Papa Luciani - Il sorriso di Dio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Papa Luciani
Il sorriso di Dio
Giovannipellicola.jpg
L'attore Neri Marcorè interpreta Giovanni Paolo I
PaeseItalia
Anno2006
Formatominiserie TV
Generebiografico, drammatico, storico, religioso
Puntate2
Durata100 minuti (a episodio)
Lingua originaleitaliano
Crediti
RegiaGiorgio Capitani
SoggettoFrancesco Scardamaglia, Massimo Cerofolini
SceneggiaturaFrancesco Scardamaglia
Massimo Cerofolini
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaClaudio Sabatini
MontaggioAntonio Siciliano
MusicheMarco Frisina
ScenografiaLuciano Ricceri
CostumiEnrica Biscossi
ProduttoreFrancesco Scardamaglia
Federico Scardamaglia
Produttore esecutivoAngela Zemella
Casa di produzioneCompagnia Leone Cinematografica
Rai Fiction
Prima visione
Dal23 ottobre 2006
Al24 ottobre 2006
Rete televisivaRai Uno

Papa Luciani - Il sorriso di Dio è una miniserie televisiva italiana che narra la vita di papa Giovanni Paolo I, al secolo Albino Luciani, trasmessa il 23 e il 24 ottobre 2006.[1][2]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

La miniserie è stata criticata per i ritratti non corrispondenti alla realtà di alcuni personaggi (in particolar modo dei cardinali del Concilio) e perché sposa, seppur non apertamente, la tesi del complotto, che secondo la miniserie sarebbe emersa già nei giorni successivi alla morte.

In particolare, il cardinale Tarcisio Bertone ha criticato pesantemente lo sceneggiato, giudicandolo parziale, non storicamente corretto e colpevole di aver descritto quasi malvagiamente alcuni personaggi come l'arcivescovo Paul Marcinkus o il Segretario di Stato Jean-Marie Villot.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rai International, su international.rai.it. URL consultato il 29 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2008).
  2. ^ papaluciani[collegamento interrotto]
  3. ^ Il Cardinale Tarcisio Bertone accusa di parzialità la fiction su Papa Giovanni Paolo I, su Zenit. URL consultato il 18 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]