Matthew Kneale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Matthew Kneale (Londra, 24 novembre 1960) è uno scrittore britannico, conosciuto in particolare per il suo romanzo Il passeggero inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio degli scrittori Nigel Kneale[1] e Judith Kerr[2], ha frequentato la Latymer Upper School di Londra[3], e in seguito ha studiato storia moderna al Magdalen College (Oxford)[4], prima di trascorrere un anno in Giappone, dove ha iniziato a scrivere.

Il romanzo Whore Banquets del 1987 è stato premiato con il Somerset Maugham Award[5] e il Betty Trask Award[6]. Il passeggero inglese (English Passengers) ha vinto il prestigioso Whitbread Book Award ed è stato finalista al Booker Prize. Vincitore del John Llewellyn Rhys Prize nel 1992 con Nero Tamigi[7], è stato anche finalista al premio australiano Miles Franklin Award nel 2000[8], onore per la prima volta dato a un autore non australiano.

Vive in Italia, a Roma, alla cui storia ha dedicato l'opera Storia di Roma in sette saccheggi[9].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Un ateo racconta la fede: storia di un'invenzione che ha cambiato il mondo (An Atheist's History of Belief), Bari, Dedalo, 2014 traduzione di Vito Carrassi ISBN 978-88-220-0577-9.
  • Storia di Roma in sette saccheggi (Rome: A History in Seven Sackings, 2017), Torino, Bollati Boringhieri, 2018 traduzione di Bianca Bertola ISBN 978-88-339-2976-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pagina dedicata a Nigel Kneale, su britannica.com. URL consultato il 17 aprile 2020.
  2. ^ (EN) Matthew Kneale, My mum Judith Kerr, me and The Tiger Who Came to Tea, su thetimes.co.uk, 22 dicembre 2019. URL consultato il 17 aprile 2020.
  3. ^ Un ateo racconta la fede: Storia di un'invenzione che ha cambiato il mondo, p. 5, p. 5.
  4. ^ Profilo dello scrittore, su illibraio.it. URL consultato il 17 aprile 2020.
  5. ^ (EN) Scheda dell'autore, su literature.britishcouncil.org. URL consultato il 16 aprile 2020.
  6. ^ (EN) Albo d'oro, su fantasticfiction.com. URL consultato il 16 aprile 2020.
  7. ^ (EN) Elenco dei vincitori, su goodreads.com. URL consultato il 21 aprile 2020.
  8. ^ Australian Fiction as Archival Salvage, p. 20, p. 20.
  9. ^ (EN) Aaron Retica, Rome Wasn’t Sacked in a Day, su nytimes.com, 3 agosto 2018. URL consultato il 17 aprile 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85315534 · ISNI (EN0000 0001 0921 4556 · LCCN (ENn89665304 · GND (DE122417062 · BNF (FRcb136082394 (data) · BNE (ESXX825701 (data) · NLA (EN35978172 · NDL (ENJA01108552 · WorldCat Identities (ENlccn-n89665304