Trattato di fusione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Trattato di fusione (nome convenzionale con il quale è noto il Trattato che istituisce un Consiglio unico ed una Commissione unica delle Comunità Europee) firmato a Bruxelles l'8 aprile 1965 e entrato in vigore il 1 luglio 1967 è il trattato europeo che ha compattato la struttura organizzativa delle tre Comunità Europee esistenti all'epoca (CEE, CECA, CEEA) istituendo una Commissione ed un Consiglio delle Comunità Europee unici. Le tre Comunità da questo momento condividono lo stesso bilancio.

Il termine "Comunità Europee" entrò nell'uso proprio a partire dalla stipula di tale trattato. È stato abrogato dal Trattato di Amsterdam del 1997 che ne comprende le disposizioni.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Unione europea - Trattati, Istituzioni, storia dell'integrazione europea
1951-52 1957-58 1965-67 1986-87 1992-93 1997-99 2001-03 2007-09
Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA)
Comunità europea dell'energia atomica (CEEA o Euratom)
Comunità economica europea (CEE) Comunità europea (CE)
Comunità europee: CECA, CEEA, CEE Giustizia e
affari interni
(GAI)
 
Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale (GAI)
Politica estera e di
sicurezza comune
(PESC)
U N I O N E   E U R O P E A   (U E)
Trattato di
Parigi
Trattati di
Roma
Trattato di
fusione
Atto unico
europeo
Trattato di
Maastricht
Trattato di
Amsterdam
Trattato di
Nizza
Trattato di
Lisbona