Sondalo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sondalo
comune
Sondalo – Stemma
Sondalo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Sondrio-Stemma.png Sondrio
Amministrazione
SindacoLuigi Giuseppe Grassi[1][2] (Lista civica: Obiettivi in comune) dall'8-6-2009 (2º mandato dal 26-5-2014)
Territorio
Coordinate46°20′N 10°20′E / 46.333333°N 10.333333°E46.333333; 10.333333 (Sondalo)Coordinate: 46°20′N 10°20′E / 46.333333°N 10.333333°E46.333333; 10.333333 (Sondalo)
Altitudine940 m s.l.m.
Superficie95,45 km²
Abitanti4 070[4] (30-9-2018)
Densità42,64 ab./km²
FrazioniMondadizza, Grailé, Le Prese, Frontale, Fumero, Migiondo, Sommacologna, Sontiolo[3]
Comuni confinantiGrosio, Valdisotto, Valfurva, Ponte di Legno (BS), Vezza d'Oglio (BS)
Altre informazioni
Cod. postale23035
Prefisso0342
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT014060
Cod. catastaleI828
TargaSO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantisondalini
PatronoSant'Agnese
Giorno festivo21 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sondalo
Sondalo
Sondalo – Mappa
Posizione del comune di Sondalo nella provincia di Sondrio
Sito istituzionale

Sondalo (Sondel in dialetto locale[5]) è un comune italiano di 4.070 abitanti[4] della provincia di Sondrio, in Lombardia. Il comune fa parte della Comunità montana Alta Valtellina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi documenti che parlano di Sondalo come centro abitato risalgono all’XI secolo e non vi sono certezze sul suo passato più remoto, anche se alcune leggende parlano insistentemente della presenza in zona di un grande lago. È interessante notare che in tali documenti il nome varia: Sondallo, Sondello, Sondalle, Somdale, Sumdalum.

Probabilmente il nome vuole indicare un terreno tenuto e lavorato dal padrone e dai suoi servi.

Sondalo è qualificato come “fundum”, vale a dire un podere che in antichità veniva assegnato come premio ai legionari romani che si erano particolarmente distinti in guerra, e anche come “castrum”, cioè come luogo fortificato e circondato da mura.

Un documento del 1093, ad esempio, parla di una porta “Trevixinia” che probabilmente dava accesso al piccolo centro abitato e che era chiamata così perché rivolta verso Tresivio che, allora, era il centro più importante della valle.

Dai documenti rinvenuti si evince comunque che anche l’abitato di Sondalo, come tutto il territorio Valtellinese, è passato da una dominazione all’altra nel corso degli ultimi secoli.

Dai Visconti Venosta, per giungere fino ai giorni nostri, nella zona si sono avvicendati al potere i Grigioni, la Repubblica Cisalpina, Napoleone, il Lombardo Veneto e l’Impero Austro Ungarico.

Chiesa di Sant'Agnese

Il suo territorio, situato in una zona ritenuta militarmente strategica, si trovò, proprio per questa sua particolare posizione geografica, ad avere anche diverse fortificazioni (castrum) che però furono soggette a parecchie devastazioni e saccheggi, per cui attualmente se ne conservano solo pallidi ricordi.[6]

Storia recente[modifica | modifica wikitesto]

La storia più recente di Sondalo è caratterizzata dalla costruzione di un’imponente struttura sanitaria che domina il paese dall’alto.

Negli anni trenta a Sondalo iniziano i lavori per la realizzazione di un Villaggio sanatoriale per la cura della tubercolosi. I lavori per la costruzione del grande complesso iniziano nel 1932. Si tratta, per i tempi, di un’opera ciclopica. Sono costruiti, a notevole distanza uno dall’altro, nove padiglioni di degenza, di cui otto “padiglioni tipo” tutti uguali, e uno chirurgico. Si tratta d’imponenti edifici di nove piani, dall’architettura solenne e monumentale dell’era fascista, collegati tra loro da un’ampia rete stradale pavimentata in porfido. Il tutto è immerso in una vasta area boscosa di trentaquattro ettari con abeti, larici, cedri deodara, tuie, ibisco, olmi, tigli. Attorno a questa struttura si è sviluppata nel corso degli anni l’economia del paese. La presenza del grosso complesso ospedaliero ha caratterizzato anche lo sviluppo turistico di Sondalo che ha saputo costruirsi una propria identità, basata soprattutto sul concetto di una vacanza all’insegna del relax e della salute. Per il turista sostare a Sondalo significa riposo, serenità, salute, con la possibilità di immergersi nella natura usufruendo di una vasta rete sentieristica.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Stranieri residenti[modifica | modifica wikitesto]

A Sondalo risiedono settantanove cittadini stranieri o apolidi, ventisette dei quali sono maschi e cinquantadue sono femmine. Sul totale di settantanove stranieri 65 provengono dall'Europa, 2 dall'Africa, 5 dall'America, 7 dall'Asia e 0 dall'Oceania.[8]

Ospedale Eugenio Morelli[modifica | modifica wikitesto]

L'ospedale Morelli, ex sanatorio, è un centro di rilevanza internazionale per la cura delle patologie polmonari ed è il più importante ospedale della Valtellina. Secondo l'analisi di Luisa Bonesio si tratta inoltre di uno straordinario esempio di realizzazione architettonica, paesaggistica e urbanistica. Nel 2015 è stato realizzato il Museo dei Sanatori di Sondalo nell'edificio dell'ex accettazione pazienti, restaurato filologicamente. Ospita una collezione di documenti fotografici relativi all'epica costruzione del Villaggio Sanatoriale Morelli (il più grande sanatorio europeo) e della realizzazione di un inedito paesaggio montano nelle forme del razionalismo architettonico (1932-1939), oggetti della cura e della ricerca sulla Tubercolosi, la ricostruzione di una veranda con gli oggetti dei ricoverati, oltre a vari apparecchi di fisiopatologia respiratoria e reperti provenienti anche dall'ex sanatorio Abetina che propongono una visita suggestiva e unica. Il Museo organizza visite guidate estive e su richiesta di gruppi agli ex sanatori del Villaggio Morelli e di Pineta di Sortenna, il primo sanatorio italiano (fondato da Ausonio Zubiani), realizzato in un pregevole Liberty (1903).

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1973 il celebre regista Vittorio De Sica ambientò a Sondalo il film "Una breve vacanza" con Florinda Bolkan, Renato Salvatori, Adriana Asti, Monica Guerritore, Daniel Quenaud, Josè Maria Prada, Christian De Sica. Con la sceneggiatura di Cesare Zavattini e Rodolfo Sonego.

Nel 1983 Carlo Lizzani, altro noto regista, vi girò le scene di Inverno di malato con Mico Cundari e Giovanni Guidelli, tratto da un soggetto di Alberto Moravia la cui storia è ambientata in un sanatorio.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2013 la società calcistica della città di Chiavari (Ge) Virtus Entella militante nel campionato di Lega Pro Prima Divisione viene ospitata dalla città per il ritiro estivo. Dalla stagione 2017/18 e per le successive tre stagioni invece sarà la Pro Patria di Busto Arsizio ad optare per Sondalo come sede in cui effettuare il proprio ritiro estivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Sondalo - La giunta, su www.comune.sondalo.so.it. URL consultato il 7 novembre 2016.
  2. ^ Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali - GRASSI LUIGI GIUSEPPE, su amministratori.interno.gov.it. URL consultato il 25 luglio 2018.
  3. ^ Statuto del Comune di Sondalo (SO) (PDF), su comuniecitta.it, 6 agosto 2007, p. 3. URL consultato il 25 luglio 2018.
  4. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2018.
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 631.
  6. ^ Storia – A.P.T. Sondalo, su sondaloturismo.it. URL consultato il 3 maggio 2019.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Comune di Sondalo (SO) Lombardia - Tutte le informazioni e tutti i dati utili., su italia.indettaglio.it. URL consultato il 3 maggio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Rossattini, Un villaggio straordinario. Villaggio Morelli, il più grande sanatorio d'Europa. Idea e ideali fra medicina, storia e natura, Bergamo, Litostampa Istituto Grafico, 2002
  • Luisa Bonesio e Davide Del Curto (a cura di), Il Villaggio Morelli. Identità paesaggistica e patrimonio monumentale (brossura), 1ª ed., Reggio Emilia, Diabasis, giugno 2011, p. 292, ISBN 978-88-8103-767-4.
  • Davide Del Curto (a cura di), Dal mal sottile alla tubercolosi resistente. Un secolo di sanatori in Valtellina, Bellano, Grafiche Rusconi, 2012, ISBN 978-88-906233-1-8
  • Davide Del Curto, Francesco Toso, Technical Systems and Networks for a Modern High Altitude Settlement: The Construction of the Sanatorium Village in Sondalo [1932-1946], in Robert Carvais, André Gulillerme, Valérie Nègre, Joël Sakarovitch (edited by), Nuts and Bolts of construction History, Picard 2012, vol III, pp. 676–683, ISBN 978-2-7084-0929-3
  • Luisa Bonesio, Davide Del Curto, Giacomo Menini (a cura di) Una questione di paesaggio. Il Villaggio Morelli e la Valtellina, Milano – Udine, Mimesis Edizioni, 2014, ISBN 978-88-575-2555-6
  • Valeria Curti (a cura di), Aprite il libricino? [2017]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN234809241
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia