Likud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Likud
Likud Logo.svg
Leader Benjamin Netanyahu
Stato Israele Israele
Fondazione 1973
Sede "Metzudat Ze'ev", 38 King George Street, Tel Aviv, Israel
Ideologia Nazionalismo liberale
Sionismo revisionista,[1][2]
Conservatorismo liberale,
Conservatorismo,
Secolarismo
Collocazione Centro-destra
Coalizione Likud Beytenu, con alleanza comprendente La Casa Ebraica, Yesh Atid e HaTnuah
Seggi Knesset
20 / 120
(31 come Likud Beytenu)
Sito web www.likud.org.il

Likud (in ebraico: ליכוד, cioè "consolidamento") è un partito nazionalista liberale e di centro-destra in Israele.

Storia e idee[modifica | modifica sorgente]

Il Likud pone le sue radici nel movimento sionista riformista di Zeev Jabotinsky (dal 1923 Partito revisionista sionista o Hatzohar), liberale, e nella sua ala militare (Irgun Zvai Leumi o Etzel), nazionalista. Subito dopo la nascita di Israele questa ala si trasformò nel partito Herut (Libertà), che prosciugò il seguito di haTzohar e nel 1961 si unì ai Libralim (Liberali) nel blocco elettorale Gahal, la maggiore forza di opposizione. Grazie a una nuova serie di convergenze il Likud fu fondato nel 1973 da Menachem Begin, che lo condusse alla storica vittoria del 1977, la prima volta in cui i laburisti andarono all'opposizione. Solo nel 1988 il Likud divenne un partito unitario.

Liberale in campo economico, e perciò tradizionalmente rivale del Partito Laburista, sostiene un nazionalismo più rigido, per tradizione storica risalente all'ultimo decennio prima dell'indipendenza. Tuttavia, va notato che tutti i suoi leader hanno presieduto, da primi ministri, a iniziative di pace, con l'Egitto nel 1977-1979 e con i palestinesi nel 1991 e nel 1998[3].

Menachem Begin, primo ministro israeliano nel 1977, ne fu il leader dal 1973 al 1983. Dal 1983 al 1993 leader del partito fu Yitzhak Shamir, primo ministro nel 1986, seguito da Benjamin Netanyahu, primo ministro dal 1996, dal 1993 al 1999 e da Ariel Sharon, primo ministro dal 2001, dal 1999 al 2005.

Dopo la decisione di ritirarsi da Gaza, presa da Sharon nel 2005, e il conseguente tramonto dell'ideale del "Grande Israele", nel Likud si è aperta una crisi, che ha portato ad una scissione: Sharon ha fondato il partito centrista Kadima, mentre Netanyahu è restato nel Likud, ridiventandone il leader, portandolo su posizioni più a destra. Alle elezioni legislative 2006 il Likud ha subito un crollo, perdendo l'egemonia sull'area della destra: è stato infatti sorpassato dal partito degli immigrati russi (su posizioni ancora più nazionaliste). Non è entrato nel governo. Il leader attuale è Benjamin Netanyahu.

Il Likud attualmente sostiene la soluzione dei due stati, per risolvere il conflitto israelo-palestinese, ma è molto cauto e ritiene che il riconoscimento dello Stato di Palestina sia subordinato alla piena accettazione dell'esistenza di Israele da parte di tutte le forze politiche palestinesi, compresi gli islamisti radicali di Hamas. In alternativa considera la soluzione a stato unico dell'opzione giordana.

Nel 2009 le elezioni israeliane vedono un ritorno in auge del partito, che porta al governo i partiti più radicali dell'estrema destra israeliana. Sebbene Kadima vinca di un seggio il suo candidato Tzipi Livni fallisce nel trovare accordi di coalizione. Il leader del Likud Netanyahu ottiene invece la fiducia del presidente Peres governando una alleanza tra il suo partito, i laburisti e Yisrael Beytenu, il partito dell'estremista Avigdor Lieberman, accusato di essere sostenitore della pulizia etnica dei cittadini israeliani di etnia araba.

Leader[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Joel Greenberg, The World: Pursuing Peace; Netanyahu and His Party Turn Away from 'Greater Israel' in New York Times, 22 novembre 1998.
  2. ^ Ethan Bronner, Netanyahu, Once Hawkish, Now Touts Pragmatism in New York Times, 20 febbraio 2009.
  3. ^ Naor, Arye, "Hawks' Beaks, Doves' Feathers: Likud Prime Ministers Between Ideology and Reality" in Israel Studies, 10, no. 3 (Fall2005 2005): 154-191.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]