Scott Rudin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior film 2008

Scott Rudin (New York, 14 luglio 1958) è un produttore cinematografico e teatrale statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a New York, all'età di quindici anni inizia a lavorare come assistente per un produttore teatrale. Dopo gli studi al college inizia a lavorare addetto al casting ed in seguito e nel 1980 si trasferisce a Los Angeles. Inizia l'esperienza di produttore cinematografico, producendo i film Amare con rabbia e Fuga d'inverno, che danno vita ad una lunga carriera in cui ha prodotto un enorme quantità di pellicole di successo. Nel 2007 è produttore di due film premiati con l'Oscar, Non è un paese per vecchi e Il petroliere. Il primo ha vinto il premio come miglior film; alla consegna degli Oscar, Rudin assieme ai fratelli Coen è salito sul palco, ricevendo una statuetta.

Molto attivo in campo anche teatrale, Rudin ha vinto 15 Tony Award per le sue produzioni di musical e opere teatrali in scena a Broadway. Tra le sue produzioni più note e premiate si ricordano la produzione originale di Passion (1994), un acclamato revival di Fences con Denzel Washington e Viola Davis (2010), la prima di The Book of Mormon (2011) e un revival del musical Hello, Dolly! con Bette Midler (2017). Rudin è inoltre il primo e unico produttore ad aver ottenuto l'EGOT, la vittoria dei quattro maggiori premi dello show-business statunitense: l'Emmy, il Grammy, l'Oscar ed il Tony Award.[1]

Rudin risiede a New York con il compagno John Barlow, pubblicista teatrale e socio fondatore della Barlow/Hartman.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore esecutivo[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premio Oscar

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Melena Ryzik, Scott Rudin, Welcome to EGOT, su The Carpetbagger, 13 febbraio 2012. URL consultato il 14 aprile 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52623830 · ISNI (EN0000 0000 8077 3273 · LCCN (ENn85138287 · GND (DE1062227018