Pecorino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pecorino sardo D.O.P.
Pecorino di Filiano D.O.P.

Con il termine pecorino si indica un formaggio prodotto con latte di pecora. Il formaggio pecorino è storicamente di origine mediterranea ma è prodotto e diffuso anche altrove.

In Italia il pecorino ha raggiunto una produzione di tale qualità che la Comunità Europea ha riconosciuto ben sette denominazioni d'origine protetta (DOP).[1] Si tratta del pecorino romano,[2] pecorino toscano,[3] pecorino sardo,[4] pecorino di Filiano,[5] pecorino crotonese,[6] pecorino di Picinisco[7] e del pecorino siciliano.[8] Diversi altri formaggi pecorini italiani inoltre rientrano nell'elenco dei prodotti agroalimetari tradizionali (PAT) stilato dal ministero delle politiche agricole e forestali (Mipaaf).[9]

Zone di produzione (Italia)[modifica | modifica wikitesto]

Selezione di pecorini di Pienza

In Italia i formaggi pecorini sono prodotti in diverse regioni, soprattutto quelle centrali, meridionali e nelle isole. Due denominazioni sono prodotte in più regioni e sono: il pecorino romano, che nonostante il nome, è prodotto in Toscana, Lazio e Sardegna; e il pecorino toscano che è prodotto sia in Toscana che in Lazio. Gli altri pecorini sono prodotti a livello regionale e spesso provinciale, assumendo una forte tipicizzazione geografica.

Toscana[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Romagna[modifica | modifica wikitesto]

Umbria[modifica | modifica wikitesto]

Marche[modifica | modifica wikitesto]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Campania[modifica | modifica wikitesto]

Puglia[modifica | modifica wikitesto]

Basilicata[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Stagionatura[modifica | modifica wikitesto]

Può essere classificato in base alla stagionatura:

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

I caseifici producono diverse varianti aggiungendo pepe nero, peperoncino, pomodori secchi, olive o tartufo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi elenco dei prodotti DOP europei
  2. ^ Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L148 21.06.1996
  3. ^ Vedi documenti Unione Europea sul pecorino toscano
  4. ^ Vedi documenti Unione Europea sul pecorino sardo
  5. ^ Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L330 15.12.2007
  6. ^ Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L341 27.11.2014
  7. ^ Gazzetta ufficiale dell'Unione europea C57 27.02.2013
  8. ^ Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L148 21.06.1996
  9. ^ Vedi elenco prodotti agroalimentari tradizionali sul sito del Mipaaf

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Formaggi italiani
Formaggi della Campania
Formaggi della Lombardia
Formaggi del Piemonte