Comunità europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "CEE" rimanda qui. Se stai cercando altre voci che possono riferirsi alla stessa combinazione di 3 caratteri, vedi CEE (disambigua).
Unione europea

Flag of Europe.svg
Sistema politico dell'Unione europea


modifica

Categorie: Politica, Diritto
e Organizzazioni internazionali

Portale Europa - Progetto Europa

La Comunità europea costituiva il "Primo pilastro" dell'Unione europea.

Considerata la più importante delle Comunità europee, essa nasce il 25 marzo 1957, quando sei Stati (Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi) firmano i trattati di Roma, trattati che entrano in vigore il 1º gennaio 1958, dando così vita effettiva alla Comunità economica europea (CEE).
La parola economica fu rimossa dal nome a seguito del Trattato di Maastricht (1992) che fece della Comunità europea (CE) il "Primo pilastro" dell'azione dell'Unione europea.

Con l'adozione del Trattato di Lisbona il 1º dicembre 2009 essa, formalmente, non esiste più[1] (è assorbita dall'Unione Europea).

Le Comunità europee[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Comunità europee.

I Trattati di Roma del 1957 hanno sancito la costituzione della CEE, insieme alla Comunità europea dell'energia atomica (anche nota come Euratom). La Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA) era stata invece in precedenza istituita con il Trattato di Parigi del 1951.

La Comunità economica europea[modifica | modifica wikitesto]

La CEE aveva nei suoi obiettivi l'unione economica dei suoi membri (Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, e Germania Ovest), fino a portare ad un'eventuale unione politica. Lavorò per il libero movimento dei beni, dei servizi, dei lavoratori e dei capitali, per l'abolizione dei cartelli e per lo sviluppo di politiche congiunte e reciproche nel campo del lavoro dello stato sociale, dell'agricoltura, dei trasporti, del commercio estero.

Nel 1956 il Regno Unito propose che il Mercato Europeo Comune (MEC) fosse esteso in una più ampia area di libero scambio europea. Nel novembre 1958 però la Francia mise il veto sulla creazione della nuova area, così il Regno Unito insieme alla Svezia si fecero promotori dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA), concretizzatosi nel 1960, insieme ad altri paesi non membri CEE (Austria, Danimarca, Norvegia, Portogallo, Svezia, Svizzera e Regno Unito).

Dal 1973 con l'ingresso di Regno Unito, Irlanda e Danimarca nella CEE, EFTA e CEEA negoziarono una serie di accordi per assicurare uniformità nelle politiche economiche delle due organizzazioni, sfociata infine nell'accordo per lo Spazio economico europeo (SEE). Dal 1995 solo 4 membri che non sono entrati nell'UE rimangono nell'organizzazione.

La Comunità europea[modifica | modifica wikitesto]

È il nome che ha avuto la CEE (Comunità Economica Europea) dall'entrata in vigore del Trattato di Maastricht (1º novembre 1993) fino all'entrata in vigore del Trattato di Lisbona (1º dicembre 2009) che l'ha formalmente soppressa. La sigla della Comunità europea era CE.

Comunità europea 1973

Obiettivi e politiche[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Trattato di Maastricht la Comunità europea ha l'obbligo di promuovere nell'insieme della Comunità:

  • uno sviluppo armonico, equilibrato e sostenibile delle attività economiche
  • un livello elevato di occupazione e di protezione sociale e pari opportunità tra donne e uomini
  • una crescita duratura e non inflazionistica
  • un elevato livello di competitività e di convergenza dei risultati economici
  • un livello elevato di protezione e di miglioramento della qualità dell'ambiente, l'innalzamento del livello e della qualità della vita, la coesione economica e sociale e la solidarietà tra gli Stati membri

Per perseguire tale risultato, la CE elabora un insieme di politiche settoriali, in particolare in questi settori:

  • Ambiente
  • Consumatori e salute
  • Cultura, istruzione e gioventù
  • Occupazione e diritti sociali
  • Economia, finanza e concorrenza
  • Energia e risorse naturali
  • Libertà, sicurezza e giustizia
  • Politiche industriali e mercato interno
  • Regioni e sviluppo locale
  • Relazioni esterne e immigrazione
  • Scienza e tecnologia
  • Trasporti

L'Unione economica e monetaria (UEM) è considerata la politica di integrazione più avanzata all'interno del primo pilastro dell'UE.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Unione economica e monetaria.

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

La CEE/CE è formata da quattro istituzioni principali:

  • Assemblea, composta dai rappresentanti dei popoli degli Stati membri la cui elezione era a suffragio universale diretto.
  • Consiglio, composto dai rappresentanti degli Stati membri. Il suo compito consisteva nel coordinare le politiche economiche generali degli Stati membri. Disponeva di un potere decisionale pari a un potere legislativo.
  • Commissione, inizialmente composta da 9 membri scelti dai governi degli Stati membri in base alla loro competenza, era l'istituzione sopranazionale.
  • Corte di giustizia, assicurava il rispetto del diritto nell'interpretazione e applicazione del Trattato.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

La CE rappresenta il primo pilastro dell'Unione Europea che è caratterizzato dal "Metodo comunitario" che ne definisce il modo di funzionamento istituzionale. Nel rispetto del principio di sussidiarietà, il metodo funziona su una logica d'integrazione ed è caratterizzato da questi elementi:

  • monopolio del diritto d'iniziativa della Commissione
  • ricorso generalizzato al voto a maggioranza qualificata in sede di Consiglio
  • ruolo attivo del Parlamento europeo (pareri, proposte di emendamento, ecc.)
  • uniformità di interpretazione del diritto comunitario a cura della Corte di giustizia

Il metodo comunitario si contrappone al "Metodo intergovernativo", funzionante nel secondo e nel terzo pilastro dell'UE.

Il futuro[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trattato di Lisbona.

Un passo avanti nello sviluppo dell'UE, necessario per permettere il funzionamento dell’Unione a 27 (ora a 28), si è avuto con l'adozione del Trattato di Lisbona, che è, oggettivamente, un regresso rispetto alla più avanzata Costituzione Europea.

Il Trattato di Lisbona come la Costituzione europea prevede l'abolizione formale dei tre pilastri e la "comunitarizzazione" del secondo e terzo pilastro che funzioneranno col Metodo comunitario, ad eccezione delle disposizioni in materia di difesa comune.

Il Trattato di Lisbona si distingue però dalla Costituzione europea per il meccanismo di opt-out nel 3° pilastro ottenuto dalla Gran Bretagna e dall'Irlanda, la precisazione del "carattere specifico" della PESC, il semplice rinvio alla Carta dei diritti fondamentali, rispetto alla quale Gran Bretagna e Polonia hanno ottenuto la facoltà di opt-out. Non si fa inoltre cenno ai "simboli" dell'Unione.

Tutte queste caratteristiche (e altre) rendono "meno europeistico" il Trattato di Lisbona che, comunque, unifica CE ed Euratom e apporta altre piccole migliorie oltre ad essere indispensabile per il funzionamento dell'Unione.

Fonti del diritto comunitario[modifica | modifica wikitesto]

Le fonti del diritto comunitario derivanti dall'attività della Comunità europea possono produrre atti vincolanti e non vincolanti. Gli atti non vincolanti sono le raccomandazioni CE (ossia degli inviti rivolti agli stati membri ad assumere un certo comportamento) e i pareri (espressione del punto di vista di un organo europeo su di una determinata questione). Quelli vincolanti sono invece i Regolamenti, le Direttive e le Decisioni.

Regolamenti UE[modifica | modifica wikitesto]

I Regolamenti hanno le caratteristiche tipiche delle leggi nell'ordinamento interno degli stati. Sono generali, ossia non sono rivolti a soggetti determinati, ma hanno la caratteristica della generalità e dell'astrattezza. Sono obbligatori, ossia, salvo diversa disposizione del Regolamento stesso, devono essere applicati nella loro totalità dagli stati membri. Il fatto che siano atti di applicabilità diretta implica che non sia necessario, e neppure ammesso, un atto dello stato che ne ordini l'esecuzione nell'ordinamento nazionale.

Direttive UE[modifica | modifica wikitesto]

Una Direttiva è un atto normativo non generale, ma rivolto in particolare ad uno (o più) degli Stati membri. Pone allo Stato a cui è rivolta l'obbligo del raggiungimento di un determinato risultato o standard, lasciando discrezionalità agli organi nazionali in merito ai mezzi da utilizzare. Molto spesso, comunque, la Direttiva detta discipline particolareggiate e precise, al fine di limitare la totale discrezionalità dello Stato.

Decisioni UE[modifica | modifica wikitesto]

Le Decisioni hanno le caratteristiche tipiche del procedimento amministrativo nell'ordinamento degli stati. Tutti gli elementi di una Decisione sono obbligatori e direttamente applicabili, come i Regolamenti ma, a differenza di questi ultimi, sono rivolti a specifici soggetti, come uno Stato membro o una persona giuridica.

Elenchi sintetici[modifica | modifica wikitesto]

Paesi dell'Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

Paesi degli accordi di Schengen (libera circolazione alle frontiere)[modifica | modifica wikitesto]

I membri dell'Unione europea che non hanno aderito alla cooperazione rafforzata di Schengen sono Regno Unito Regno Unito e Irlanda Irlanda, mentre in Romania Romania, Bulgaria Bulgaria e Cipro Cipro il Trattato non è ancora entrato in vigore.

Paesi che hanno adottato l'euro[modifica | modifica wikitesto]

I paesi dell'Unione europea che hanno un opt-out riguardo l'adozione dell'euro sono il Regno Unito Regno Unito e la Danimarca Danimarca, mentre la Svezia Svezia non ha una clausola di opt-out ma lo applica "de facto".

Paesi candidati all'Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

Turchia Turchia, Macedonia Macedonia, Montenegro Montenegro, Albania Albania, Islanda Islanda e Serbia Serbia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Unione europea - Trattati, Istituzioni, storia dell'integrazione europea
1951-52 1957-58 1965-67 1986-87 1992-93 1997-99 2001-03 2007-09
Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA)
Comunità europea dell'energia atomica (CEEA o Euratom)
Comunità economica europea (CEE) Comunità europea (CE)
Comunità europee: CECA, CEEA, CEE Giustizia e
affari interni
(GAI)
 
Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale (GAI)
Politica estera e di
sicurezza comune
(PESC)
U N I O N E   E U R O P E A   (U E)
Trattato di
Parigi
Trattati di
Roma
Trattato di
fusione
Atto unico
europeo
Trattato di
Maastricht
Trattato di
Amsterdam
Trattato di
Nizza
Trattato di
Lisbona

  1. ^ Pertanto, è errato scrivere o dire CEE o CE. L'utilizzo corretto è UE (Unione Europea).