Luco dei Marsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luco dei Marsi
comune
Luco dei Marsi – Stemma Luco dei Marsi – Bandiera
Luco dei Marsi – Veduta
Veduta del centro storico
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Amministrazione
SindacoMarivera De Rosa (Lista civica Luco Bene Comune) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate41°57′40.72″N 13°28′06.63″E / 41.961311°N 13.468508°E41.961311; 13.468508 (Luco dei Marsi)Coordinate: 41°57′40.72″N 13°28′06.63″E / 41.961311°N 13.468508°E41.961311; 13.468508 (Luco dei Marsi)
Altitudine680 m s.l.m.
Superficie44,87 km²
Abitanti6 033[1] (31-3-2018)
Densità134,46 ab./km²
FrazioniPetogna
Comuni confinantiAvezzano, Canistro, Capistrello, Celano, Civita d'Antino, Civitella Roveto, Trasacco
Altre informazioni
Cod. postale67056
Prefisso0863
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT066051
Cod. catastaleE723
TargaAQ
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantiluchesi
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivoterzo fine settimana di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Luco dei Marsi
Luco dei Marsi
Luco dei Marsi – Mappa
Posizione del comune di Luco dei Marsi all'interno della provincia dell'Aquila
Sito istituzionale

Luco dei Marsi (Luche in dialetto marsicano, pronuncia /luˈkə/[2]) è un comune italiano di 6 033 abitanti[1] della provincia dell'Aquila in Abruzzo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

«File parallele di case, intrecciate tra scalinate sassose,
cercano la luce sulla piana sconfinata del Fucino»

(Maria Assunta Oddi[3])

Luco dei Marsi è situata sul bordo sudoccidentale della piana del Fucino a ridosso del monte La Ciocca[4]. Ad ovest del suo territorio la catena montuosa del Longagna, con le cime dei monti Romanella, Bello, Orbetta e La Ciocca, separa l'area fucense da quella rovetana[5]. L'altitudine del gruppo montuoso varia dai 1 777 ai 1 380 m s.l.m.[6], mentre il dislivello nel territorio comunale varia dai 652 m s.l.m. della piana fucense ai 1 787 m s.l.m. del monte Alto[5].

Il comune di Luco confina a nord con Avezzano, a sud con Civita d'Antino ad est con Trasacco e ad ovest con i comuni di Canistro e Civitella Roveto.

Dista circa 112 chilometri da Roma[7], 62 dall'Aquila[7] e dieci da Avezzano[7].

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Sito archeologico di Lucus Angitiae

Il nome Luco derivebbe dal toponimo marso "luvko" e dal connesso termine latino "lucus" ("radura del bosco", "bosco sacro"). La stretta relazione con il sostantivo "lux" ("luce")[8] richiama inevitabilmente il bosco sacro dedicato alla locale divinità di Angizia, situato nei pressi della città-santuario di Lucus Angitiae[9]. Ciò spiegherebbe l'etnonimo della stirpe dei Marsi Anxantini Lucenses[10][11].

Il municipio romano era noto con il nome di "Anxa" derivato dal termine italico "A(n)ctia", ovvero "Angizia"[12].

Secondo alcuni storici durante il primo periodo altomedievale il territorio venne denominato "Penna". Pertanto la trasformazione del nome in Lucus sarebbe avvenuta in data più avanzata o tra l'VIII e il IX secolo oppure nell'anno 1137, quando a causa di un'alluvione del lago Fucino e al contempo dell'invasione di una grande quantità di serpenti, i cittadini furono costretti a rifugiarsi in luogo più sicuro[13].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Supposta statua della dea Angizia
Immagine ottocentesca di Luco e del lago Fucino
Veduta della piana del Fucino

La leggenda narra che in questo territorio sia stata fondata la città-santuario nei pressi del bosco sacro dedicato al culto di Angizia, divinità italica tra le più importanti del pantheon di Marsi, Peligni e di altri popoli osco-umbri capace di incantare i serpenti e di utilizzare le erbe a fini curativi[14][15].

L'area caratterizzata sul bordo fucense da contrafforti montuosi è risultata frequentata fin dall'Età del bronzo. Gli scavi archeologici avviati a cominciare dagli anni settanta hanno certamente riportato alla luce i resti di Lucus Angitiae, la città antica risalente al III secolo a.C. situata alle porte del paese contemporaneo[16]. In particolare la base del tempio italico e nel 2003 nella zona della Sagrestia tre statue in buono stato di conservazione. Quella che secondo alcuni studiosi potrebbe essere identificata con la figura della dea Angizia è in terracotta ed è databile al III secolo a.C.[17][18].

Durante la guerra sociale la città venne attaccata dalle legioni dell'esercito romano mentre al termine del conflitto venne elevata a municipium acquisendo il nome di Anxa. Essa svolse le funzioni municipali fino all'Alto Medioevo[19].

Tracce di centri fortificati si trovano in un'area rocciosa della località Petogna, nei pressi di Strada 45 del Fucino e sulla sommità del monte Penna che ospitò l'acropoli[20].

Nel territorio luchese e nell'area adiacente l'inghiottitoio di Petogna ("Os Pitoniae") vissero tecnici e schiavi impegnati nella costruzione dell'emissario artificiale e dei Cunicoli di Claudio. Con il completamento delle opere idrauliche l'imperatore Claudio nel 52 d.C. prosciugò per la prima volta il lago Fucino[21].

La caduta dell'impero romano e la conseguente assenza di opere di manutenzione unitamente agli effetti di un disastroso terremoto, avvenuto probabilmente nel 508 d.C.[22], causò il ritorno degli originari livelli lacustri[23].

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Nel VI secolo, mentre la città antica di Anxa veniva progressivamente abbandonata, il territorio di Luco passò come tutti i centri della provincia Valeria sotto il controllo nel ducato di Spoleto. Nell'VIII secolo in seguito alla donazione di Carlo Magno del ducato longobardo allo Stato Pontificio nel territorio fucense si registrarono concessioni e donazioni ai monasteri benedettini di Montecassino e Farfa[24].

Durante il X secolo si registra la prima attestazione del nucleo abitato edificato intorno alla chiesa di Santa Maria e al suo monastero che rappresentò una delle prepositure benedettine più grandi della Marsica fino al XIV secolo[25]. Periodo in cui Luco seguì pienamente le vicende che segnarono la storia della diocesi e della contea marsicana. La rocca medievale di Santa Maria di Luco edificata alle pendici del monte Penna venne anch'essa gradualmente abbandonata a cominciare dal XII secolo, periodo in cui intorno alla torre originariamente a base quadrata di località Casale, si sviluppò il nuovo nucleo urbano che raggiunse in breve tempo i terreni adiacenti alla sponda del Fucino. Il lago a causa di improvvise inondazioni danneggiò più volte l'abitato in particolare durante il XVII e il XVIII secolo[26].

Incluso tra i feudi di Francescantonio d'Avalos-d'Aquino passò alla fine del XV secolo sotto il controllo della famiglia Colonna detentrice del ducato di Tagliacozzo fino all'eversione feudale del XIX secolo[27].

Età contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1811 il comune di Luco incluse Trasacco fino all'istituzione del circondario che dal 1831 venne aggiunto al distretto di Avezzano. Nel 1863 il paese acquisì ufficialmente la denominazione di Luco dei Marsi[28].

Tra il 1855 e il 1876 Alessandro Torlonia fece prosciugare definitivamente il lago Fucino ampliando e ricalcando in buona parte l'opera dell'emissario e del sistema dei cunicoli di Claudio. Fu così che gran parte di allevatori e pescatori luchesi divennero in breve tempo agricoltori. Questi poterono iniziare a coltivare una superficie emersa di oltre 14.000 ettari[29].

In epoca contemporanea tra gli eventi che segnarono la storia del comune figurano il terremoto della Marsica del 1915 che causò a Luco oltre 200 vittime[30] e gravi danni al patrimonio architettonico del paese come il crollo della torre medievale[27] e l'influenza spagnola di circa tre anni dopo che decimò la popolazione[30].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Giovanni Battista
Chiesa di Santa Maria delle Grazie
Convento dei Frati Cappuccini

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Giovanni Battista
La chiesa parrocchiale edificata nella prima metà del Settecento presenta uno stile architettonico tardobarocco con una pianta a croce greca e tre navate interne. Una delle navate appartenne alla chiesa originaria di San Giovanni databile al Quattrocento. Una pala d'altre seicentesca raffigura i compatroni del borgo lacustre, sant'Andrea e san Bonifacio IV, mentre una tela coeva attribuita al pittore barocco Giuseppe Cesari raffigura l'Immacolata Concezione e san Francesco d'Assisi[31][32].
Chiesa di Santa Maria delle Grazie
Edificata sul sito di una chiesa cristiana risalente tra il VII e l'VIII secolo la chiesa di Santa Maria risulta citata per la prima volta in un carteggio ecclesiastico che la colloca intorno all'anno 950. Donata all'abbazia di Montecassino dalla contessa longobarda Doda, moglie del conte dei Marsi, Berardo I il Francisco, venne affiancata dal monastero recinto che fino al XIV secolo ha rappresentato una delle prepositure benedettine più influenti e ricche di pertinenze del territorio marsicano. Sulla sommità del monte che sovrasta la piccola chiesa venne edificata nel corso dell'XI secolo la rocca medievale di Luco. Forse in seguito ad un disastroso sisma venne ricostruita nel XII secolo in stile romanico con pianta rettangolare e interno diviso in tre navate da possenti pilastri in pietra. Fu ampiamente ristrutturata nei primi decenni del XX secolo[25][33].
Convento dei Frati Cappuccini
Eretto dai francescani tra il XVI ed il XVIII secolo. Lateralmente è collocata la piccola chiesa cinquecentesca di San Sebastiano in Aquitino edificata sul sito dell'originario edificio di culto risalente al X secolo che i conti dei Marsi donarono ai benedettini di Montecassino con il tentativo di tutelare i propri possedimenti dalle imminenti conquiste in terra abruzzese dei Normanni. L'edificio gravemente danneggiato dal terremoto del 1915 venne rimaneggiato nelle forme contemporanee[34].
  • Chiesa di Sant'Antonio Abate, piccolo edificio di culto a navata unica riedificato nel corso del Settecento[35].
  • Cappella settecentesca di San Vincenzo Ferreri.
  • Nuova chiesa della Madonna dell'Ospedale edificata nel 1972.
  • Cappella della Cunicella dedicata alla Santissima Trinità.
  • Ruderi della chiesa rupestre dedicata a san Leonardo situata in località Rupe di San Leonardo[36][37].

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Monumento ai caduti di tutte le guerre situato in piazza Umberto I.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lucus Angitiae.
Lucus Angitiae
Il sito archeologico è situato sul contrafforte montuoso che domina sul versante sudoccidentale l'ex alveo del Fucino. Dagli scavi che hanno avuto inizio negli anni settanta in località "Il Tesoro" sono tornati alla luce alcune aree della città-santuario nota in epoca romana come Anxa, nome derivato dal toponimo in lingua marsa A(n)ctia (ovvero Angizia). In particolare il tempio di epoca italica costituito di due celle e uno di età augustea, oltre a colonne doriche, sepolture e a numerosi reperti come sculture a bassorilievo, bronzetti e monete. Nel 2003 sono state rinvenute nell'area della Sagrestia tre statue: una in terracotta in posizione seduta sul trono e due in marmo, una panneggiata e col capo coperto e l'altra seminuda con panneggio[38].
  • Tracce degli ocres del monte Penna, la cui acropoli sovrastava la città-santuario di Lucus Angitae, e della località Petogna.
  • Ruderi della chiesa rupestre medievale e del piccolo santuario italico situati in località Rupe di San Leonardo[36][37].
  • Tracce dell'ocres e del santuario italico del dio Fucino su cui venne successivamente edificata la piccola chiesa di San Vincenzo in Penna presso l'inghiottitoio di Petogna, l'unico emissario naturale del lago prosciugato[20][39].

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Parco San Leonardo
Il parco, situato a sud di Luco, è stato istituito ufficialmente nel 1998 e si estende in un'area che include l'omonimo fontanile e l'area dove nel 1975 venne inaugurato il monumento ai caduti della seconda guerra mondiale[37]. È dotato di diversi punti fuoco, aree di sosta ed offre la possibilità di percorrere gli antichi sentieri che conducono sui monti Longagna e Romanella[40]. In questo territorio si trova a 1250 m s.l.m. la grotta d'Orlando, una piccola cavità inclusa nei sistema carsico denominato dei Centopozzi[41], mentre sul versante opposto sul monte La Ciocca è situata la grotta a doppia cavità detta "del Rimboschimento"[42][43].
  • Sentieri di Selva dei Frati, Cunicella, San Leonardo, Angitia, Casale Floridi, Centopozzi e Fonti di Longagna[42].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[44]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dialetti marsicani.
Lamina bronzea di Caso Cantovios in lingua marsa e latina rinvenuta nei pressi di Lucus Angitiae dopo il prosciugamento del Fucino.

I dialetti parlati nella Marsica possono essere suddivisi in due grandi gruppi. Nell'area fucense e nella parte meridionale della subregione si parlano i dialetti meridionali intermedi. Nell'area settentrionale della subregione, tra i territori di San Pelino, Tagliacozzo e Carsoli sono parlati i dialetti italiani mediani. Il dialetto di Luco dei Marsi è incluso nel primo gruppo: il dialetto meridionale intermedio. La vicinanza delle parlate arcaiche di Avezzano e Luco è stata causata dalle strette relazioni intercorse in passato tra i due comuni[45].

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

I cittadini stranieri residenti a Luco dei Marsi al 1º gennaio 2018 erano 873, pari al 14,4% della popolazione residente[46].

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Tra febbraio e marzo, durante il martedì grasso, si svolge il Carnevale Marsicano[47]. Nella domenica di Pentecoste, tra maggio e giugno, si rinnova il rito della "Panarda marsicana"[48][49].

Le feste in onore della Madonna delle Grazie e del santo patrono del comune di Luco dei Marsi, san Giovanni Battista si svolgono annualmente durante il terzo fine settimana di agosto[50][51].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale è collocata in uno stabile di via Alessandro Torlonia[52], quella della Società Operaia di Mutuo Soccorso è situata in via Duca degli Abruzzi[53].

Media[modifica | modifica wikitesto]

Ha sede a Luco dei Marsi la testata d'informazione locale Site.it[54].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

La strada provinciale 22 Circonfucense collega Luco dei Marsi con Trasacco e la Vallelonga e in direzione nord con Avezzano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Casa comunale di Luco dei Marsi

Sul sito del Ministero dell'Interno sono disponibili i dati di tutte le elezioni amministrative di Luco dei Marsi dal 1985 ad oggi[55].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2007 2012 Camillo Cherubini Lista civica Sindaco
2012 2017 Domenico Palma Lista civica Luco Futura Sindaco
2017 in carica Marivera De Rosa Lista civica Luco Bene Comune Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Luco dei Marsi è gemellata con:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Associazione Sportiva Dilettantistica Angizia Luco 1925.

L'Angizia Luco, società di calcio ufficialmente fondata nel 1925, militò nel torneo professionistico di Serie C2 dal 1985 al 1988. Nella stagione 1986-1987 il club vinse il campionato nazionale Dante Berretti di serie C riservato alle formazioni giovanili[57].

La squadra bianco azzurra milita nei tornei dilettantistici abruzzesi[58].

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

I principali impianti sportivi di Luco sono lo stadio comunale dotato di manto erboso, tribuna coperta e gradinata per il settore ospiti e lo stadio Jaguar con campo in erba naturale, situato nei pressi della strada provinciale 22 Circonfucense. Altri impianti sportivi pubblici permettono la pratica di vari sport come il calcetto, il gioco delle bocce e il pattinaggio[59].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat Bilancio demografico anno 2018 (dati provvisori) - Luco dei Marsi
  2. ^ Proia, 2006, p. 99.
  3. ^ Comitato feste del mondo agricolo luchese, 2004, p. 38.
  4. ^ Grossi, 1999, p. 13.
  5. ^ a b Grossi, 1999, pp. 13-14.
  6. ^ Gaetano Squilla, La valle Roveto nella geografia, Terre Marsicane, 18 ottobre 2011. URL consultato il 9 agosto 2018.
  7. ^ a b c Distanza fornita da Google Maps: Percorso più veloce
  8. ^ Luco in vocabolario, Treccani. URL consultato il 12 agosto 2018.
  9. ^ Grossi, 1999, p. 14.
  10. ^ Grossi, 1999, p. 29.
  11. ^ Pietro Maccallini, La dea Angizia, il suo bosco sacro e l'inghiottitoio della Petogna, Terre Marsicane, 2 ottobre 2015. URL consultato il 10 agosto 2018.
  12. ^ Grossi, 1999, p. 20.
  13. ^ Storia di Luco dei Marsi, Terre Marsicane. URL consultato il 10 agosto 2018.
  14. ^ Culto di Angizia, Romano Impero. URL consultato il 12 agosto 2018.
  15. ^ Giuseppe Grossi (a cura di), Miti e leggende, Terre Marsicane. URL consultato il 12 agosto 2018.
  16. ^ Campanelli, 2001, pp. 254-279.
  17. ^ Giuseppe La Spada, Il sacro della natura: il santuario di Lucus Angitiae, MiBACT. URL consultato il 12 agosto 2018.
  18. ^ Nino Motta, I tesori d'arte del Fucino in una mostra a Luco, Il Centro, 2 ottobre 2014. URL consultato il 12 agosto 2018.
  19. ^ Grossi, 2002, pp. 112-118.
  20. ^ a b Giuseppe Grossi, Dalla città-santuario marsa al municipio romano di Anxa-Angitia, Terre Marsicane. URL consultato il 12 agosto 2018.
  21. ^ Santellocco, 2004, pp. 81-85.
  22. ^ Campanelli, 2001, p. 15.
  23. ^ Santellocco, 2004, p. 86.
  24. ^ Grossi, 1999, p. 36.
  25. ^ a b Grossi, 1999, p. 35-41.
  26. ^ Grossi, 1999, p. 43.
  27. ^ a b Touring Club Italiano, 1979, p. 277.
  28. ^ Antonio Sciarretta, Geo-storia amministrativa d'Abruzzo. Provincia di Abruzzo Ulteriore II o dell'Aquila. Area Marsicana, Antonio Sciarretta's Toponymy. URL consultato il 13 agosto 2018.
  29. ^ Storia del consorzio, Consorzio di bonifica ovest bacino Liri - Garigliano. URL consultato il 12 agosto 2018.
  30. ^ a b Grossi, 1999, p. 76.
  31. ^ Grossi, 1999, pp. 92-93.
  32. ^ Chiesa di San Giovanni Battista - Luco dei Marsi, Le Chiese delle Diocesi Italiane. URL consultato il 13 agosto 2018.
  33. ^ Chiesa di Santa Maria delle Grazie - Luco dei Marsi, Le Chiese delle Diocesi Italiane. URL consultato il 13 agosto 2018.
  34. ^ Chiesa di San Sebastiano - Luco dei Marsi, Le Chiese delle Diocesi Italiane. URL consultato il 13 agosto 2018.
  35. ^ Chiesa di Sant'Antonio - Luco dei Marsi, Le Chiese delle Diocesi Italiane. URL consultato il 13 agosto 2018.
  36. ^ a b Campanelli, 2001, p. 301.
  37. ^ a b c Grossi, 1999, p. 105.
  38. ^ Lucus Angitiae, Regione Abruzzo. URL consultato il 19 agosto 2016.
  39. ^ Grossi, 1999, pp. 108-109.
  40. ^ Giuseppe Grossi, Parco San Leonardo, Terre Marsicane.
  41. ^ Lucus Angitiae Luco dei Marsi, Cai Avezzano. URL consultato il 2 marzo 2018.
  42. ^ a b Grossi, 1999, p. 115.
  43. ^ Grotte in sintesi, Terre Marsicane. URL consultato il 9 agosto 2018.
  44. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  45. ^ Proia, 2006, p. 17.
  46. ^ Cittadini stranieri a Luco dei Marsi, TuttItalia. URL consultato il 9 agosto 2018.
  47. ^ Luca Sabatini, Carnevale marsicano tra sfilate di carri e mascherine in mostra, Il Centro, 5 marzo 2011. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  48. ^ Gino Melchiorre, La Panarda, il rito del cibo e del fuoco per Sant'Antonio, Il Centro, 16 gennaio 2015. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  49. ^ Daniele De Marchi, Lettera inedita d’Annunzio a Quirino Federico Ercole, gabrieledannunzio.it, 4 agosto 2012. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  50. ^ Grossi, 1999, p. 101.
  51. ^ Luco, al via le feste patronali Domenica canta Arbore, Il Centro, 21 agosto 2015. URL consultato l'8 agosto 2018.
  52. ^ Biblioteca comunale, Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche - ICCU. URL consultato il 10 agosto 2018.
  53. ^ Biblioteca, SOMS Luco dei Marsi. URL consultato il 10 agosto 2018.
  54. ^ Site.it, Site.it. URL consultato il 10 agosto 2018.
  55. ^ Archivio storico delle elezioni, Ministero dell'Interno.
  56. ^ Gemellaggio tra Luco dei Marsi e Stains, CoraleLuco.it.
  57. ^ Braccili, 1993, p. 103.
  58. ^ Angizia Luco, lavori in corso per tornare protagonisti, Marsica News, 7 agosto 2018. URL consultato il 9 agosto 2018.
  59. ^ Grossi, 1999, p. 8.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Abruzzo, Molise. Touring Club Italiano, Milano, Touring, 1979, SBN IT\ICCU\SBL\0329454.
  • Dalla rete all'aratro, Luco dei Marsi, Comitato feste del mondo agricolo luchese, 2004, SBN IT\ICCU\RML\0180945.
  • Luigi Braccili, Piccola storia del calcio abruzzese, Cerchio, Adelmo Polla, 1993, SBN IT\ICCU\CFI\0282097.
  • Adele Campanelli et al., Il tesoro del lago: l'archeologia del Fucino e la Collezione Torlonia, Pescara, Carsa edizioni, 2001, SBN IT\ICCU\UMC\0099815.
  • Giuseppe Grossi, Luco dei Marsi: storia, ambiente, archeologia, Luco dei Marsi, Amministrazione comunale, 1999, SBN IT\ICCU\AQ1\0082295.
  • Giuseppe Grossi, Marsica: guida storico-archeologica, Luco dei Marsi, Aleph, 2002, SBN IT\ICCU\RMS\1890083.
  • Giovanni Proia, La parlata di Luco dei Marsi: struttura, vocabolario, a cura di Francesco Avolio, Avezzano, Grafiche Cellini, 2006, SBN IT\ICCU\AQ1\0080716.
  • Attilio Francesco Santellocco, Marsi: storia e leggenda, Luco dei Marsi, Touta Marsa, 2004, SBN IT\ICCU\AQ1\0071275.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito istituzionale, su comune.lucodeimarsi.aq.it, Comune di Luco dei Marsi. URL consultato il 10 agosto 2018.
Marsica Portale Marsica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marsica