Menachem Begin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Menachem Begin
מנחם בגין
Menachem Begin 2.jpg

Primo ministro di Israele
Durata mandato 21 giugno 1977 –
10 ottobre 1983
Predecessore Yitzhak Rabin
Successore Yitzhak Shamir

Dati generali
Partito politico Herut (fino al 1973)
Likud (1973 - 1992)
Alma mater Università di Varsavia
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la pace 1978

Menachem Wolfovitch Begin (in ebraico מְנַחֵם בּגִין ascolta[?·info]; Brest-Litovsk, 16 agosto 1913Tel Aviv, 9 marzo 1992) è stato un politico israeliano, Primo ministro di Israele dal 1977 al 1983.

Fu insignito del Premio Nobel per la Pace nel 1978.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Menachem Wolfovitch Begin a tredici anni entra nel movimento giovanile socialista Hashomer Hatzair, per passare tre anni più tardi al Betar, movimento sionista di destra, fondato da Vladimir Jabotinskij[1], di cui nel 1932 è diventato capo del dipartimento organizzativo, occupandosi della propaganda in Polonia. Nello stesso anno viene inviato in Cecoslovacchia e nel 1935 si laurea in legge a Varsavia.

Nel 1937 viene arrestato per aver capeggiato una manifestazione di fronte all'Ambasciata Britannica a Varsavia, a partire dal 1939 organizza l'emigrazione in Palestina dei membri del Betar del quale è diventato leader. All'inizio del secondo conflitto mondiale Begin quale membro dell'esercito polacco viene fatto prigioniero dall'esercito Sovietico. Anche a causa delle sue idee sioniste viene deportato in un lager staliniano, dal quale viene liberato dopo lo scoppio delle ostilità tra la Germania e l'Unione Sovietica.

Nel maggio del 1942, giunto in Palestina, diserta dall'armata polacca e aderisce all'Irgun (gruppo di resistenza sionista di destra) del quale in breve tempo diviene il leader. Nella veste di comandante dell'Irgun, Begin ordina varie azioni, tra le quali si possono citare l'attentato al King David Hotel, all'epoca sede del comando britannico, e l'assalto alla prigione di Acri.

Nel 1948, nonostante la proclamazione dello Stato di Israele, Begin rifiuta di sciogliere l'Irgun (che si renderà responsabile del Massacro di Deir Yassin) nel neonato esercito israeliano e, durante un breve periodo di tregua concordato dal governo provvisorio israeliano con gli eserciti arabi, tenta di far sbarcare dalla nave Altalena un carico di armi ma l'esercito regolare israeliano, su ordine di David Ben-Gurion, reagisce affondando la nave. Da quel momento l'Irgun cessa di esistere come organizzazione paramilitare e si trasforma nel partito Herut. Dal 1949 al 1967 e dal 1970 al 1977 Menachem Begin assume il ruolo di capo dell'opposizione parlamentare israeliana.

Begin mentre tiene un comizio nell'agosto del 1948. Notare la mappa del Mandato Britannico della Palestina, all'epoca interamente rivendicato dai movimenti sionisti per la nascita dello stato d'Israele.

Dal giugno del 1967 al 1970 entra come ministro senza portafoglio nel governo di unità nazionale guidato prima da Levi Eshkol e poi da Golda Meir. Con il Partito Sionista Generale (liberale) fonda prima il Gahal - (ebraico גח"ל, acronimo di Gush Herut-Libralim, in ebraico גוש חרות-ליברלים, lett. "Blocco Herut-Liberali") - e poi il Likud, alla guida del quale nel 1977 vince le elezioni e diviene Primo ministro. Il suo governo sembra iniziare con i migliori auspici: infatti il 10 ottobre dello stesso il Presidente egiziano Sadat compie una clamorosa visita in Israele. Nel 1978, a Camp David, Begin, a dispetto della sua fama di "falco" accetta di riconsegnare il Sinai agli egiziani e firma gli accordi di cooperazione con Sadat; grazie a questo gesto a Menachem Begin fu conferito il Premio Nobel per la Pace.

Begin, il presidente statunitense Jimmy Carter e il presidente egiziano Mohamed Anwar El Sadat a Camp David (1978)

Nel 1981, durante la campagna elettorale, Begin ordinò l'attacco alla centrale nucleare irachena di Osirak nell'operazione Babilonia: anche grazie al successo dell'operazione riuscì a farsi rieleggere Primo Ministro. Nel 1982, a seguito di ripetuti attacchi terroristici e missilistici subiti da Israele, Begin ordina l'invasione del Libano (operazione pace in Galilea) che ha il suo culmine con l'espulsione da Beirut delle milizie palestinesi guidati da Arafat. Dopo la strage di Sabra e Shatila, compiuta senza alcun intoppo da formazioni maronite libanesi, in quel momento alleate di Israele.[2] Begin è costretto a destituire, sulla spinta dell'opinione pubblica israeliana e internazionale, il suo Ministro della Difesa Ariel Sharon, affidandogli però, già nel 1983, un nuovo dicastero senza portafoglio, per affidargli nel 1984 il ministero del Commercio e Industria.

A causa delle conseguenze della guerra in Libano, che si trascinerà sino al 2000, e della grave crisi economica caratterizzata da un iper-inflazione il Primo ministro Begin nel 1983 rassegna le sue dimissioni passando le redini al suo collega di partito Yitzhak Shamir. Begin è stato un famoso oratore e la sua politica ha avuto come linea guida la sicurezza di Israele. In campo economico invece la politica del Primo ministro israeliano ha avuto un forte marchio populista.

In una lettera del dicembre 1948 Albert Einstein, Hannah Arendt e altri scrissero una lettera al New York Times in cui, con toni molto duri, accusavano Begin e il partito Tnuat Haherut (Freedom Party) di "fascismo", "terrorismo" e di "propagandare idee di superiorità razziale". Nella lettera, per "esemplificare il carattere e l'azione" del Freedom Party, gli scriventi riportavano i fatti relativi all'assalto del pacifico villaggio arabo di Deir Yassin e "sporadici" episodi di violenza anti-britannica.[3] [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kaplan, Eran, "A Rebel with a Cause: Hillel Kook, Begin and Jabotinsky's Ideological Legacy", in Israel Studies, 10, no. 3 (Fall2005 2005): 87-103.
  2. ^ Tra esse, oltre alle Falangi, anche contingenti dell'Esercito del Sud-Libano, giunti senza alcun intoppo a bordo di camion militari, non si sa con certezza da chi forniti.
  3. ^ Copia della pagina del New York Times con il testo della lettera.
  4. ^ Traduzione in italiano della lettera di Albert Einstein, Hannah Arendt e altri.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stemma dello stato di Israele Predecessore: Primo ministro di Israele Successore: Bandiera dello stato di Israele
Yitzhak Rabin 1977- 1983 Yitzhak Shamir I
Primi ministri di Israele
David Ben-Gurion | Moshe Sharett | Levi Eshkol | Golda Meir | Yitzhak Rabin | Menachem Begin | Yitzhak Shamir | Shimon Peres | Benjamin Netanyahu | Ehud Barak | Ariel Sharon | Ehud Olmert

Controllo di autorità VIAF: 109383777 LCCN: n79085130