Cunicoli di Claudio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cunicoli di Claudio
001 cunicoli di Claudio 1.jpg
Imbocchi del cunicolo maggiore
Civiltàromana
EpocaI secolo - VI secolo
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneAvezzano, Capistrello
Amministrazione
EnteSoprintendenza per i Beni Archeologici dell'Abruzzo
Sito webcultura.regione.abruzzo.it
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°59′18.7″N 13°26′00.2″E / 41.988528°N 13.433389°E41.988528; 13.433389

I Cunicoli di Claudio sono un'opera di epoca romana, costituita da un lungo canale sotterraneo, sei cunicoli e trentadue pozzi, che l'imperatore Claudio fece costruire tra il 41 e il 52 d.C.[1][2] per prosciugare una gran parte del lago Fucino con lo scopo di salvaguardare i paesi marsicani dalle inondazioni o dalle malsane secche e rendere i terreni emersi coltivabili. Dal versante di Avezzano le acque del bacino defluirono, attraverso l'emissario ipogeo del monte Salviano[3], nel fiume Liri dallo sbocco di Capistrello. Il canale sotterraneo rappresenta la più lunga galleria realizzata dai tempi antichi fino all'inaugurazione del traforo ferroviario del Frejus avvenuta nel 1871.

Con la caduta dell'Impero romano, in assenza di manutenzione, la galleria si ostruì facendo ritornare lo specchio d'acqua ai livelli originari. Diversi secoli dopo, a cominciare dal 1854, Alessandro Torlonia realizzò il nuovo canale lungo oltre 6 chilometri, ricalcando in buona parte il tunnel claudiano[3]. La nuova opera idraulica, dotata del monumentale Incile del Fucino, permise il totale prosciugamento del lago che avvenne ufficialmente nel 1878[4][5].

Nel 1902 i cunicoli di Claudio sono stati inclusi tra i monumenti nazionali italiani[6]. L'area, che rappresenta un sito d'interesse archeologico e speleologico, è tutelata da un parco inaugurato nel 1977[4][7].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cunicolo maggiore sul monte Salviano
Interno del cunicolo del Ferraro

Origine del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Prima dei lavori claudiani fu Gaio Giulio Cesare, sollecitato dagli abitanti del luogo, i Marsi, ad occuparsi del progetto di bonifica della piana del Fucino, in Abruzzo. Il fine iniziale fu quello di regolare l'instabile livello del lago che inondava molto spesso i paesi ripuari a causa delle frequenti ostruzioni dell'unico inghiottitoio naturale situato in località Petogna alle porte di Luco dei Marsi, mentre in estate soprattutto a causa del ritirarsi delle acque spesso le terre circostanti i centri abitati divenivano paludose causando gravi problemi di natura igienico-sanitaria per la popolazione[8]. Secondo Svetonio lo scopo principale si affiancava all'ambizioso proposito di tracciare una strada che collegasse il Tevere con il mare Adriatico attraverso gli Appennini[9]. Cesare non ebbe modo di approntare l'opera in quanto venne ucciso prima di mettere in atto il suo progetto[4].

Realizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Una prima ipotesi progettuale prevedeva lo scavo di un canale che avrebbe fatto defluire le acque del lago attraverso il piccolo colle Cesolino riversandole nel fiume Salto, in località piani Palentini. Questo progetto, facilmente realizzabile, fu presto scartato poiché l'ingente quantità d'acqua, confluendo prima nel fiume Velino, poi nel Nera ed infine nel Tevere, avrebbe rappresentato una minaccia di inondazioni per Roma. Un secondo ma più arduo progetto prevedeva invece di far confluire le acque lacustri nel fiume Liri attraverso una lunga galleria scavata nel monte Salviano[4].

Nel 41 d.C.[2] fu l'imperatore Claudio a riprendere l'ambizioso progetto e, grazie ad un corposo finanziamento pubblico, ad affidare i lavori ad un'azienda romana. L'opera considerata tra le più grandiose imprese idrauliche dell'antichità doveva regolamentare la portata del lago Fucino, temuto dalle popolazioni locali per via dell'impetuosità delle sue acque. Lungo le sue rive, circa trentamila uomini, tra schiavi ed operai, si affannarono intenti allo scavo manuale dell'inghiottitoio. Undici anni dopo, nel 52 d.C., l'opera trovò compimento[10]. Vennero costruiti prima i cunicoli inclinati, connessi tra loro per il tramite di numerose discenderie (o pozzi), che servirono come sfiatatoi e a favorire lo scavo principale. Terminato il tunnel le acque del Fucino confluirono nel Liri. Tuttavia molti furono gli imprevisti e le difficoltà in fase di costruzione dell'opera, tra cui diverse frane verificatesi nelle sezioni più vulnerabili e sabbiose del ventre della montagna e nell'area della diga, ovvero la chiusa realizzata tra le vasche romane per l'accumulo delle acque e l'imbocco dell'emissario presso l'incile fucense[11].

A lavori conclusi Claudio, prima dell'apertura delle chiuse, celebrò l'opera organizzando una naumachia, una battaglia navale sul lago, alla presenza della moglie Agrippina e del giovane Nerone[5][12]. In seguito con Traiano, tra il 98 e il 117 d.C., e con Adriano, tra il 117 e il 138 d.C., ci furono opere manutentive che, per via della conformazione della roccia scavata, si resero sin da subito necessarie con grande dispendio economico ed anche umano. Grazie a questa opera il bacino lacustre si restrinse di circa 6000 ettari allontanando il pericolo delle inondazioni. L'economia della Marsica e in particolare dei municipi di Alba Fucens, Lucus Angitiae e Marruvium divenne florida e le aree montane circostanti furono elette a luoghi di villeggiatura[13].

Decadimento[modifica | modifica wikitesto]

Con la caduta dell'impero romano e le invasioni barbariche che segnarono anche la storia della Marsica mancò inevitabilmente la manutenzione tanto che, molto probabilmente anche a causa di un grave terremoto avvenuto nel 508 d.C.[14], i canali si ostruirono irrimediabilmente con il conseguente ritorno dei livelli lacustri precedenti[15].

Nei secoli successivi Federico II di Svevia (XIII secolo) e Ferdinando I delle Due Sicilie (1790) tentarono di ripristinare lo scolo delle acque nell'emissario romano fallendo nell'intento per scarsità di fondi e per via della complessità dell'impresa[16].

Nuove opere idrauliche[modifica | modifica wikitesto]

Cunicolo del Ferraro e pozzo n. 23 in un disegno di Raffaele Fabretti del 1683
L'immissario
Schema dei cunicoli di Claudio (Atlante fatto realizzare da Alessandro Torlonia nel 1876)

Dal 1826, circa 18 secoli dopo il primo prosciugamento claudiano, furono portati avanti dal cavaliere Luigi Giura e dal commendatore Carlo Afan de Rivera nuovi tentativi per recuperare in parte la funzionalità dell'emissario[17].

Afan de Rivera ottenne l'incarico dal re Francesco I di approntare il nuovo progetto di restaurazione del tunnel claudiano. Fu però con l'intervento del banchiere romano Alessandro Torlonia che il 10 luglio 1854 venne ripreso il progetto con l'ausilio tecnico dell'ingegnere svizzero Franz Mayor de Montricher.
L'opera fu conclusa nel 1870 da due ingegneri, il direttore dei lavori lo svizzero Enrico Samuele Bermont e il vice direttore il francese Alessandro Brisse coadiuvato dall'agente Léon De Rotrou[18]. Nel 1873 iniziò il graduale scolo del lago Fucino, mentre le operazioni di bonifica del bacino furono portate a termine tra il 1875 e il 1876[19].

Fu così che in seguito a considerevoli sforzi economici e umani venne prosciugato del tutto il lago abruzzese, terzo d'Italia per estensione dopo il Garda e il Maggiore[20][21][22]. Furono impegnati per decenni maestranze e tecnici tra i più qualificati dell'epoca che ristrutturarono l'emissario originario ampliandone la sezione. Le acque del Fucino defluirono lentamente nel fiume Liri dallo sbocco della galleria sotto l'abitato di Capistrello[23]. Furono ampliati i vecchi cunicoli di servizio e aggiunti altri sfiatatoi e pozzi[18]. Lo scopo dei cunicoli scavati con andamento inclinato era quello di permettere la fuoriuscita di aria al passaggio delle acque, di consentire il movimento di operai e mezzi e di estrarre i materiali scavati[24].

Il primo ottobre del 1878 il lago fu dichiarato ufficialmente prosciugato[25]. Fu così che i pescatori del Fucino divennero ben presto agricoltori[19].

Il bacino, bonificato e dotato di diverse infrastrutture come il reticolo di canali e strade[26], divenne una pianura fertile di oltre 16.000 ettari coltivata a cereali, insalate e barbabietole da zucchero, quest'ultime lavorate localmente all'apertura dello zuccherificio di Avezzano[27][28][29].

Un secondo emissario venne fatto realizzare nella prima metà del XX secolo dai Torlonia con lo scopo di supplire alle funzioni della galleria principale in caso di lavori di manutenzione straordinaria. Questo diparte in direzione sud-sudovest dal punto d'intersezione dell'emissario con il collettore, all'altezza di una delle vasche di accumulo delle acque all'Incile del Fucino. Il canale sotterraneo sbocca a Canistro all'altezza di una delle centrali idroelettriche del Liri, anch'esse realizzate dai Torlonia con lo scopo di generare energia elettrica per il funzionamento della cartiera e dello zuccherificio avezzanese[30].

Prospettive[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 1977 col fine di tutelare e valorizzare l'opera è stato istituito il parco archeologico di Claudio, area inclusa tra gli imbocchi dei cunicoli e l'Incile del Fucino[7][31].

L'opera è stata inserita dal FAI fra iLuoghi del Cuore per l'anno 2016[32].

Nel 2017 per la valorizzazione del parco sono stati stanziati fondi dalla camera di commercio dell'Aquila, dal comune di Avezzano e dal Gruppo di azione locale[33][34].

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Sbocco dell'emissario a Capistrello
Il monumentale Incile del Fucino

L'emissario[modifica | modifica wikitesto]

La lunghezza totale dell'emissario sotterraneo è di oltre sei chilometri. Presenta una sezione variabile da 5 a 10 m² ed una portata media pari a 9,09 m3/s[2] con dislivello di 8,44 metri e una pendenza media pari a metri 1,50 per chilometro nel tratto compreso tra l'Incile del Fucino e lo sbocco di Capistrello[35][36]. L'imbocco della galleria ipogea si trova in località Borgo Incile a sud di Avezzano, all'altezza dell'intersezione con il canale collettore che raccoglie le acque scaricate in altri canali della piana dal Giovenco e dai piccoli immissari situati tutt'intorno nell'area montana. Il collettore percorre longitudinalmente la piana fino al "Bacinetto", un invaso voluto da Torlonia da utilizzare come riserva d'acqua e in caso di manutenzioni straordinarie. Si tratta di un'area depressa della piana la cui quota altimetrica risulta inferiore, localizzata tra la centrale idrovora di Borgo Ottomila (Celano) e i territori di Ortucchio, San Benedetto dei Marsi e Venere dei Marsi[12][37].

La sezione dell'emissario torloniano permette in alcuni punti di osservare quella originaria di epoca romana, sia nell'area dell'imbocco all'incile sia nello sbocco che è situato sul versante opposto della montagna, sotto l'abitato di Capistrello, in località Pisciacotta. In alcuni tratti infatti le strutture ipogee conservano le opere murarie di epoca romana realizzate in opus reticulatum. Per semplificare il lavoro di perforazione e di estrazione del materiale e per consentire l'aerazione degli ambienti furono scavati, anche manualmente, ben 32 pozzi verticali e 6 cunicoli inclinati. Di questi ultimi sono visibili gli imbocchi localizzati sul versante orientale del monte Salviano.

Incile del Fucino[modifica | modifica wikitesto]

La testata dell'emissario di Borgo Incile è dominata dalla grande statua dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria che sovrasta il ponte a tre archi delle paratoie. La monumentalizzazione del 1876 fu opera dell'architetto Carlo Nicola Carnevali[12]. L'incile è costituito da due vasche di accumulo delle acque, una di forma trapezoidale e l'altra esagonale e da tre saracinesche (o chiuse). La prima separa per il tramite di una gola la vasca maggiore esagonale dall'area dell'avambacino[38].

I cunicoli[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito i sei cunicoli di servizio inclinati:

  • Cunicolo Maggiore: situato nel versante orientale del monte Salviano, presenta tre grandi archi all'ingresso che dopo un breve tratto interno si uniscono. Più in fondo c'è la galleria obliqua (detta "bypass").
  • Cunicolo del Ferraro: realizzato nello stesso versante della montagna, permette di conoscere da vicino il sistema delle gallerie e dei numerosi pozzi. Un primo tratto è stato pavimentato e dotato d'illuminazione. Il "bypass" lo mette in comunicazione con il cunicolo Maggiore.
  • Cunicolo Imperiale: situato più in basso rispetto al precedente, ad esso collegato tramite il pozzo 23.
  • Cunicoli del Calderaro, della Macchina e della Lucerna: tutti scavati nel versante occidentale del monte Salviano[12][39][40].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Servidio, Radmilli, Letta, Messineo et al., 1977, p. 140.
  2. ^ a b c Campanelli, 2001, p. 9.
  3. ^ a b Storia del consorzio, Consorzio di bonifica ovest bacino Liri - Garigliano. URL consultato il 6 giugno 2017.
  4. ^ a b c d Abruzzo Molise, Guida d'Italia, Touring Club Italiano, 1997, ISBN 88-365-0017-X.
  5. ^ a b La storia dei Cunicoli di Claudio, Il Portale d'Abruzzo. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  6. ^ Elenco degli edifizi monumentali in Italia, su archive.org, Ministero della pubblica istruzione, 1902, p. 382. URL consultato il 19 maggio 2017.
  7. ^ a b Burri, 2002
  8. ^ Palmieri, 2006, p. 17.
  9. ^ Gianpaolo Urso (a cura di), L'ultimo Cesare: scritti, riforme, progetti, congiure: atti del convegno internazionale, Cividale del Friuli, 16-18 settembre 1999, Fondazione Niccolò Canussio, L'Erma di Bretschneider, 2000, ISBN 9788882651091.
  10. ^ Grossi, 2002, p. 65.
  11. ^ Campanelli, 2001, p. 26.
  12. ^ a b c d Luigi Tudico, Fucino, il prosciugamento del lago (PDF), Aercalor.altervista.org, 2009. URL consultato il 19 maggio 2017.
  13. ^ Grossi, 2002, p. 24.
  14. ^ Campanelli, 2001, pp. 15-16.
  15. ^ Santellocco, 2004, p. 88.
  16. ^ Grossi, 2002, pp. 24-25.
  17. ^ Grossi, 2002, p. 27.
  18. ^ a b Santellocco, 2004, pp. 91.
  19. ^ a b Palmieri, 2006, p. 20.
  20. ^ Afan de Rivera, 1836, p. 30.
  21. ^ Agenzia Regionale per i Servizi di Sviluppo Agricolo, Scheda tecnica del Fucino, ARSSA-Regione Abruzzo, Avezzano, 2000, p. 15.
  22. ^ Palmieri, 2006, p. 14.
  23. ^ Grossi, 2002, p. 67.
  24. ^ Palanza, 1990, p. 43.
  25. ^ Giuseppe Grossi, Il prosciugamento del Fucino, Comune di Avezzano. URL consultato il 19 maggio 2018.
  26. ^ Palmieri, 2006, p. 21.
  27. ^ Roberto Raschiatore, Si vende l'ex zuccherificio. Area divisa in venti lotti, Il Centro, 9 aprile 2015. URL consultato il 19 maggio 2017.
  28. ^ Nella conca d'oro una patata di grande qualità, Il Centro, 27 ottobre 2014. URL consultato il 19 maggio 2017.
  29. ^ Jetti, 2016
  30. ^ Francesco Proia, Alla scoperta del secondo e sconosciuto emissario Torlonia, Marsica Live, 21 aprile 2015. URL consultato il 4 maggio 2017.
  31. ^ Una nuova sinergia muove la Marsica intorno ai Cunicoli di Claudio, Marsica Live. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  32. ^ Emissario di Claudio/Torlonia, Fondo Ambiente Italiano. URL consultato il 21 dicembre 2017.
  33. ^ Cunicoli di Claudio, firmato il protocollo per la valorizzazione del parco archeologico, PatrimonioSos, 24 gennaio 2017. URL consultato il 13 giugno 2017.
  34. ^ Abruzzo, erogati i primi finanziamenti per valorizzare i Cunicoli di Claudio ad Avezzano, Il Giornale dell'Arte, 9 gennaio 2017. URL consultato il 13 giugno 2017.
  35. ^ Servidio, Radmilli, Letta, Messineo et al., 1977, p. 144.
  36. ^ Marino Santoriello, Il prosciugamento, Terre Marsicane. URL consultato il 23 maggio 2017.
  37. ^ Grossi, 2002, p. 66.
  38. ^ Cunicoli di Claudio, Regione Abruzzo. URL consultato il 19 maggio 2017.
  39. ^ Servidio, Radmilli, Letta, Messineo et al., 1977, p. 152.
  40. ^ Patrizia Colarossi, Cunicoli di Claudio: l'opera idraulica di età romana, MiBACT, 19 settembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Afan de Rivera, Progetto della restaurazione dello emissario di Claudio e dello scolo del Fucino, Napoli, Stamperia e cartiera del Fibreno, 1836, SBN IT\ICCU\SBL\0484194.
  • Ezio Burri, Il parco naturalistico archeologico dei cunicoli di Claudio (Avezzano, Italia centrale), Firenze, Associazione Nazionale dei Musei Scientifici (estratto da Museologia scientifica), 2002, SBN IT\ICCU\IEI\0325809.
  • Adele Campanelli et al., Il tesoro del lago: l'archeologia del Fucino e la Collezione Torlonia, Pescara, Carsa edizioni, 2001, SBN IT\ICCU\UMC\0099815.
  • Giuseppe Grossi, Marsica: guida storico-archeologica, Luco dei Marsi, Aleph, 2002, SBN IT\ICCU\RMS\1890083.
  • Guido Jetti, Avezzano e il prosciugamento del Fucino, Avezzano, Kirke (rist.), 2016, SBN IT\ICCU\RAV\2037877.
  • Ugo Maria Palanza, Avezzano: guida alla storia e alla città moderna, Avezzano, Amministrazione comunale, 1990, SBN IT\ICCU\AQ1\0060998.
  • Eliseo Palmieri, Avezzano, un secolo di immagini, Pescara, Paolo de Siena, 2006, SBN IT\ICCU\TER\0011256.
  • Attilio Francesco Santellocco, Marsi: storia e leggenda, Luco dei Marsi, Touta Marsa, 2004, SBN IT\ICCU\AQ1\0071275.
  • A.Servidio, A.M.Radmilli, C.Letta, G.Messineo, G.Mincione, L.Gatto, M.Vittorini, G.Astuti, Fucino cento anni: 1877-1977, L'Aquila, Roto-Litografia Abruzzo-Press, 1977, SBN IT\ICCU\IEI\0030150.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Cunicoli di Claudio, su regione.abruzzo.it, Regione Abruzzo. URL consultato il 15 gennaio 2019.