Castellafiume

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castellafiume
comune
Castellafiume – Stemma Castellafiume – Bandiera
Castellafiume – Veduta
Panoramica di Castellafiume
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Amministrazione
SindacoGiuseppina Perozzi (Lista civica Futuro in Comune) dal 10-6-2018
Territorio
Coordinate41°59′24″N 13°20′07″E / 41.99°N 13.335278°E41.99; 13.335278 (Castellafiume)Coordinate: 41°59′24″N 13°20′07″E / 41.99°N 13.335278°E41.99; 13.335278 (Castellafiume)
Altitudine840 m s.l.m.
Superficie24,1 km²
Abitanti1 078[1] (31-3-2018)
Densità44,73 ab./km²
FrazioniPagliara dei Marsi
Comuni confinantiCapistrello, Cappadocia, Filettino (FR), Tagliacozzo
Altre informazioni
Cod. postale67050
Prefisso0863
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT066029
Cod. catastaleC126
TargaAQ
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitanticastellani, castellitti
Patronosan Nicola di Bari
Madonna del Rosario
Giorno festivomaggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castellafiume
Castellafiume
Castellafiume – Mappa
Posizione del comune di Castellafiume all'interno della provincia dell'Aquila
Sito istituzionale

Castellafiume è un comune italiano di 1 078[1] abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo. Fa parte del club dei Borghi autentici d'Italia[2].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è situato alle pendici del monte Aurunzo sul versante settentrionale della valle di Nerfa, nella Marsica. Il suo territorio è percorso dal fiume Liri e include anche la frazione di Pagliara dei Marsi abitata da poche decine di residenti, distante circa quattro chilometri dal capoluogo comunale. Sulle pendici del monte Girifalco si trovano i ruderi del castello di Pagliara.

Il comune di Castellafiume confina a sud con il territorio di Capistrello, a nord con quello di Cappadocia, ad est con il borgo di Corcumello e ad ovest con la località turistica di Camporotondo..

Dista circa 117 chilometri da Roma[3], 67 dall'Aquila[3] e 15 da Avezzano[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Nicola
Pagliara dei Marsi vista da Castellafiume

Il nome di Castellafiume deriva dal nome latino "Castrum fluminis", ovvero castello sul fiume Liri situato all'altezza della confluenza con il torrente Rio Sonno (o Riosondoli). In prossimità di una chiesetta dedicata a san Benedetto in località Pascusano (o Pesculano) venne edificato un castello. In alcuni antichi documenti ecclesiastici l'edificio di culto risulta essere stata donata nel 1062 da Gregorio (probabilmente un abate) ai monaci di Montecassino. Il possedimento di Pascusano da parte dei benedettini secondo altri documenti ecclesiastici sarebbe però relativa al territorio e ai casali sorti intorno al castello di Meta, nella valle Roveto. Tuttavia è certa la presenza benedettina nel territorio di Castellafiume[4]. Di certo attorno al castello sorto nelle adiacenze del fiume Liri si riunirono i pastori e gli abitanti della valle di Nerfa che edificarono il nucleo urbano.

Nel XII secolo Castellafiume diventò un centro abitato di un certo rilievo tanto che nel catalogo dei Baroni viene citato come feudo di ben quattro militi. Padroni del feudo, diviso in due parti, erano Oderisio da Verrecchie e Bonaventura di Tagliacozzo. Probabilmente nello stesso periodo doveva essere stata costruita la chiesa di San Nicola, mentre intorno al vicino castello di Girifalco sorse il nucleo urbano di Pagliara.

Intorno al 1278, circa dieci anni dopo aver sconfitto Corradino di Svevia nella famosa battaglia di Tagliacozzo, Carlo I d'Angiò donò la chiesa di Castellafiume alla badìa cistercense di Santa Maria della Vittoria a Scurcola Marsicana, il cui abate aveva poteri assai simili a quelli di un vescovo. Nel XIV secolo Castellafiume passò alla famiglia Orsini, rimanendo assoggettata al loro potere per oltre cento anni, dopo di che passò sotto il dominio della famiglia Colonna, come gran parte dei centri dell'area marsicana.

Dal 1806, anno dell'abolizione dei feudi, Castellafiume divenne frazione del comune di Cappadocia. Fu nel 1830 che il paese ottenne l'autonomia amministrativa aggregando anche la piccola frazione di Pagliara dei Marsi[5][6]. In epoca contemporanea il terremoto della Marsica del 1915 colpì gravemente il comune causando danni e diciotto vittime[7].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Nicola di Bari.
  • Chiesa di San Rocco.
  • Grotta situata in località Ponte, dedicata dal 2013 al culto della Madonna della Ravara[8].
  • Chiese del Santissimo Salvatore e della Madonna della Neve a Pagliara dei Marsi.
  • Cappella della Cona sul monte Girifalco.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Borgo Fonte Vecchia
La parte più antica del paese situata alle pendici del monte Aurunzo è costituita di edifici ottocenteschi[9].
Acquedotto dell'Arunzo
Canale sotterraneo ideato dal console Lucio Arrunzio e realizzato tra il 41 e il 54 d.C. nello stesso periodo della realizzazione dei cunicoli di Claudio alla base del monte Aurunzo tra Castellafiume e Corcumello[10][11].

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Ruderi del castello Orsini-Colonna[12].
  • Ruderi del castello di Girifalco a Pagliara.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Monumento all'Emigrante situato nell'omonima piazza[13].

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[14]


Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Durante il mese di maggio si svolgono annualmente le feste patronali in onore dei compatroni san Nicola di Bari e Madonna del Rosario[15].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito del Ministero dell'Interno sono disponibili i dati di tutte le elezioni amministrative di Castellafiume dal 1985 ad oggi[16].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
27 maggio 2003 14 aprile 2008 Quirino Ricci Centro sindaco
15 aprile 2008 26 maggio 2013 Aurelio Maurizi Lista civica Uniti X Castellafiume sindaco
27 maggio 2013 9 giugno 2018 Domenico Mariani Lista civica Insieme per il progresso sindaco
10 giugno 2018 in carica Giuseppina Perozzi Lista civica Futuro in Comune sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat Bilancio demografico anno 2018 (dati provvisori) - Castellafiume
  2. ^ Castellafiume (Abruzzo), Borghi Autentici d'Italia. URL consultato il 22 dicembre 2016.
  3. ^ a b c Distanza fornita da Google Maps: Percorso più veloce.
  4. ^ Chiesa di San Salvatore di Pagliara, Terre Marsicane. URL consultato il 25 settembre 2016.
  5. ^ Antonio Sciarretta, Geo-storia amministrativa d'Abruzzo. Provincia di Abruzzo Ulteriore II o dell'Aquila. Area Marsicana, Antonio Sciarretta's Toponymy. URL consultato il 3 agosto 2018.
  6. ^ Storia di Castellafiume, Comune di Castellafiume.
  7. ^ Inaugurato a Castellafiume un monumento in ricordo delle vittime del sisma del 1915, Marsica Live, 4 ottobre 2015. URL consultato il 3 agosto 2018.
  8. ^ Anniversario del luogo di culto in onore della Madonna della Ravara, Terre Marsicane, 9 maggio 2014. URL consultato il 3 agosto 2018.
  9. ^ Borgo fonte vecchia, You Can Go. URL consultato il 3 agosto 2018.
  10. ^ Francesco Proia, L'acquedotto dell'Arunzio: ecco come i romani fecero le prove generali del prosciugamento del Fucino, Marsica Live, 21 febbraio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  11. ^ Capistrello, Spartiacque.com. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  12. ^ Castellafiume, cenni storici e turistici, abruzzo24ore.tv. URL consultato il 22 settembre 2016.
  13. ^ Monumento all'Emigrante, You Can Go. URL consultato il 3 agosto 2018.
  14. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  15. ^ Comune di Castellafiume, Il Portale d'Abruzzo. URL consultato il 3 agosto 2018.
  16. ^ Archivio storico delle elezioni, Ministero dell'Interno.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marsica Portale Marsica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marsica