James Gandolfini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
James Gandolfini nel 2010

James Joseph Gandolfini Jr. (Westwood, 18 settembre 1961Roma, 19 giugno 2013) è stato un attore e produttore televisivo statunitense di origine italiana, noto soprattutto per il ruolo del boss Tony Soprano nella serie televisiva I Soprano (1999-2007).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

James Gandolfini nacque a Westwood, nel New Jersey, il 18 settembre del 1961 da una modesta famiglia di origine italiana. Il padre, James Joseph Gandolfini Sr., era un immigrato italiano originario di Tiedoli, frazione di Borgo Val di Taro (in provincia di Parma)[1][2], giunto negli Stati Uniti da bambino, veterano della seconda guerra mondiale (fu decorato con la croce al valore Purple Heart)[3] ed impiegato dapprima come manovale e, in seguito, come bidello e custode presso la Paramus Catholic High School[4][1], mentre la madre, Santa Penna, era un'inserviente impiegata presso una mensa scolastica, nata negli Stati Uniti da genitori italiani originari di Napoli[4][5][6]. Cresce in un ambiente familiare profondamente radicato nella cultura italiana, con i genitori che spesso e volentieri parlavano indiscriminatamente italiano a casa, ricevendo un'educazione prettamente cattolica[1][7]. Ha, inoltre, due sorelle[8][9].

Diplomatosi presso il Park Ridge High School nel 1979, dove figurava quale membro della locale squadra di football liceale e dove, più volte, s'è cimentato amatorialmente negli spettacoli teatrali sponsorizzati dalla scuola[10], Gandolfini compì i propri studi universitari presso la Rutgers University, dove conseguì il B.A. in Comunicazioni nel 1983, mantenendosi al contempo come buttafuori per un pub del campus e come barista, ed in seguito gestore, di un club a Manhattan[11]. Risale proprio a questo periodo il suo avvicinamento alla recitazione quando, accompagnando l'amico Roger Bart ad un corso di recitazione incentrato sulla Meisner Technique a New York[12], decise d'intraprendere seriamente lo studio della disciplina, formandosi, sotto la tutela dell'insegnante Kathryn Gately, presso il The Gately Poole Conservatory[13].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver esordito, nel 1987, con un piccolissimo ruolo nel film indipendente Shock! Shock! Shock!, ed essere figurato in un minuscolo ruolo non accreditato in L'ultimo boy scout di Tony Scott nel 1991, prende poi parte, l'anno successivo, ad un film diretto da Sidney Lumet, Una estranea fra noi, in cui interpreta il ruolo secondario del mafioso italo-americano Tony Baldessari. La sua carriera cinematografica proseguirà prolifica, nel corso degli anni novanta, spesso ricoprendo ruoli di secondo piano, come in Una vita al massimo, scritto dalla coppia Quentin Tarantino-Roger Avary e diretto da Tony Scott, dove interpreta il violento Virgil, scagnozzo al soldo del personaggio interpretato da Christopher Walken, e per cui l'attore dichiarò d'essersi ispirato per la parte da un suo amico impiegato proprio come sicario al soldo della mafia[14], oppure ne Il tocco del male, nel ruolo dell'ottuso e brusco collega della coppia di poliziotti interpretati da Denzel Washington e John Goodman, e ancora nel sentimentale Basta guardare il cielo, dove è un padre pericoloso, e nell'adrenalinico Perdita Durango, diretto da Álex de la Iglesia, questa volta nel ruolo del detective che insegue Rosie Perez e Javier Bardem. Nel 1997 entra a far parte del cast del film televisivo La parola ai giurati, remake dell'omonimo film diretto da Sidney Lumet, per la regia di William Friedkin, e appare, in un ruolo non accreditato, nel film di Clint Eastwood Mezzanotte nel giardino del bene e del male.

Fra i film più famosi in cui ha preso parte in questo decennio vanno citati Get Shorty, diretto da Barry Sonnenfeld e con John Travolta, Gene Hackman, Delroy Lindo e Danny DeVito, in cui recita con un forte accento statunitense del Sud, Allarme rosso, diretto nuovamente da Tony Scott, e She's So Lovely - Così carina, per la regia di Nick Cassavetes. Dopo il grande successo riscosso dalla prima stagione de I Soprano, nel 1999, la sua carriera decolla definitivamente, e gli vengono assegnati ruoli sempre più di rilievo, come in The Mexican - Amore senza la sicura, diretto da Gore Verbinski, dove interpreta il dolce assassino omosessuale Winston Baldry, affiancando Julia Roberts e Brad Pitt, ne Il castello, dove è il subdolo colonnello Winter, antagonista di Robert Redford, e in L'uomo che non c'era, pluripremiato dramma firmato dai fratelli Joel ed Ethan Coen, dove ricopre il ruolo del sanguigno Big Dave Brewster, capo ed amante della moglie del protagonista Billy Bob Thornton. Successivamente interpreta il marito infedele di Susan Sarandon, protagonista di Romance & Cigarettes, diretto da John Turturro, e per la quarta volta affianca John Travolta nel film Lonely Hearts.

Negli ultimi anni della sua vita, Gandolfini ha continuato prolifico a cimentarsi nei ruoli più disparati: nel 2009 ricopre il ruolo del sindaco di New York nel thriller d'azione Pelham 123 - Ostaggi in metropolitana, remake del film Il colpo della metropolitana (Un ostaggio al minuto) (1974) di Joseph Sargent con Walter Matthau e Martin Balsam, in cui è nuovamente diretto da Tony Scott e divide nuovamente la scena con Denzel Washington e John Travolta, nel 2011 compare invece in un cameo nel film Molto forte, incredibilmente vicino e, nel 2012, interpreta il capo della CIA Leon Panetta in Zero Dark Thirty, diretto da Kathryn Bigelow, e Mickey in Cogan - Killing Them Softly, diretto da Andrew Dominik, presentato in concorso alla sessantacinquesima edizione del Festival di Cannes. Nel 2012 è fra i produttori del film per la televisione diretto da Philip Kaufman Hemingway & Gellhorn, che gli frutta l'ottava nomination agli Emmy, la seconda come produttore esecutivo. The Incredible Burt Wonderstone, di Don Scardino e la commedia Non dico altro di Nicole Holofcener sono usciti postumi. Il suo ultimo film fu Chi è senza colpa, diretto da Michael R. Roskam e uscito nel 2014, dopo la morte di Gandolfini.

Il boss del New Jersey[modifica | modifica wikitesto]

Scelto da David Chase per il ruolo del boss del New Jersey, Gandolfini ha dato vita a un personaggio "tra i più complessi della storia della televisione"[15] (il suo cachet crebbe fino a 1 milione di dollari a puntata per l'ultima stagione della serie); vincitore di 1 Golden Globe nel 2000 come migliore attore protagonista in una serie drammatica e candidato nella medesima categoria altre tre volte, 3 Emmy (per gli episodi The Happy Wanderer, nel 2000, per Amour Fou, nel 2001, per Whitecaps, nel 2003) su un totale di 6 candidature (le altre nel 1999 per Pilot, nel 2005 per Where's Jonny?, nel 2007 per The Second Coming), 3 SAG e svariati premi minori, Gandolfini ha legato per sempre la sua immagine a quella del corpulento, fragile e spietato capofamiglia.

Ha comunque dichiarato di aver sempre considerato il ruolo come di transizione[16] nella sua carriera. Rispetto al personaggio televisivo, Gandolfini ha inoltre dichiarato di essere caratterialmente molto diverso (più vicino a un "Woody Allen di 118 chili"[17]); è nota infatti la sua timidezza di fronte alle interviste e la sua modestia (è divenuto attore per "sbaglio"), caratteristiche totalmente diverse da quelle del boss mafioso che impersonava.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 19 giugno 2013 a 51 anni a Roma, dove si trovava in vacanza ed era in procinto di recarsi al Taormina Film Fest in Sicilia, per partecipare a un incontro con Gabriele Muccino. Il corpo fu trovato dal figlio tredicenne Michael nel bagno dell'albergo. L'autopsia confermò un attacco di cuore.

Alla notizia del decesso la rete HBO (produttrice de I Soprano) ha così commentato: "Un'incommensurabile tristezza. Era un uomo speciale, un grande talento, che con il suo straordinario senso dell'umorismo, il suo calore e il suo rispetto, ha toccato molte persone".[18] Tom Hardy e Noomi Rapace (i due erano nel cast di Chi è senza colpa insieme a Gandolfini) espressero anch'essi la loro tristezza, e Noomi Rapace (che è una fan della serie TV I Soprano di cui ha visto tutti gli episodi) rivelò di non essere riuscita a dire una parola a Gandolfini a causa del timore reverenziale che provò verso di lui;[19] Tom Hardy invece affermò di aver imparato molto da Gandolfini oltre ad averne elogiato le doti attoriali e umane.[20][21]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Grande amico di Rudolph Giuliani, da un primo matrimonio con Marcy Wudarski, terminato con il divorzio nel dicembre 2002, ha avuto un figlio, Michael Gandolfini (2000). Il 30 agosto 2008 si è risposato nella sua abitazione di Honolulu, nelle Hawaii, con la modella Deborah Lin.[22] La coppia ha avuto una figlia, Liliana Ruth Gandolfini, nata nell'ottobre 2012.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore esecutivo[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Golden Globe[modifica | modifica wikitesto]

Emmy Award[modifica | modifica wikitesto]

  • 2000 - Emmy Award come migliore attore protagonista per I Soprano
  • 2001 - Emmy Award come migliore attore protagonista per I Soprano
  • 2003 - Emmy Award come migliore attore protagonista per I Soprano
  • 1999 - Nomination Emmy come migliore attore protagonista per I Soprano
  • 2004 - Nomination Emmy come migliore attore protagonista per I Soprano
  • 2007 - Nomination Emmy come migliore attore protagonista per I Soprano
  • 2008 - Nomination Emmy al miglior documentario per Alive day memories: Home from Iraq
  • 2012 - Nomination Emmy alla miglior miniserie o film per la televisione per Hemingway & Gellhorn

Screen Actors Guild Award[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 - Nomination miglior cast in un film commedia per Get Shorty
  • 1999 - Vinto come miglior attore protagonista in una serie drammatica per I Soprano
  • 1999 - Vinto al miglior cast in una serie drammatica per I Soprano
  • 2001 - Nomination come miglior attore protagonista in una serie drammatica per I Soprano
  • 2002 - Vinto come miglior attore protagonista in una serie drammatica per I Soprano
  • 2004 - Nomination come miglior attore protagonista in una serie drammatica per I Soprano
  • 2006 - Nomination come miglior attore protagonista in una serie drammatica per I Soprano
  • 2007 - Vinto come miglior attore protagonista in una serie drammatica per I Soprano
  • 2007 - Vinto al miglior cast in una serie drammatica per I Soprano

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, James Gandolfini è stato doppiato da:

  • Stefano De Sando in Perdita Durango, I Soprano, Il castello, The Mexican - Amore senza sicura, L'uomo che non c'era, Natale in affitto, Romance & Cigarettes, Tutti gli uomini del re, Lonely Hearts, Pelham 123 - Ostaggi in metropolitana, Cinema Verite, Cogan - Killing Them Softly, Zero Dark Thirty, The Incredible Burt Wonderstone, Non dico altro, Chi è senza colpa
  • Paolo Buglioni in Una vita al massimo, Angie - Una donna tutta sola, Allarme rosso
  • Nino Prester in La parola ai giurati, 8mm - Delitto a luci rosse, Stories of Lost Souls
  • Oreste Rizzini in Terminal Velocity
  • Wladimiro Grana in Mister Wonderful
  • Maurizio Mattioli in Get Shorty
  • Angelo Nicotra in Il giurato
  • Massimo Corvo in Prove apparenti, A Civil Action
  • Diego Reggente in She's So Lovely - Così carina
  • Alessandro Rossi in Il tocco del male
  • Gianluca Tusco in Basta guardare il cielo
  • Claudio Moneta in Nicky Deuce

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c This Is James Gandolfini, He's Not Tony, The Actor Behind The Sopranos Mob Boss Is More Like "A 260-Pound Woody Allen", CBS News, 8 aprile 2007. URL consultato l'11 aprile 2010.
  2. ^ DAVE ITZKOFF, James Gandolfini Is Dead at 51; a Complex Mob Boss in 'The Sopranos', in The New York Times, 19 giugno 2013. URL consultato il 5 novembre 2014.
  3. ^ John Heilpern, Out to Lunch: Curtains for Gandolfini, in Vanity Fair, aprile 2009.
  4. ^ a b Filmato audio YouTube interview of James Gandolfini – Inside the Actors Studio, 2004, su YouTube, 15 maggio 2007. URL consultato l'11 aprile 2010.
  5. ^ Santa Gandolfini Obituary - Search Santa Gandolfini Recent Obituaries, Genealogybank.com. URL consultato il 5 novembre 2014.
  6. ^ Isabella Gasparutti, James Gandolfini – Biografia, in Eco del Cinema. URL consultato il 16 ottobre 2015.
  7. ^ James Gandolfini – Britannica Online Encyclopedia, in Encyclopædia Britannica. URL consultato l'11 aprile 2010.
  8. ^ James Gandolfini dies at 51; actor starred in 'The Sopranos', in Los Angeles Times. URL consultato il 25 agosto 2015.
  9. ^ Gandolfini 'displayed his usual sense of humor' when he signed will, in Daily News, New York, 19 settembre 2013. URL consultato il 25 agosto 2015.
  10. ^ Jeff Goldman, Yearbook photos of James Gandolfini acting, playing basketball at Park Ridge High School, in The Star-Ledger, 20 giugno 2013. URL consultato il 20 giugno 2013.
  11. ^ James Gandolfini, AskMen.com, June 2013. URL consultato il 20 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2008).
  12. ^ 25 (Not Quite) Random Facts About James Gandolfini, Broadway.com: Broadway Buzz, 9 aprile 2009. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  13. ^ R.I.P. James Gandolfini - June 19th 2013, su gatelypoole.com. URL consultato il 6 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  14. ^ Brown, Eric (June 19, 2013). "James Gandolfini: The Late Actor's Best Scenes In 'The Sopranos,' 'True Romance' And More". International Business Times. Retrieved May 7, 2015.
  15. ^ (EN) The Editors of Encyclopaedia Britannica, James Gandolfini | American actor, su Britannica.com, 29 marzo 2019. URL consultato il 10 maggio 2019.
  16. ^ James Gandolfini looks beyond Tony Soprano - today > entertainment - today > entertainment > tv - TODAY.com Consultato l'8 luglio 2007
  17. ^ This Is James Gandolfini, He's Not Tony - CBS News
  18. ^ Morto a Roma l'attore James Gandolfini, in Ansa, 20 giugno 2013. URL consultato il 20 giugno 2013.
  19. ^ (EN) 'The Drop' actors were in awe of late co-star James Gandolfini, in NY Daily News. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  20. ^ AskMen, James Gandolfini Taught Tom Hardy A Powerful Lesson On His Final Film, 11 settembre 2014. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  21. ^ (EN) Tom Hardy of 'The Drop' on James Gandolfini's Last Role, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 14 ottobre 2017.
  22. ^ James Gandolfini - The Latest Word Archiviato il 7 settembre 2008 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85707121 · ISNI (EN0000 0001 1773 1596 · SBN IT\ICCU\UBOV\696485 · LCCN (ENno98117890 · GND (DE136495699 · BNF (FRcb140667815 (data) · WorldCat Identities (ENno98-117890