Spazio economico europeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In verde i paesi dell'Associazione Europea di Libero Scambio partecipanti al SEE (quindi eccetto la Svizzera) e in blu i paesi dell'UE partecipanti all'SEE.

Lo Spazio economico europeo (SEE) nacque il 1º gennaio 1994 in seguito a un accordo (firmato il 2 maggio 1992) tra l'Associazione Europea di Libero Scambio (AELS) e l'Unione europea con lo scopo di permettere ai paesi AELS di partecipare al Mercato Europeo Comune senza dover essere membri dell'Unione.

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Con un referendum la Svizzera decise di non prendere parte al SEE, ma il paese è comunque legato all'Unione europea con un altro tipo di accordo, l'accordo bilaterale Svizzera-UE.

I membri attuali sono 31: tre dei quattro paesi aderenti all'Associazione Europea di Libero Scambio (AELS) (Islanda, Liechtenstein e Norvegia), senza la Svizzera e i 28 paesi membri dell'Unione europea.

Libertà dello Spazio[modifica | modifica wikitesto]

Lo Spazio si basa su quattro libertà: la libera circolazione di merci, persone, servizi e capitali.

Leggi[modifica | modifica wikitesto]

I paesi membri non appartenenti all'UE hanno accettato di attuare una legislazione simile a quella dei 28 in campi come la politica sociale, la protezione dei consumatori, l'ambiente, le leggi sulle imprese e le statistiche.

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Una commissione congiunta fra i membri non UE e la Commissione europea ha il compito di estendere i modelli legislativi dell'Unione agli altri paesi.

Ogni anno ci sono riunioni del Consiglio del SEE per governare le relazioni complessive tra i membri, rappresentati da una parte dall'AELS e dall'altra dall'UE nelle loro istituzioni esecutive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]