Alejandro Darío Gómez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alejandro Gómez
Papu Gomez 02.jpg
Gómez con l'Atalanta nel 2017.
Nome Alejandro Darío Gómez
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 165[1] cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Atalanta
Carriera
Giovanili
2003-2006 Arsenal Sarandí
Squadre di club1
2005-2009 Arsenal Sarandí 77 (12)
2009-2010 San Lorenzo 47 (8)
2010-2013 Catania 106 (16)
2013-2014 Metalist 23 (3)
2014- Atalanta 101 (29)
Nazionale
2007 Argentina Argentina U-20 11 (2)
2017- Argentina Argentina 1 (1)
Palmarès
Transparent.png Mondiali di Calcio Under-20
Oro Canada 2007
Transparent.png Campionato sudamericano di Calcio Under-20
Argento Paraguay 2007
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 settembre 2017

Alejandro Darío Gómez, meglio conosciuto come Papu Gomez (Buenos Aires, 15 febbraio 1988), è un calciatore argentino, con passaporto italiano, attaccante dell'Atalanta, di cui è capitano, e della nazionale argentina.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato El Papu[2], può giocare come ala o come seconda punta ed è dotato di grande velocità in progressione e di grande tecnica. Possiede inoltre buona abilità nei dribbling (grazie anche al suo baricentro basso), oltre che un buon tiro dalla distanza. L'unico fondamentale in cui è carente è il colpo di testa[3], dal momento che è alto solo un metro e sessantacinque.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Arsenal de Sarandí e San Lorenzo[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera nel settore giovanile dell'Arsenal de Sarandí nel 2003, debuttando in prima squadra nel 2005 e diventando titolare nel Torneo di Apertura 2006, nel quale disputa 15 partite e segna 2 gol, aiutando l'Arsenal ad ottenere il quinto posto finale. Nell'annata successiva va a segno in altre due occasioni, la più importante delle quali è il 30 novembre 2007 nella partita di andata della finale di Copa Sudamericana contro l'América, gol che porta la sua squadra sul 3-2. All'inizio del 2009 il centrocampista, non ancora ventunenne, poteva vantare un totale di 77 presenze in campionato, con un bottino di 14 reti fra campionato e coppe.[4]

Nel gennaio del 2009 passa in comproprietà al San Lorenzo per una cifra pari a 2 milioni di dollari per la metà del cartellino[senza fonte]. Diventa poi un titolare della squadra e nell'unica stagione colleziona 47 presenze, segnando 8 gol.[5]

Catania[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 luglio 2010 il San Lorenzo comunica il tesseramento di Gomez da parte della squadra italiana del Catania, sulla base di 3 milioni di euro.[2] Sette giorni dopo la società etnea annuncia ufficialmente l'ingaggio del giocatore, che firma con i rosso-azzurri un contratto quinquennale prendendo il numero di maglia numero 17.[6] Debutta il 12 settembre 2010 nella partita vinta contro il Parma per 2-1 subentrando a Ricchiuti al 58'. Gioca per la prima volta da titolare nella partita vinta, in casa, contro il Cesena per 2-0. Il 17 ottobre 2010, durante Catania-Napoli, realizza al 69' il suo primo gol con la maglia etnea (la partita si chiuderà 1-1). Suo è anche il gol che, all'ultimo istante di gioco di Catania-Roma, regala la vittoria che permette ai siciliani di raggiungere la salvezza.

Il suo terzo campionato con la squadra etnea comincia con il gol del momentaneo 1-2 contro la Roma, nella partita conclusasi poi 2-2. Il 7 settembre 2012 prolunga il suo contratto con il Catania fino al 2016.

Metalist Kharkiv[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 agosto 2013 viene ceduto a titolo definitivo per 7 milioni di euro agli ucraini del Metalist Kharkiv, con i quali firma un contratto di 4 anni (con clausola rescissoria pari a 12 milioni di euro[7]) con un ingaggio di 2 milioni di euro a stagione. Tuttavia l'esperienza in terra ucraina non si rivela delle più felici, per via delle delicate condizioni politiche attraversate dal paese, che inducono il giocatore a chiedere di essere ceduto[8], nonostante una buona stagione in cui (con il numero 15 sulle spalle) scende in campo in 23 occasioni e realizza tre reti.

Atalanta[modifica | modifica wikitesto]

Gomez con la maglia dell'Atalanta nel 2015.

Il 1º settembre 2014 passa a titolo definitivo all'Atalanta[9], con cui firma un contratto triennale, per una cifra pari a 2,5 milioni di euro, tornando a giocare in Italia dopo l'esperienza al Catania. Fa il suo esordio in maglia neroazzurra il 21 settembre 2014 subentrando a Marco D'Alessandro in Atalanta-Fiorentina (0-1). Segna la sua prima rete con l'Atalanta il 26 aprile 2015, nella partita casalinga pareggiata per 2-2 contro l'Empoli. Il 18 settembre 2015 segna una rete direttamente su calcio d'angolo nella partita vinta 3-0 contro il Carpi. Salta la terzultima e la penultima giornata di campionato per una squalifica di tre giornate (poi ridotte a due dopo il ricorso) rimediata per aver colpito con una gomitata Përparim Hetemaj in Atalanta-Chievo il 24 aprile 2016.

Nell'annata seguente, la stagione 2016-2017, gioca 39 partite (37 in campionato e 2 in Coppa Italia) segnando 16 reti (tutte in campionato) ed aiutando l'Atalanta a giungere al quarto posto finale (con record di punti del club) e a raggiungere la qualificazione all'Europa League.[10]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato nelle selezioni Under-16, Under-17 e Under-20 dell'Argentina. Nel 2007 vince il Campionato mondiale di calcio Under-20 e in seguito si qualifica ai Giochi Olimpici di Pechino 2008.

Nonostante abbia ottenuto la cittadinanza italiana, la FIFA lo ha dichiarato non eleggibile per la Nazionale azzurra poiché all'epoca della sua partecipazione al Campionato mondiale di calcio Under-20 2007 con l'Argentina non possedeva ancora tale doppia cittadinanza[11].

Il 19 maggio 2017 viene convocato per la prima volta nella Nazionale maggiore argentina, in occasione delle amichevoli contro Brasile e Singapore.[12] Debutta il 13 giugno 2017 contro Singapore, partita in cui segna anche la sua prima rete in Nazionale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 24 settembre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Argentina Arsenal Sarandí PD 5 0 - - - - - - - - - 5 0
2006-2007 PD 22 2 - - - - - - - - - 22 2
2007-2008 PD 32 2 - - - CS+CL 2+7 1+0 - - - 41 3
2008 gen. 2009 PD 18 8 - - - CS 4 1 SBC+RS 1+2 0 25 9
Totale Arsenal Sarandí 77 12 - - 13 2 3 0 93 14
gen.-lug. 2009 Argentina San Lorenzo PD 16 1 - - - CL 5 1 - - - 21 2
2009-2010 PD 31 7 - - - CS 5 0 - - - 36 7
Totale San Lorenzo 47 8 - - 10 1 - - 57 9
2010-2011 Italia Catania A 36 4 CI 1 0 - - - - - - 37 4
2011-2012 A 34 4 CI 1 1 - - - - - - 35 5
2012-2013 A 36 8 CI 3 1 - - - - - - 39 9
Totale Catania 106 16 5 2 - - - - 111 18
2013-2014 Ucraina Metalist PL 23 3 CU 1 1 UCL 0 0 - - - 24 4
2014-2015 Italia Atalanta A 24 3 CI 1 0 - - - - - - 25 3
2015-2016 A 34 7 CI 2 0 - - - - - - 35 7
2016-2017 A 37 16 CI 2 0 - - - - - - 39 16
2017-2018 A 6 3 CI - - UEL 1 1 - - - 7 4
Totale Atalanta 101 29 5 0 1 1 - - 107 30
Totale carriera 355 68 11 3 24 4 3 0 393 75

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-6-2017 Singapore Singapore Singapore 0 – 6 Argentina Argentina Amichevole 1 Uscita al 70’ 70’
Totale Presenze 1 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Arsenal Sarandí: 2007
Arsenal Sarandí: 2008

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Canada 2007

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]