Papa Benedetto II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Papa Benedetto II
BenedictII.jpg
81º papa della Chiesa cattolica
Elezione26 giugno 684
Fine pontificato8 maggio 685
Predecessorepapa Leone II
Successorepapa Giovanni V
 
NascitaRoma, ?
Morte8 maggio 685
SepolturaAntica basilica di San Pietro in Vaticano
San Benedetto II

Papa

 
NascitaRoma, 635
MorteRoma, 8 maggio 685
Venerato daChiesa cattolica, Chiese ortodosse
Ricorrenza8 maggio

Benedetto II (Roma, 635Roma, 8 maggio 685) Appartenente alla nobile casa dei Savelli, è stato l'81º papa della chiesa cattolica, dal 26 giugno 684 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Poche e di scarso rilievo le notizie sul suo breve pontificato. Eletto nel 683, fu consacrato solo il 26 giugno 684, a causa del ritardo dell'approvazione da parte dell'imperatore Costantino IV il quale, rendendosi conto che la conferma dell'elezione pontificia si risolveva in un'inutile spesa e perdita di tempo, emanò un decreto che aboliva la conferma imperiale e la rendeva ottenibile dall'esarca di Ravenna, che già in altre occasioni era stato a ciò delegato. Ma ancora per una cinquantina d'anni l'approvazione continuò a giungere a Roma con mesi di ritardo.

I rapporti fra Benedetto e Costantino IV furono improntati a sentimenti di stima e di fratellanza, tanto che l'imperatore fece adottare i suoi due figli dal papa.

Benedetto morì a Roma l'8 maggio 685, e venne sepolto all'interno dell'Antica basilica di San Pietro in Vaticano.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Papa Benedetto II è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalle Chiese ortodosse, e la sua memoria liturgica cade l'8 maggio.

Il Martirologio romano così lo ricorda:

« 8 maggio - Sempre a Roma, san Benedetto II, papa, che fu amante della povertà, umile e mansueto e rifulse per la pazienza e per le elemosine. »

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, I Papi. Storia e segreti, Newton Compton, Roma, 1983

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN84482371 · ISNI (EN0000 0000 5614 0417 · GND (DE100937586 · CERL cnp00165592