Morlacco (formaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Morlacco
Morlacco
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Veneto
Zona di produzione Area del Massiccio del Grappa, nell’intero territorio dei comuni di: Borso del Grappa, Crespano del Grappa, Paderno del Grappa, Possagno, Cavaso del Tomba, Alano di Piave, Quero Vas, Feltre, Seren del Grappa, Arsiè, Cismon del Grappa, San Nazario, Solagna, Pove del Grappa, Romano d'Ezzelino
Dettagli
Categoria formaggio
Riconoscimento P.A.T.
Settore formaggi
 

Il Morlacco (Morlac in veneto settentrionale), o Burlacco, è un formaggio tradizionale veneto, tutelato anche attraverso un presidio Slow Food, prodotto nell'area del massiccio del Grappa, comprendente vari comuni delle province di Belluno, Treviso e Vicenza.

La denominazione è riferita ai morlacchi, antica popolazione delle Alpi Dinariche ormai quasi estinta, un tempo dedita alla pastorizia e depositaria dell'originario metodo produttivo di questo formaggio.[1]

I pastori del monte Grappa usavano fare un formaggio di latte vaccino tenero, magro, a pasta cruda che prendeva il nome dalla loro terra d'origine: la balcanica Morlacchia. Il latte era quello delle vacche Burline, unica razza bovina del Veneto, che sta rischiando di scomparire. Oggi il Morlacco è prodotto ancora in alpeggio con il latte scremato della mungitura serale al quale si aggiunge quello intero munto il mattino. Dopo 15 giorni è pronto, ma può essere consumato fino a tre mesi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luigi Cremona, Francesco Soletti, L'Italia dei formaggi, TCI - Touring Editore, Milano, 2002

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "In un mare fermo coperto da boschi" Intervista a Mario Rigoni Stern di Chiara Ugolini, Slowfood 27, giugno 2007.
Formaggi italiani
Formaggi della Campania
Formaggi della Lombardia
Formaggi del Piemonte