembre 1241
SepolturaAntica basilica di San Pietro in Vaticano

Celestino IV, al secolo Goffredo Castiglioni o Castiglione (Milano, ... – Roma, 10 novembre 1241), è stato il 179º Papa della Chiesa cattolica nel 1241. Con soli 17 giorni, il suo è il terzo pontificato più breve della storia.

Carriera ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio del nobile milanese Giovanni Castiglioni e di Cassandra Crivelli e, quindi nipote di Uberto Crivelli cioè Papa Urbano III. Prese i voti e vestì l'abito monacale nell'Abbazia di Altacomba nella Savoia. Qui scrisse una storia del Regno di Scozia. Fu nominato cardinale presbitero con il titolo di San Marco (1227). Nel 1228 introdusse l'Inquisizione a Milano. Nel 1229 fu legato apostolico di Papa Gregorio IX.

Nel 1239 fu nominato cardinale vescovo di Sabina.

Il conclave del 1241 e l'elezione a Papa[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Papa Gregorio IX il 22 agosto 1241, il collegio dei cardinali, diviso fra favorevoli e ostili all'Imperatore, stentava a trovare la maggioranza dei due terzi prevista dal Terzo Concilio Lateranense nel decretale Licet de vivanda. Parte del Sacro Collegio intendeva eleggere il cardinale Romano Bonaventura, acerrimo nemico di Federico II che in quel periodo teneva prigionieri, tra l'altro, due cardinali. Dopo quasi un mese di vane attese, il Senatore di Roma Matteo Rosso Orsini, autoritario e decisionista governatore della città, rinchiuse i dieci cardinali nel Settizonio sul colle Palatino, un rudere di un edificio spettacolare voluto dall'Imperatore Romano Settimio Severo. Il clima, in pieno periodo estivo, fu molto torrido, e le condizioni igieniche divennero presto precarie, ed inusuali per dei nobili e anziani cardinali: l'inglese Robert Somercotes, già gravemente malato, morì durante il conclave stesso. Non riuscendo una parte a prevalere sull'altra, l'accordo fu raggiunto su un candidato neutro, appunto il Castiglioni, uomo malato e quindi considerato di transizione, e che fu eletto all'unanimità il 25 ottobre 1241. I cardinali elettori, esausti per il durissimo conclave, non attesero neanche la consacrazione e si allontanarono da Roma, forse temendo ciò che poi effettivamente accadde: la morte repentina del Papa e la necessità di un nuovo conclave.

L'insediamento e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Il Castiglioni, già seriamente malato, celebrò l'insediamento a San Giovanni in Laterano il 28 ottobre. Aggravatosi, anche a causa del duro regime imposto dal Senatore di Roma ai cardinali riuniti in conclave, morì il 10 novembre successivo, dopo 17 giorni dalla nomina e 13 dalla consacrazione. Sorsero, tra gli studiosi, i dubbi che il Castiglioni fosse morto senza essere effettivamente consacrato, in quanto morì senza emblema e senza sigilli. Secondo i Gesta Treverorum, Goffredo Castiglioni morì "avvelenato": "Perciò i cardinali lasciarono la Santa Chiesa per molti giorni priva di un capo e come deserta, perché temevano una fine simile". Sepolto nell'Antica basilica di San Pietro in Vaticano, la sua tomba è andata perduta.

Concistori per la creazione di nuovi cardinali[modifica | modifica wikitesto]

Non risulta dalle fonti documentarie che Papa Celestino IV durante il suo pontificato abbia creato dei cardinali.[1]

Vacanza della sede apostolica[modifica | modifica wikitesto]

A causa del conflitto che s'era prodotto nella disputa su chi avesse più potere tra Chiesa e Impero, l'elezione del successore di Celestino IV divenne una questione complessa e il Papato restò con la sede vacante per quasi due anni.
Dopo alterne vicende, fra le quali il tradimento del cardinale Giovanni Colonna e la scarcerazione di Giacomo da Palestrina, nel 1243 venne eletto il genovese Sinibaldo Fieschi dei conti dii Lavagna, che scelse il nome pontificale di Innocenzo IV.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Salvador Miranda, IV Celestine IV, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University. URL consultato il 28 luglio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61072219 · ISNI (EN0000 0000 3902 4684 · LCCN (ENnb2007018011 · GND (DE100939236 · ULAN (EN500355662 · CERL cnp00165672