Michael Frayn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michael Frayn (Londra, 8 settembre 1933) è uno scrittore e drammaturgo britannico.

È noto in Italia per le commedie Miele selvatico e Rumori fuori scena, quest'ultima portata in scena nel nostro Paese per la prima volta nel 1983, dallo scomparso Attilio Corsini e dalla sua compagnia Attori e Tecnici

Ha iniziato la sua carriera come giornalista per il "Manchester Guardian" e poi per l'"Observer".
Autore televisivo per la BBC, saggista, romanziere, con Copenaghen è alla sua tredicesima opera teatrale.

Questo dramma, scritto nel 1998, ha assunto un notevole rilievo nella comunità letteraria ed ancor più scientifica, in quanto tratta in maniera vivacissima dei fatti realmente svoltisi intorno allo sviluppo, mancato, della bomba atomica nazista, durante gli anni della seconda guerra mondiale. In particolare il lavoro tratta dell'incontro avvenuto nel 1941 tra Niels Bohr, famoso fisico teorico danese, ma di origine ebraica, e il suo allievo più brillante e amato, Werner Karl Heisenberg, ai vertici del progetto tedesco di sviluppo nucleare. I fatti reali, e gli schieramenti storici degli uomini in gioco sono tuttora controversi, ma Frayn nel suo dramma fa emergere il fattore umano, a dispetto dei temi spesso infinitamente grandi che mette in gioco.

Il suo romanzo A testa bassa (Headlong) del 1999 fu tra i finalisti del Booker Prize.

Controllo di autorità VIAF: 51722896 LCCN: n50025482