Operazione Piombo fuso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Operazione Piombo fuso
Gaza Strip map - ITA.svg

Data 27 dicembre 2008 - 17 gennaio 2009
Luogo Striscia di Gaza - Sud d'Israele
Causa Interruzione della tregua da parte di Hamas, lancio di razzi nel sud d'Israele
Esito Dichiarazione di cessate il fuoco da ambo le parti, con riserve da parte dei contendenti
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
176.500
(10.000 riservisti)[3][4]
20.000 militanti[5]
Perdite
Uccisi totali: 13[6][7]
Soldati: 10[8] Civili: 3[8][9]
Feriti totali: 522
Soldati: 340[10]
Civili: 182[10][11]
Uccisi totali: 500/600;[12] - 1.320[13]/1.330[14]
Militanti e polizia: 500** (IDF)[15]
Civili: 904+ (PCHR)[16][17]
Feriti totali: 5.300(MoH)[18]
Una guardia di confine egiziana uccisa e tre guardie e due bambini feriti[19][20]
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

L'operazione Piombo fuso (ebraico: מבצע עופרת יצוקה, Mivtza Oferet Yetzukah[21]) è stata una campagna militare lanciata dall'esercito israeliano con l'intento dichiarato di "colpire duramente l'amministrazione di Hamas al fine di generare una situazione di migliore sicurezza intorno alla Striscia di Gaza nel tempo, attraverso un rafforzamento della calma e una diminuzione dei lanci dei razzi, nella misura del possibile"[22]. L'operazione militare si è protratta dal 27 dicembre 2008 alle ore 00:00 GMT del 18 gennaio 2009.

Obiettivo dichiarato dell'intervento militare israeliano è stato quello di neutralizzare Hamas che, a partire dal 2001, ha bersagliato i centri urbani nel sud di Israele con razzi Qassam provocando in otto anni 15 morti e centinaia di feriti fra la popolazione civile[23], costretta a un ritmo di vita scandito da sirene di allarme e corse nei rifugi (obbligatori per legge).

Da parte israeliana l'azione militare è descritta anche come una risposta all'intensificarsi del lancio di razzi Qassam da parte di Hamas contro obiettivi civili del Sud di Israele, non appena scaduta la tahdia (calma) di sei mesi, ottenuta il 19 giugno 2008 dopo un lungo lavoro di mediazione da parte dell'Egitto[24]

Hamas per parte sua afferma che la tregua è stata rotta dalle forze israeliane il 4 novembre 2008 con l'uccisione di sei suoi militanti e con il blocco dei convogli umanitari. Da parte palestinese, per altro, il lancio di razzi contro il territorio israeliano è stato motivato dalla violazioni della tregua di parte israeliana[25][26][27][28], violazioni che nel periodo della tregua hanno portato all'uccisione di 19 palestinesi[29], la maggior parte dei quali durante gli attacchi aerei israeliani dell'inizio di novembre.

Inoltre molti commentatori, sia dopo che prima dell'azione, hanno collegato l'Operazione alle vicine elezioni israeliane del 10 febbraio, ipotizzando che i candidati dei tre principali schieramenti (Kadima, Laburisti e Likud), temessero di poter perdere i propri consensi a causa di un comportamento percepito dalla pubblica opinione come troppo "morbido" nei confronti di Hamas.[30][31][32][33][34][35][36]

Ufficialmente le forze armate israeliane mirano quindi a distruggere i supporti logistici di Hamas, a eliminare il maggior numero possibile di leader e a rallentarne (se non a prevenirne) il riarmo.[37][38][39][40] La missione militare si pone inoltre l'obiettivo di distruggere la rete di tunnel sotterranei di collegamento con l'Egitto (attraverso i quali avviene anche il contrabbando di generi di consumo e di cibo, soprattutto durante i periodi di chiusura dei varchi con Israele), per impedire l'approvvigionamento di armi da parte di Hamas e delle altre fazioni paramilitari.

Hamas ha definito l'operazione "massacro di Gaza" (in arabo مجزرة غزة‎), e tale definizione è stata ripresa da numerosi media del mondo islamico.[41][42][43][44][45][46][47][48][49][50]

Hamas, pur continuando a negare il diritto all'esistenza di Israele in quanto Stato "occupante" del territorio palestinese[51], reclama la fine del blocco e chiede l'immediata cessazione delle incursioni nel suo territorio, accompagnando tale richiesta con un intensificato lancio di razzi verso gli obiettivi civili israeliani.

Cronologia essenziale[modifica | modifica sorgente]

Situazione precedente[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Conflitto Israele-Striscia di Gaza.

Dopo l'operazione Inverno caldo, avvenuta nei primi mesi del 2008, erano stati avviati alcuni tentativi di mediazione tra le parti, conclusisi all'inizio di giugno con una "calma" mediata dal governo egiziano.

Hamas aveva più volte dichiarato di considerare temporaneo il cessate il fuoco. Durante i primi mesi della "tregua" (questo è il termine usato dai media occidentali) è continuato uno sporadico lancio di razzi verso il territorio israeliano (circa 20 fino all'inizio di novembre, in misura molto minore rispetto alle centinaia al mese precedenti, principalmente effettuati da gruppi armati non sotto il diretto controllo di Hamas[52]) e anche Israele ha continuato a compiere azioni militari nella Striscia, seppur di minore ampiezza rispetto alle operazioni precedenti e senza particolare copertura da parte dei media israeliani ed occidentali.[53]

Colpi di mortaio e razzi Qassam caduti su Israele nel 2008
Andamento delle vittime israeliane (in tutto Israele) e palestinesi (limitate a Gaza) durante il 2008

Ad agosto Ehud Olmert, Primo Ministro dimissionario di Israele, presenta al Presidente palestinese Mahmud Abbas una proposta per la creazione di uno Stato palestinese. Tra le varie condizioni questa prevede che il futuro Stato sia completamente demilitarizzato e senza alcun esercito, che come confini per la Cisgiordania esso osservi il percorso dell'attuale barriera di separazione, tuttavia collegata, tramite un passaggio in territorio israeliano, alla Striscia di Gaza. In cambio dei territori che i palestinesi perderebbero (e su cui si trovano alcuni dei discussi insediamenti israeliani) sarebbe stato ceduto il 5,5 per cento di territorio israeliano nella zona del deserto del Negev, ma quest'ultima cessione sarebbe avvenuta solo dopo che l'autorità palestinese avesse ripreso l'effettivo controllo della Striscia di Gaza, gestita al tempo della trattativa da Hamas. Oltre a questo, la costituzione dello Stato palestinese avrebbe dovuto corrispondere anche a una rinuncia al cosiddetto "diritto al ritorno" nel territorio di Israele da parte dei profughi palestinesi e dei loro discendenti. Il piano è stato respinto in toto dal governo palestinese di Abu Mazen, che, tramite il suo portavoce, ha affermato che l'eventuale Stato avrebbe dovuto avere i confini precedenti al 1967, avere Gerusalemme Est come capitale e prevedere un esercito con cui potersi difendere, mentre alcuni leader di Hamas (che non era stato comunque previsto come interlocutore) hanno affermato che un simile piano non sarebbe mai stato accettato dalla popolazione e quindi non poteva essere preso neppure in considerazione.[54]

Il 5 novembre 2008 un'azione militare israeliana ha ucciso sette uomini di Hamas, che, secondo la versione dell'IDF, stavano preparando un tunnel, partendo da un edificio presente a pochi centinaia di metri dal confine. Il tunnel, secondo le fonti dell'esercito, sarebbe potuto servire per effettuare il sequestro di soldati israeliani. A seguito di queste morti, Hamas ha ripreso il lancio di razzi e di colpi di mortaio, tornando ai livelli precedenti la stipula della tregua. In risposta Israele ha reso più frequenti le chiusure dei valichi e costituito un blocco navale per intercettare le navi eventualmente dirette a Gaza, tra cui quelle contenenti gli aiuti umanitari da parte di diverse ONG.[55][56][57][58][59][60][61][62]

È da notare che l'azione di inizio novembre era stata preceduta da un intensificarsi degli scontri nei Territori Occupati palestinesi tra i coloni israeliani, l'IDF e la popolazione palestinese, con diverse decine di morti, che provocano vibranti proteste da parte dell'Autorità Nazionale Palestinese.[63]

Nel mese di novembre, diverse ONG criticano Israele per la chiusura dei valichi e in questo periodo aumentanto fortemente le prese di posizione critiche nei confronti del suo operato, non limitate alla situazione a Gaza. A fine novembre il Presidente dell'Assemblea Generale dell'ONU, Miguel d'Escoto Brockmann, durante un incontro nell'ambito della Giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese, ha paragonato la condizione dei palestinesi all'apartheid del Sudafrica. I rappresentanti di Israele hanno protestato, accusando il reverendo D'Escoto di "odiare Israele".[64][65] Pochi giorni dopo, il 4 dicembre 2008, il Consiglio per i diritti umani dell'ONU, per voce di Richard Falk (rappresentante delle Nazioni Unite per i diritti umani nei territori palestinesi), dopo due anni di ricerche sul territorio israeliano, ha prodotto un rapporto in cui, tra le altre cose, si chiedeva a Israele di rimuovere il blocco alla Striscia di Gaza, affermando che la Corte Penale Internazionale avrebbe dovuto indagare sul fatto e accusando lo Stato ebraico di aver violato i termini della tregua, causando il deteriorasi dei rapporti con Hamas.[66][67][68] Secondo quanto riferito nel marzo 2009 da The Guardian, sempre in questo periodo, un rapporto confidenziale dell'Unione Europea (datato 15 dicembre 2008, pochi giorni prima del termine della tregua), della cui copia il quotidiano britannico sarebbe venuto in possesso, avrebbe accusato Israele di mettere in atto politiche edilizie estremamente favorevoli nei confronti della popolazione ebraica e discriminatorie nei confronti di quella palestinese, atte a favorire l'annessione da parte di Israele di Gerusalemme Est e l'ulteriore espansione di insediamenti nei territori occupati.[69][70]

Il 13 dicembre il governo di Israele annuncia che è disposto a prolungare la tregua, a patto che Hamas accetti le sue condizioni.[71] Il giorno successivo i rappresentanti al Cairo di Hamas hanno proposto di tornare agli accordi originali: Hamas avrebbe interrotto il lancio di razzi verso Israele, ma questo avrebbe aperto i varchi di frontiera, rimosso le limitazioni ai traffici commerciali e non effettuato più operazioni a Gaza.

Il 20 dicembre Hamas ha dichiarato ufficialmente che non avrebbe esteso la tregua, accusando Israele di averla violata e portando come motivazione la non rimozione dell'assedio e il blocco degli aiuti umanitari.[72][73] Le autorità israeliane hanno sostenuto di aver iniziato a rimuovere i blocchi, ma di averli ripristinati per via del fatto che erano nuovamente iniziati i lanci di razzi e il traffico di armi.[74]

Alla riunione del governo israeliano del 21 dicembre, Yuval Diskin, il comandante della Shin Bet (l'agenzia di sicurezza interna israeliana), ha confermato di essere stato a conoscenza di richieste di Hamas, affermato che, pur avendo incrementato il lancio dei razzi, Hamas era "interessato a proseguire con la tregua, ma vuole ampliarne i termini"... "Vuole che venga rimosso l'assedio [di Gaza], la cessazione degli attacchi e l'estensione della tregua anche alla [Cisgiordania]"[75] le stesse richieste (una tregua comprendente tutti i territori palestinesi) sono state poi avanzate anche dal ministro palestinese Mustafà Barguti.[76]

Il 23 e 24 dicembre alcuni esponenti di Hamas, tra cui Mahmoud al-Zahar (uno dei cofondatori del gruppo e ministro degli esteri designato dopo la vittoria elettorale del 2006) sostengono in interviste con media occidentali e vicino-orientali la possibilità di rinnovare la tregua, a patto che Israele cessi gli attacchi[77]. In occasione di queste dichiarazioni viene anche confermata una tregua di 24 ore nel lancio dei razzi, per permettere l'apertura dei valichi con l'Egitto per il transito di aiuti umanitari.[78]

Nel frattempo vengono incrementate le azioni dell'esercito israeliano, che muove alcuni mezzi corazzati nella zona di confine della striscia di Gaza. Il 23 e il 24 dicembre le forze militari israeliane effettuano alcuni raid nella Striscia, causando la morte di alcuni miliziani di Hamas e di alcuni civili palestinesi.[77] Queste azioni causano in risposta nei giorni seguenti un ulteriore aumento del lancio di razzi e di colpi di mortaio da parte di Hamas.

In occasione del Natale, la comunità cristiana di Gaza protesta per la mancata concessione della maggior parte dei permessi per recarsi in pellegrinaggio a Betlemme e per il mancato passaggio degli aiuti umanitari.[79][80]

A fine dicembre, contemporaneamente all'inizio dell'operazione, media vicini ai movimenti palestinesi, in risposta alle accuse rivolte ad Hamas di aver violato per prima la tregua effettuate dal governo israeliano e riprese dalla maggior parte dei media occidentali, hanno denunciato che durante la tregua gli interventi dell'IDF nella Striscia di Gaza avrebbero causato la morte di 49 persone, tra cui diversi bambini, accusando quindi Israele di essere stata la prima a violarla.[81]

Durante gli ultimi giorni della tregua e subito dopo il suo termine i rapporti tra il governo israeliano e il governo palestinese di Abu Mazen sono stati altalenanti. Ad inizio dicembre il ministro degli esteri Tzipi Livni, ha dichiarato che dopo l'eventuale costituzione di uno Stato palestinese, alla popolazione araba di cittadinanza israeliana (circa 1.400.000 persone) verrà chiesto di trasferirsi in questo, suscitando le proteste dei deputati arabo-israeliani alla Knesset e del presidente palestinese, che ha definito le dichiarazioni "un ostacolo al processo di pace".[82] Pochi giorni dopo, in occasione della Festa islamica del Sacrificio, Israele, come forma di conciliazione tra i due governi, annuncia la liberazione di 227 detenuti palestinesi (sui circa 11.000 detenuti nelle prigioni israeliane), la maggior parte residenti in Cisgiordania, affermando (in risposta alle critiche interne al paese verso questa scelta) che nessuno di questi in passato aveva agito contro cittadini israeliani.[83]

27 dicembre: inizio dei bombardamenti[modifica | modifica sorgente]

L'operazione è scattata il 27 dicembre 2008 (11:30 ora locale, 9:30 UTC) dopo il completamento della raccolta di informazioni di intelligence, proseguita per un periodo di tempo imprecisato. La prima parte dell'azione è consistita nell'abbattimento da parte dell'aviazione di vari punti di alto profilo militare e altri obiettivi sospettati di essere legati al governo di Hamas.[37][39][84]

Bombardamenti israeliani su Gaza

Nel primo giorno di bombardamenti i morti vengono stimati, a seconda delle fonti, tra i 200 e i 300, e questo viene considerato da fonti e dai media palestinesi come il giorno con più caduti nei 60 anni di conflitto aperto (è stato rinominato da queste il Sabato nero del massacro). I feriti vengono stimati da fonti mediche palestinesi in circa 700.[85][86][87] Tra gli obiettivi colpiti nelle prime fasi degli attacchi gli edifici della pubblica amministrazione e delle forze dell'ordine dipendenti dal governo di Hamas. Tra questi ultimi una caserma di polizia in cui stava avvenendo la cerimonia di diploma per i nuovi ufficiali, nel cui bombardamento sono morte circa 40 persone[88], tra cui il comandante della polizia di Gaza, Tawfiq Jaber (alla fine del conflitto saranno 230 i morti tra i membri delle forze dell'ordine dipendenti dal governo di Hamas).[89][90]

Già al secondo giorno dell'intervento armato sono 240 gli obiettivi colpiti dall'aviazione israeliana, tra i quali caserme, depositi di munizioni, zone di lancio di razzi e decine di tunnel.[91] Colpita anche l'università islamica di Gaza[92] nei cui laboratori, secondo l'intelligence israeliana, avveniva la messa a punto di armi [93] ed alcuni moli del porto.[94]

Intanto, dalla Striscia di Gaza continua il lancio di razzi Qassam e Grad sul sud d'Israele, che nel primo giorno causano una vittima e diversi feriti.[95][96]

Prima che Israele cominci l'azione di terra, Hamas inizia i regolamenti di conto all’interno della Striscia di Gaza. Secondo il Jerusalem Post, che cita fonti della stessa Hamas, il movimento uccide 35 palestinesi, membri del Fath, accusati di essere spie.[97] La tensione tra i due gruppi era già elevata precedentemente (già dal 27 dicembre sono stati gambizzati 75 esponenti del Fath[senza fonte]), a causa degli scontri che portarono la fazione di Abu Mazen ad essere estromessa dalla Striscia di Gaza.

Nell'arco di tempo che va dal 31 dicembre 2008 al 3 gennaio 2009, i raid di Israele uccidono diverse figure di rilievo di Hamas, tra cui il leader Nizar Rayyan, oltre a un non meglio precisato alto comandante del braccio armato di Hamas.[98]

3 gennaio: attacco via terra[modifica | modifica sorgente]

Successivamente, all'alba della mattina del 3 gennaio 2009, Israele ha cominciato a colpire Hamas con colpi di artiglieria, provenienti da mezzi stanziati a poche centinaia di metri dal confine con Gaza, preannunciando un'azione di terra. Già il 3 gennaio a Gaza il sistema sanitario era collassato; a 250.000 abitanti mancava l'elettricità mentre l'acqua corrente era disponibile a intermittenza ed essendo stato colpito il principale canale fognario gli scoli hanno invaso le strade.

Alle 20:00 circa (ora locale) del 3 gennaio, le truppe israeliane sono penetrate con carri e mezzi blindati di vario tipo all'interno della Striscia di Gaza da tre punti, dando inizio ai primi scontri a fuoco, e riuscendo ad assumere il controllo di alcune postazioni di lancio dei razzi Qassam.[99]

L'esercito israeliano ha aperto una pagina sul sito internet di condivisione di video YouTube, rendendo di pubblico dominio alcune fasi del suo intervento nella Striscia di Gaza.[100][101][102][103]

Nella mattina successiva all'inizio dell'azione di terra, le forze speciali dello Stato d'Israele sono penetrate fin nella zona urbana periferica di Gaza, in particolare nella frequentata area commerciale, uccidendo anche alcuni civili.[104] I raid d'Israele hanno ucciso più di 400 persone, sia civili e miliziani di Hamas sia alcuni dei propri soldati per errore, e i razzi di Hamas hanno fatto 30 feriti e inflitto alcune imprecisate perdite alla parte israeliana. Combattimenti hanno avuto luogo nelle zone di Beit Hanun e Beit Lahia e si sono verificati scontri a fuoco all'altezza di Jabàlya, nel nord, e nel quartiere di Zeytun, a est della città di Gaza.[105] Quest'ultima è stata complessivamente isolata dal sud del territorio, privando così i combattenti di Hamas di eventuali rifornimenti di armi e munizioni.

La città di Gaza è stata totalmente accerchiata dalle forze armate israeliane, mentre violenti scontri si sono sviluppati a Dayr al-Balah e Bureyj, nella zona centrale della Striscia. Altri combattimenti sono scoppiati nel campo profughi di Jabaliya, a Nord della città di Gaza. Qui è stata segnalata l'uccisione di un capo militare di Hamas, Iman Siam.[106]

L'azione militare israeliana si è estesa alla città di Khan Yunis, situata a sud della Striscia di Gaza, considerata roccaforte di Hamas. Nel contempo è proseguito il lancio di razzi verso Israele che si sono spinti fino alla cittadina di Gedera, a 30 km da Tel Aviv.

Reazioni internazionali al conflitto

██ Israele-Striscia di Gaza

██ Stati che hanno appoggiato la posizione di Israele e il suo diritto a difendersi

██ Stati che hanno condannato solo l'azione di Hamas

██ Stati che hanno appoggiato la posizione di Hamas e il suo diritto ad azioni di resistenza

██ Stati che hanno condannato solo l'azione di Israele

██ Stati che hanno chiesto la fine delle ostilità, e condannato entrambi gli schieramenti

██ Stati che non hanno espresso opinioni

6 gennaio: la scuola dell'UNRWA[modifica | modifica sorgente]

Il 6 gennaio 2009, un raid israeliano colpisce una scuola ONU adibita a rifugio per civili, dalla quale si riteneva fossero partiti lanci di razzi[107]. Il numero delle vittime è stimato essere circa 40 e i feriti circa 50, e immediata è la reazione di Ban Ki Moon, Segretario Generale dell'ONU, che chiede un'indagine sull'avvenimento. L'esercito israeliano dichiara di non essere stato a conoscenza della presenza di civili in quell'edificio, e dispone un'inchiesta: al termine della stessa, il 15 gennaio, afferma di ritenere eccessivo il numero dei deceduti conteggiati dalle fonti internazionali (43), sostenendo che 21 dei caduti sarebbero stati noti, e tra questi vi sarebbero stati diversi militanti di Hamas (due sarebbero stati identificati subito, sempre secondo fonti dell'IDF). Le indagini dell'ONU hanno invece fin dal primo momento sostenuto che non vi sarebbero stati lanci di razzi dall'edificio e che la posizione di questo era nota da tempo ad Israele, mentre sarebbero state raccolte dai media testimonianze non verificate, sia a favore sia contro la loro presenza nell'area dell'edificio della scuola.[108][109][110][111]

Nei giorni seguenti l'ONU, per voce di John Ging, direttore esecutivo dell’Unrwa a Gaza, corregge quanto sostenuto fino a quel momento: "nessuno all’interno della scuola è stato ucciso dai proiettili israeliani". La notizia, apparsa a firma di Patrick Martin sul quotidiano canadese The Globe[112], viene ripresa da molti altri giornali[113][114]. I circa 40 morti infatti sarebbero avvenuti nelle strade intorno alla scuola, colpite dall'attacco, ma parte di questi sarebbero stati civili che in quel periodo erano stati ospitati nell'edificio e questo fatto avrebbe causato la falsa convinzione che questi siano stati colpiti all'interno dello stesso. Ging ha anche affermato che il filmato mostrato come prova da Israele, relativo alla presenza di alcuni miliziani nel giardino della scuola (che avrebbero motivato l'attacco nella zona), era materiale già visionato dall'ONU ed era in realtà risalente al 2007.

La diplomazia al lavoro[modifica | modifica sorgente]

Gli sforzi diplomatici si susseguono incessantemente, vedendo impegnati i leader dei governi europei, in primis Nicolas Sarkozy, l'egiziano Hosni Mubarak e gli USA, ma non ottengono grandi risultati, poiché da un lato Hamas non accetta alcuna tregua, dall'altro il Ministro degli Esteri designato israeliano Tzipi Livni sostiene la contrarietà del suo Governo alla cessazione degli attacchi da parte del proprio esercito, fino a compimento della missione.[115]

Nel frattempo, una parte della dirigenza di Fath, che mantiene il controllo della Cisgiordania, dichiara che il popolo palestinese non è pronto per un'altra intifada, ed alcuni ammettono di aver anche festeggiato la disarticolazione di Hamas in seguito all'attacco israeliano[116].

Accogliendo le pressanti richieste della Comunità Internazionale, il 7 gennaio 2009, il governo israeliano concede una tregua di tre ore al giorno per consentire l'apertura di un corridoio umanitario.[117]

8 gennaio: la risoluzione ONU[modifica | modifica sorgente]

L'8 gennaio, il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha approvato la risoluzione 1860 che chiede un immediato cessate il fuoco e il ritiro delle truppe israeliane, con 14 dei 15 Stati membri a sostegno della risoluzione e un'astensione (Stati Uniti).[118] Sia Hamas che Israele hanno respinto la richiesta. Il Primo ministro israeliano Ehud Olmert ha definito la risoluzione "impraticabile" a causa del continuo lancio di razzi dalla Striscia, mentree Ayman Taha, portavoce di Hamas, ha accusato le Nazioni Unite di "non tenere conto degli interessi del nostro popolo".[119] Olmert successivamente affermerà di aver personalmente telefonato al presidente statunitense George W. Bush, per chiedergli l'astensione degli Stati Uniti nella votazione all'ONU.[36]

18 gennaio: Conferenza a Sharm el Sheikh e avvio alla tregua[modifica | modifica sorgente]

Nella serata del 17 gennaio il gabinetto di sicurezza dello Stato di Israele ha annunciato un "cessate il fuoco" unilaterale nella Striscia di Gaza, precisando di aver realizzato e superato gli obiettivi prefissati dell'Operazione Piombo fuso. Cesseranno dunque i bombardamenti, i colpi di artiglieria e le incursioni, ma l'esercito non abbandonerà l'area finché verranno lanciati ordigni.[120] Hamas inizialmente non riconosce questa tregua, in quanto nessuna delle sue proposte (tregua di un anno, con possibilità di rinnovo, qualora Israele abbandoni la Striscia entro 5-7 giorni e ponga fine al blocco della Striscia di Gaza) è stata presa in considerazione.[120]

Il 18 gennaio 2009 si svolge la Conferenza di Pace di Sharm el Sheikh, fortemente voluta dai governi occidentali e dall'egiziano Mubarak, che porta all'accettazione della tregua da parte d'Israele e del ritiro da Gaza a patto che i confini siano sorvegliati per evitare il contrabbando d'armi, e anche all'apertura di Hamas nei confronti di una tregua di una settimana se, in questo stesso periodo di tempo, Israele completerà il ritiro del proprio esercito.[121]

Dopo ventidue giorni il bilancio complessivo del ministero della Sanità di Gaza, gestito da Hamas, ha annunciato che le vittime sono 1203 di cui 410 bambini, i feriti invece 5300. Da parte israeliana si calcolano invece 13 vittime israeliane, di cui tre civili e quasi 200 i feriti.[120]

L'evoluzione della tregua[modifica | modifica sorgente]

Il bilancio, dopo la tregua, continua ad aumentare: nei primi tre giorni di tregua personale della Mezzaluna Rossa hanno estratto dalla rovine circa 100 cadaveri, molti dei quali in avanzato stato di decomposizione.[122]

Inoltre, anche dopo la proclamazione della tregua Israele ha ucciso un ragazzo palestinese e ferito un altro a Khan Yunis, dove delle navi da guerra hanno cannoneggiato uno spazio aperto; a est di Gaza e a Jabalia elicotteri hanno lanciato bombe al fosforo bianco su un quartiere residenziale[123][124][125][126][127][128][129][130]

Secondo un rapporto della Croce Rossa Internazionale del 20 gennaio, sarebbero almeno 80.000 i palestinesi rimasti senza casa a causa del conflitto e le distruzioni sarebbero state generalizzare. La Croce Rossa nello stesso rapporto ha rimanrcato che la distruzione delle precedenti settimane andava ad aggravare una situazione che già precedentemente era critica da un punto di vista umanitario e che durava da 18 mesi.[131]L'Unrwa ha chiesto di aprire i valichi perché possano arrivare a Gaza aiuti e materiale per la ricostruzione, ma Tzipi Livni ha respinto la richiesta pretendendo in cambio la liberazione di Ghilad Shalit.[senza fonte] Tra le proprietà distrutte anche molti uliveti e campi coltivati, oltre che diverse strade. Prime stime valutano in 4000 il numero delle abitazioni completamente distrutte (a cui va ad aggiungersi un numero imprecisato di case danneggiate), oltre a 1500 fabbriche o laboratori e 20 moschee.[122][132]

Al vertice economico di Madinat al-Kuwait del 19 l'Arabia Saudita ha annunciato una donazione di un miliardo di dollari per la ricostruzione; Qatar e Siria proponevano la creazione di un fondo che coinvolgesse tutte le fazioni palestinesi, ma hanno ottenuto solo un comunicato, considerato generico, in cui si cita la possibilità di azioni legali internazionali contro Israele per crimini di guerra. [senza fonte]

Obiettivi dell'operazione militare e tipologia dell'attacco[modifica | modifica sorgente]

Bersaglio dell'offensiva israeliana sono i tunnel di collegamento con l'Egitto da cui vengono contrabbandate sia le armi, sia il cibo ed altri prodotti di prima necessità (questi ultimi soprattutto durante i periodi in cui i varchi di accesso a Gaza sono chiusi), nonché i siti da cui partono i razzi che da 8 anni colpiscono obiettivi civili in Israele. Secondo l'IDF questi ultimi sarebbero volutamente collocati da Hamas in prossimità di scuole, mercati, moschee, e altri luoghi ad alta densità di popolazione civile, allo scopo di farsene scudo e questo motiverebbe l'elevato numero di edifici civili colpiti durante le operazioni militari.[133]

Violazioni dei diritti umani[modifica | modifica sorgente]

Sono state riportate numerose violazione dei diritti umani sia da parte dei militari di Israele, sia da parte degli uomini di Hamas

Israele[modifica | modifica sorgente]

Nelle fasi finali del conflitto, durante l'offensiva di terra, si sono registrati casi (in parte verificati anche dalle indagini successive dell'ONU[134]) in cui i soldati dell'IDF hanno fatto uso di alcuni bambini come scudi umani, facendoli camminare di fronte ai loro mezzi. In altri casi alcune famiglie sarebbero state sequestrate e tenute rinchiuse nelle loro case, che venivano impiegate dai soldati israeliani come base per le operazioni e come punto di osservazione per i cecchini.[135] Dubbi e forti critiche al comportamento di membri dell'esercito sono state successivamente poste anche da alcuni degli stessi soldati che hanno partecipato all'operazione, poche settimane dopo la fine di questa. Stando a quanto riportato dai media principalmente venivano criticate la quasi nulla considerazione per la vita dei civili palestinesi, la tendenza da parte di molti soldati ad equiparare tutta la popolazione della Striscia con i terroristi e una certa impostazione religiosa della guerra che giustificava l'operazione nell'ottica di una più generale espulsione dei "gentili" della terra promessa.[136][137] Sulle motivazioni religiose che hanno esasperato alcuni comportamenti tenuti da militari israeliani durante le azioni, hanno avuto importanza le incitazioni dei rabbini militari che avrebbero incitato esplicitamente alla "Guerra Santa" per l'espulsione dei non ebrei dallo Stato di Israele[138]. Questa esaltazione del tema religioso ha radici profonde, in quanto anche in altre circostanze ci sarebbero state analoghe incitazioni, in alcuni casi finite davanti alla giustizia militare israeliana[139].

Nel luglio del 2009 l'ONG israeliana Breaking the Silence (in parte composta da ex soldati) ha pubblicato un report, contenente le testimonianze anonime di 54 soldati, che avrebbero preso parte all'operazione, i quali denunciavano l'uso da parte delle forze armate israeliane di civili palestinesi come scudi umani, la massiccia demolizione di edifici in generale una scarsa considerazione per l'incolumità dei civili. Una delle testimonianze riporta che alle truppe era stato consegniato un pamphlet, con il simbolo dell'esercito, che paragonava i palestinesi ai nemici storici di israele, i Filistei. Le autorità israeliane hanno respinto le accuse, ritenendole non credibili, ed evidenziando come l'anonimato delle testimonianze riportate e l'assenza di una comunicazione preventiva da parte dell'ONG prima della pubblicazione abbia impedito alla difesa di effettuare eventuali verifiche sulla realtà o meno delle dichiarazioni riportate nel report.[140][141][142][143]

Hamas[modifica | modifica sorgente]

Secondo varie fonti, tra le quali Amnesty International, le forze di Hamas avrebbero compiuto sia durante che dopo l'operazione Piombo fuso torture, sequestri ed uccisioni nei confronti di sospetti collaborazionisti di Israele, nella misura di alcune decine di persone[144]. Sono state colpite, oltre a singole persone, anche organizzazioni della società civile come One Voice, che ha visto anche devastati i suoi uffici e sequestrati computer ed archivi[145]. Dopo le intimidazioni e visto che il lavoro continuava a casa dei collaboratori, Hamas ha imposto di richiedere uno proprio specifico permesso a chi volesse continuare a lavorare, e One Word sei mesi fa ha chiuso i propri lavori a Gaza.

La relazione dell'ONU[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre 2009 è stata presentata la relazione[146] della missione dell'ONU che dall'aprile 2009 ha indagato sul conflitto. Secondo quanto riferito dal presidente Richard J. Goldstone (ex giudice costituzionale del Sud Africa, ex membro del Board of Governors dell'università ebraica di Gerusalemme[147][148]) vi sarebbero state violazioni dei diritti umani da entrambe le parti, pur riservando le critiche maggiori all'operato delle forze armate israeliane, ritenute responsabili di aver deliberatamente colpito dei civili in più occasioni.[149][150][151]

Oltre alle critiche per le azioni di guerra vere e proprie, vengono criticate nel rapporto anche le esecuzioni sommarie e gli arresti effettuati al di fuori delle norme di legge dalle forze palestinesi nei confronti degli appartenenti a gruppi rivali sia a Gaza che nel West Bank, e le azioni di repressione delle espressioni di dissenso e di critica da parte di Israele.[151]

La missione dell'ONU ha anche chiesto al Consiglio di ordinare ad Israele e Hamas (quest'ultimo in quanto autorità che controlla Gaza) di effettuare ulteriori e più credibili indagini su queste violazioni e di riferire tra sei mesi i risultati di queste.[150][151] Nel rapporto si chiede anche alle autorità palestinesi l'immediato rilascio di Ghilad Shalit.

Le autorità di Gaza legate ad Hamas, che avevano offerto la loro collaborazione durante le investigazioni, hanno comunque criticato il rapporto, definendolo "politico, sbilanciato e disonesto" ("political, unbalanced and dishonest"), affermando che mette sullo stesso piano chi comemtte i crimini e chi cerca di resistervi[151][152]. Israele, che aveva rifiutato di collaborare con la missione dell'ONU impedendo ai suoi ricercatori l'accesso al sud del paese e a Gaza (personale poi transitato per l'Egitto[150]), ha criticato i risultati, affermando che sono "chiaramente di parte" ("clearly one-sided")[151], e ha contestato il numero delle vittime, almeno 1400 secondo il rapporto dell'ONU, ritenute dalle autorità israeliane solo 1166.[153]

Oltre a Goldstone la missione comprendeva membri provenienti dall'Irlanda, dalla Gran Bretagna e dal Pakistan.[148] Diversi commentatori pro-israeliani hanno pesantemente criticato il rapporto e direttamente Richard Goldstone, che è stato definito dal suo collega Alan Dershowitz come un "traditore degli ebrei"[154].

Nell'ottobre 2009 il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha votato a maggioranza il rapporto Goldstone, con 25 stati a favore, 6 contrari e 11 astenuti. Il ministro dell'interno israeliano Eli Yishai ha definito la votazione "una decisione anti-israeliana presa da un organismo anti-israeliano" affermando anche che "L' esercito israeliano ha usato i guanti di velluto sui civili di Gaza". I media hanno riportato notizie di azioni diplomatiche da parte di Stati Uniti e Italia (contrari alle tesi del rapporto) per influenzare e spostare voti dei paesi che si erano inizialmente dichiarati favorevoli, verso un voto contrario o l'astensione.[155][156]

Negli ultimi giorni di gennaio 2010 Israele, per voce del ministro dell'informazione Yuli Edelstein, ha fatto sapere che non collaborerà a creare una commissione indipendente per indagare su eventuali crimini di guerra commessi durante l'operazione, ma fornirà all'ONU un proprio rapporto sulle indagini interne svolte dal personale delle sue forze armate.[157][158] Il rapporto, di 46 pagine, è stato poi consegnato alcuni giorni dopo.[159][160]

Anche Hamas ha consegnato all'ONU un suo rapporto sugli avvenimenti. In questo l'uccisione di tre civili da parte di un razzo, citata nel rapporto, viene definita un "errore", e viene affermato che l'obiettivo erano alcuni "impianti militari ubicati nelle città sioniste". L'affermazione ha ricevuto pesanti critiche da parte israeliana.[161][162]

Nel luglio 2010 Israele ha prodotto una nuova relazione in risposta al rapporto di Goldstone[163]. In questa relazione le autorità israeliane affermavano di aver aperto 150 indagini relativamente ad azioni di cui erano accusate le forze dell'IDF, di aver effettuato 47 indagini penali e di aver iniziato quattro processi nei confronti di altrettanti soldati per alcuni fatti indipendendi tra di loro[164].

Il 21 settembre 2010 una commissione di esperti indipendente, creata su mandato del consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite e presieduta dal giurista tedesco Christian Tomushat, ha valutato come indedeguate le indagini di Israele e di Hamas. Secondo quanto riportato, le inchieste sarebbe rimaste per larga parte incomplete e ben lontane dagli standard internazionali richiesti: Israele avrebbe impostato le indagini in modo parziale, negando la sua collaborazione all'operato investigativo dell'ONU, e avrebbe concentrato le punizioni, quando presenti, solo nei confronti degli ufficiali di basso rango; Hamas non avrebbe effettuato nessuno sforzo per rispondere alle accuse che gli erano rivolte dal rapporto Goldstone, non riuscendo peraltro a dimostrare l'asserita liberazione dei prigionieri politici e la persecuzione di chi si era reso responsabile di crimini.[165][166][167][168][169]

Guerra psicologica[modifica | modifica sorgente]

I bombardamenti israeliani sono preceduti da lancio di volantini o da chiamate in arabo sulla linea telefonica, ufficialmente per garantire alla popolazione civile un margine di tempo per mettersi in salvo. Secondo alcune fonti in risposta i palestinesi spesso affollerebbero i tetti degli edifici bersagliati, nella speranza di non farli bombardare.[170] L'ONU ha rilevato che in alcuni casi l'attacco avviene tuttavia solo dopo alcuni minuti dall'avviso [171] Data l'alta densità abitativa della Striscia di Gaza il lancio di volantini rendeva spesso impossibile determinare quale fosse il bersaglio. Sia Amnesty International sia le Nazioni Unite hanno sostenuto che nelle aree densamente popolate della Striscia di Gaza di fatto non esistono "aree sicure" in cui i civili possano rifugiarsi dopo aver ricevuto l'avvertimento.[172][173][174]

Diverse ONG e gruppi per i diritti umani, tra cui il Palestinian Centre for Human Rights, hanno definito questi avvisi preventivi in cui viene annunciata la distruzione delle abitazioni (ed ovviamente di tutti i beni contenuti), uniti all'impossibilità di trovare rifugio efficace e all'incertezza dei tempi dell'attacco, una forma indiretta di guerra psicologica. È stato anche riportato l'uso di messaggi sui telefoni e interferenze delle stazioni radio da parte di Hamas, per annunciare il lancio di razzi.[175][176][177][178]

Utilizzo di fosforo bianco[modifica | modifica sorgente]

L'ONU ed organizzazioni umanitarie come Human Rights Watch sostengono che munizioni come queste, usate da Israele, siano a base di fosforo bianco.

Israele[modifica | modifica sorgente]

Le Nazioni Unite,[179], Human Rights Watch,[180][181][182] l'organizzazione israeliana per i diritti umani B'Tselem,[183] il ministero della salute di Gaza,[184] la Croce Rossa Internazionale,[185] John Ging dell'UNRWA,[186] e Amnesty International[187] hanno affermato che l'esercito israeliano ha fatto uso di fosforo bianco durante il conflitto. Israele ha prima negato le accuse[188], ma successivamente ha ammesso di averne impiegato[189][190], affermando però che l'uso delle armi impiegate dall'IDF nel conflitto era "compatibile con la legge internazionale"[191], che le permettono a scopo d'illuminazione o cortina fumogena, ma le vietano nell'uso contro i civili. Ricerche condotte da Amnesty International a Gaza hanno portato all'identificazione dei numeri seriali su resti di bombe al fosforo, che ne dimostrano la produzione statunitense.[192]

L'organizzazione non governativa israeliana NGO Monitor (ritenuta da diverse fonti filo-israeliana[193][194]) ha criticato le accuse, sostenendo che queste erano basate solo su testimonianze oculari non verificabili.[195] Amnesty International ha risposto alle critiche del NGO sostenendo che le loro affermazioni erano sostenute dal parere di esperti in armi[196], mentre l'ONU ha affermato che le sue accuse si basavano direttamente sul ritrovamento di ordigni inesplosi[179], tra cui quelli utilizzati contro un deposito alimentare delle stesse Nazioni Unite, incendiato proprio dal bombardamento con il fosforo[197] (operazione che ha causato la distruzione di 1000 tonnellate di cibo ed ha attirato le critiche di molte nazioni).

Israele ha ammesso di aver utilizzato tendìne fumogene al fosforo bianco, a scopo di illuminazione, durante l'Operazione Piombo fuso. Se non usato direttamente contro civili, il fosforo bianco non è una componente vietata nelle armi.[198]

Il 2 febbraio 2009 una squadra speciale dell'ONU, la Mines Action Team, che ha il compito di bonificare la Striscia di Gaza dal materiale inesploso, nell'ambito delle sue operazioni aveva avuto accesso ad un deposito in cui erano state accumulate dalle forze di sicurezza della Striscia (principalmente dipendenti da Hamas) diverse bombe inesplose e numerose munizioni: tra queste 3 bombe da 2000 libbre (circa 900 kg), 8 da 500 libre (circa 225 kg) e una grande quantità di munizioni da 155 mm impiegate per i proiettili incendiari al fosforo bianco.

Secondo quanto riportato dai media sabato 14 febbraio gli esperti dell'ONU, tornando al deposito (custodito della polizia di Hamas), l'avrebbero trovato quasi completamente vuoto. L'esercito israeliano ha accusato Hamas di esserse responsabile della sparizione, mentre gli esperti dell'ONU si sono detti preoccupati in quanto il materiale è estremamente pericoloso e potrebbe facilmente essere innescato anche per errore, augurandosi che venga restituito il prima possibile.[199][200][201] Il Mines Action Team, pur essendo presente a Gaza, al momento della sparizione, da circa tre settimane non aveva ancora iniziato le operazioni per rendere inattivo l'esplosivo, in quanto attesa dei permessi da parte del governo israeliano per il passaggio dell'equipaggiamento necessario e per la definizione del luogo dove depositare in sicurezza il materiale.[202]

Nel documento prodotto in risposta al rapporto Goldstone dell'ONU, il governo israeliano ha affermato di aver effettuato una reprimenda nei confronti di due alti ufficiali dell'IDF per aver "abusato della loro autorità in un modo che ha messo a rischio la vita di altri" ("exceeding their authority in a manner that jeopardized the lives of others"[154]). I due ufficiali erano responsabili dell'aver ordinato un lancio di centinaia proiettili al fosforo bianco (con lo scopo ufficiale di creare una cortina fumegena che agevolasse la ritirata delle truppe) che aveva causato, il 15 gennaio 2009, un incendio in alcuni depositi dell'agenzia delle azioni Unite per i profughi palestinesi, distruggendo diverse tonnellate di cibo destinato alla popolazione ed altri materiali e ferendo un dipendente dell'ONU ed alcuni civili palestinesi. Nelle strutture dell'ONU colpite dall'attacco avevano trovato rifugio alcune centinaia di civili.[154][159][203][204]. Dopo che la notizia è stata diffusa dai media, il governo israeliano ha però smentito di aver preso provvedimenti disciplinari nei confronti di suoi ufficiali.[154] Alcuni media, come la BBC[159], nel riportare la notizia, hanno evidenziato come questa sia una delle prime ammissioni, seppur non esplicita, dell'abuso dei proiettili a fosforo bianco da parte di Israele.

Hamas[modifica | modifica sorgente]

Il 14 gennaio la polizia israeliana ha accusato Hamas di aver lanciato una bomba al fosforo sul territorio israeliano, nei pressi di un campo al confine con Sderot.[205]

Utilizzo di esplosivi densi a metallo inerte[modifica | modifica sorgente]

I giornalisti di RaiNews24[206] e alcuni medici al seguito del dottor Mads Gilbert, ritengono che l'IDF abbia utilizzato una nuova arma sperimentale, nota come DIME. Si tratta di proiettili formati da una struttura esterna in fibra di carbonio, riempita con polvere di tungsteno al posto dei tradizionali shrapnel metallici. Le particelle di tungsteno permettono di sviluppare un'esplosione ad alta temperatura in un raggio di azione molto ridotto, allo scopo di produrre il danno in uno spazio minore. Fonti israeliane hanno negato l'utilizzo di tale arma, nonostante si dica che sia sempre in corso lo sviluppo di armi volte a produrre esplosioni più concentrate e di conseguenza comportanti minori danni collaterali.[207][208][209]

Manifestazioni e proteste[modifica | modifica sorgente]

Proteste contro l'operazione Israeliana a Melbourne, in Australia.

Molte proteste contro Israele sono avvenute in tutto il mondo.[210][211] Manifestanti contro l'azione militare a Londra, Parigi, Oslo, e in altre città si sono scontrati con la polizia.[212] In Cisgiordania, ogni giorno si sono tenute manifestazioni contro gli attacchi israeliani. Alcune manifestazioni sono state molto "violente", con scontri tra persone che lanciavano pietre e forze di sicurezza israeliane. Almeno due palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane in Cisgiordania durante le proteste contro l'offensiva su Gaza: Il 4 gennaio, un uomo tra la folla a Qalqilya, è rimasto ucciso dalle forze di sicurezza israeliane, mentre il 16 gennaio, un adolescente è morto dopo essere stato colpito alla testa durante una manifestazione a Hebron.[213][214] Il Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR) ha riferito che tra il 15 gennaio e il 21 gennaio, 36 persone, tra cui 16 bambini, sono stati feriti dalle forze israeliane nel West Bank in varie proteste contro l'offensiva.[215] Ci sono stati attacchi isolati contro obiettivi ebraici e israeliani nel mondo[216][217]. Più di 300 siti web israeliani, nei primi giorni del conflitto, sono stati attaccati da Hacker che hanno lasciato messaggi anti-israele e anti-USA.[218] In Egitto, le proteste hanno obbligato il governo a riaprire il valico di Rafah per permettere la consegna di cibo e medicinali nella striscia di Gaza.[219]

Manifestazione a favore di Israele a Berlino, in Germania (11.01.2009).

In Israele ci sono state manifestazioni sia a favore che contro gli attacchi.[220] Quasi in 10.000 a New York City l'11 gennaio hanno sostenuto Israele.[221] Negli Stati Uniti, un sondaggio della CNN ha mostrato che il 63 % pensa che l'operazione militare israeliana sia giustificata, inoltre il 75% dei repubblicani e il 52% dei democratici erano a favore dell'azione militare.[222]

La più grande protesta, fino a un milione di persone, si è tenuta a Damasco il 7 gennaio con un evento organizzato dal governo.[223] Il 10 dicembre, una nuova ondata di proteste ha avuto luogo in Europa. A Londra, 50.000 persone hanno marciato verso l'ambasciata israeliana, è stata la più grande manifestazione pro-palestinese nel Regno Unito. A Parigi, 30.000 persone hanno marciato con manifesti che dicevano: "Siamo tutti bambini di Gaza". Ulteriori proteste si sono svolte in tutta Europa.[224][225] Il movimento pacifista israeliano Gush Shalom ha condannato la guerra[226], e ha organizzato una manifestazione di massa a Tel Aviv.[227]

Uso dei media[modifica | modifica sorgente]

La posizione di Israele[modifica | modifica sorgente]

Una delle caratteristiche dell'operazione militare, rispetto a quelle avvenute in passato, è stata l'assenza di media indipendenti e stranieri nella zona del conflitto, Israele ha infatti vietato l'accesso a Gaza ai giornalisti fino ad alcuni giorni dopo il termine delle ostilità. Questa situazione ha portato ad avere come uniche informazioni dirette sugli eventi quelle fornite dall'IDF da una parte e da Hamas e media filo-palestinesi dell'altra, entrambe quindi fonti dichiaratamente schiertate. Secondo alcuni commentatori[228] questa scelta potrebbe essere stata presa per cercare di ottenere un maggiore appoggio da parte dell'opinione pubblica, appoggio che, soprattutto internazionalmente, era venuto a mancare in operazioni simlii come quelle recenti in Libano, proprio a causa delle reazioni dovute alla vista della devastazione portata dai bombardamento. D'altro canto questo blocco ha fatto sì che le uniche immagini che siano uscite dalla Striscia di Gaza durante il conflitto, escluse quelle diffuse dell'IDF tramite i suoi canali ufficiali, fossero quasi esclusivamente quelle volute da Hamas, con il rischio di censure o strumentalizzazioni.

I media hanno riportato anche casi di "operazioni mediatiche", sviluppate durante l'operazione, in collaborazione tra le ambasciate israeliane e le comunità ebraiche in occidente, con lo scopo di aumentare i consensi nei confronti di Israele nelle nazioni dove queste risiedevano.[229]

A fine gennaio Ynetnews (la versione online in lingua inglese del Yedioth Ahronoth, il quotidiano più letto di Israele) ha dato notizia che il Immigrant Absorption Minister of Israel (il ministero dell'immigrazione) avrebbe reclutato un "esercito di bloggers", sia tra gli ebrei immigrati di recente (il 60%), sia tra gli ebrei residenti all'estero, con lo scopo di migliorare l'immagine di Israele in internet (siti web, blog, social network, ecc.). Secondo quanto riportato nell'articolo le persone contattate sarebbero più di 1000, di cui 350 in grado di parlare russo, 250 inglese, 150 spagnolo, 100 francese e 50 tedesco; oltre a queste sarebbero presenti persone in grado di parlare anche portoghese, svedese, olandese, italiano, rumeno, ungherese, polacco, greco, bulgaro, danese, turco-persiano, arabo e cinese. Il direttore del dipartimento di relazioni pubbliche del ministero ha affermato anche che verrà previsto l'uso di questi anche oltre l'immediato periodo post-conflitto.[230]

Sempre relativamente al rapporto tra media e governo israeliano, questo ha chiesto che non fossero pubblicate foto o nomi degli ufficiali impegniate nell'operazione, per evitare che eventuali corti straniere possano aprire procedimenti nei loro confronti per supposte violazioni del diritto internazionale.[231]

La posizione di Hamas[modifica | modifica sorgente]

Per quello che riguarda Hamas l'operazione Piombo Fuso è ovviamente entrata a far parte degli argomenti della propaganda anti-israeliana. Tra le varie azioni anche la "morte" della mascotte del programmi per bambini "Pionieri del domani" di Al-Aqsa TV (la televisione del movimento, il cui edificio è stato bombardato e completamente distrutto durante l'operazione militare[232][233]): il pupazzo Assud, un coniglio gigante, è stato mostrato in un letto d’ospedale mentre, morente a causa delle ferite riportate nei bombardamenti, affermava "Sono qui perché stavo venendo ad Al Aqsa Tv, volevo portarvi regali, libri, riviste e oggetti che appartengono ai bambini di Gaza, ma sono finito nel mezzo d’un bombardamento [...] Cari bambini, il nemico sionista[234] è infido. Uccide ogni cosa. Ma io non avrei mai creduto che sarebbe arrivato a tanto: uccidere i bambini della Palestina e bombardare la loro tivù". Il pupazzo Assud non è la prima mascotte che è stata "fatta morire" da Al-Aqsa con modalità che potessero essere in qualche modo assimilabili a quelle in cui possono morire o essere feriti i palestinesi reali: l'ape Nahul, di cui Assud era il successore, era "morta" dopo aver atteso per ore di attraversare un check point per essere ricoverata in ospedale, mentre il topo Farfur (simile nelle fattezze a Topolino) era stato "ucciso" da un rappresentante di Israele durante un interrogatorio perché si era rifiutato di vendere il terreno della sua famiglia. Ovviamente ogni "morte" veniva poi impiegata nel programma per propagandare tra il pubblico giovanile la richiesta di lottare contro Israele e contro "la sozzura del Sionista"[234], anche a costo della propria vita.[235][236] Il coniglio Assud è stato sostituito pochi giorni dopo dall'orsacchiotto Nassur, che tra i suoi primi interventi ha annunciato il suo arruolamento nelle Brigate Ezzedin al-Qassam, ramo militare di Hamas (presente nella lista delle organizzazioni terroristiche delle principali nazioni occidentali).[237]

Sul conflitto è stato girato un documentario dal titolo To Shoot an Elephant.[238]

Conseguenze politiche[modifica | modifica sorgente]

Come già detto l'operazione militare è avvenuta all'approssimarsi delle elezioni anticipate israeliane e per molti commentatori la sua messa in opera, o per lo meno la sua intensità e l'appoggio unanime delle principali forze politiche israeliane, sono strettamente legata a queste.

Israele[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista elettorale i primi sondaggi dopo il cessate il fuoco del 18 gennaio davano in vantaggio il Likud di Benjamin Netanyahu, che, oltre alle operazioni a Gaza contro Hamas, puntava nella sua campagna elettorale sul rifiuto del ritiro dagli insediamenti illegali nei territori occupati, mentre al secondo posto sarebbe stato il Kadima della ministra degli esteri Tzipi Livni, che non avrebbe avuto un significativo aumenti di voti dopo l'operazione militare, terzo il partito laburista di Ehud Barak.[36] Con l'approsimarsi delle elezioni, e il perdurare dell'instabile tregua, sondaggi successivi mostravano un aumento di voti per il partito nazionalista laico di destra Yisrael Beytenu, retto da Avigdor Lieberman (partito che ha il suo elettorato principalmente tra gli immigrati provenienti dai paesi dell'ex blocco sovietico), voti in parte provenienti da un ulteriore spostamento a destra dell'elettorato del Likud.[239][240][241][242]

I risultati delle elezioni hanno visto vincente Kadima, con 28 seggi, 27 al Likud, 15 al Yisrael Beytenu e solo 13 ai laburisti, che divengono il quarto partito israeliano, situazione che ha reso molto difficoltosa la costituzione di un governo stabile.[243][244] Tzipi Livni non riesce ad ottenere la maggioranza necessaria per poter governare. Al contrario Netanyahu, candidato del Likud, riesce a costituire un'alleanza sia con il Yisrael Beytenu di Avigdor Lieberman che con i laburisti di Ehud Barak, a cui si aggiungono li Shas, e il partito Casa Ebraica, ottenendo una maggioranza di 69 seggi (su 120) il 31 marzo 2009. Il giorno dopo a questa coalizione si sono uniti anche i 5 parlamentari del gruppo di ispirazione religiosa ortodossa Giudaismo unito nella Torah.[245][246]

Nell'ambito delle elezioni si è anche registrata la richiesta da parte dei partiti Yisrael Beytenu e Unione Nazionale di bandire i partiti arabi United Arab List-Ta'al e Balad (al tempo rappresentanti più della metà dei parlamentari israeliani di origine araba) dalle elezioni, richiesta approvata a grande maggioranza dal comitato elettorale. I partiti esclusi, che durante l'operazione militare avevano organizzato manifestazioni contro di essa, sono stati accusati di non riconoscere il diritto all'esistenza di Israele come nazione ebraica e di supportare i gruppi terroristici. I membri del Yisrael Beytenu hanno dichiarato che all'esclusione dalle elezioni del Balad, ritenuto un partito terrorista, sarebbe dovuta seguire la sua dichiarazione come gruppo illegale.[247][248][249] La corte suprema israeliana ha tuttavia annullato la decisione, riammettendo i due partiti alle elezioni, ritenendo la decisione di escluderli infondata e basata su prove inconsistenti ("flimsy evidence").[250]

Rapporti tra le fazioni palestinesi[modifica | modifica sorgente]

I rapporti tra le due fazioni palestinesi Al Fatah e Hamas sono sempre stati problematici, ed il confronto è sfociato in scontro armato in alcune circostanze; inoltre le due fazioni hanno entrambe sistematicamente ignorato il rispetto dei diritti umani, torturando e detenendo arbitrariamente gli avversari prigionieri in loro possesso[251]; la popolazione ha enormemente sofferto della mancanza di un'autorità centrale funzionante, ed è stata impossibilitata ad ottenere quelle garanzie di legalità caratteristiche di un paese civile; per contro i membri delle due fazioni hanno liberamente ed impunemente rapito, torturato e devastato senza che le forze di sicurezza dell'Autorità Nazionale Palestinese intervenissero[252].

Recentemente anche un articolo di InterPress Service della giornalista Cherrie Heywood (Electronic Intifada, 17 novembre 2008), ha fornito un resoconto su torture e matrattamenti compiuti dalle due fazioni sugli avversari,[253] oltre che delle intense pressioni compiute sui giornalisti[254]

I rapporti tra i due gruppi sono rimasti tesi per tutta la durata dell'operazione. Alcuni esponenti di Hamas e dei gruppi filo-palestinesi più estremisti hanno accusato apertamente Fatah di appoggiare, anche solo rimanendo passivi, l'operazione israeliana, nonostante negli ultimi giorni dell'offensiva ci siano state testimonianze che segnalavano la presenza di uomini del braccio armato di Fatah intenti a collaborare con gli uomini di Hamas contro l'IDF.[255] La tensione tra i due gruppi è rimasta tesa anche per il periodo immediatamente successivo al cessate il fuoco, per poi andare rilassandosi durante il febbraio 2009, anche grazie all'opera di mediazione egiziana.

Il 7 marzo 2009 il primo ministro dell'Autorità Nazionale Palestinese, Salam Fayyad, si è dimesso, segnale che è stato interpretato come un'apertura ad un possibile governo di unità nazionale, anche se Hamas ha commentato le dimissioni considerandole conseguenza di contrasti tra Fayyad e il presidente Abu Mazen.[256][257] Fayyad, tra i fondatori del partito La Terza Via e già ministro delle finanze nel breve governo di coalizione della primavera 2007, era stato nominato primo ministro da Abu Mazen nel giugno 2007, al posto di Ismail Haniyeh (politico di Hamas, nominato a seguito delle elezioni del 2006) dopo la crisi che aveva visto la rottura delle relazioni tra i due gruppi e la cacciata da Gaza degli esponenti di Fatah. La legalità della nomina era stata tuttavia più volte posta in dubbio, oltre ad essere stata apertamente criticata da Hamas (che a Gaza ha continuato a riconoscere Haniyeh come primo ministro), non essendo stata ratificata dal Consiglio Legislativo Palestinese (di cui Hamas ha la maggioranza) come prevedevano alcuni articoli della legge palestinese, temporaneamente sospesi dal presidente Mazen.[258][259][260][261]

Il mandato di Abu Mazen è scaduto ufficialmente il 9 gennaio 2009, ma la condizione di guerra non ha ovviamente permesso di effettuare nuove elezioni presidenziali e legislative. Il presidente dell'ANP, data l'impossibilità di svolgere nuove elezioni, ha annunciato un'estensione del suo mandato di un anno, ritenendo che questa decisione sia concorde con la legge palestinese.

Dal canto suo Hamas ritiene invece decaduto il mandato del presidente e considera la carica ufficialmente ricoperta dal portavoce del Consiglio Legislativo Palestinese, Abdel Aziz Duwaik, in base alla legge che prevede, per chi ricopre questo incarico, la presidenza ad interim per 60 giorni dopo la decadenza, le dimissioni o la morte del presidente, termine entro il quale dovrebbero essere svolte le nuove elezioni. Abdel Aziz Duwaik è tuttavia stato arrestato da Israele nell'agosto del 2006 durante l'operazione Piogge estive ed è tuttora detenuto insieme ad altri ministri e parlamentari di Hamas[262].

Hamas, dopo il 9 gennaio, ha comunque affermato che la questione della legittimità o meno della presidenza di Abu Mazen, non rientra nelle sue priorità. [263][264][265]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Senior Jihad man, 14 others die in IDF strikes, Ynet, 29-12-2008
  2. ^ a b c Hamas: We're using PA arms to battle IDF, The Jerusalem Post.
  3. ^ Ibrahim BARZAK, Josef FEDERMAN, Israel blasts Hamas targets, diplomacy gains steam, Associated Press, 3 gennaio 2009. URL consultato il 3 gennaio 2009.
  4. ^ The Institute for National Security Studies", chapter Israel, March 23, 2008.
  5. ^ ABC News: Israeli Troops Mobilize as Gaza Assault Widens, Abcnews.go.com. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  6. ^ Israel tightens grip on urban parts of Gaza. By Nidal al-Mughrabi. Jan. 12, 2009. Reuters.
  7. ^ Israel steps up attacks in Gaza; Hamas indicates it's open to a truce. By Sebastian Rotella and Rushdi abu Alouf. January 13, 2009. LA Times.
  8. ^ a b Hamas rocket team leader killed, Israel says, CNN, 10 gennaio 2009.
  9. ^ Current events. Embassy of Israel in Washington DC. In the middle of the page is a list of 4 Israelis killed by rocket and mortar fire. One was a soldier killed on a military base inside Israel. This explains the confusion in counting civilian and military dead in some articles.
  10. ^ a b (EN) Field update on gaza from the humanitarian coordinator, documento del United Nations Office for the Coordination of Humanitarian Affairs, del 2 febbraio 2009
  11. ^ (EN) "Rocket slams into Ashdod kindergarten". Jan 6, 2009. Jerusalem Post. "Four Israelis have been killed, 10 moderately to seriously wounded, and 29 slightly wounded. Another 144 have been treated for shock."
  12. ^ Corriere - Dubbi sul numero delle vittime: potrebbero essere 600 e non 1.300. La stima, riferita da un medico rimasto anonimo al giornalista del Corriere della Sera, che ipotizzava un possibile aumento del numero delle vittime dichiarato a scopo propagandistico da parte di Hamas, è stata comunque successivamente smentita sia da fonti israeliane che palestinesi e non è stata più citata neppure dal quotidiano stesso.
  13. ^ Nir Magal, Gazan doctor says death toll inflated, Ynet, 22 gennaio 2009.
  14. ^ http://www.news.com.au/perthnow/story/0,21498,24949313-5005361,00.html?from=public_rss
  15. ^ http://www.philly.com/philly/wires/ap/news/nation_world/20090121_ap_lastisraelitroopsleavegazacompetingpullout.html
  16. ^ 23rd Day of Continuous IOF Attacks on the Gaza Strip. 18 January 2009. Palestinian Center for Human Rights.
  17. ^ Gaza death toll tops 1,400, two children killed by explosive (Extra) - Monsters and Critics
  18. ^ FACTBOX - Developments in Gaza fighting on January 17. January 17, 2009. Reuters.
  19. ^ (HE) סוכנויות הידיעות, קצין מצרי נהרג מירי אנשי חמאס סמוך למעבר רפיח, nana10.co.il. URL consultato il 1º gennaio 2009.
  20. ^ Two Egyptian Children, Police Injured in Israeli Air Strike Near Gaza Border, 11 gennaio 2009.
  21. ^ L'espressione deriva da una canzone composta per la festa religiosa ebraica di Chanukkà: [1], parole del poeta israeliano Hayyim Nahman Bialik, mp3.co.il (collegamento alla traduzione inglese: [2]).
  22. ^ לפגוע קשה בממשל חמאס על מנת לגרום למציאות ביטחונית טובה יותר לאורך זמן סביב רצועת עזה, תוך חיזוק ההרתעה וצמצום ירי הרקטות ככל שניתן Ba-Makhaneh, 2.1.2009
  23. ^ Victims of Palestinian Terror since Sept 2000
  24. ^ la Repubblica - Gaza, accordo Hamas-Israele "Tregua a partire da giovedì".
  25. ^ La Pax israeliana: le brigate al-Quds denunciano 15 violazioni della tregua (26-06-2008)
  26. ^ Brigate al-Quds lanciano razzo contro Sderot (15-09-2008)
  27. ^ Fatah e il Jihad islamico rivendicano attacco congiunto contro due israeliani. (24-10-2008)
  28. ^ Attacco israeliano alla Striscia di Gaza: la tregua è finita. (6-11-2008)
  29. ^ (EN) Palestinians killed by Israeli security forces in Gaza Strip, dal sito dell'associazione israeliana per i diritti umani B'Tselem
  30. ^ (EN) Behind Gaza Operation, An Uneasy Triumvirate, articolo de The Washington Post, del 31 dicembre 2008
  31. ^ (EN) Israeli election campaign heats up, articolo della "Jewish Telegraphic Agency", del 27 gennaio 2009
  32. ^ Gaza: le elezioni israeliane e il silenzio di Obama, articolo de Il Corriere della Sera, del 3 gennaio 2009
  33. ^ (EN) War on Gaza, fuel for the Israeli elections, articolo di "Menassat", del 21 gennaio 2009
  34. ^ Gaza: attacco programmato – un approfondimento dalla Palestina, articolo di "Alternative Information Center", del 27 dicembre 2008, tradotto ed ospitato da antennedipace.org
  35. ^ (EN) Israeli right set to win elections on back of Gaza war, news di yahoo, del 23 gennaio 2009
  36. ^ a b c (EN) Netanyahu maintains edge in Israel election race, articolo del "News Daily", del 26 gennaio 2009
  37. ^ a b Israel braced for Hamas response, BBC, 2 gennaio 2009.
  38. ^ Israel pounds Gaza for fourth day, London, UK, BBC, 30 dicembre 2008. URL consultato il 14 gennaio 2009.
  39. ^ a b Israel vows war on Hamas in Gaza, BBC, 30 dicembre 2008. URL consultato il 30 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2008).
  40. ^ Israel says world understands its actions in Gaza.
  41. ^ Israeli Gaza 'massacre' must stop, Syria's Assad tells US senator, Google News, 30 dicembre 2008. URL consultato l'11 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2009).
  42. ^ Factions refuse Abbas' call for unity meeting amid Gaza massacre, Turkish Weekly, 30 dicembre 2008. URL consultato l'11 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2009).
  43. ^ Iraqi leaders discuss Gaza massacre, gulfnews.com, 28 dicembre 2008. URL consultato l'8 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il http://www.webcitation.org/5dfW1C8nU).
  44. ^ "Hamas slammed the silent and still Arab position on Gaza massacre" - Israel airstrikes on Gaza kill at least 225, Khaleej Times, 27 dicembre 2008. URL consultato l'11 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2009).
  45. ^ "it's impossible to contain the Arab and Islamic world after the Gaza massacre" - Hamas denies firing rockets from Lebanon, Special Broadcasting Service, 8 gennaio 2009. URL consultato l'11 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2009).
  46. ^ Arab Leaders Call for Palestinian Unity During "Terrible Massacre", Foxnews.com, 31 dicembre 2008. URL consultato il 7 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2009).
  47. ^ Gulf leaders tell Israel to stop Gaza "massacres", Reuters, 30 dicembre 2008. URL consultato il 7 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2009).
  48. ^ OIC, GCC denounce massacre in Gaza, Arab News, 28 dicembre 2008. URL consultato il 7 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2009).
  49. ^ "Diplomatic race to stop the Gazza massacre" - سباق دبلوماسي لوقف مذبحة غزة, BBC Arabic, 5 gennaio 2009. URL consultato l'11 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2009).
  50. ^ Libya calling the operation a "horrible massacre" - United Nations Security Council 6060th meeting (Click on the page S/PV.6060 record for transcript), United Nations Security Council, 31 dicembre 2008. URL consultato il 7 gennaio 2009.
  51. ^ La posizione di Hamas sul diritto all’esistenza di Israele (gennaio 2009)
  52. ^ (EN) Letter to Hamas to Stop Rocket Attacks, lettera pubblica di Human Rights Watch del 20 novembre 2008 ai leader di Hamas, per chiedere la cessazione dei lanci di razzi verso Israele
  53. ^ (EN) IDF kills Hamas man in Gaza clash, articolo di Haaretz, del 5 novembre 2008
  54. ^ Olmert, ultimo rilancio di pace «Via dal 93% della Cisgiordania», articolo de Il Corriere della Sera, del 13 agosto 2008
  55. ^ Israele interrompe il cessate-il-fuoco con Hamas. URL consultato il 15 gennaio 2009.
  56. ^ Ha'aretz - Hamas: "Fine della tregua" 18-12-08
  57. ^ (EN) Phil Jacobs, Tipping Point After years of rocket attacks, Israel finally says, ‘Enough!’, Baltimore Jewish Times, 30 dicembre 2008. URL consultato il 7 gennaio 2009.
  58. ^ New York Times, Israel Agrees to Truce with Hamas on Gaza in New York Times, 18 giugno 2008. URL consultato il 28 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2008).
  59. ^ TIMELINE - Israeli-Hamas violence since truce ended, Reuters.
  60. ^ Gaza truce broken as Israeli raid kills six Hamas gunmen, The Guardian, 5 novembre, 2008.
  61. ^ Reigniting Violence: How Do Ceasefires End?, articolo di The Huffington Post, del 6 gennaio 2009
  62. ^ Free Gaza Movement a Israele, Invieremo Un'Altra Nave, da yahoonews, dell'8 gennaio 2009
  63. ^ Escalation dell’Idf in Cisgiordania: tre palestinesi uccisi in tre giorni, articolo di Osservatorio Iraq, del 16 ottobre 2008
  64. ^ (EN) Top UN official: Israel's policies are like apartheid , articolo di Haaretz, del
  65. ^ L'ONU accusa israele di politiche razziste, lancio di agenzia della Missionary International Service News Agency (www.misna.org), 25/11/2008 12.31
  66. ^ "Diritti umani: consiglio ONU accusa Israele di torture", lancio di agenzia della Missionary International Service News Agency (www.misna.org), 10 dicembre 2008 12.32
  67. ^ (EN) UN official slams Israel 'crimes', articolo della BBC online del 10 dicembre 2008
  68. ^ (EN) UN rights advocates consider Israel, Colombia on anniversary eve agenzia dell'Agence France-Presse, del 9 dicembre 2008, ospitato da google
  69. ^ (EN) Israel annexing East Jerusalem, says EU, articolo di The Guardian, del 7 marzo 2009
  70. ^ M.O.. Rapporto Ue: Israele prosegue annessione Gerusalemme Est, articolo di Virgilio notizie, del 7 marzo 2009
  71. ^ Roni Sofer, Israel in favor of extending Gaza lull in Ynetnews, 13 dicembre 2008. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  72. ^ Gaza, l'annuncio di Hamas "Domani stop a tregua con Israele", articolo de "La Repubblica", del 18 dicembre 2008
  73. ^ Amos Harel, Avi Issacharoff , Barak Ravid, Hamas declares end to cease-fire, Israeli gov't sources fear violence is unavoidable in Haaretz, 21 dicembre 2008. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  74. ^ Israeli jets target Gaza tunnels, BBC news, 28 dicembre 2008. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  75. ^ Israeli leaders 'to topple Hamas', BBC News, 22 dicembre 2008. URL consultato il 23 gennaio 2009.
  76. ^ Hamas contro Hamas, articolo de "la Repubblica/L'espresso", del 7 gennaio 2009
  77. ^ a b Gaza: cronaca di un massacro annunciato, articolo di megachip, del 2 gennaio 2009
  78. ^ MO: tregua di 24 ore per Hamas. L'appello dei cristiani per il Natale , articolo di "Radiovaticana", del 22 dicembre 2008
  79. ^ Annullate celebrazioni cristiane a Gaza, articolo di "Peacereporter", del 24 dicembre 2008
  80. ^ La guerra di Natale a Gaza, articolo de La Stampa, del 5 gennaio 2009
  81. ^ Si veda (EN) My brief Response to Zionist disinformation, articolo di "uruknet.info", del 28 dicembre 2008
  82. ^ Tzipi Livni: Via i palestinesi dallo Stato di Israele articolo di, del 12 dicembre 2008
  83. ^ Israele annuncia il rilascio di 227 detenuti palestinesi, articolo de Il Corriere della Sera, del 15 dicembre 2008
  84. ^ BBC NEWS | Middle East | Israel pounds Gaza for fourth day
  85. ^ (EN) Gaza offensive enters second week (28 Dec - 03 Jan), articolo di "ReliefWeb", del 3 gennaio 2009
  86. ^ (EN) At least 205 killed as Israel pounds Gaza, articolo di Al Arabiya, del 27 dicembre 2008
  87. ^ (EN) Israel kills scores in Gaza air strikes, articolo della Reuters, del 27 dicembre 2008
  88. ^ (EN) Omak doctor, activist worries for safety of Palestinian friends, articolo di "Wenatchee World", del 9 gennaio 2009
  89. ^ Bombe a Gaza, oltre 200 morti Abu Mazen: "Vigliacca aggressione", articolo de La Repubblica, del 27 dicembre 2008
  90. ^ (EN) Official: 230 members of Gaza police force killed, articolo di "Ma'an News Agency", del 20 gennaio 2009
  91. ^ Gaza, nuovi raid israeliani Hamas: 'Almeno 400 le vittime' Barak: 'Pronte truppe di terra' - Diretta - Repubblica.it
  92. ^ I commando dentro Gaza e dal cielo una pioggia di bombe, articolo de La Repubblica, del 30 dicembre 2008
  93. ^ IAF hits Islamic University targets, Jerusalem Post, 20 dicembre 2008. URL consultato il 23 marzo 2009.
  94. ^ se le barche da pesca diventano un bersaglio, articolo de La Repubblica, del 30 dicembre 2008
  95. ^ Striscia di Gaza: Israele lancia volantini. Centrale nucleare a rischio razzi, 2 gennaio 2009
  96. ^ Man killed in rocket strike, articolo di Ynetnews, del 27 dicembre 2009
  97. ^ [http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=318630 il Giornale - Hamas giustizia 35 membri di Fatah
  98. ^ Striscia di Gaza: 400 morti. Voci di una tregua, poi Hamas smentisce, 2 gennaio 2009
  99. ^ Striscia di Gaza: Israele inizia l'offensiva via terra, 3 gennaio 2009
  100. ^ IDF Spokesperson's Unit
  101. ^ Ue e Onu: "Cessate il fuoco immediato"
  102. ^ ilSole24ore Ue, torna l'unità dopo la gaffe della presidenza ceca. Brown chiede il cessate il fuoco
  103. ^ Il Messaggero - Ue in Egitto: urgente cessate il fuoco - D'Alema: risposta Israele sproporzionata
  104. ^ L'esercito israeliano spara a Gaza in un centro commerciale: «Morti civili», Corriere della sera, 4 gennaio 2009.
  105. ^ Israele attacca, i carri entrano a Gaza, La Stampa
  106. ^ GAZA: STRAGE RIFUGIATI IN SCUOLA, 40 UCCISI, AnsaNews
  107. ^ Haaretz, MFA, 6.01.09 - Hamas spara dalle scuole
  108. ^ (EN) Jerusalem Post
  109. ^ (EN) Strike at Gaza school 'kills 40', articolo della BBC, del 7 gennaio 2009
  110. ^ (EN) [3], articolo del Times, del 7 gennaio 2009
  111. ^ (EN) Press conference by director of Gaza operations, united Nations relief, del 6 gennaio 2009
  112. ^ (EN) The Globe - Account of Israeli attack doesn't hold up to scrutiny, articolo del The Globe and Mail visibile solo ai registrati, ma facilmente reperibile altrove sul web
  113. ^ (EN) Ha'aretz - UN backtracks on claim that deadly IDF strike hit Gaza school
  114. ^ L'Opinione - Gaza, la scuola dell’Unrwa mai bombardata
  115. ^ Israele assedia la roccaforte di Hamas, Corriere.it, 6 gennaio 2009. URL consultato il 6 gennaio 2009.
  116. ^ Corriere della Sera - La Cisgiordania stanca di guerre resta in silenzio sull'invasione di Gaza
  117. ^ Israele: «Tregua di tre ore al giorno»
  118. ^ Security Council overwhelmingly calls for immediate Gaza ceasefire, UN News Center.
  119. ^ BBC NEWS | Middle East | UN ceasefire call goes unheeded
  120. ^ a b c Wikinews - Striscia di Gaza: Israele dichiara tregua unilaterale. Hamas: «Per noi non conta»
  121. ^ Wikinews - Striscia di Gaza: dopo la conferenza di Sharm el-Sheikh Israele inizia il ritiro.
  122. ^ a b Gaza: Grief and devastation as fighting abates, rapporto della Croce Rossa Internazionale, del 18 gennaio 2009
  123. ^ Le false promesse di Israele: le forze di occupazione continuano a sparare: ucciso un contadino.
  124. ^ CONTINUA LA GUERRA D'ISRAELE CONTRO GAZA: la marina bombarda la costa. 7 feriti.
  125. ^ GAZA, VIOLAZIONI DELLA TREGUA: un bambino palestinese ferito da proiettili israeliani.
  126. ^ un ferito a Khan Younes. La Marina spara contro Rafah.
  127. ^ Continuano le violazioni israeliane: ferito un cittadino palestinese a est di Khan Yunes.
  128. ^ Ucciso un cittadino palestinese a Khan Yunes.
  129. ^ Aerei da guerra hanno bombardato la frontiera tra Gaza ed Egitto.
  130. ^ Nuova escalation israeliana: feriti 12 cittadini palestinesi nella Striscia di Gaza.
  131. ^ Gaza: massive devastation calls for vast humanitarian effort, rapporto dal sito della Croce Rossa Internazionale
  132. ^ I carri armati israeliani continuano il ritiro dalla striscia di Gaza, articolo di "Euronews", del 20 gennaio 2009]
  133. ^ IDF Video: Gaza City mosque used as Grad and Kassam rocket storage and launching site
  134. ^ M.O./ Onu: Israele usò 11enne palestinese come scudo umano, articolo di Wall street Italia, del 23 marzo 2009
  135. ^ (EN) Palestinian brothers: Israel used us as human shields in Gaza war, articolo del The Guardian, del 23 marzo 2009
  136. ^ (EN) 'Shooting and crying', articolo di Haaretz, del 20 marzo 2009]
  137. ^ Racconti shock dei soldati israeliani "Così a Gaza abbiamo ucciso civili", articolo di La Repubblica, del 20 marzo 2009
  138. ^ Corriere della sera - 25 marzo 2009 - "La deriva religiosa dell'esercito" di Christopher Hitchens, pagg 1 e 34
  139. ^ Nel 1986 il rabbino capo dell'esercito nei territori occupati Shmuel Derlich inviò alle truppe una lettera nella quale invitava ad applicare il comandamento biblico di "sterminare gli Amalechiti". Di fronte ad una indagine dei servizi segreti militari, Aman, lo stesso rabbino disse che si riferiva ai tedeschi, ma la conclusione dell'indagine fu che in effetti si riferisse ai palestinesi. Il tribunale militare, davanti al quale si presentarono altri 40 rabbini in difesa del loro collega, assolse Derlich ma lo ammonì di asterersi in futuro dal fare dichiarazioni politiche a nome dell'esercito.
  140. ^ Gaza, soldati israeliani a Ong: sparavamo senza pensare ai civili, articolo de Il Messaggiero, del 15 luglio 2009
  141. ^ Confessione choc dei soldati israeliani "A Gaza violazione dei diritti umani", articolo de La Stampa, del 15 luglio 2009
  142. ^ (EN) Soldiers criticise Israeli actions in Gaza, articolo del Financial Times, del 15 luglio 2009
  143. ^ Template:EmSoldiers testify online to counter war-crimes claims, articolo di Haaretz
  144. ^ Hamas murder campaign in Gaza exposed, URL consultato il 29 marzo 2009. "Amnesty International said Hamas forces and militias were involved in a "campaign of abductions, deliberate and unlawful killings, torture and death threats against those they accuse of 'collaborating' with Israel, as well as opponents and critics".
  145. ^ Hamas murder campaign in Gaza exposed, URL consultato il 29 marzo 2009. "After Hamas took full security control of Gaza in June 2007, its forces raided the group's office and seized computers and other equipment. One Voice later closed its office, but the staff went on working from home. Then Hamas ordered all civil society groups to obtain its permission to continue their work. One Voice refused and six months ago halted all its work in Gaza.".
  146. ^ (EN) Report of the United Nations Fact Finding Mission on the Gaza Conflict
  147. ^ (EN) Richard J. Goldstone Appointed to Lead Human Rights Council Fact-finding mission on Gaza Conflict, Office of the United Nations High Commissioner for Human Rights, 3 aprile 2009.
  148. ^ a b (EN) UN appoints Gaza war-crimes team, BBC, 14:42 GMT, Friday, 3 April 2009. URL consultato il Friday, 3 April 2009.
  149. ^ A Gaza Israele ha violato i diritti umani, articolo de Rai News 24, del 15 settembre 2009
  150. ^ a b c (EN) U.N. Panel Accuses Israel, Hamas of War Crimes, articolo de The Washington Post, del 16 settembre 2009
  151. ^ a b c d e (EN) UN condemns 'war crimes' in Gaza , articolo della BBC, del 15 settembre 2009
  152. ^ (EN) Gaza report is 'unacceptable', articolo di gulf-daily-news.com, del 15 settembre 2009
  153. ^ L'Onu denuncia i crimini di guerra commessi da israeliani e palestinesi, articolo di PeaceReporter, del 15 settembre 2009
  154. ^ a b c d (EN) IDF denies disciplining top officers over white phosphorous use in Gaza war, articolo di Haaretz, del 1 febbraio 2010
  155. ^ Onu, primo sì al rapporto Goldstone Israele: Un premio ai terroristi, articolo de La Repubblica, del 17 ottobre 2009
  156. ^ L' Onu: «crimini di guerra» a Gaza, articolo de Il Corriere della Sera, del 17 ottobre 2009
  157. ^ Gaza/ Israele: no a commissione indipendente su crimini guerra, articolo di Virgilio notizie, del 26 gennaio 2010
  158. ^ Israele: no a commissione inchiesta su Piombo Fuso, articolo di ticinonews.ch, del 26 gennaio 2010
  159. ^ a b c (EN) Israel reprimands top officers over UN compound strike, articolo della BBC, del 1 febbraio 2010
  160. ^ (EN) Israel Defends Actions in Gaza in U.N. Report, articolo dell'Associated Press, riprotato da Fox News, del 29 gennaio 2010
  161. ^ Hamas dice di aver ucciso civili israeliani per errore, articolo della Reuters, del 28 gennaio 2010
  162. ^ (ES) Hamas dice mató civiles israelíes por error en ofensiva en Gaza, articolo de La Segunda, del 28 gennaio 2010
  163. ^ (EN) Israel to file 2nd Goldstone response, articolo di Ynet, del 6 luglio 2010
  164. ^ (EN) UN releases responses to Goldstone, articolo di The Jerusalem Post, del 19 agosto 2010
  165. ^ (EN) Committee following up on “Goldstone Report” says investigations by Israel and de facto Gaza authorities inadequate, dal sito dell'Organizzazione delle Nazioni Unite
  166. ^ (EN) UN faults Israeli, Hamas probes into Gaza conflict, articolo di BBC online, del 21 settembre 2010
  167. ^ (EN) UN panel: Hamas, Israel failed to address Goldstone Gaza report, articolo di Haaretz, del 21 settembre 2010
  168. ^ (EN) UN finds probes into Cast Lead war crimes wanting, articolo di The Jerusalem Post, del 21 settembre 2010
  169. ^ M.O./ "Inadeguate" risposte Israele e Hamas a rapporto Goldstone, agenzia dell'APCOM, riportata dal portale web Virgilio, del 21 settembre 2010
  170. ^ TGCOM - Gaza, Israele "avvisa" obiettivi - Telefona prima di colpire i palazzi
  171. ^ Gaza Humanitarian Situation Report - January 2, 2009 as of 14:30, UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs, 2 gennaio 2009. URL consultato il 2 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2009).
  172. ^ (EN) Amnesty International: there are no safe places in Gaza Palestine News Network 2009-01-01
  173. ^ Situation Report From The Humanitarian Coordinator - January 7, 2009, 1700 hours, UN Office for Coordination of Humanitarian Affairs, 7 gennaio 2009. URL consultato il 7 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2009).
  174. ^ Situation Report From The Humanitarian Coordinator, January 7, 2009, United Nations Office for the Coordination of Humanitarian Affairs. "There is no safe space in the Gaza Strip - no safe haven, no bomb shelters, and the borders are closed making this one of the rare conflicts where civilians have no place to flee."
  175. ^ (EN) Israeli Military Raids on Gaza Civilian Population Continues, and Humanitarian Crisis Exacerbates in the Midst of Shameful Silence of the International Community, comunicato del Palestinian Centre for Human Rights, del 31 dicembre 2008
  176. ^ (EN) Israel's Gaza war extends into psychological realm, articolo dell'Associated Press, dell'11 gennaio 2009
  177. ^ (EN) Psychological warfare spreads fear and panic in burning Gaza, articolo del "Independent News & Media", del 30 dicembre 2008
  178. ^ (EN) Text messages and phone calls add psychological aspect to warfare in Gaza, articolo de The Guardian, del 9 gennaio 2009
  179. ^ a b Gaza Rapid Response Deployment - 23 Jan. 2009, UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs, 23 gennaio 2009. URL consultato il 27 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2009).
  180. ^ (EN) [4]
  181. ^ (EN) Israel using phosphorus bombs, says rights group. France 24. Published January 12, 2009.
  182. ^ (EN) Gaza: Israel under fire for alleged white phosphorus use. By Robert Marquand and Nicholas Blanford. The Christian Science Monitor. Published January 14, 2009.
  183. ^ (EN) Israel is using phosphorous illegally in Gaza Strip bombings. B'Tselem Press Release. Published January 12, 2009.
  184. ^ Gaza's burn victims add to pressure on army over phosphorus. By Sheera Frenkel and Michael Evans. Times Online. Published January 12, 2009.
  185. ^ (EN) 'IDF white phosphorus use not illegal'. The Jerusalem Post. Published January 13, 2009.
  186. ^ UN accuses Israel over phosphorus.
  187. ^ (EN) Gaza: 'Indisputable evidence' of Israel's use of white phosphorus against civilians AI. January 19, 2009.
  188. ^ (EN) UN report 13 Jan 2009 [5]
  189. ^ (EN) Israel admits using white phosphorous in attacks on Gaza, The Times, January 24, 2009.
  190. ^ (EN) 'Phosphorus wounds' alarm Gazans, articolo della BBC, del 24 gennaio 2009
  191. ^ (EN) 'IDF white phosphorus use not illegal'. The Jerusalem Post. Published January 13, 2009
  192. ^ (EN) Sheera Frenkel, Amnesty International: Gaza white phosphorus shells were US made in The Times, 24 marzo 2009. URL consultato il 22 marzo 2009.
  193. ^ (EN) Boycotting Israel: New pariah on the block, The Economist, September 13, 2007.
  194. ^ (EN) Ha'aretz columnist dropped by British Zionists, JTA Breaking News, August 31, 2007.
  195. ^ (EN) Human Rights Watch: White (phosphorous) lies. Gerald Steinberg
  196. ^ Israel used white phosphorus in Gaza Civilian Areas, Amnesty International, 19 gennaio 2009. URL consultato il 22 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2009).
  197. ^ Israeli 'phosphorous shells' incinerate 1,000s of tons of UN food as Gaza starves, The Scotsman, 16 gennaio 2009.
  198. ^ Gaza/ Israele: usate bombe al fosforo bianco, ma non sono vietate
  199. ^ (EN) IDF: Hamas seized unexploded ordnance fired during Gaza op , articolo di Haaretz, del 17 febbraio 2009
  200. ^ (EN) Explosives haul missing in Gaza, articolo della BBC, del 17 febbraio 2009
  201. ^ (EN) Israeli Bomb Stockpile Missing From Hamas-Guarded Warehouse, articolo del sito web di Fox News Channel, del 17 febbraio 2009
  202. ^ (EN) Mine-clearing teams in Gaza waiting for Israeli OK, articolo di Haaretz
  203. ^ (EN) Israel punishes officers behind Gaza shelling, articolo di itn.co.uk, del 1 febbraio 2010
  204. ^ Piombo fuso: provvedimenti disciplinari per 3 ufficiali, articolo di ticinonews.ch, del 1 febbraio 2010
  205. ^ Fosforo di Hamas
  206. ^ RaiNews24 - Ferite inspiegabili e nuove armi
  207. ^ Democracy Now! | Headlines for January 13, 2009
  208. ^ Gaza doctors say patients suffering mystery injuries after Israeli attacks | World news | The Guardian
  209. ^ No Operation
  210. ^ Gaza attacks: Israeli strikes spark protests across world - Telegraph
  211. ^ http://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/protesters-demand-egypt-opens-gaza-border-1222265.html
  212. ^ WebCite query result
  213. ^ FACTBOX-Developments in Gaza fighting, Jan 4 | Reuters
  214. ^ Palestinian youth killed during W.Bank protest | Reuters
  215. ^ http://www.pchrgaza.org/files/W_report/English/2008/22-01-2009.htm
  216. ^ http://www.allheadlinenews.com/articles/7013559199
  217. ^ WebCite query result
  218. ^ Hundreds of Israeli Websites Hacked in 'Propaganda War'
  219. ^ WebCite query result
  220. ^ http://www.ynetnews.com/articles/0,7340,L-3646597,00.html
  221. ^ http://www.marketwire.com/press-release/Nearly-10000-Supporters-Gather-Together-on-42nd-St-With-UJA-Federation-New-York-Jewish-936466.htm
  222. ^ Majority of Americans support Israel during crisis, says poll – CNN Political Ticker - CNN.com Blogs
  223. ^ Syria: Thousands protest against Israeli raids in Gaza - Adnkronos Security
  224. ^ BBC NEWS | UK | UK protesters call for Gaza peace
  225. ^ Gaza: Tens Of Thousands Of People Protest Against Middle East Violence In Britain | UK News | Sky News
  226. ^ Gush Shalom - Israeli Peace Bloc
  227. ^ Gush Shalom - Israeli Peace Bloc
  228. ^ Si veda per es l'articolo "Gaza, perché?" di Ezio Bonsignore sul portale Pagine di Difesa.
  229. ^ Si veda per esempio il caso relativo alla comunità ebraica romana, riportato da il manifesto ("Gesto umanitario" o operazione "tutta mediatica", del 4 gennaio 2004, riportato dalla rassegna stampa dell'Unione delle comunità ebraiche italiane) e ripreso da numerose fonti internet (per es Pacifici e la falsa solidarietà articolo di Agora Vox italia, dell'8 gennaio 2009.)
  230. ^ (EN) Pro-Israel media: Bloggers join media war, articolo di Ynetnews, del 21 gannio 2009
  231. ^ (EN) Israel to defend soldiers against war crimes, articolo della msnbc, del 25 gennaio 2009
  232. ^ "Hundreds dead, injured in Gaza as Israeli airstrikes continue", CNN. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  233. ^ "Palestinians: IDF strikes offices of Hamas TV ", YNET. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  234. ^ a b E' da notare che Hamas, come altri gruppi simili, utilizza nella sua propaganda il termine "sionista" come sinonimo di Israele/israeliano, indipendentemente dal fatto che all'interno dello stato israeliano esistano cittadini, anche di religione ebraica, che non condividono questa ideologia
  235. ^ Il coniglio-martire dei piccoli palestinesi, articolo de Il Corriere della Sera, del 6 febbraio 2009
  236. ^ (EN) Video della morte del topo Farfur, con sottotitoli in inglese, da YouTube
  237. ^ La tv di Hamas ingaggia un orsacchiotto per promuovere la guerra santa, articolo di Rai News 24, del 16 febbraio 2009
  238. ^ “To shoot an elephant” su Gaza, proiezione globale il 18 gennaio, mediaoriente, 9 gennaio 2010. URL consultato il 22 maggio 2010.
  239. ^ La destra estrema avanza Netanyahu perde terreno, articolo de Il Corriere della Sera, del 7 febbraio 2009
  240. ^ Israele: voto; alle urne tra venti di destra ed incognite, articolo di Megachip, del 9 febbraio 2009
  241. ^ M.O.: cittadini Gaza, fragili speranze da elezioni israeliane, articolo dell'Asca, del 10 febbraio 2009
  242. ^ L’estrema destra potrebbe essere la sorpresa delle elezioni in Israele, articolo di MegaChip, dell'8 febbraio 2009
  243. ^ Netanyahu: io premier Ma Livni in vantaggio: ora al governo insieme, articolo de Il Corriere della Sera, del 11 febbraio 2009
  244. ^ La sfida Livni-Netanyahu Israele, governo difficile, articolo de Il Corriere della Sera, del 12 febbraio 2009
  245. ^ (EN) Largest Cabinet Ever Missing Health Minister Israel National News, 1 aprile 2009
  246. ^ (EN) The Knesset approved: Netanyahu's government given a go, Yedioth Ahronoth, 31 marzo 2009
  247. ^ (EN) Israel Bans Arab Parties From Coming Election, articolo di The Huffington post, del 12 gennaio 2009
  248. ^ (EN) Israel to ban Arab Parties from Feb. elections, articolo di Al Arabiya, del 14 gennaio 2009
  249. ^ (EN) Israel bans Arab parties from running in upcoming elections, articolo di Haaretz, del 13 gennaio 2009
  250. ^ (EN) Arab parties win disqualification appeal, articolo di Ynetnews, del 21 gennaio 2009
  251. ^ Rapporto Annuale 2008 - Medio Oriente e Africa del Nord - Autorità Palestinese, URL consultato il 07 marzo 2009. «... Entrambe le fazioni hanno commesso gravi violazioni dei diritti umani, comprese detenzioni arbitrarie e torture. ...»
  252. ^ Rapporto Annuale 2008 - Medio Oriente e Africa del Nord - Autorità Palestinese, URL consultato il 07 marzo 2009. «... Le divisioni Fatah-Hamas hanno peggiorato i già enormi ostacoli incontrati dagli abitanti di Gaza nella ricerca di giustizia o di indennizzi dalle malfunzionanti istituzioni giudiziarie e di sicurezza dell'AP. A giugno, dopo l'assunzione del controllo di Gaza con la forza da parte di Hamas, uomini armati di Fatah hanno compiuto attacchi di rappresaglia contro sostenitori noti o presunti di Hamas in Cisgiordania, rapendo e aggredendo diverse persone e bruciando a raso decine di proprietà. Tutto ciò è stato commesso nell'impunità, spesso in presenza delle forze di sicurezza dell'AP, le quali non sono intervenute per far rispettare la legge.»
  253. ^ Le fazioni palestinesi torturano gli oppositori, URL consultato il 7 marzo 2009. «L’organizzazione al-Haq ha pubblicato il suo rapporto trimestrale ‘di monitoraggio e documentazione’ alla fine di settembre. Esso elenca le varie forme di tortura e gli abusi commessi da entrambe le parti ai danni dei detenuti palestinesi appartenenti alle opposte fazioni. Tabarin (membro nell'organizzazione al-Haq, n.d.r.) ha affermato di aver stimato che fra il 20 e il 30 per cento dei detenuti di entrambe le parti è stato sottoposto a pesanti percosse e legato in posizioni dolorose. “L’uso della tortura ed i maltrattamenti contro i detenuti sono chiaramente divenuti una tendenza diffusa”, ha stabilito il rapporto. Esso ha inoltre affermato che in molti casi le ingiunzioni dei tribunali di rilasciare i detenuti sono state ignorate dai servizi di sicurezza.»
  254. ^ Le fazioni palestinesi torturano gli oppositori, URL consultato il 7 marzo 2009. «I giornalisti legati all’opposizione sono stati presi di mira anch’essi, e molti ora hanno paura a dar voce al dissenso.»
  255. ^ Un popolo in trappola tra le rovine ma i miliziani non si arrendono, articolo de la Repubblica, del 14 gennaio 2009
  256. ^ Si dimette il premier palestinese verso il governo di unità con Hamas, articolo di La Repubblica, del 7 marzo 2009
  257. ^ Egitto, al via negoziati su riunificazione politica tra Cisgiordania e Gaza, articolo di Peacereporter, del 10 marzo 2009
  258. ^ (EN) Abbas sacks Hamas-led government, articolo della BBC, del 15 giugno 2007
  259. ^ (EN) New Palestinian cabinet sworn in, articolo della BBC, del 17 giugno 2007
  260. ^ (EN) Whose Coup Exactly?, articolo di Electronic Intifada, del 18 giugno 2007
  261. ^ (EN) Abbas suspends articles from Basic Law, articolo della Kuwait News Agency, del 17 giugno 2007
  262. ^ (EN) Hamas speaker charged in Israel, articolo della BBC, del 17 giugno 2007
  263. ^ Scade il mandato di Abu Mazen, Anp nell'incertezza, articolo de L'Unità, dell'8 gennaio 2009
  264. ^ (EN) Abbas planning to extend his own term, articolo del The Jerusalem Post, del 14 dicembre 2008
  265. ^ (EN) Hamas: Abbas no longer heads PA, articolo del The Jerusalem Post, del 9 gennaio 2009

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra