Ovindoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ovindoli
comune
Ovindoli – Stemma
Ovindoli – Veduta
Panoramica di Ovindoli
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Amministrazione
SindacoAngelo Simone Angelosante (Lega) dal 5-6-2016
Territorio
Coordinate42°08′17″N 13°31′01″E / 42.138056°N 13.516944°E42.138056; 13.516944 (Ovindoli)Coordinate: 42°08′17″N 13°31′01″E / 42.138056°N 13.516944°E42.138056; 13.516944 (Ovindoli)
Altitudine1 375 m s.l.m.
Superficie61,38 km²
Abitanti1 193[1] (31-3-2018)
Densità19,44 ab./km²
FrazioniCasalmartino, San Potito, Santa Jona
Comuni confinantiAielli, Avezzano, Celano, Massa d'Albe, Pescina, Rocca di Mezzo, Secinaro
Altre informazioni
Cod. postale67046
Prefisso0863
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT066065
Cod. catastaleG200
TargaAQ
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Cl. climaticazona F, 3 756 GG[2]
Nome abitantiovindolesi
Patronosan Sebastiano
Giorno festivo20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ovindoli
Ovindoli
Ovindoli – Mappa
Posizione del comune di Ovindoli all'interno della provincia dell'Aquila
Sito istituzionale

Ovindoli (Dvinnërë in dialetto marsicano) è un comune italiano di 1 193 abitanti[1] della provincia dell'Aquila in Abruzzo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo, incluso nel territorio del parco naturale regionale Sirente-Velino, è situato a circa 1400 m s.l.m. sul settore meridionale dell'altopiano delle Rocche, lungo la catena del Velino-Sirente, a circa dieci chilometri da Celano e dalla sottostante piana del Fucino. Il territorio ovindolese è circondato dai monti Faito, Magnola e Sirente. La Valle d'Arano e i territori limitrofi del monte Tino con la Serra di Celano e delle Gole di Aielli-Celano sono indicati dal 2005 siti di interesse comunitario dell'Abruzzo.

Dista circa 27 chilometri da Avezzano[3], 37 dall'Aquila[3], 112 da Pescara[3] e circa 129 da Roma[3].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima della zona è quello tipico delle aree montane dell'appennino centrale. L'inverno è generalmente rigido con il manto nevoso che a volte permane da novembre ad aprile a seconda anche dell'esposizione dei luoghi rispetto alla radiazione solare. La chiusura montuosa ad ovest dell'altopiano e l'apertura verso est lo rende particolarmente soggetto alle irruzioni di masse d'aria fredda da dai Balcani e dalla Russia, sia pure con nevicate scarse per la schermatura del Gran Sasso ad est. La neve compare più facilmente e in maniera più abbondante con perturbazioni da ovest. L'autunno è la stagione più piovosa seguita dalla primavera, l'estate è la stagione secca con l'altitudine che mitiga le ondate di calore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Belvedere di Ovindoli sulla piana del Fucino

Molto probabilmente il primo nucleo abitativo si sviluppò in epoca romana intorno alla torre e alla fortificazione di epoca italica, costruito a difesa del passaggio verso l'area vestina e l'altopiano delle Rocche. Il suo antico castello-recinto risalente tra il XII e XIV secolo, insieme a quello di Rovere ebbe una funzione di controllo e di difesa grazie alla sua dominante posizione geografica[4][5].

Di certo il borgo venne distrutto durante la guerra sociale tra popoli italici ed esercito dell'impero romano. Sull'origine del nome alcuni studiosi favoriscono l'ipotesi che derivi da "Obinolum", con derivazione da "Ovis" per via dell'attività pastorale che qui si è sempre svolta, sin dall'antichità. Altri storici collegano il nome con "Ovatio", inteso come trionfo dei Marsi ed ovazione per coloro che vennero ritenuti capaci e meritevoli. Lo studioso Walter Cianciusi lo fa derivare da "Pascua ob hinnulos", ovvero "pascoli per muleni"[6][7].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Casale delle Rocche
Struttura riedificata nel corso degli anni Ottanta situata in un'area montana impervia ed isolata. Il casale originario venne fatto edificare dai Torlonia nel 1939 e fu utilizzato come avamposto dai tedeschi nel corso della seconda guerra mondiale, acquisendo il nome di "Nido d'Aquila". Nel 1967 venne acquisto dall'Opus Dei che lo amministrò per diversi anni[10].

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Torre medievale di Santa Jona
La torre di Santa Jona
La torre circolare di Santa Jona fu costruita tra il XIII e il XIV secolo dai conti Berardi di Celano per rafforzare il sistema difensivo della Marsica. Era posta in allineamento con le altre strutture simili di Aielli, Collarmele, Venere dei Marsi, Ortona dei Marsi e Sperone situate sulle montagne che circondano il Fucino e con le strutture militari di San Potito, Ovindoli e Rovere verso l'altopiano delle Rocche. Intorno ad essa dal Basso medioevo si sviluppò il nucleo urbano di Santa Jona[11].
Ruderi del castello di San Potito
Resti del castello di San Potito
Nella frazione posta tra Celano ed Ovindoli sono presenti a strapiombo sulla roccia i resti del castello risalente all'XI secolo. Edificato con una fora a nido d'aquila sul colle Antonino è dominato dal Pizzo di Ovindoli (1181 m s.l.m.) In decadenza almeno dal periodo dell'eversione feudale venne gravemente danneggiato dal terremoto della Marsica del 1915[12].
Ruderi del castello di Ovindoli
I ruderi dell'antico castello di Ovindoli sono situati nella parte alta del paese. La struttura militare edificata dai conti dei Marsi svolgeva operazioni di difesa e controllo della via di passaggio tra la Marsica fucense e la conca aquilana.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Villa imperiale di San Potito
In località Piana dei Santi sono emersi i resti della villa di epoca imperiale attribuita a Lucio Vero[13]. Gli scavi, effettuati a partire dal 1983, hanno riportato alla luce i resti di quella che fu una grande villa, edificata nel I secolo d.C. e dotata di preziosi pavimenti a mosaico[14][15]. In località Pago e Colle Bernardo sono tornati alla luce altri reperti archeologici e i resti della domus[16].

Stazione sciistica Monte Magnola[modifica | modifica wikitesto]

Stazione sciistica di monte Magnola (snow park) (sullo sfondo la catena occidentale del Gran Sasso)

La stazione sciistica di "Ovindoli-Monte Magnola", situata a circa due chilometri sopra l'abitato del paese su una quota che varia dai 1450 m s.l.m. fino ai 2220 del monte Magnola, rende Ovindoli un punto di attrazione per gli sport invernali assieme alla vicina stazione invernale di Campo Felice[17]. Le due stazioni insieme a Campo Imperatore costituiscono il comprensorio sciistico Tre Nevi dotato di skipass unico stagionale. Un progetto prevede il collegamento dei tre impianti sciistici.

La stazione dispone di circa 30 chilometri di piste da sci, ampie e di varia difficoltà adatte alla pratica degli sport alpini invernali come sci, telemark e snowboard. Molte delle piste sono servite da impianti di risalita come le cabinovie e da avanzate tecnologie per l'innevamento artificiale.

A fondovalle a 1.500 m s.l.m. sono presenti piste attrezzate e con un basso grado di difficoltà.

In quota a 1.900 m s.l.m. si trovano lo Stadio del Fondo, un anello di circa 5 chilometri per la pratica dello sci di fondo, e l'Alienpark, uno snowpark attrezzato per la pratica di freestyle su neve-halfpipe, slopestyle, jibbing (surf da neve).

Alla base della stazione sciistica e in quota sono presenti diverse strutture ricettive. Sul versante meridionale del Monte Magnola si trova il Rifugio Telespazio.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[18]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 gennaio di ogni anno si celebra la festa patronale in onore di san Sebastiano, patrone del comune di Ovindoli[19].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Il borgo antico innevato

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 Max Tortora ha proposto nel varietà Suonare Stella una canzone intitolata A Ovindoli, una reinterpretazione in chiave ironica di The Lion Sleeps Tonight della band The Tokens.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Monumento all'Alpino

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Ovindoli è facilmente raggiungibile da diverse località:

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Celano-Ovindoli.
  • Ferrovia Roma-Pescara, tramite questa ferrovia è possibile raggiungere Ovindoli, servendosi della stazione omonima, situata in comune di Celano.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di San Sebastiano

Sul sito del Ministero dell'Interno sono disponibili i dati di tutte le elezioni amministrative di Ovindoli dal 1985 ad oggi[20].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2006 2011 Pino Angelosante Forza Italia Sindaco
2011 2016 Pino Angelosante Forza Italia Sindaco
2016 in carica Angelo Simone Angelosante Lista civica di centro-destra poi Noi con Salvini Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Piani di Pezza innevati nel comprensorio sciistico Tre Nevi

Sci e sport invernali[modifica | modifica wikitesto]

Ad Ovindoli ci sono tre scuole di sci: Monte Magnola, 2000 Ovindoli e Tre Nevi ed una di Snowboard, la Hobbit che operano nel comprensorio sciistico Monte Magnola e in parte del comprensorio sciistico denominato Tre Nevi. Lo Stadio del Fondo è, invece, dedicato alla pratica dello sci di fondo mentre lo snowpark AlienPark alle discipline sciistiche più elaborate e disparate. Lo sci alpinismo può essere praticato lungo i sentieri tracciati sui versanti del Velino e del Sirente.

Sul monte Magnola (2220 m s.l.m.) ci sono piste per la pratica dello sci alpino di ogni grado di difficoltà. Sull'altopiano delle Rocche si trovano le piste da sci di fondo, tra le più lunghe dell'Italia centrale[24].

Nel febbraio 2016 le piste da sci di Ovindoli e di Campo Felice hanno ospitato i campionati mondiali studenteschi di sci alpino e sci nordico organizzati dall'ISF[25].

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La formazione dell'Asd Ovindoli milita nei tornei dilettantistici abruzzesi disputando le gare casalinghe ad Ovindoli durante il periodo estivo e ad Avezzano in quello invernale[26][27].

Altri sport[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti nel territorio scuole di equitazione e diversi maneggi e centri ippici. Tra gli sport più praticati figurano l'alpinismo, il tiro con l'arco, il trekking, il free climbing e il parapendio[28].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Bilancio demografico anno 2018 (dati provvisori) - Ovindoli
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b c d Distanza fornita da Google Maps: Percorso più veloce.
  4. ^ Dipartimento di Architettura e Progetto, Sapienza - Università di Roma, Relazione tecnico-scientifica. Relazione storica (PDF), ricostruzioneareaomogeneaneve.it. URL consultato il 21 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  5. ^ Storia di Ovindoli, TerreMarsicane.
  6. ^ Cianciusi
  7. ^ Cenni storici, Comune di Ovindoli.
  8. ^ Cenni artistici, Comune di Ovindoli.
  9. ^ Edifici di culto, BeWeB.
  10. ^ Francesco Proia, Alla scoperta del casale delle rocche, l'affascinante e sconosciuta Villa Torlonia di Ovindoli, Marsica Live, 13 settembre 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  11. ^ Torre di Ovindoli - Santa Iona, Regione Abruzzo. URL consultato il 22 ottobre 2016.
  12. ^ Il castello medievale di San Potito, TerreMarsicane.
  13. ^ Giancarlo Sociali, Celano. Da Cele di Aielli e San Vittorino alla Domus Romana di San Potito di Ovindoli, dal Castrum Oretino al Castrum su Monte Tino, e poi finalmente arrivare al Colle San Flaviano, giancarlosociali.it, 3 febbraio 2018. URL consultato il 12 agosto 2018.
  14. ^ Villa imperiale a San Potito, Parco naturale regionale Sirente-Velino.
  15. ^ Villa imperiale di Lucio Vero, TerreMarsicane.
  16. ^ San Potito, Regione Abruzzo. URL consultato il 27 ottobre 2016.
  17. ^ Sciare in Abruzzo, Italia.it.
  18. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  19. ^ Ovindoli, Comuni Italiani. URL consultato il 27 agosto 2018.
  20. ^ Archivio storico delle elezioni, Ministero dell'Interno.
  21. ^ Siglato il patto d'amicizia tra i Comuni di Ovindoli e di Valmontone, Terre Marsicane, 26 settembre 2016. URL consultato il 26 settembre 2016.
  22. ^ Gemellata con Tarxien (Malta), Comune di Ovindoli. URL consultato il 26 settembre 2016.
  23. ^ Gemellaggio Ushuaia-Argentina, Comune di Ovindoli. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  24. ^ Monte Magnola impianti, Comune di Ovindoli.
  25. ^ Sci: mondiali studenteschi, Corrieredellosport.it.
  26. ^ Ovindoli A. S. D., FIGC Abruzzo.
  27. ^ Asd Ovindoli, Twitter.
  28. ^ Dove si vola, Parapendio.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Walter Cianciusi, Profilo di storia linguistica della Marsica, BPM, Avezzano, 1988.
  • Denes Gabler, Ferenc Redo, Ricerche archeologiche a San Potito di Ovindoli e le aree limitrofe nell'antichità e nell'alto medioevo, Rea Ricerche Etno Antropologiche, L'Aquila, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN237438468
Marsica Portale Marsica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marsica