Motore FireFly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Motore FireFly
Descrizione generale
CostruttoreFCA Italy-FCA US (2014-2020)
Stellantis (2021-)
Produzione2016
Tipoa pistoni con cilindri in linea
Numero di cilindri3 o 4
Alimentazioneiniezione elettronica multipoint
Schema impianto
Cilindrata999 cm³ a 1332 cm³
Alesaggio70 mm
Corsa86,5 mm
Materiale bloccolega d'alluminio
Materiale testatalega d'alluminio
Combustione
Unità di controlloMagneti Marelli
Raffreddamentoliquido
Uscita
Potenza72–180 CV (53–132 kW)
Coppia102–285 Nm
Prestazioni
UtilizzatoriFIAT, Jeep, Lancia
Ordine cronologico
Sostituto delMotore FIRE/Motori modulari FIAT Pratola Serra/Motore FIAT TwinAir
voci di motori presenti su Wikipedia

Il Motore FireFly (nome in codice GSE che sta per Gasoline Small Engine) è una famiglia di motori endotermici alimentati a benzina a 4 tempi alternativi a 3 e 4 cilindri in linea costruiti da FCA Italy e FCA US a partire dal 2016. Sono dei motori in linea verticali con monoblocco in alluminio, previsti per una disposizione trasversale anteriore.[1][2]

Profilo e contesto[modifica | modifica wikitesto]

Questa gamma di motori è stata progettata e creata dalla casa torinese per ottimizzare i costi e per aumentare l'efficienza stessa dei motori, in un'ottica di downsizing e di riduzione delle dimensioni dei propulsori. Questi sono stati creati per sostituire progressivamente i precedenti motori FIRE (in produzione dal 1985 e ancora declinati nelle 1.2 e 1.4, in quest'ultimo caso in versione aspirata e turbo, anche con distribuzione Multiair) ed SGE (prodotti anche in versione Twinair), ponendosi alla base della famiglia motoristica di tutto il gruppo italo-statunitense.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il propulsore ha esordito in Brasile nel 2016 sulle Fiat Mobi e Fiat Uno dedicate al mercato locale, nelle versioni aspirate flex-fuel 1.0 da 72 CV (77 ad etanolo) e 1.3 da 101 CV (109 ad etanolo), per poi essere montati anche sotto il cofano della Fiat Argo. Tali versioni hanno testata a 2 valvole per cilindro, distribuzione monoalbero in testa con fasatura variabile ed iniezione indiretta.

Le versioni al lancio nel mercato europeo sono due, un 1.0 da 120 CV e un 1.3 da 150 o 180 CV. Tali varianti fanno il loro debutto nel mercato europeo due anni dopo il debutto nel mercato sudamericano, sotto il cofano dell'aggiornamento della Jeep Renegade presentato al Salone di Torino del 2018, per poi essere applicati anche sotto il cofano dell'aggiornamento della Fiat 500X.[4] I due motori di debutto per il mercato europeo sono entrambi turbocompressi, con testata a 4 valvole per cilindro, iniezione diretta e distribuzione MultiAir II. Inoltre sono omologati Euro 6 e sono dotati di serie del sistema di recupero dell'energia in frenata attraverso un alternatore di nuova generazione e del sistema Stop&Start.[5]

All'inizio di gennaio 2020 FCA annuncia che i suoi primi modelli ibridi saranno le Fiat 500 e Panda equipaggiate con il motore FireFly 1.0 3 cilindri aspirato da 70 cv e 92 Nm mild hybrid, mentre le prime ibride plug-in saranno le Jeep Renagade e Compass equipaggiate con il motore FireFly T4.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La sua caratteristica principale è di essere disponibile in 2 versioni e di avere un'architettura modulare con cubatura unitaria uguale, il che permette la condivisione di vari componenti come bielle e pistoni tra le diverse versioni, nonché la possibilità della produzione sulla medesima linea. Il monoblocco è costruito in alluminio, le versioni 3 cilindri sono sprovviste di contralbero di bilanciamento sostituito, come nel 1.0 Ford Ecoboost, da un volano "sbilanciato" per riequilibrare le vibrazioni interne tipiche del frazionamento a 3 cilindri.

Questi propulsori si avvantaggiano della soluzione a manovellismo obliquo con offset di 10 mm[6], che permette di ridurre gli attriti del motore in fase d'espansione e la conseguente usura e ovalizzazione del cilindro.

Il motore è predisposto per il mild hybrid con il sistema BSG (Belt integrated Starter Generator) da 12 Volt, che integra un motogeneratore nel motore azionato tramite la cinghia degli organi ausiliari, che recupera energia in fase di frenata e decelerazione, immagazzinandola in una batteria al litio da 11 Ah, utilizzandola poi con una potenza picco di 3,6 kW, per il sistema Start&Stop e per assistere il motore in fase di accelerazione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente nel 2016 i FireFly vennero prodotti solo in Brasile per il mercato locale. Dal 2018 vengono assemblati anche dove erano fabbricati il 0.9 TwinAir e il 1.3 MultiJet, nella stessa fabbrica polacca di Bielsko-Biała. Il 9 gennaio 2019 è partita la produzione anche in Cina a Changsha nello stabilimento GAC-FCA per equipaggiare i modelli Jeep prodotti e venduti per il mercato cinese.[7]

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Mercato sudamericano[modifica | modifica wikitesto]

Codice motore Numero di cilindri e valvole Cilindrata

Alesaggio x corsa

Anni di produzione Utilizzato in Potenza massima (etanolo) Coppia massima (etanolo)
N3 3 cilindri in linea, 6 valvole 999 cm³

70.0 x 86.5 mm

dal 2016 Fiat Mobi, Fiat Uno, Fiat Argo 72 CV a 6000 rpm (77 CV a 6250 rpm) 102 Nm a 3250 rpm (107 Nm a 3250 rpm)
N4 4 cilindri in linea, 8 valvole 1,332 cm³

70.0 x 86.5 mm

dal 2016 Fiat Uno, Fiat Argo, Fiat Cronos, Fiat Strada 101 CV a 6000 rpm (109 CV a 6250 rpm) 134 Nm a 3500 rpm (139 Nm a 3500 rpm)

Mercato europeo e nordamericano[modifica | modifica wikitesto]

Codice motore Numero di cilindri e valvole Cilindrata

Alesaggio x corsa

Anni di produzione Utilizzato in Potenza massima Coppia massima
T3 3 cilindri in linea, 12 valvole

turbocompresso, Multiair II

999 cm³

70.0 x 86.5 mm

dal 2018 Jeep Renegade FL, Fiat 500X FL, Fiat Tipo (dal 2021) 100 CV a 5000 rpm (dal 2021)
120 CV a 5750 rpm
190 Nm a 1500 rpm
190 Nm a 1750 rpm
T4 4 cilindri in linea, 16 valvole

turbocompresso, Multiair II

1,332 cm³

70.0 x 86.5 mm

dal 2018 Jeep Renegade FL, Fiat 500X FL

Jeep Compass (dal 2020)

130 CV a 4750 rpm (dal 2020)
150 CV a 5500 rpm
180 CV a 5750 rpm
270 Nm a 1560 rpm
270 Nm a 1850 rpm
320 Nm a 2500 rpm

Ibrido[modifica | modifica wikitesto]

Codice motore Numero di cilindri e valvole Cilindrata

Alesaggio x corsa

Anni di produzione Utilizzato in Potenza massima Coppia massima
N3 3 cilindri in linea, 6 valvole

mild hybrid BSG 3,6 kW

999 cc

70.0 x 86.5 mm

dal 2020 Fiat 500, Fiat Panda, Lancia Ypsilon 70 CV (51 kW) a 6000 rpm 92 Nm (9,38 kgm) a 3500 rpm
T4 4 cilindri in linea, 16 valvole

turbocompresso, Multiair II

plug-in 4xe con E-Motor da 45 kW

1,332 cc

70.0 x 86.5 mm

dal 2020 Jeep Renegade, Jeep Compass 130 CV (95,6 kW) a 5500 rpm + 60 CV (45 kW) a 4000 rpm

180 CV (132,4 kW) a 5750 rpm + 60 CV (45 kW) a 4000 rpm

270 Nm a 250-1850 rpm

270 Nm a 250-1850 rpm

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La FCA annuncia i nuovi motori 1.0 e 1.3. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  2. ^ Fiat produce in Brasile nuova famiglia motori Firefly - Industria, in ANSA.it, 19 settembre 2016. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  3. ^ FCA Firefly, i piccoli benzina saranno prodotti anche in Polonia. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  4. ^ Sulla Jeep Renegade debuttano i nuovi Firefly 1.0 e 1.3 turbocompressi.
  5. ^ Fiat e i motori Firefly, TwinAir e Fire: ne resterà uno soltanto, in OmniAuto.it. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  6. ^ Motore FCA Firefly Mild Hybrid, come abbatte consumi e CO2
  7. ^ (EN) GAC FCA starts mass production of GSE engine, su marklines.com, 7 febbraio 2019. URL consultato il 30 maggio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]