Bianchi VM 6C

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bianchi VM 6C
Lancia vm 6c.jpg
Descrizione
Tipo veicolo da collegamento e ricognizione
Costruttore Bianchi
Data entrata in servizio 1938
Utilizzatore principale ItaliaRegio Esercito
Sviluppato dal Bianchi S6
Dimensioni e peso
Lunghezza 4,247 m
Larghezza 1,64 m
Peso 1500 kg
Propulsione e tecnica
Motore 6 cilindri a benzina, 2179 cm³
Potenza 52 CV a 4000 giri/min
Trazione 4×2
Prestazioni
Velocità max 102 km/h
Armamento e corazzatura

[1]

voci di veicoli militari da trasporto presenti su Wikipedia

La Bianchi VM 6C fu un veicolo militare tattico leggero prodotto dalla casa automobilistica italiana F.I.V. Edoardo Bianchi di Milano. Fu sviluppata nel 1938 a partire dalla Bianchi S6 civile e venne acquisita dal Regio Esercito come vettura da collegamento di alta gamma per i comandi superiori (insieme alla Alfa Romeo 6C 2500 Coloniale ed alla Fiat 2800 CMC), che la impiegarono durante la seconda guerra mondiale.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La VM 6C è basata sul autotelaio rinforzato della Bianchi S6. Il telaio, a quattro ruote da 5.50×18, a trazione posteriore e guida a destra, è caratterizzato dalle due ruote di scorta poste in folle ai lati del cofano motore, dietro al primo asse, in modo da facilitare il superamento degli ostacoli. Il parabrezza frontale è completamente ribaltabile, quello posteriore, che separa il vano di guida da quello posteriore, è abbassabile orizzontalmente. I sedili sono coperti in tela grigioverde e nel vano posteriore sono ricavati due tavolinetti e tre ripostigli per gli alti ufficiali trasportati. la carrozzeria, in versione torpedo, è munita di una copertura a mantice in tela che copre l'intera vettura, ha linee squadrate ed è verniciata in colori mimetici marrone, verde e kaki.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli Autoveicoli tattici e logistici del Regio Esercito Italiano fino al 1943, vol. II, Stato Maggiore dell'Esercito, Ufficio Storico, Nicola Pignato e Filippo Cappellano, 2005.
  • Gli Autoveicoli del Regio Esercito nella Seconda Guerra Mondiale, Nicola Pignato, Storia Militare.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]