Isotta Fraschini D65

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isotta Fraschini D65
Isotta fraschini d80 e d65.JPG
Un D65 (a destra) dietro al "fratello maggiore" D80.
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Isotta Fraschini
Tipo autocarro medio
Produzione dal 1940 al 1955
Altre caratteristiche
Dimensioni e pesi
Lunghezza 5,87 m
Larghezza 2,16 m
Massa a vuoto 3,46 t
Isotta Fraschini D65
Isotta fraschini d65.JPG
Descrizione
Tipoautocarro medio
Equipaggio2
CostruttoreIsotta Fraschini
Data impostazione1940
Data entrata in servizio1942
Data ritiro dal servizioanni '50
Utilizzatore principaleItaliaRegio Esercito
Altri utilizzatoriItaliaEsercito Italiano
Altre variantiD65 2/4
Dimensioni e peso
Lunghezza5,78 m
Larghezza2,16 m
Peso3,460 t
Capacità combustibile75 l
Propulsione e tecnica
Motorediesel 4 cilindri, 5330 cm³
Potenza78 hp a 1900 giri/min
Trazione4×2
Prestazioni
Velocità max55 km/h
Autonomia380 km
Armamento e corazzatura
Capacità3,040 t
photoscope isotta fraschini d65
voci di veicoli militari da trasporto presenti su Wikipedia

L'Autocarro unificato medio Isotta Fraschini D65 fu un autocarro italiano prodotto dal 1940 al 1955.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda milanese Isotta Fraschini (IF), storica produttrice di auto di lusso, era rientrata nel mercato degli autocarri nel 1934 con il pesante D80, in seguito all'acquisizione della licenza della MAN per la produzione di motori diesel. Nel 1937 era stato emanato un decreto che imponeva la standardizzazione delle principali caratteristiche degli autocarri in specifiche classi omogenee, in modo che potessero essere requisiti al momento di un'eventuale mobilitazione. L'IF va a coprire così il segmento medio con il D65, adeguandosi alle caratteristiche di peso, numero di assi, velocità e portata stabilite per gli autocarri medi. Lanciato nel 1940, ebbe un buon successo commerciale, rimanendo in produzione fino al 1955. Era disponibile anche il solo autotelaio per allestimenti speciali, tra i quali quello autobus, da parte delle numerosissime carrozzerie dell'epoca, tra le quali spicca la Zagato con le sue cabine.

Entrato in servizio nel Regio Esercito nel 1942 nella versione diesel standard, il 3 settembre 1943 viene adottata ufficialmente anche la versione a benzina denominata D65 2/4. In seguito all'8 settembre, la produzione continua per la Wehrmacht, con 397 esemplari consegnati. Dopo la guerra, l'autocarro rimane in servizio con l'Esercito Italiano fino alla fine degli anni '50.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'autocarro è un 4×2 con ruote posteriori motrici gemellate. La cabina è in posizione avanzata. La motorizzazione del D65 è basata su un diesel quadricilindrico da 5330 cm³, erogante 78 cavalli a 1900 giri al minuto. La versione D65 2/4, prodotta dal 1943, è invece spinta da un motore a benzina erogante 80 cavalli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Semicingolati, motoveicoli e veicoli speciali del Regio Esercito Italiano 1919/1943, Giulio Benussi, Intergest.
  • Gli Autoveicoli tattici e logistici del Regio Esercito Italiano fino al 1943, vol. II, Stato Maggiore dell'Esercito, Ufficio Storico, Nicola Pignato e Filippo Cappellano, 2005.
  • Gli Autoveicoli del Regio Esercito nella Seconda Guerra Mondiale, Nicola Pignato, Storia Militare.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti