Peter Morgan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peter Morgan

Peter Morgan (Londra, 10 aprile 1963) è uno sceneggiatore e drammaturgo britannico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Londra, figlio di rifugiati; il padre Arthur Morgenthau era un ebreo tedesco sfuggito ai nazisti, mentre la madre Inga, era una cattolica polacca sfuggita ai sovietici. Ha ottenuto una laurea in Belle Arti presso l'Università di Leeds. Vive a Vienna assieme alla moglie, Lila Schwarzenberg, e ai quattro figli, una femmina e tre maschi.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Per gran parte degli anni novanta, Morgan scrive sceneggiature per la televisione e ha i primi approcci con il cinema scrivendo la sceneggiatura della commedia Martha da legare. Conosce il successo con il film televisivo The Deal, diretto da Stephen Frears e incentrato sul rapporto tra Tony Blair e Gordon Brown.

Nel 2006, basandosi sul romanzo di Giles Foden, collabora con Jeremy Brock alla sceneggiatura de L'ultimo re di Scozia, aggiudicandosi un BAFTA al miglior adattamento. Sempre nel 2006 collabora nuovamente con Stephen Frears e scrive la sceneggiatura di The Queen - La regina, raccontando l'impatto che ebbe la morte di Lady Diana sulla famiglia reale britannica. Morgan è stato candidato all'Oscar per la migliore sceneggiatura originale.

Il suo primo dramma teatrale, Frost/Nixon, è stato rappresentato al Donmar Warehouse Theatre nel 2006, racconta la serie di interviste televisive, rilasciate nel 1977, tra l'ex Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon e il giornalista David Frost, che si conclusero con una tacita ammissione di colpa per quanto riguarda il coinvolgimento di Nixon nello scandalo Watergate. Nel 2008 Ron Howard adatta per il grande schermo il suo dramma teatrale, curando personalmente la sceneggiatura di Frost/Nixon - Il duello. Nixon viene interpretato da Frank Langella mentre Frost è interpretato da Michael Sheen.

Nel 2010 ha scritto la sceneggiatura di I due presidenti, incentrato sulla relazione speciale tra l'ex Primo Ministro inglese Tony Blair e l'ex Presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Il film, terza pellicola della "Trilogia Blair", avrebbe dovuto segnare il suo debutto alla regia, ma ha preferito passare il testimone a Richard Loncraine.[1]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Peter Morgan passa il testimone a Richard Loncraine, movieplayer.it. URL consultato il 06-08-2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22349537