Castione Andevenno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castione Andevenno
comune
Castione Andevenno – Stemma
Castione Andevenno – Bandiera
Castione Andevenno – Veduta
Castione Andevenno – Veduta
Panorama
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaFlag of Sondrio.svg Sondrio
Amministrazione
SindacoMassimiliano Franchetti (lista civica Cresci Castione) dall'8-6-2009 (3º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate46°10′N 9°48′E / 46.166667°N 9.8°E46.166667; 9.8 (Castione Andevenno)
Altitudine468 m s.l.m.
Superficie17,03 km²
Abitanti1 516[1] (31-5-2022)
Densità89,02 ab./km²
FrazioniAndevenno, Artigianale-Commerciale, Balzarro, Barboni, Boscaccia, Cà Bianca, Gatti, Grigioni, Guasto, Mangialdo, Margella, Moroni, Piatta, Pozzo, Rosette, Vendolo.
Comuni confinantiAlbosaggia, Caiolo, Postalesio, Sondrio, Torre di Santa Maria
Altre informazioni
Cod. postale23012
Prefisso0342
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT014015
Cod. catastaleC325
TargaSO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 734 GG[3]
Nome abitanticastionesi (Castiunàtt in dialetto locale)
PatronoSan Martino (11/11)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castione Andevenno
Castione Andevenno
Castione Andevenno – Mappa
Castione Andevenno – Mappa
Posizione del comune di Castione Andevenno nella provincia di Sondrio
Sito istituzionale

Castione Andevenno (Castiùn in dialetto valtellinese[4]) è un comune italiano di 1 516 abitanti della provincia di Sondrio in Lombardia, situato a ovest del capoluogo.

Piccolo paese alle porte di Sondrio situato in una conca immersa nei vigneti. Si estende dal fondovalle, dove lambisce le rive dell'Adda, fino allo spartiacque con la Val Torreggio, in comune di Torre di Santa Maria. La quota massima del territorio corrisponde alla cima del Monte Rolla, 2272 m s.l.m.

La popolazione era storicamente occupata in agricoltura e allevamento del bovino da latte. L'allevamento del bestiame (bruno alpina) costringeva la popolazione a una stagionale transumanza per garantire il pascolo. L'inverno trascorreva in paese, la primavera e l'autunno alla media quota di maggengo e l'estate in montagna.

Fino agli anni sessanta la popolazione occupava la zona compresa tra la quota del vigneto e il bosco ceduo. La fascia popolata è compresa tra il fondovalle e la quota del vigneto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese si sviluppò inizialmente sulla riva destra del torrente Bocco, a partire dalla contrada di Andevenno, già citata nel Codice diplomatico longobardo (992 d.C.) e in alcuni atti notarili dell'XI secolo. Tra il 1118 e il 1127, anni della guerra fra Como e Milano, molta gente del Comasco si rifugiò in Valtellina; ad Andevenno di stanziarono la Famiglia Paravicini e la Famiglia de' Capitanei, già proprietaria di Sondrio, Ardenno e della Valmalenco.

I de' Capitanei fecero erigere e fortificare su un'altura vicino ad Andevenno il "Castiglione", così chiamato perché di dimensioni inferiori rispetto al Castel Masegra, simbolo del potere di tale famiglia a Sondrio. È però certo che da quella fortificazione derivò il nome di Castione, che più tardi ne diverrà poi il centro principale. Conosciuto anche con il nome di "Castel Leone", oggi ne sopravvivono i resti presso la ex chiesa di San Rocco.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 13 giugno 2013.

«Stemma troncato: il primo di azzurro, al castello con una sola torre posta a destra, d'argento, murato di nero, merlato alla ghibellina, il fastigio di cinque, la torre di tre, chiuso a sinistra di nero, finestrato dello stesso, tre bifore poste centralmente e ordinate in fascia nel corpo del castello, tre finestre, poste due una, nella torre, esso castello fondato sulla linea di partizione e accompagnato nei cantoni del capo da due rocchi di scacchi, uno e uno, di rosso; il secondo, fasciato di quattro pezzi di rosso e di argento, le fasce d'argento caricate di tre rocchi di scacchi di rosso, la prima di due, la seconda di uno. Ornamenti esteriori da Comune»

(D.P.R. 13 giugno 2013[5])

Il gonfalone è un drappo di bianco con la bordatura di rosso.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2022 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, pp. 209-210.
  5. ^ Castione Andevenno (Sondrio) D.P.R. 13.06.2013 concessione di stemma e gonfalone, su Governo italiano, Ufficio Onorificenze e Araldica, 2013. URL consultato il 24 ottobre 2020.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28 dicembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN238149007
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia