Papa Adriano III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Adriano III
Papa Hardianus III.jpg
109º papa della Chiesa cattolica
Elezione 17 maggio 884
Insediamento 17 maggio 884
Fine pontificato agosto/settembre 885
Predecessore papa Marino I
Successore papa Stefano V
Nascita Roma, ?
Morte San Cesario sul Panaro, agosto/settembre 885
Sepoltura Abbazia di Nonantola
Sant'Adriano III

Papa

Nascita Roma, ?
Morte San Cesario sul Panaro, agosto/settembre 885
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 8 luglio

Adriano III (Roma, ... – Wilzacara, agosto/settembre 885) è stato il 109º papa della Chiesa cattolica dal 17 maggio 884 alla sua morte ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le presunte origini[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Roma da una famiglia che alcuni genealogisti vogliono imparentata con i conti di Tuscolo: figlio di Benedetto magnus tusculanus dux et comes, figlio a sua volta di quell'Alberico marchio et consul tusculanus princeps potentissimus che fu fratello di Papa Adriano I (772-795) ed antenato dei conti di Tuscolo. Pertanto Papa Adriano I sarebbe stato suo prozio, e Adriano III sarebbe stato il fratello maggiore di Sergio dei Conti di Tuscolo, ovvero Papa Sergio III (904-911). Si è certi, comunque, che Adriano fu romano di Via Lata[1] e figlio di un tale Benedetto[1][2], come attestato dal Liber Pontificalis[3]. Della sua carriera ecclesiastica non è giunta nessuna notizia.

Pontificato[modifica | modifica wikitesto]

Le lotte intestine e la gestione della Chiesa[modifica | modifica wikitesto]

Eletto il 17 maggio dell'884[1][4][5], il suo breve pontificato ebbe luogo in un periodo travagliato. Dopo la morte di Giovanni VIII (di cui era stato nemico in quanto filo-germanico[4]), Roma era infatti insanguinata dai contrasti tra i sostenitori della politica del defunto pontefice e quelli legati invece al partito filo-germanico.

Ad Adriano sono stati attribuiti dal cronista Martino Polono due decreti (la cui autenticità è però dubbia), fortemente applicativi della stessa idea di supremazia del potere temporale della Chiesa su quello secolare già affermata nelle "Decretali pseudoisidoriane"[6]; questi decreti avrebbero sancito l'esclusione della presenza dei messi imperiali all'atto dell'elezione del nuovo papa, e, soprattutto, il passaggio della corona imperiale ad un principe italiano al momento della morte di Carlo il Grosso che non aveva eredi. Autentici o meno i decreti, la debolezza e inettitudine dell'imperatore avevano effettivamente fatto nascere simili speranze in più di un principe italiano[7].

I rapporti con gli Stati europei[modifica | modifica wikitesto]

Come rileva la biografia dell'Enciclopedia dei Papi la brevità del pontificato non permise di mettere chiaramente in luce l'orientamento di Adriano nei confronti di Fozio, il patriarca di Costantinopoli già scomunicato da papa Niccolò I e poi da Giovanni VIII, anche se Ottorino Bertolini ipotizza che la tendenza del nuovo pontefice fosse sulla linea (inizialmente) conciliante di papa Giovanni VIII, piuttosto che su quella severa dimostrata dall'immediato predecessore Marino I[8].

Per quanto riguarda l'impero franco, morto Carlomanno II, l'imperatore Carlo il Grosso convocò per l'estate dell'885[9] una dieta a Worms, alla quale invitò anche il papa in quanto l'imperatore voleva avere il suo parere sul riordino dell'impero[7], sulla legittimazione del figlio naturale Bernardo[9] e per discutere della minacciosa presenza dei Saraceni nella penisola italiana.

Morte e sepoltura[modifica | modifica wikitesto]

Il pontificato di Adriano fu assai breve: mentre era in viaggio per partecipare alla dieta convocata da Carlo il Grosso, fu colto da improvviso malore nei pressi di San Cesario sul Panaro, e morì l'8 luglio (secondo il Vetus Martyrologium Romanum e l'erudito del XIX secolo Gaetano Moroni[10]) o in una data compresa tra la metà d'agosto e la metà di settembre dell'855 (secondo studiosi più recenti[4][7][5]). Il Vetus Martyrologium Romanum cita inoltre Spilamberto (centro abitato limitrofo a San Cesario) come luogo della morte[11].
Il suo corpo fu inumato nell'Abbazia di Nonantola, dov'è tuttora sepolto e venerato[4].

Culto[modifica | modifica wikitesto]

I motivi della sua venerazione come santo sono praticamente sconosciuti, ma divenne noto per aver aiutato la popolazione di Roma durante una carestia. Il suo culto venne confermato nel 1891 da Papa Leone XIII[3]. La sua memoria liturgica ricorre l'8 luglio[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Rendina, p. 295
  2. ^ Kelly, p. 196
  3. ^ a b c Sant'Adriano III, Santiebeati. URL consultato il 29 ottobre 2015.
  4. ^ a b c d Bertolini
  5. ^ a b Adriano III, vatican.va. URL consultato il 29 ottobre 2015.
  6. ^ Cfr. Papa Niccolò I.
  7. ^ a b c Rendina, p. 296
  8. ^ Bertolini:
    « I propositi di Giovanni VIII condivideva invece, probabilmente, A[driano]; ma non ebbe tempo bastante per concretarli in atti positivi che fossero più del semplice invio a Costantinopoli della comunicazione ufficiale del proprio avvento... »
  9. ^ a b Kelly, p. 197
  10. ^ Moroni, p. 101
  11. ^ Si riporta il Vetus Martyrologium Romanum, p. 10, 8 luglio:
    (LA)

    « Spinae Lamberti, in Aemilia, sancti Hadriani Papae Tertii, studio conciliandi Romanae Ecclesias Orientales insignis, ac miraculis clari; cujus corpus in monasterium Nonantulense fuit delatum, et in aede sancti Silvestri honorifice conditum. »

    (ITA)

    « A Spilamberto, in Emilia, [la memoria] di sant'Adriano III Papa, insigne nel cercare di riconciliare le Chiese Orientali con Roma, e famoso per i miracoli; il cui corpo fu trasportato al monastero di Nonantola, e riposto onorevolmente nella cappella di san Silvestro. »

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sant'Adriano III, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
  • Adriano III, vatican.va. URL consultato il 29 ottobre 2015.
Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Marino I 17 maggio 884 - luglio 885 Papa Stefano V
Controllo di autorità VIAF: (EN73381896 · LCCN: (ENnb2007020659 · GND: (DE100945201 · BAV: ADV11687517 · CERL: cnp00166043