Mild hybrid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I veicoli Mild Hybrid (noto anche come ibrido leggero, ibrido servoassistito o BAHV) sono generalmente autoveicoli con un motore a combustione interna dotato di una macchina elettrica (un motore / generatore in una configurazione ibrida parallela) che consente di spegnere il motore ogni volta che l'auto procede per inerzia, in frenata o ferma, ma potendo ripartire molto rapidamente.

Gli ibridi leggeri possono impiegare una frenata rigenerativa e un certo livello di assistenza alla potenza del motore a combustione interna (ICE), ma gli ibridi leggeri non hanno una modalità di propulsione esclusivamente elettrica.[1][2][3]

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Chevrolet Silverado Hybrid

Il motore elettrico fornisce una maggiore efficienza sostituendo il motorino di avviamento e l'alternatore con un unico dispositivo che assiste il gruppo propulsore. Gli ibridi leggeri non richiedono lo stesso livello di carica della batteria e non raggiungono gli stessi livelli di miglioramento del risparmio di carburante rispetto ai modelli ibridi completi. Un esempio è la Chevrolet Silverado del 2005-07, Parallel Hybrid Truck (PHT), un camioncino di dimensioni standard con un singolo motore elettrico trifase da 7 kW montato nell'alloggiamento della campana tra il motore e una trasmissione 4L60E convenzionale. Chevrolet è stata in grado di ottenere un miglioramento del 10% sull'efficienza del carburante della città di Silverado spegnendo e riavviando il motore su richiesta e riducendo i carichi parassiti degli accessori . Tuttavia, il PHT non aveva caratteristiche di servoassistenza o "veicolo elettrico" (EV) completamente elettriche e caratteristiche di frenata rigenerativa molto limitate.

Vantaggi e svantaggi[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto a un veicolo completamente ibrido, gli ibridi leggeri possono offrire alcuni dei vantaggi dell'applicazione delle tecnologie ibride, con una riduzione della penalità in termini di costi e peso sostenuta dall'installazione di una trasmissione ibrida parallela completa. Il risparmio di carburante sarebbe generalmente inferiore con l'uso di un design completamente ibrido, poiché il design non facilita alti livelli di frenata rigenerativa o promuove necessariamente l'uso di motori a combustione interna più piccoli, più leggeri ed efficienti.

Ciò è particolarmente evidente nella marcia in ambito urbano, dove la prima accelerazione e l'abbondanza di frenate (rigenerative, quindi a favore delle batterie) consente un maggiore alleggerimento del carico sul motore termico.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

General Motors[modifica | modifica wikitesto]

Gli ibridi leggeri di General Motors tra cui il Parallel Hybrid Truck (PHT) e numerose auto e SUV equipaggiati con il sistema BAS Hybrid, spesso utilizzano un sistema da 36 a 48 volt per fornire l'energia necessaria per il motore di avviamento, nonché una fonte di potenza in modo da compensare il numero crescente di accessori elettronici sui veicoli moderni.[4] Il sistema mild hybrid di avviamento alternatore a cinghia (BAS) realizzato da GM utilizza una trasmissione a cinghia per avviare il motore a combustione interna (ICE) attraverso la sua unità motore-generatore (MGU), quindi una volta avviato il motore gestisce il gruppo motore-generatore da 14.5 kW per caricare le batterie. Il sistema ibrido BAS utilizza anche la frenata rigenerativa per ricaricare la batteria da 36 V del sistema e può fornire livelli moderati di assistenza in trazione. Secondo l'EPA, una Saturn Vue Greenline del 2009 equipaggiata con il sistema BAS Hybrid offre un miglioramento del 27% del consumo di carburante combinato rispetto alla versione non ibrida (FWD 4cyl).[5]

Honda[modifica | modifica wikitesto]

L'Integrated Motor Assist di Honda collega direttamente un motore DC senza spazzole tra il volano e il cambio-differenziale, fornendo sia assistenza durante l'accelerazione, sia rigenerazione durante la marcia per inerzia / frenata. È stato prodotto in varie tensioni e potenze, come dettato dalle dimensioni e dal peso dell'applicazione del veicolo. I modelli equipaggiati con l'Integrated Motor Assist includono Honda Insight (1999–2009) – Honda Jazz (dal 2011) – Honda Civic (dal 2003) – Honda Accord (2005 – 2007) e CR-Z (2010–2016) .

Altri[modifica | modifica wikitesto]

Toyota Crown Super Deluxe Mild Hybrid

Durante le Olimpiadi dell'agosto 2008 a Pechino, la casa automobilistica cinese Chang'an Motors ha fornito un certo numero di auto a trazione ibrida come taxi per atleti e spettatori. L'elettronica di potenza per l'azionamento in modalità "mild hybrid" è stata fornita da Infineon.[6]

La Toyota vendette una versione ibrida delicata della lussuosa Toyota Crown a partire dal 2002, per il solo mercato interno giapponese.[7] Il risparmio di carburante è stato aumentato rispetto all'unità benzina 3.0 standard a 6 cilindri. Toyota ora vende un ibrido completo con un motore elettrico per la nuova Toyota Crown del 2008 con il marchio Hybrid Synergy Drive.

MINI e BMW hanno implementato lo start e stop in tutti i loro veicoli venduti in Europa con motori a 4 cilindri con cambio manuale, in alcuni casi con frenata rigenerativa.

Citroën propone un sistema stop and start sui suoi modelli C2 e C3.[8] Il concept-car C5 Airscape ne ha una versione migliorata, aggiungendo funzionalità di frenata rigenerativa e assistenza alla trazione e ultracondensatori per il buffering energetico.[9]

Nel 2004 la VW portò a Shanghai due concept-car ibride leggere per la Challenge Bibendum.[10]

Suzuki produce i modelli Ignis, Swift e Baleno con tecnologia SHVS integrata nel 2016 su una nuova piattaforma per auto . Suzuki ha avuto esperienza con questa tecnologia leggermente ibrida nella sua Suzuki Ciaz .

Elenco di marche e modelli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pilot Project MOVELE: An initiative of the IDAE in favour of energy efficiency in transport (PDF), su idae.es. URL consultato il 9 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2009).
  2. ^ a b Sam Abuelsamid, What is a mild hybrid?, AutoblogGreen, 3 aprile 2009. URL consultato il 22 marzo 2010.
  3. ^ Maruti Suzuki Ciaz Hybrid / SHVS working - All you need to know, Indian Car News, 25 agosto 2015. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  4. ^ MIT/Industry Consortium on Advanced Automotive Electrical/Electronic Components and Systems, su lees.mit.edu, 17 September 2004 (archiviato dall'url originale il 17 September 2004).
  5. ^ Compare Cars Side-by-Side, su Fueleconomy.gov. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  6. ^ News | Electronics EETimes [collegamento interrotto], su Eetimes.eu. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  7. ^ The Widespread Introduction of the TOYOTA Mild Hybrid Cars (HEV) May Promote an Earlier Introduction of 42V Cars, su marklines.com, 23 October 2009 (archiviato dall'url originale il 23 October 2009).
  8. ^ Citroën.com, the International website of Citroën, su Citroen.com. URL consultato il 1º gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  9. ^ Citroën.com, the International website of Citroën, su Citroen.com. URL consultato il 1º gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  10. ^ VW Brings Diesel Mild-Hybrid Concept to Shanghai, Green Car Congress, 13 ottobre 2004. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  11. ^ Michael Doherty, List of Hybrid Cars ~ Hybrid Car Review, su Hybridreview.blogspot.com, 26 febbraio 2009. URL consultato il 1º gennaio 2017.
  12. ^ https://www.mazda.co.nz/mazda-cx-5/reviews/mazda-unveils-it%E2%80%99s-next-eco-step-0
  13. ^ https://www.mazda.ro/stiri/stiri-mazda/mazda3/noua-mazda3-a-ajuns-in-romania/
  14. ^ Copia archiviata, su allnewmazda3.mazda.co.uk. URL consultato il 19 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  15. ^ https://www.mazda.com/globalassets/en/assets/csr/download/2017/2017_all.pdf
  16. ^ https://www.mazda.co.uk/cars/mazda2/