Fiat 1500 (1935)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiat 1500 (1935)
Fiat 1500 E.JPG
L’ultima versione della 1500, la “E” (1949)
Descrizione generale
Costruttore Italia  Fiat
Tipo principale Berlina
Produzione dal 1935 al 1950
Sostituita da Fiat 1400
Esemplari prodotti circa 46 000
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4 495 mm
Larghezza 1 594 mm
Altezza 1 524 mm
Passo 2 800 mm
Massa 1 200 kg
Altro
Stile Mario Revelli di Beaumont
Auto simili Bianchi S9
Citroën Traction Avant
Lancia Aprilia
Note Dimensioni e peso della “1500 E”
Fiat 1500-1938.JPG
Fiat 1500 B del 1938

La 1500 è un'automobile prodotta dalla casa automobilistica Fiat dal 1935 al 1950.

Presentata il 5 settembre 1935 presso gli stabilimenti del Lingotto[1] e ripresentata in occasione del Salone dell'Automobile di Milano due mesi dopo[2], la "1500" introduceva nel mondo dell'automobile italiana un nuovo concetto, l'aerodinamica (fu la prima auto studiata in galleria del vento), sull'esempio dell'americana Chrysler Airflow dell'anno precedente. Per l'epoca una vera rivoluzione che la Fiat introdurrà anche sulle più piccole 500 "Topolino" e 1100 "Nuova Balilla". Altra novità è il suo motore, un sei cilindri in linea a valvole in testa di 1 493 c (alesaggio 65 mm, corsa 75 mm) e 45 CV (circa 33 kW). Di nuova concezione anche le sospensioni anteriori, a ruote indipendenti.

Della "1500" era disponibile, oltre alla versione berlina, anche l'autotelaio, da carrozzare a piacere. Fu acquisita dalla Regia Aeronautica con cabina rigida e tettuccio in tela[3]. Tra i modelli più interessanti su telaio 1500, una coupé aerodinamica carrozzata dalla milanese Touring.

Dopo quattro anni e circa 25 000 esemplari prodotti, alla fine del 1938 venne presentata la seconda serie della "1500", la B. Poche le modifiche rispetto alla prima serie, tra cui la più importante è il potenziamento dei freni.

La "1500 B" non dura poco più che un anno, poiché nel marzo 1940 viene presentata la 1500 C, con il frontale ridisegnato e ispirato a quello dell'ammiraglia di casa Fiat, la 2800.

La Seconda guerra mondiale interrompe la produzione della "1500 C", che riprende immediatamente dopo la guerra. Resterà in produzione fino al 1948, quando arriva la quarta serie della 1500, siglata con la lettera D. Numerose le innovazioni introdotte in questa serie, al cui progetto partecipò anche Dante Giacosa: motore potenziato a 47 CV (circa 34,6 kW), un nuovo sterzo e nuove sospensioni anteriori.

Nel 1949, in occasione della Fiera del Levante di Bari, viene presentata la 1500 E, che si differenzia dalla serie precedente per alcune modifiche estetiche, determinate soprattutto dalla scomparsa della ruota di scorta esterna, ora alloggiata in un apposito vano (avente anche funzioni di bagagliaio) accessibile dall'esterno e integrato nella parte posteriore della carrozzeria. Altre modifiche riguardano i paraurti (irrobustiti) e l'adozione del comando del cambio con leva al volante, secondo l'imperante moda "americana". La "1500 E" durerà pochi mesi: infatti nel 1950 sarà pronta la sua erede, la 1400, prima Fiat di nuova progettazione del dopoguerra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aldo Farinelli, La nuovissima 6 cilindri Fiat 1500, La Stampa 3 settembre 1935, pag. 6
  2. ^ Aldo Farinelli, L'ottavo Salone Italiano dell'automobile inaugurato ieri a Milano da S.E. Benni, La Stampa 10 novembre 1935, pag. 2
  3. ^ Guglielmo Evangelista, Targhe dell'Aeronautica Militare, pag. 4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili