Differenze tra le versioni di "Tortelli"

Jump to navigation Jump to search
22 byte rimossi ,  1 anno fa
...
(...)
Etichette: Modifica da mobile Modifica da web per mobile Modifica visuale
[[File:Tortello amaro di Castelgoffredo.jpg|thumb|upright=0.7|[[Tortello amaro di Castel Goffredo]]]]
 
'''Tortelli''' è il nome utilizzato, prevalentemente in [[Emilia-Romagna]], [[Lombardia]] e [[Toscana]] per indicare un tipo di [[pasta ripiena]] di forma rettangolare o a forma di tortellino di 2 o 3 cm di lato simile ai [[ravioli]], e conditicondita con burro fuso, [[lardo]] e [[pomodoro]], [[ragù]]. Con lo stesso termine si indicano anche dei piccoli dolci fritti ripieni di marmellata o creme, ma solo nelle province in cui il termine tortellino non indica un tipo di pasta ripiena (cappelletto). Nelle altre province infatti tali dolci non sonosi prodottifanno o hanno un altro nome.
 
I piatti più tipici emilianicaratteristici sono tortelli di ricotta alle erbe conditi con [[burro]] e [[salvia]]; sono tipici anche i [[tortelli verdi]], di [[tortelli di zucca|zucca]] (mantovani, reggiani, piacentini o cremonesi), i [[tortelli di Parma]] con ricotta ed erbette ([[tortelli d'erbetta]]), di spinaci ([[tortelli alla piacentina]]), di [[Urtica dioica|ortiche]], di carciofi, di patate o di zucca e i [[Tortel dols]] dal ripieno agrodolce della bassa parmense.
 
In Toscana il tortello del Melo tipico del [[Provincia di Pistoia|pistoiese]], il [[tortello di patate]] (diffuso nei territori di Arezzo, Firenze e Prato), il [[tortello maremmano con spinaci]] che si distingue per il ripieno di [[ricotta]] e [[spinaci]] e le dimensioni più grandi rispetto agli altri tipi. Famosi anche i tortelli di patate alla mugellana, e infine quello dolce di [[Pitigliano]] di influenza ebraica.
 
I tortelli Apuaniapuani (o "tordelli", in dialetto), tipici delle aree di [[Massa e Carrara]], [[Lucchesia]], [[Versilia]] e [[Garfagnana]] invecehanno, hannoinvece, una forma semi-circolare e contengono un ripieno di carne ed erbette (primaprimo fra tutte, il timo, o "peporino"). Nati originariamente come piatto da cucinare esclusivamente il giovedì grasso, sono ormai entrati nella cucina popolare e non vengono preparati solamentenon solo nelle occasioni di festa.
 
Nella [[provincia di Lucca]] si fanno dei tortelli più grandi che hannodalla forma rotonda (due strati di pasta di circa 1 o 2 mm) con ripieno formato da carne (vitello e/o maiale, talvolta salsiccia), pane raffermo ammollato, bietola, uovo, pepe e noce moscata), conditi con ragù o sugo di pomodoro; durante la stagione della caccia è possibile trovare nei ristoranti una variante con cinghiale.
 
Nell'alta Romagna forlivese ci sono anche i [[tortelli sulla lastra]], ripieni di zucca e patate con poca salsiccia o a volte di erbe, simili ai [[Piadina romagnola#Cassone o crescione|crescioni]], ema di forma quadrata (ripieni di zucca e patate con poca salsiccia o a volte di erbe), a differenza dei crescioni veri e propri che sono a mezzaluna, come una [[piadina]] ripiegata e ripiena, cucinati in tutta la Romagna.
 
Similmente ai [[ravioli dolci|ravioli]], vi sono anche versioni di tortelli fritti e dolci, ripieni di marmellata, ricotta o cioccolata.
Utente anonimo

Menu di navigazione