Morino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Morino (disambigua).
Morino
comune
Morino – Stemma Morino – Bandiera
Foto panoramica di Morino
Foto panoramica di Morino
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Amministrazione
Sindaco Roberto D'Amico (lista civica Presente e futuro) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 41°51′55″N 13°27′28″E / 41.865278°N 13.457778°E41.865278; 13.457778 (Morino)Coordinate: 41°51′55″N 13°27′28″E / 41.865278°N 13.457778°E41.865278; 13.457778 (Morino)
Altitudine 443 m s.l.m.
Superficie 51,28 km²
Abitanti 1 476[1] (30-11-2014)
Densità 28,78 ab./km²
Frazioni Breccioso, Grancìa, Morino vecchio e Rendinara
Comuni confinanti Alatri (FR), Civita d'Antino, Civitella Roveto, Filettino (FR), Guarcino (FR), San Vincenzo Valle Roveto, Veroli (FR), Vico nel Lazio (FR)
Altre informazioni
Cod. postale 67050
Prefisso 0863
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 066057
Cod. catastale F732
Targa AQ
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona D, 2 081 GG[2]
Nome abitanti morinesi
Patrono Natività della Beata Vergine Maria
Giorno festivo 8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Morino
Morino
Posizione del comune di Morino all'interno della provincia dell'Aquila
Posizione del comune di Morino all'interno della provincia dell'Aquila
Sito istituzionale

Morino è un comune italiano di 1.476 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo. Fa anche parte della Comunità montana Valle Roveto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Morino è un comune posto al centro della Valle Roveto, in Abruzzo, è situato a 443 metri sul livello del mare. Dista circa 22 chilometri da Avezzano e 25 da Sora. Nel territorio comunale ci sono quattro frazioni: Breccioso, Grancìa, Morino vecchio e Rendinara.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Morino vecchio

In alcuni antichi documenti il paese è detto anche "Moreno", motivo per il quale si è associata la parola "morena" all'etimologia del nome attuale del paese rovetano. Morino fu donato nel 1089 da Ratterio di Antena al monastero di Montecassino. Il prezioso documento riporta la chiesa di San Pietro, situata nel territorio comunale. Tale chiesa viene citata più volte nei documenti medievali dei secoli XII e XIII. Nel Catalogo dei Baroni del 1173 Morino risulta essere uno dei feudi di Ruggero, conte di Alba Fucens[3]. Prima del 1915, il caratteristico borgo sorgeva su un colle in posizione elevata rispetto alla Valle Roveto.

Il terremoto del 1915 devastò quasi completamente il vecchio paese che fu abbandonato per essere ricostruito più a valle[4]. Oggi si osservano i ruderi delle case e le antiche stradine di Morino vecchio, dove si organizzano iniziative finalizzate a rivitalizzare l'antico borgo di epoca romana. Morino fa parte della rete dei "borghi autentici d'Italia"[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Eremo della Madonna del Caùto, chiesetta romita e antichissima posta a circa 1000 metri di altitudine slm sopra lo Schioppo della cascata che da origine al Romito affluente del fiume Liri. Si tratta di una chiesa rupestre. Alcuni documenti ne attestano l'esistenza fin dal XII secolo[6];
  • Chiesa di Santa Maria Nuova situata nel centro del paese;
  • Chiesa di Santa Maria della Stella nella frazione di Grancìa;
  • Chiesa di San Giovanni Battista a Rendinara.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Riserva naturale guidata Zompo lo Schioppo.
La cascata di "Zompo lo Schioppo"

La Riserva Naturale di Zompo Lo Schioppo è un'area protetta ricadente nel comune abruzzese di Morino, istituita con la Legge Regionale n°24 del 29/05/87. Il Comune di Morino con il contributo di Legambiente gestisce la Riserva fin dalla sua istituzione, nel 1987. La riserva prende il nome dalla cascata naturale (in italiano "salto dello sparo"), la più alta dell'appennino. L'acqua sgorga da una ripida parete calcarea per un salto di oltre 80 metri[7]. L'Ecomuseo della riserva naturale, molto suggestivo, è stato allestito in un edificio antico restaurato negli anni '90 e presenta scenografie e tecniche allestitive all'avanguardia. Si compone di due sezioni: il museo del territorio e il centro visita[8].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • ultima domenica di maggio: visita alla Madonna del Caùto;
  • estate: feste patronali di Grancìa e Rendinara;
  • ottobre: sagra della castagna roscetta.

Persone legate a Morino[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

La Superstrada Avezzano-Sora collega Morino a nord con Avezzano (21 Km), a sud con Sora (25 Km). Nel suo territorio è presente lo svincolo Civita d'Antino-Morino.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito del Ministero dell'Interno sono disponibili i dati di tutte le elezioni amministrative di Morino dal 1985 ad oggi[11].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 29 marzo 2010 Antonio Mattei lista civica sindaco
30 marzo 2010 6 maggio 2012 Giovanni D'Amico lista civica sindaco
7 maggio 2012 in carica Roberto D'Amico lista civica Presente e futuro sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Morino è gemellata con il XV municipio di Roma dove vivono molti cittadini originari del comune rovetano[12].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2014.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Storia di Morino, Terre Marsicane.
  4. ^ Del Gusto, pag.55
  5. ^ Morino, Borghi autentici d'Italia.
  6. ^ Eremo della Madonna del Caùto, Borghi autentici d'Italia.
  7. ^ La cascata di Zompo lo Schioppo, Schioppo.aq.
  8. ^ Ecomuseo della riserva natuale Zompo lo Schioppo, TerreMarsicane.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Monsignor Giovanni D'Ercole cittadino onorario di Morino, TerreMarsicane.
  11. ^ Archivio storico delle elezioni, Ministero dell'Interno.
  12. ^ Gemellaggio Morino-"Roma", TerreMarsicane.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Del Gusto, Marsica, viaggio nel tempo, Paolini Nobile editore, Avezzano, 1988.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo