Vico nel Lazio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vico nel Lazio
comune
Vico nel Lazio – Stemma
Vico nel Lazio – Veduta
Veduta di Vico nel Lazio
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Frosinone-Stemma.png Frosinone
Amministrazione
Sindaco Claudio Guerriero (Uniti per Vico) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate 41°47′N 13°21′E / 41.783333°N 13.35°E41.783333; 13.35 (Vico nel Lazio)Coordinate: 41°47′N 13°21′E / 41.783333°N 13.35°E41.783333; 13.35 (Vico nel Lazio)
Altitudine 721 m s.l.m.
Superficie 45,85 km²
Abitanti 2 234[1] (31-12-2015)
Densità 48,72 ab./km²
Frazioni Pitocco
Comuni confinanti Alatri, Collepardo, Guarcino, Morino (AQ)
Altre informazioni
Cod. postale 03010
Prefisso 0775
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 060087
Cod. catastale L843
Targa FR
Cl. sismica zona 2B (sismicità media)
Nome abitanti vichensi
Patrono san Giorgio
Giorno festivo 23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vico nel Lazio
Vico nel Lazio
Vico nel Lazio – Mappa
Posizione del comune di Vico nel Lazio nella provincia di Frosinone
Sito istituzionale

Vico nel Lazio è un comune italiano di 2 234 abitanti della provincia di Frosinone nel Lazio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Vico nel Lazio è situato su un colle calcareo a 721 m s.l.m. sulla catena montuosa dei Monti Ernici. Proprio nel territorio comunale di Vico nel Lazio, con i suoi 1.952 metri, si trova il monte Monna, una delle vette più alte degli Ernici.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: zona E, 2418 GR/G

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Vico del Lazio restano oscure: da vari documenti risalenti intorno all'anno 1000 emergono alcuni dati tali da far ritenere che il castello fosse già esistente.

Situato in una zona certamente strategica il suo aspetto e la posizione dominatrice sul territorio, dimostra il classico aspetto di castello medioevale dalle caratteristiche difensive con una particolarità

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Michele Arcangelo
Particolare della cinta muraria

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa romanica di Santa Maria risalente al XIII secolo e dedicata alla Madonna del Rosario con cripta
  • la collegiata di San Michele Arcangelo del 1200, restaurata nel 1800, che è anche la chiesa principale dal quale l'ultima domenica di luglio esce e viene portata per le vie del borgo la statua a mezzo busto del santo patrono Giorgio Martire, accompagnata dalle confraternite del paese.
  • Santuario Madonna del Campo esterno al paese del XV-XVI secolo con prezioso affresco della Trinità.
  • Chiesa del Carmine o della Trinità fuori le mura nei pressi di Porta Orticelli con dipinto madonna sull'altare
  • Chiesa di Sant'Antonio abate chiesa rurale isolata ad unica navata con affreschi sull'altare.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo del governatore, anticamente dimora dei Colonna (prima) e dei Tolomei (dopo) ed edificato nel XIII secolo. Il paese di Vico venne ceduto dai Colonna ai Tolomei nel '500, insieme ad altri paesi ernici.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Cinta muraria, intatta, che racchiude il borgo medioevale rimasto completamente immutato.La cinta muraria dell'XI secolo, interamente costruita in pietra locale, cinge l'intero paese ed è dotata di tre porte: Porta Orticelli, Porta Guarcino (nel quale è possibile ammirare antichi affreschi) e la Porta a Monte dov'è incastonata una pietra con scritto:"NERVA IMPERANTE", ciò fa pensare che vi fosse una cinta muraria preesistente di origine Romana del quale rimane solamente l'Arco di Sant'Andrea (verso Porta Guarcino).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività economiche più tradizionali, diffuse e rinomate vi sono quelle artigianali, come l'arte del legno, finalizzata al settore dell'arredamento ed alla produzione di mobili in stile.[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1872 Vico cambiò denominazione in Vico nel Lazio.

Nel 1927, a seguito del riordino delle circoscrizioni provinciali stabilito dal regio decreto n. 1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Frosinone, Vico nel Lazio passò dalla provincia di Roma a quella di Frosinone.

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 2, Roma, A.C.I., 1985, p. 20.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN153969577