Palestina 194

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Palestina 194 è il nome dato alla campagna diplomatica da parte dell'Autorità nazionale palestinese per far entrare lo Stato della Palestina alle Nazioni Unite nella sua 66ª sessione nel settembre 2011[1]. Si cerca di ottenere in modo efficace il riconoscimento giuridico di uno Stato palestinese basato sui confini precedenti la Guerra dei Sei Giorni, con Gerusalemme Est come sua capitale. L'iniziativa sviluppata durante due anni di impasse nei negoziati con Israele, che ha seguito al rifiuto di quest'ultimo di congelare le sue attività di insediamento in Cisgiordania. La campagna è stata riportata dai media sin dalla fine del 2009, e ha guadagnato importanza durante il leadup al dibattito all'Assemblea Generale nel settembre 2011. Il presidente Mahmoud Abbas ha presentato la richiesta al Segretario Generale Ban Ki-moon il 23 settembre, il Consiglio di Sicurezza deve ancora votare su di esso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Schell, Bernhard, UN will count 194 members if Palestine gets in in InDepthNews, 31 luglio 2011. URL consultato il 1º agosto 2011.