Civitella Roveto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Civitella Roveto
comune
Civitella Roveto – Stemma Civitella Roveto – Bandiera
Foto panoramica di Civitella Roveto
Foto panoramica di Civitella Roveto
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Amministrazione
Sindaco Raffaelino Tolli (Forza Italia) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 41°55′01″N 13°25′40″E / 41.916944°N 13.427778°E41.916944; 13.427778 (Civitella Roveto)Coordinate: 41°55′01″N 13°25′40″E / 41.916944°N 13.427778°E41.916944; 13.427778 (Civitella Roveto)
Altitudine 528 m s.l.m.
Superficie 45,45 km²
Abitanti 3 291[1] (30-11-2014)
Densità 72,41 ab./km²
Frazioni Case di Spaccio, Meta, Peschiera, Polverelli, San Savino
Comuni confinanti Canistro, Civita d'Antino, Filettino (FR), Luco dei Marsi, Morino
Altre informazioni
Cod. postale 67054
Prefisso 0863
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 066036
Cod. catastale C783
Targa AQ
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti civitellesi
Patrono san Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Civitella Roveto
Civitella Roveto
Posizione del comune di Civitella Roveto all'interno della provincia dell'Aquila
Posizione del comune di Civitella Roveto all'interno della provincia dell'Aquila
Sito istituzionale

Civitella Roveto (Civëtèllë in abruzzese[2]) è un comune italiano di 3.291 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo. Fa parte della Comunità montana Valle Roveto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Centro agricolo e di soggiorno estivo della Val Roveto, situato lungo l'alta valle del Liri, alle pendici dei monti Cantari (Monte Viglio 2156 m). Il nucleo originario, sorto forse sul posto di un'antica città dei Marsi, si trova alla destra del fiume, mentre, sulla riva opposta si estende il abitato più moderno costruito dopo il terremoto del 1915.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La scalinata e il monumento ai caduti

Si sviluppò sull'area del villaggio marso di Fresilia, da alcuni storici localizzata però ad Opi. Il territorio fu abitato in epoca romana come da reperti rinvenuti (frammenti di mosaici e tombe). Il borgo è citato per la prima volta in un documento del 1061 come Civitella, prima di allora era noto con il nome di Petrarolo; nel secolo XVII assunse la denominazione di Civitella della Valle e un secolo dopo quella contemporanea. Per tutto il basso Medioevo fece parte della Contea di Albe e appartenne ai Colonna. Nel 1811 il circondario di Civitella Roveto ha fatto parte del Distretto di Avezzano, soppresso il quale, dal 1927 è stato istituito il mandamento di Civitella in seno al Circondario di Avezzano[3]. Il paese fu semidistrutto dal 1915 dal terremoto e subì devastazioni nel corso della seconda guerra mondiale.

Anche la Valle Roveto e la Marsica saranno toccate nel XX secolo dal fenomeno dell'emigrazione. Nel dicembre del 1907 avvenne il più grave incidente minerario degli Stati Uniti, il disastro di Monongah. Qui, numerosi minatori rovetani emigrati per lavorare in miniera, persero la vita a causa di una tra le più grandi sciagure dell'emigrazione italiana[4].

Un altro capitolo importante per Civitella Roveto è quello legato alla figura di Enrico Mattei, il fondatore dell'ENI (Ente Nazionale Idrocarburi), che ha trascorso l'infanzia e parte dell'adolescenza nel paese abruzzese. Mattei è rimasto sempre molto legato al borgo rovetano; dopo pochi anni dalla nascita dell'ENI, avvenuta nel 1953, oltre 150 civitellesi verranno assunti dal presidente. In pochi anni il paese poté cambiare volto e crescere economicamente[5]. Il 28 giugno 2003 è stato inaugurato un busto bronzeo di Enrico Mattei, l'opera porta la firma di Francesco Messina[6].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Giovanni Battista

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Giovanni Battista, citata già dall'XI secolo, sulla facciata è incisa la data del 1595, riferita alla ricostruzione. Ha subito modifiche e restauri nella metà del 1600 e del 1800. La chiesa presenta una robusta torre campanaria medievale. Pregevoli i quadri, gli affreschi e il portale in bronzo di Pasquale Di Fabio[7][8];
  • Chiesa di Santa Maria delle Grazie, costruzione moderna del XX secolo, costruita su una preesistente chiesa del 1600;
  • Chiesa di Santa Lucia, danneggiata gravemente dal terremoto della Marsica del 1915 fu demolita e in seguito ricostruita;
  • Chiesa della Santissima Trinità, nella frazione di Meta.

Meta[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa della Santissima Trinità vista dalla fontana di Meta

La frazione di Meta, posta a quota 1051 metri slm, è l'unico centro della Valle Roveto a raggiungere tale altitudine. Il borgo è dominato dai ruderi dell'antico centro fortificato di Meta che comprendeva il castello e le mura medievali risalenti all'XI secolo. Il borgo antico distrutto dal terremoto del 1915 fu ricostruito leggermente più in basso[9].

Il primo maggio 1944 i fratelli di Balsorano, Mario e Bruno Durante, due giovani partigiani, furono catturati a Meta dai nazisti e fatti sparire nel nulla. Si rifiutarono di rivelare l'esistenza di un loro fratello, Faustino, anch'esso partigiano e l'ospitalità della popolazione del borgo nei confronti dei prigionieri alleati evasi dai campi di concentramento della regione. Furono uccisi dopo un mese di torture a Tagliacozzo. La loro tomba e i loro corpi non furono mai trovati. Ad entrambi è stata concessa la medaglia d'oro al merito civile[10].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Monti ed oliveti della Valle Roveto
  • 17 gennaio, festa di Sant'Antonio Abate;
  • giugno, festa della Santissima Trinità a Meta;
  • 24 giugno, festa di San Giovanni Battista: all'alba c'è il ritrovo dei fedeli sulle rive del fiume Liri, che dopo la funzione religiosa s'immergono nelle acque del fiume;
  • 10 agosto, festa di San Lorenzo;
  • 15 agosto, festa dell'Assunta a Meta;
  • 16 agosto, festa di San Rocco;
  • tra agosto e settembre, Premio internazionale di scultura e pittura Valle Roveto[12];
  • ottobre, Lungo le antiche Rue, percorso eno-gastronomico che si svolge lungo i vicoli del centro storico di Civitella Roveto[13].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Il museo-pinacoteca Enrico Mattei situato nel centro storico di Civitella Roveto, in piazza San Giovanni, ospita su due piani opere di Barscigliè, Armocida, Cordio, Ercole, Muccini, Omiccioli, Poggiali, Ranocchi, Sabatini, Sarra, Solimena, Toccotelli, Trotti, Vangelli, Cervelli, Colonnello e i compianti Pasquale Di Fabio e Nino Gagliardi[14];
  • Il museo etnografico de' Colucci, situato in via Regina Margherita, raccoglie le arti e i mestieri tipici di Civitella Roveto[15].

Persone legate a Civitella Roveto[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Mattei, (Acqualagna, aprile 1906 – Bascapè, ottobre 1962), è stato un imprenditore, politico e dirigente pubblico. Fondatore nel 1953 e presidente dell'ENI, originario di Civitella per parte paterna e cittadino onorario per i numerosi contributi allo sviluppo del paese[16].
  • Pasquale Di Fabio, (Civitella Roveto, dicembre 1927 – Roma, aprile 1998), è stato un pittore, scultore e architetto italiano. Nella Marsica e in Abruzzo ci sono decine e decine di sue opere: dagli affreschi ed i mosaici realizzati nelle chiese, alle opere murarie e dai restauri di opere lignee, ai numerosi monumenti progettati e costruiti in vari comuni[17].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Estesi castagneti, vigneti, uliveti e coltivazioni di cereali. Produzione artigianale di manufatti in vimini[18].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Civitella Roveto.

Civitella Roveto è raggiunta dalla linea ferroviaria Avezzano-Roccasecca, inaugurata a tratte tra il 1884 e il 1902 e lunga 79 km. Collega la Marsica a Sora e Cassino. Il territorio comunale è servito dalla stazione di Civitella Roveto.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Municipio di Civitella Roveto

Sul sito del Ministero dell'Interno sono disponibili i dati di tutte le elezioni amministrative di Civitella Roveto dal 1985 ad oggi[19].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2006 2011 Sandro De Filippis lista civica Sindaco
2011 in carica Raffaelino Tolli lista civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Civitella Roveto è gemellata con[20][21]:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Civitella Roveto che ha militato nell'Eccellenza Abruzzo. La società è nata nel 1921. Nelle stagioni calcistiche 2012-2013 e 2013-2014 ha militato per la prima volta nel massimo campionato regionale di Eccellenza. Nel luglio del 2014 la società rinuncia a prendere parte al campionato di Promozione abruzzese ed a qualsiasi altro campionato calcistico, mentre è rimasto sempre attivo il settore giovanile. Nel 2015 la società ha ripreso le attività agonistiche a livello della prima squadra militando nei tornei dilettantistici abruzzesi[22].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2014.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 215.
  3. ^ Il Mandamento di Civitella Roveto, CivitellaRoveto.org.
  4. ^ Ricordare Monongah, Vivere la Marsica.
  5. ^ L'infanzia marsicana di Mattei, Il Centro.
  6. ^ Civitella Roveto, Borghi autentici d'Italia.
  7. ^ Chiesa di S. Giovanni Battista, CivitellaRoveto.org.
  8. ^ Chiesa di S. Giovanni Battista in Civitella Roveto, TerreMarsicane.
  9. ^ Meta di Civitella Roveto, TerreMarsicane (Don Gaetano Squilla).
  10. ^ I fratelli Mario e Bruno Durante, Comune di Balsorano.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Civitella Roveto: feste, fiere e sagre, TerreMarsicane.
  13. ^ Civitella Roveto: Lungo le antiche Rue, AnticheRue.it.
  14. ^ Museo-Pinacoteca "Enrico Mattei", CivitellaRoveto.org.
  15. ^ Museo Etnografico de' Colucci, CivitellaRoveto.org.
  16. ^ Civitella Roveto ricorda Enrico Mattei, cittadino onorario del borgo rovetano, AvezzanoInforma.
  17. ^ Pasquale Di Fabio, TerreMarsicane.
  18. ^ Civitella Roveto, InAbruzzo.
  19. ^ Archivio storico delle elezioni, Ministero dell'Interno.
  20. ^ Gemellaggio tra Civitella Roveto e Cessieu, Marsica Live.
  21. ^ Gemellaggi di Civitella Roveto, Borghi Autentici d'Italia.
  22. ^ A.S.D. Civitella Roveto, Figc Abruzzo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN246997711