Vimine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costruzione di un cesto in vimini.

Il vimine è il ramo flessibile (getto) di alcune specie di salici, decorticato, usato per lavori d'intreccio.[1]

Prima di utilizzarlo, è necessario ammorbidirlo mettendolo in ammollo.[2]


Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Intrecciato, è impiegato come fibra tessile per la produzione di vari oggetti di uso rurale di scope, cesti di varie forme e misure. Tradizionalmente viene impiegato per la legatura dei tralci di vite. I contadini siciliani usavano una scopa di vimini durante la vendemmia per raccoglie gli acini d'uva sparsi nel palmento in fase di pigiatura.

Alcuni artigiani contemporanei creano con i vimini strumenti musicali simili alle maracas.

Oggi l'industria del design trae ispirazione dal vimine per ricreare in plastica oggetti d'arredo come sdraio, sedie, portafrutta ecc.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vimine, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Pieroni, p. 14.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marie Pieroni, La guida alla cesteria, Cornaredo, Il Castello, 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 2825
  Portale Materiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di materiali