Papa Lando

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papa Lando
Pope Lando.jpg
121º papa della Chiesa cattolica
Elezione luglio/novembre 913
Insediamento luglio/novembre 913
Fine pontificato febbraio/marzo 914
Predecessore papa Anastasio III
Successore papa Giovanni X
Nascita Sabina, ?
Morte Roma, 5 febbraio 914
Sepoltura Basilica di San Pietro in Vaticano

Lando, o Landone (Sabina, ... – Roma, 5 febbraio 914), fu il 121º papa della Chiesa cattolica dall'agosto 913 alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Successore di Anastasio III, figlio di Taino (Gaetano Moroni gli attribuisce nobili origini, a questo Trano di Foronovo[1]) e originario della Sabina[2][3], Lando (o Landone[2]) era un canonico regolare[1] quando fu eletto al soglio pontificio tra il mese di luglio e quello di novembre[2][4] dell'anno 913 e morì solo sei mesi e dieci giorni dopo, nel febbraio[5] o marzo[2][4] del 914, venendo sepolto in San Pietro[1]. Non si conosce quasi nulla del suo pontificato, tranne il fatto che fu totalmente succube del senatore romano Teofilatto I, di sua moglie Teodora I, e della loro famiglia, i Conti di Tuscolo[6]. È probabile infatti che il suo successore, Giovanni X, fosse stato trasferito dalla diocesi di Bologna a quella di Ravenna per volontà di Teodora, amante di tale Giovanni[1].

Il nome pontificale[modifica | modifica wikitesto]

Lando utilizzò un nome pontificale non posseduto già da qualche predecessore (che nel suo caso era il nome di nascita, e in questo caso bisognò aspettare l'olandese papa Adriano VI (1521-1523), al secolo Adrian Florenz, prima di trovare un altro pontefice che assunse il nome di battesimo). Dopo di lui nessun altro pontefice rifece questa scelta per oltre dieci secoli. Si dovette aspettare infatti Giovanni Paolo I (che comunque abbinò nomi già portati) nel 1978 e Francesco nel 2013.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Moroni, p. 101
  2. ^ a b c d Longo
  3. ^ Rendina
  4. ^ a b Landone, vatican.va. URL consultato il 3 novembre 2015.
  5. ^ Rendina
  6. ^ Moroni, p. 101
    « ...tutti comunque comunemente ne disapprovino i costumi e la libidinosa condotta. »

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Landone, vatican.va. URL consultato il 3 novembre 2015.

Predecessore Papa della Chiesa cattolica Successore Emblem of the Papacy SE.svg
Papa Anastasio III agosto 913 - marzo 914 Papa Giovanni X
Controllo di autorità VIAF: (EN10203492 · GND: (DE100951449 · CERL: cnp00166410