Kingdom Hearts (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Kingdom Hearts
Kingdom Hearts.png
Titolo originale キングダム ハーツ
Sviluppo Square
Pubblicazione Giappone Square
Stati Uniti Square EA/Disney Interactive
EuropaAustralasia SCEE
Ideazione Tetsuya Nomura
Serie Kingdom Hearts
Data di pubblicazione Giappone 28 marzo 2002
Stati Uniti 17 settembre 2002
Europa 15 novembre 2002
Australasia 22 novembre 2002
Giappone 26 dicembre 2002 (Final Mix)
Genere Action RPG
Tema Fantasy
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma PlayStation 2
Supporto 1 DVD-ROM,
Fascia di età ACB: G8+
CERO: A
ELSPA: 11+
ESRB: E
PEGI: 7+
USK: 6+
Periferiche di input Gamepad
Seguito da Kingdom Hearts: Chain of Memories

Kingdom Hearts (キングダム ハーツ Kingudamu Hātsu?) è un videogioco di tipo action RPG sviluppato e pubblicato dalla Square (ora Square Enix) nel 2002 per la console PlayStation 2.[1] È il primo videogioco dell'omonima serie, ed è il risultato di una collaborazione tra Square e The Walt Disney Company. Il videogioco combina personaggi e ambientazioni dell'animazione Disney con quelle della serie Final Fantasy della Square. La storia segue un ragazzo, Sora, mentre viene gettato in un'epica battaglia contro le forze dell'oscurità. Egli è affiancato da Paperino, Pippo e altri classici personaggi Disney che lo aiutano nella sua missione.

Il gioco si distaccò dai soliti RPG della Square, introducendo un sostanziale elemento di avventura dinamica al gameplay. Kingdom Hearts ha un cast vocale all-star, e include gran parte dei doppiatori ufficiali dei personaggi Disney.[2] Fu l'esordio alla regia del character designer della Square Tetsuya Nomura.[3]

Kingdom Hearts fu elogiato per la sua insolita combinazione di azione e RPG, così come il suo mix inaspettatamente armonioso di elementi Square e Disney.[4] Fu una presenza dominante nel periodo natalizio del 2002, ricevendo numerosi premi di fine anno, e arrivò a conseguire lo status di videogioco "Platinum" della Sony.[5] Dal suo lancio, la serie Kingdom Hearts ha venduto oltre 20 milioni di copie in tutto il mondo, e il primo gioco richiese numerosi sequel.[6] Kingdom Hearts è attualmente il nono videogioco per PlayStation 2 più venduto di tutti i tempi, e il maggiore successo commerciale della serie fino ad oggi.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ambientazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Universo di Kingdom Hearts.

L'universo di Kingdom Hearts è una raccolta di vari livelli, denominati "mondi", attraverso i quale il giocatore deve progredire. Tredici sono accessibili nel gioco e uno, il Castello Disney, è mostrato in filmati. Altri mondi sono citati da vari personaggi, ma sono inaccessibili perché sono stati distrutti dagli Heartless, esseri delle tenebre. Dieci dei mondi sono basati sulle invenzioni Disney,[7] soprattutto sui Classici Disney, e gli altri quattro sono stati creati dalla Square appositamente per il gioco.

La grafica e i personaggi di ogni mondo sono stati progettati per assomigliare allo stile dei rispettivi film Disney. Ogni mondo Disney è abitato da personaggi dei rispettivi film. Ogni mondo è scollegato dagli altri ed esiste separatamente. La maggior parte dei personaggi nei mondi non sono a conoscenza dell'esistenza degli altri mondi, con poche eccezioni. I giocatori viaggiano da un mondo ad un altro tramite la Gummiship.[8]

I mondi creati appositamente per il gioco rispecchiano l'aspetto complessivo degli altri mondi e sono abitati da personaggi nuovi o tratti da vari giochi di Final Fantasy. I nuovi mondi sono: le Isole del Destino, dove si apre la storia;[9] la Città di Mezzo, che serve come punto di partenza per la maggior parte del gioco; la Fortezza Oscura, che molti dei personaggi di Final Fantasy chiamano casa; e i Confini del Mondo, un grande mondo oscuro creato dai resti di vari mondi consumati dagli Heartless. I protagonisti viaggiano da un mondo all'altro sigillando ogni "serratura"; questo protegge il mondo dagli Heartless e, infine, dalla distruzione. Essi cercano anche di ridurre al minimo la loro interazione con personaggi di altri mondi per mantenere un equilibrio di separazione. Questo a volte richiede che Sora, Paperino e Pippo si confondano con gli abitanti del mondo cambiando il loro aspetto fisico.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Kingdom Hearts comincia sulle Isole del Destino, dove vivono Sora, Riku e Kairi. I tre amici vogliono lasciare le isole per esplorare nuovi mondi e hanno preparato una zattera per questo scopo.[8] Una notte le isole vengono attaccate da creature-ombra - gli Heartless.[10] Sora cerca i suoi amici, trovando Riku, che scompare in un portale oscuro. Allo stesso tempo, Sora ottiene il Keyblade, un'arma efficace contro gli Heartless. Tuttavia, le isole vengono distrutte e Sora va alla deriva nello spazio. Nel frattempo, Re Topolino ha lasciato il proprio mondo per affrontare il crescente numero di Heartless, e ha lasciato istruzioni a Paperino e Pippo di trovare la "chiave" in grado di proteggere il mondo dalle tenebre invadenti.

Paperino e Pippo utilizzano la Gummiship per raggiungere la Città di Mezzo, dove è arrivato anche Sora. Sora incontra Leon, che spiega che gli Heartless sono esseri che consumano i cuori, e che il Keyblade è l'unica arma in grado di sconfiggerli. Si dice che un uomo di nome Ansem abbia studiato gli Heartless. Sora incontra poi Paperino e Pippo, e i tre decidono di viaggiare insieme, Paperino e Pippo per trovare Re Topolino, e Sora per trovare Kairi e Riku. I tre vanno in vari mondi basati su film Disney, scoprendo che il Keyblade chiude anche le "serrature", passaggi al "cuore" di un mondo che, una volta sigillato, evita che venga consumato dagli Heartless. Nel frattempo, un gruppo di Cattivi Disney, guidati da Malefica, cerca le sette Principesse del Cuore per sbloccare la serratura finale che porta a "Kingdom Hearts",[11] un deposito di conoscenza e potere e la fonte di tutti i cuori. Questo gruppo comprende Riku; Malefica promette che lo aiuterà a trovare Kairi in cambio del suo sostegno. La strega semina sfiducia in Riku, dicendogli che Sora ha abbandonato lui e Kairi per i suoi nuovi amici e il Keyblade. Un Riku sempre più antagonista trova il corpo di Kairi, ma non riesce a trovare il suo cuore.

Sora e i suoi amici alla fine arrivano alla Fortezza Oscura, mondo natale di Ansem e attuale quartier generale di Malefica. Riku prende il Keyblade di Sora, sostenendo di essere il vero custode del Keyblade e che Sora lo ha ricevuto solo in sua assenza. Paperino e Pippo, essendogli stato ordinato esplicitamente di seguire la "chiave", a malincuore lasciano Sora per Riku. Sora sfida Riku, affermando che il suo cuore trae forza dai suoi amici; i suoi amici ritornano a lui, così come il Keyblade. Disonorato, Riku incontra un uomo incappucciato che lo sprona ad abbandonarsi all'oscurità. Nel frattempo, i tre si impegnano ed eliminare Malefica. Sora trova il corpo di Kairi e si confronta con Riku, che si rivela essere posseduto da Ansem. Ansem spiega che Kairi è una Principessa del Cuore, e che il suo cuore è rimasto nascosto all'interno del corpo di Sora da quando le Isole del Destino sono state distrutte. Dopo aver sconfitto il posseduto Riku, Sora si trafigge con il Keyblade di Ansem, che è stato progettato per sbloccare cuori, liberando sia il suo cuore che quello di Kairi. Il cuore di Kairi torna al suo corpo, a sua volta completando la serratura finale, mentre Sora diventa un Heartless. Kairi riconosce l'Heartless di Sora e la luce nel suo cuore lo restituisce alla forma umana. Egli decide di confrontarsi con Ansem.

Ansem si trova ai Confini del Mondo, i resti combinati di mondi presi dagli Heartless. Ansem cerca Kingdom Hearts, il luogo in cui nascono i cuori di tutti i mondi e le persone, ipotizzando che sia l'oscurità finale. Aprendo la porta di Kingdom Hearts, tuttavia, essa rivela la sua luce, travolgendo e distruggendo Ansem. Oltre la porta ci sono Re Topolino e Riku, che aiutano Sora e gli altri a chiuderla in quanto ci sono molti Heartless al di là di essa. Topolino e Sora usano i loro Keyblade per chiudere la porta. I mondi perduti a causa degli Heartless si ricostruiscono; quando le Isole del Destino si riformano, Kairi torna lì, mentre Sora è costretto a separarsi da lei. Il gioco si conclude mentre Sora, Paperino e Pippo decidono di cercare Riku e Topolino.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Kingdom Hearts è influenzato dal suo franchise genitore, Final Fantasy,[12] del quale porta elementi di gameplay nel proprio sistema hack and slash basato sull'azione. Il gruppo di battaglia principale si compone di tre personaggi: Sora, Pippo e Paperino.[13] Sora è controllato direttamente dal giocatore da una prospettiva in terza persona.[11] Tutti gli altri membri del gruppo sono controllati dal computer,[10] anche se il giocatore può personalizzare il loro comportamento in una certa misura attraverso il menu di pausa.[14] Paperino e Pippo sono inclusi nel gruppo in molte aree, ma quasi ogni livello offre un personaggio che può sostituire uno dei due solo in tale area. In alcuni mondi, il gruppo cambia il suo aspetto, o ha capacità uniche di quel mondo, o entrambi: il gruppo può volare nell'Isola che non c'è, acquisire forme acquatiche ad Atlantica, che consentono loro di sopravvivere sott'acqua, e indossare costumi di Halloween nella Città di Halloween per confondersi con la gente del posto.

Come gli RPG tradizionali, Kingdom Hearts dispone di un sistema di punti esperienza che determina lo sviluppo del personaggio. Quando dei nemici vengono sconfitti, i personaggi giocanti acquisiscono esperienza e diventano più forti, accedendo a nuove abilità.[8] A differenza di altri giochi di questo tipo, Kingdom Hearts consente un grado di personalizzazione sullo sviluppo del personaggio attraverso un breve tutorial trovato all'inizio del gioco. Il tutorial permette al giocatore di scegliere uno dei tre principali attributi - resistenza, difesa o magia - in cui Sora eccella e uno in cui scarseggi.[15] Scegliendo alcune opzioni, il giocatore può manipolare il modo in cui Sora impara abilità, cresce statisticamente e guadagna livelli.[15] A Paperino, Pippo e tutti gli altri membri del gruppo aggiuntivi vengono assegnate specifiche aree di forza fin dall'inizio. Paperino eccelle nella magia, mentre Pippo eccelle in difesa e attacchi speciali.[16]

Il gioco procede in modo lineare da un evento della storia all'altro, di solito presentati come attraverso filmati, anche se ci sono numerose missioni collaterali disponibili che forniscono benefici ai personaggi.[14] I giocatori possono anche scegliere l'ordine in cui affrontare alcune zone. La maggior parte del gameplay si verifica su mappe interconnesse dove le battaglie si svolgono. Il combattimento in Kingdom Hearts avviene in tempo reale e comporta la pressione di tasti per avviare gli attacchi del personaggio sullo schermo.[17] Un menu delle azioni, simile a quelli trovati in Final Fantasy, che si trova in basso a sinistra dello schermo fornisce altre opzioni di combattimento come l'utilizzo di magie e oggetti, anche se i giocatori possono assegnare incantesimi selezionati che possono essere utilizzati immediatamente mentre si tiene premuto il tasto L1. Mentre i giocatori progrediscono attraverso il gioco, possono ricevere alcuni personaggi Disney come invocazioni, ognuno con le proprie uniche abilità. C'è anche un'opzione contestuale nella parte inferiore del menu, di solito utilizzata per interagire con l'ambiente o eseguire attacchi speciali. Questo menu è manipolato utilizzando la levetta analogica destra o il pad direzionale, mentre il movimento è controllato dalla levetta analogica sinistra, permettendo al giocatore di navigare il menu evitando o avvicinandosi ai nemici.[8]

Sora, insieme ai suoi alleati, possiede sia un indicatore di PV che uno di PM, che aumentano mentre i personaggi acquisiscono esperienza e salgono di livello. L'indicatore di PM è suddiviso in varie sezioni che vengono utilizzate ogni volta che il personaggio esegue magie, con le magie più potenti che consumano più PM. I PM possono essere recuperati eseguendo attacchi corpo a corpo o con oggetti come l'etere. L'indicatore di PV determina la salute del personaggio, riducendosi ogni volta che un personaggio subisce dei danni, anche se può essere alimentato tramite pozioni o incantesimi di guarigione. Se uno degli alleati di Sora esaurisce i PV, rimarrà fuori combattimento per un po'. Tuttavia, se Sora perde tutti i suoi PV, il gioco finisce e il giocatore deve riprendere il gioco dall'inizio di una zona o di un combattimento. Sconfiggere i nemici causerà la caduta di diverse sfere; le sfere verdi che riempiono l'indicatore di PV, le sfere blu ripristinano PM e le sfere gialle rappresentano i Munny, la valuta del gioco, che possono essere utilizzati per l'acquisto di nuovi oggetti, accessori e armi.

Gummiship[modifica | modifica sorgente]

La Gummiship è il mezzo per viaggiare tra i vari mondi di Kingdom Hearts. Il gameplay per pilotare la nave è molto differente dal resto del gioco poiché passa ad un formato da shoot 'em up. Il giocatore controlla la Gummiship da una prospettiva in terza persona posteriore mentre viaggia in un'ambientazione da spazio esterno. Durante il viaggio il giocatore deve evitare gli ostacoli e difendersi contro le navi nemiche che tentano di distruggere la Gummiship sparando missili o speronandola. Sopravvivere al percorso permette di accedere al mondo successivo. All'inizio del gioco ci sono poche opzioni disponibili per personalizzare la nave, ma mentre il gioco progredisce, nuove armi, motori, e armature diventano disponibili. Diversi modelli pre-progettati possono essere trovati in tutto il gioco, e possono essere usati per costruire rapidamente delle Gummiship.[15] Anche Geppetto dà al giocatore diversi progetti di Gummiship in base al numero di Heartless sconfitti.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Kingdom Hearts.

La collaborazione tra Disney e Square risultò in una miscela di noti personaggi di entrambe le aziende, così come molti nuovi personaggi creati e disegnati da Tetsuya Nomura.[18] Il protagonista principale del gioco è Sora, un ragazzo di 14 anni scelto per brandire il Keyblade, una grande arma a forma di chiave per combattere l'oscurità. Il gioco include anche due amici dal suo mondo d'origine, Riku e Kairi. Per la maggior parte del gioco, Sora è affiancato da Paperino e Pippo. Paperino, il mago di corte, e Pippo, capitano della guardia reale,[19] sono stati inviati dal Castello Disney per trovare il Keyblade. I tre uniscono le forze per cercare il Re Topolino, Kairi e Riku. L'antagonista principale è Ansem, che cerca il potere e la conoscenza utilizzando esseri oscuri chiamati Heartless. Gli Heartless, cuori corrotti dall'oscurità, sono la maggior parte dei nemici incontrati nel gioco e sono disponibili in una varietà di forme e dimensioni.

Essendo un gioco pensato per esplorare gli universi immaginari di diversi film Disney, oltre un centinaio di personaggi Disney sono presenti a vario titolo.[20] Mentre molti fungono da importanti personaggi della storia, altri appaiono in ruoli cameo. La maggior parte dei mondi dispongono anche di un Cattivo Disney che il giocatore deve sconfiggere. Il giocatore può invocare vari personaggi Disney a combattere a fianco di Sora in battaglia, causando a Paperino e Pippo di ritirarsi dal campo di battaglia per tutta la durata dell'invocazione.[15]

La Square incorporò anche diversi personaggi della serie Final Fantasy nel gioco, anche se furono leggermente modificati per adattarli all'antefatto del gioco. Sul Isole del Destino il giocatore incontra versioni più giovani di Tidus e Wakka da Final Fantasy X e Selphie Tilmitt da Final Fantasy VIII. Nella Città di Mezzo il giocatore incontra Squall Leonhart (noto nel gioco come "Leon") da Final Fantasy VIII e Aerith Gainsborough, Cid e Yuffie Kisaragi da Final Fantasy VII.[15] Originariamente sarebbe dovuto apparire anche Rikku da Final Fantasy X, ma venne sostituito da Yuffie.[21] Cloud Strife e Sephiroth, entrambi da Final Fantasy VII, fanno delle apparizioni al Monte Olimpo, dove il giocatore può combatterli nei tornei.[15] L'enfasi sui personaggi dagli ultimi episodi di Final Fantasy nasce dall'esitazione di Nomura nell'utilizzare personaggi che non aveva disegnato.[22] Il gioco utilizza anche altre icone di Final Fantasy come i Moguri, che gestiscono l'elaborazione degli elementi.[8]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

L'idea iniziale di Kingdom Hearts cominciò con una discussione tra Shinji Hashimoto e Hironobu Sakaguchi su Super Mario 64.[23] Stavano progettando di fare un gioco con libertà di movimento in tre dimensioni come Super Mario 64, ma lamentavano che solo personaggi famosi come quelli Disney avrebbero potuto rivaleggiare con un gioco di Mario. Tetsuya Nomura, ascoltando la loro conversazione, si offrì volontario per guidare il progetto e i due produttori decisero di lasciarlo dirigere.[23] Un incontro casuale tra Hashimoto e un dirigente della Disney in un ascensore - Square e Disney avevano lavorato nello stesso edificio in Giappone - permise a Hashimoto di proporre l'idea direttamente alla Disney.[24][25] Nomura rifiutò diverse proposte della Disney al fine di perseguire il proprio concetto con protagonista un personaggio originale che non si basasse su una proprietà Disney.[23] Il team di produzione consistette in oltre un centinaio di membri sia della Square che della Disney Interactive.[17] Il gioco iniziò lo sviluppo nel febbraio 2000,[26] e originariamente si concentrava più sul gameplay, con una storia semplice per attrarre il target della Disney.[27] Dopo che il produttore esecutivo Sakaguchi disse a Nomura che il gioco sarebbe stato un fallimento se non avesse mirato allo stesso livello della serie Final Fantasy, Nomura iniziò a sviluppare ulteriormente la storia.[27] Quando si scelsero i mondi Disney da includere nel gioco, Nomura e il suo team cercarono di raccogliere mondi che avessero aspetti decisamente diversi.[28] Cercarono anche di tener conto di mondi con personaggi Disney che sarebbero stati interessanti.[27] Grazie al sostegno del presidente Disney Bob Iger, il team ebbe poche restrizioni su quali mondi dei franchise Disney avrebbe potuto utilizzare. Tuttavia, cercarono di rimanere entro i confini di ogni personaggio stabiliti dai rispettivi film Disney.[23][29] Nel giugno 2013, Nomura ha dichiarato che il nome del gioco gli venne pensando ai Walt Disney Parks and Resorts, in particolare al Disney's Animal Kingdom. Tuttavia, Nomura non poteva ottenere la proprietà intellettuale con un semplice "Kingdom", così il team di sviluppo cominciò a pensare al "cuore" come una parte fondamentale della storia, così decisero di unire le due per formare "Kingdom Hearts".[30][31]

Nelle versioni nordamericana ed europea vennero inseriti dei contenuti aggiuntivi che erano assenti nella versione giapponese iniziale:[20] nuovi boss opzionali, uno dei quali venne chiamato come il vincitore del concorso "Name-In-Game" del sito ufficiale,[20] un livello di difficoltà in più[32] e un teaser di Kingdom Hearts II visibile rispondendo a determinati criteri.[29] Nomura incluse il teaser al fine di valutare la reazione dei fan alla possibilità di un sequel; sentiva che se l'idea fosse stata impopolare, allora sarebbe stato meglio lasciare inspiegabili certi eventi nel gioco.[33] I nuovi contenuti in seguito vennero aggiunti alla riedizione giapponese intitolata Kingdom Hearts Final Mix. Final Mix includeva anche altri contenuti aggiuntivi come nuovi oggetti, scene tagliate e nemici. Il nuovo contenuto inoltre accennava a trame che sarebbero state spiegate nel sequel. Alcuni contenuti omessi in Kingdom Hearts furono poi aggiunti in Kingdom Hearts II. Un mondo basato su Il re leone, ad esempio, era impossibile perché sarebbe stato necessario un programma supplementare per elaborare il movimento su quattro zampe - una necessità dal momento che Sora sarebbe diventato un leone in quel mondo.[34] A causa di vincoli di tempo, gli sviluppatori lasciarono fuori una battaglia opzionale contro Tifa Lockhart. Lei venne poi inclusa in Kingdom Hearts II come personaggio più sviluppato.[35]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Kingdom Hearts fu annunciato alla Electronic Entertainment Expo nel maggio 2001.[18] I dettagli iniziali erano che sarebbe stata una collaborazione tra Square e Disney Interactive e avrebbe incluso mondi sviluppati da entrambe le società e personaggi Disney. Nuovi personaggi erano stati disegnati da Nomura e includevano Sora, Riku, Kairi e gli Heartless.[17][18] Una demo giocabile era disponibile al Tokyo Game Show nel 2001. Il gameplay della demo mostrò molti elementi dell'action-RPG che sarebbero stati inclusi nel prodotto finale.[36] Per aiutare a commercializzare la versione inglese del gioco, la Square lanciò il sito ufficiale nell'aprile 2002, che includeva trailer, un concorso a premi "Name-In-Game" e altri contenuti Internet.[37] Il 14 maggio del 2002 un comunicato stampa annunciò l'elenco dei doppiatori inglesi. La lista comprendeva Haley Joel Osment, David Gallagher e Hayden Panettiere nei ruoli dei tre nuovi personaggi introdotti nel gioco. Inoltre annunciò che molti dei personaggi Disney sarebbero stati interpretati dai doppiatori ufficiali dei rispettivi film.[17][38] Altri sforzi di marketing inclusero le aste del gioco e di relativi oggetti prima della distribuzione in Nord America[39] e un Consumer Demo Day a San Francisco.[40]

Audio[modifica | modifica sorgente]

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Musica di Kingdom Hearts.

Yoko Shimomura compose la musica di Kingdom Hearts.[41] Mentre ci sono delle melodie arrangiate derivanti da precedenti film Disney, la maggior parte della colonna sonora è costituita da temi originali scritti appositamente per il gioco da Shimomura. L'orchestrazione di apertura e il tema dei titoli di coda furono arrangiati e orchestrati da Kaoru Wada ed eseguiti dalla New Japan Philharmonic.[41] La canzone principale per la versione originale giapponese si intitola "Hikari" (?). La versione in inglese di "Hikari", "Simple and Clean", venne utilizzata nelle versioni occidentali e nella riedizione Final Mix. Entrambe le versioni furono composte ed eseguite da Hikaru Utada. Il suo coinvolgimento, insieme al titolo della canzone giapponese, venne annunciato nel gennaio 2002.[42] Utada era l'unica cantante che Nomura aveva in mente per la canzone principale di Kingdom Hearts.[43] Questo segnò la prima volta che Utada aveva prodotto una canzone per un videogioco. Il singolo "Hikari" venne distribuito in Giappone il 20 marzo 2002[44] e si dimostrò molto popolare; ad agosto 2002 aveva venduto oltre 860.000 copie in Giappone.[43] La colonna sonora di Kingdom Hearts fu distribuita su un cofanetto di due CD il 27 marzo 2002 in Giappone e un anno dopo negli Stati Uniti. La colonna sonora venne poi inclusa nel Kingdom Hearts Original Soundtrack Complete, che fu distribuito in Giappone il 28 marzo 2007.[45] Musica da Kingdom Hearts fu inclusa anche nella compilation di Shimomura Drammatica.[46]

Doppiaggio[modifica | modifica sorgente]

Kingdom Hearts fu caratterizzato da famosi doppiatori sia nella versione giapponese che in quella in inglese. La versione giapponese vide Miyu Irino come Sora, Risa Uchida come Kairi e Mamoru Miyano come Riku. Altri doppiatori di rilievo inclusero Kōichi Yamadera, Hideo Ishikawa e Maaya Sakamoto.[47] Uno sforzo particolare venne fatto per preservare i doppiatori ufficiali dei personaggi Disney utilizzati in Kingdom Hearts. In certi casi, alcuni doppiatori delle relative serie televisive o sequel direct-to-video vennero scelti al posto dei doppiatori originali dei film. La versione inglese fu caratterizzata da Haley Joel Osment come Sora, David Gallagher come Riku e Hayden Panettiere come Kairi.[48][49] Altri doppiatori di rilievo inclusero Billy Zane, David Boreanaz, James Woods e Mandy Moore.[48][50]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Dati di vendita[modifica | modifica sorgente]

Kingdom Hearts fu un successo commerciale. Durante i primi due mesi della sua uscita in Nord America fu uno dei primi tre videogiochi più venduti,[51] e fu tra i titoli più venduti durante il periodo natalizio del 2002. Nel novembre 2002 la UBS lo indicò come il 6° gioco per console più venduto durante la settimana del 5 novembre.[52] Alla fine di aprile 2003 la Square annunciò che Kingdom Hearts aveva venduto la sua milionesima copia negli Stati Uniti, che lo rese beneficiario dello status di "Platinum", e oltre 3 milioni in tutto il mondo.[5] Le vendite raggiunsero 1,2 milioni in Giappone nel primo trimestre del 2004, e superò i 4 milioni nel mondo.[53] Nel dicembre 2005 l'NPD Group lo indicò come "uno dei primi dieci titoli per PlayStation 2 più venduti di tutti i tempi in Nord America".[54] A dicembre 2006 Kingdom Hearts aveva spedito oltre 5,6 milioni di copie in tutto il mondo, con 1,1 milioni nelle zone PAL, 1,5 milioni in Giappone e 3 milioni in Nord America.[55] A ottobre 2013 la serie ha venduto più di 20 milioni di unità in tutto il mondo.[6]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Il gioco ricevette alte valutazioni dalla critica. Nei premi Best of 2002 di IGN venne nominato per il "PS2's Best Game of 2002 Editor's Choice Award" e fu il secondo classificato per il "PS2's Best Game of 2002 Reader's Choice Award".[56] Nel 2007 il sito web elencò Kingdom Hearts come il 22º miglior gioco per PlayStation 2 di tutti i tempi.[57] I critici lodarono la grafica, la colonna sonora, il doppiaggio e l'ibrido di azione-avventura e gioco di ruolo. IGN lo nominò come "Best Art Style/Direction", lo classificò secondo per "Best CG Graphics" e gli diede una menzione d'onore per "Best Animation" nella lista "Best Looking Games on PS2" del 2003.[58] GameSpy elencò Kingdom Hearts due volte nella sua "Top 25 Video Game Cinematic Moments".[59][60] GamePro affermò che la grafica era "magnifica", dandole un punteggio elevato.[7] Anche l'audio venne elogiato, in particolare la qualità del doppiaggio e della colonna sonora.[10][14] GamePro commentò positivamente l'audio generale e diede a tale aspetto un punteggio perfetto.[7]

Le opinioni sul gameplay furono discordanti. Molte recensioni lamentarono che la telecamera era a volte frustrante e le sezioni sulla Gummiship erano fuori luogo. GameSpot definì il gameplay "tedioso" e le sezioni Gummiship come "pallide imitazioni della serie Star Fox", ma dichiarò che i combattimenti erano divertenti, in particolare quelli contro i boss.[14] Dengeki Online commentò i controlli della telecamera, dicendo che essa si imbatterebbe spesso in oggetti mentre viene ruotata dal giocatore.[61] GamePro paragonò il sistema di combattimento con quello dei "vecchi giochi di Zelda per Nintendo 64" e commentò positivamente l'intelligenza artificiale di Paperino e Pippo.[7]

GameSpot commentò che il concetto di miscelare gli elementi seri di Final Fantasy con quelli più leggeri della Disney sembrava impossibile, ma era venuto fuori abbastanza bene. Grazie a questo, premiarono Kingdom Hearts come "Best Crossover Since Capcom vs. SNK" nei premi Best and Worst of the Year del 2002.[4] GameSpy osservò che l'allontanamento periodico dalla trama principale a favore di storie laterali Disney era deludente, e quando la trama originale costruisce un climax, "la storia non riesce a gelificare a causa di un confuso miscuglio di termini e simboli vaghi che, probabilmente, avevano più senso nella testa del regista che in questo prodotto finale". A parte la trama, dichiararono che il pacchetto complessivo valeva la pena di essere giocato fino alla fine.[10] G4TV lo premiò come "Best Story" ai premi G-Phoria del 2003.[62] Anche l'accoglienza dei fan fu positiva; Kingdom Hearts venne votato come il 19° miglior gioco di tutti i tempi dai lettori della rivista giapponese Famitsū,[63] 16º dagli utenti del sito GameFAQs[64] e 92º da quelli di IGN.[65] Kingdom Hearts si classificò nono nella più recente lista "Top 25 PS2 Games of All Time" di IGN.[66] Fu anche un candidato per il premio di miglior gioco ai CESA Game Awards per il 2001-2002.[67]

Versioni e merchandise[modifica | modifica sorgente]

Furono distribuite più versioni di Kingdom Hearts. La prima fu la versione originale giapponese, seguita dalla versione occidentale (Nord America e zone PAL), che include contenuti aggiuntivi. Il gioco venne successivamente ripubblicato in Giappone come Kingdom Hearts Final Mix, presentando i contenuti della versione occidentale insieme ad altri nuovi.

Square e Disney pubblicarono anche numerosi tipi di merchandise prima e dopo l'uscita del gioco. Esso variava da giocattoli e figurine[20] a capi d'abbigliamento e libri. Come per i giochi di Final Fantasy, la Square pubblicò un libro Ultimania su Kingdom Hearts in Giappone a seguito della distribuzione del gioco e un'edizione riveduta dopo l'uscita di Final Mix. In Nord America una guida strategica venne pubblicata da Brady Games. Era caratterizzata da una guida completa e un diario di attività adesivo.[15][68] Una serie manga basata sul gioco venne pubblicata in Giappone e negli Stati Uniti. Una serie di romanzi anch'essa basata sul gioco venne pubblicata in Giappone. Venne scritta da Tomoco Kanemaki e illustrata da Shiro Amano. La serie di romanzo si compone di due volumi e fu pubblicata in Nord America il 25 marzo 2008.[69][70]

Final Mix[modifica | modifica sorgente]

Originariamente uscito solo in Giappone, Kingdom Hearts Final Mix ha diversi eventi e una serie di modifiche di gameplay che non ci sono nelle versioni precedenti. Il dialogo parlato è in inglese, con sottotitoli in giapponese.[71] Nuove scene che chiariscono alcuni punti della trama, come il viaggio di Riku e la prefigurazione di Kingdom Hearts II, furono incluse. Un'opzione di gameplay permette al giocatore di saltare i filmati già visti.[71] I boss opzionali inclusi per la prima volta nelle versioni occidentali furono introdotti ai giocatori giapponesi per la prima volta, insieme a un nuovo combattimento contro "Unknown Man", nel tentativo di aumentare l'interesse per il sequel.

In un altro tentativo di prefigurazione, un video intitolato "Another Side, Another Story 【deep dive】" può essere visto alla fine se il giocatore compie determinate attività.[72] Nuovi brani musicali incorporati furono "Disappeared" e "Another Side". Anche i brani "Night on Bald Mountain" e "One-Winged Angel" della versione occidentale vennero inclusi. Altri cambiamenti includono nuove abilità, nuove armi, nuovi oggetti, nemici aggiuntivi e ricolorati[73] e modifiche di gameplay per rendere il gioco più facile al giocatore, insieme a due nuovi livelli di difficoltà.[72][74] Quando uscì per la prima volta, Final Mix includeva un mazzo di carte di Kingdom Hearts o un CD musicale speciale. Una versione limitata "Platinum Edition" di Kingdom Hearts Final Mix venne poi pubblicata con un'action figure di Sora, un set di adesivi, e schizzi di alcuni dei personaggi principali.[71]

È stato distribuito per la prima volta in Nord America, Europa e Australia come parte di Kingdom Hearts HD 1.5 ReMIX.[75][76][77]

Manga[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kingdom Hearts (manga).

Il gioco fu adattato in un manga da Shiro Amano. La storia segue le vicende che hanno avuto luogo nel gioco con alcune piccole differenze per tener conto della perdita dell'interattività che un videogioco offre.[78] Anche alcuni eventi che hanno avuto luogo nella versione Final Mix furono inclusi. Il manga venne originariamente serializzato in Giappone da Famitsū PS2, ma da allora è stato pubblicato in tutto il mondo in quattro volumi. I volumi vennero pubblicati in inglese negli Stati Uniti dalla Tokyopop. Il primo volume venne pubblicato l'11 ottobre 2005[79] e il quarto volume il 10 luglio 2006.[80] L'intera serie fu successivamente pubblicata in un cofanetto il 10 ottobre 2006.[81] In Italia la serie venne pubblicata su Disney Manga da febbraio a maggio 2008.

La serie manga ha avuto un moderato successo. Il primo volume si classificò 95° nella "Top 150 best sellers" di USA Today durante la settimana della sua uscita.[82] IGN elogiò i disegni di Amano e affermò che dopo la lettura si aveva voglia di ricominciare il gioco. Criticarono la mancanza di nuovi contenuti e dichiararono che il passaggio da gioco a stampa aveva fatto perdere gran parte del fascino della storia.[78] La serie venne seguita da altre basate sui sequel del gioco: Kingdom Hearts: Chain of Memories e Kingdom Hearts II.[83][84]

HD 1.5 ReMIX[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kingdom Hearts HD 1.5 ReMIX.

Nel mese di agosto 2011 Nomura ha espresso il desiderio di pubblicare una riedizione in alta definizione del gioco, anche se doveva ancora confermare tali piani.[85][86] Nel settembre 2012 Square Enix ha annunciato Kingdom Hearts HD 1.5 ReMIX, una compilation per la PlayStation 3 che include sia Kingdom Hearts Final Mix che Kingdom Hearts Re: Chain of Memories in HD e con supporto dei trofei. I modelli dei personaggi di Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance vengono utilizzati come base per i personaggi del gioco. Il gameplay di Kingdom Hearts è stato modificato per assomigliare di più a quello di Kingdom Hearts II.[87] Inoltre, la collezione comprende filmati in HD e contenuti testuali di Kingdom Hearts 358/2 Days. È stato pubblicato in Giappone il 14 marzo 2013,[88] in Nord America il 10 settembre 2013,[75] in Australia il 12 settembre 2013[76] e in Europa il 13 settembre 2013.[77]

Nel giugno 2013 Nomura ha affermato che le attività di gioco originali di Kingdom Hearts sono andate perse qualche tempo fa. Ha spiegato che "[i dati di gioco] erano andati persi, quindi abbiamo dovuto ricercare, e abbiamo dovuto scavare fuori dal gioco vero ciò che era disponibile e ricreare tutto per l'HD. Abbiamo dovuto ricreare tutti gli elementi grafici e non è stato affatto facile".[31][89]

Seguiti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kingdom Hearts.

Kingdom Hearts ha dato origine a diversi sequel, diventando il primo gioco della serie Kingdom Hearts. Fu seguito da un sequel diretto, Kingdom Hearts: Chain of Memories per Game Boy Advance, che fu pubblicato in Giappone l'11 novembre 2004.[90][91] Kingdom Hearts II fu il terzo gioco della serie, ambientato un anno dopo Chain of Memories, e fu pubblicato in Giappone il 22 dicembre 2005 per la PlayStation 2.[92] Come il primo gioco, esso fu ripubblicato come Kingdom Hearts II Final Mix accanto a un remake per PS2 di Chain of Memories.[93] Un gioco di Kingdom Hearts venne sviluppato esclusivamente per V Cast, il servizio a banda larga di Verizon Wireless, e fu pubblicato il 1° ottobre 2004 in Giappone e il 4 febbraio 2005 negli Stati Uniti.[94] Nel novembre 2008 Kingdom Hearts coded fu distribuito per i telefoni cellulari in Giappone; il gioco si svolge dopo gli eventi di Kingdom Hearts II. Un interquel intitolato Kingdom Hearts 358/2 Days venne sviluppato per il Nintendo DS e pubblicato in Giappone il 30 maggio 2009 e in Nord America il 29 settembre. Un prequel è stato distribuito in Giappone il 9 gennaio 2010, intitolato Kingdom Hearts Birth by Sleep, per la PlayStation Portable, e si svolge 10 anni prima degli eventi di Kingdom Hearts.[95] La seguente titolo della serie è stato Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance per Nintendo 3DS, uscito nel 2012.[96] All'E3 2013 è stato annunciato che Kingdom Hearts III è in fase di sviluppo per PlayStation 4 e Xbox One.[97][98]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ PlayStation 2 - Kingdom Hearts, PlayStation Underground. URL consultato il 2007-05-15 (archiviato dall'url originale il ).
  2. ^ IGN Staff, Kingdom Hearts Voice Cast, IGN, 2002-05-14. URL consultato il 2007-05-21.
  3. ^ Edge, Interview: Tetsuya Nomura in Next-gen.biz, Next Generation, 2007-06-25. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  4. ^ a b GameSpot's Best and Worst of 2002, GameSpot, 2002. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  5. ^ a b GamePro Staff, Kingdom Hearts sold how many?!, GamePro, 2003-04-30. URL consultato il 2008-09-19 (archiviato dall'url originale il ).
  6. ^ a b Mat Kishimoto, Kingdom Hearts HD 2.5 ReMIX Coming to PS3 in 2014, PlayStation Blog, 2013-10-14. URL consultato il 2013-10-14.
  7. ^ a b c d Fox, Fennec, Review: Kingdom Hearts for PS2 on GamePro.com, GamePro, 2002-09-30. URL consultato il 2008-09-19 (archiviato dall'url originale il ).
  8. ^ a b c d e Square Co., Kingdom Hearts Instruction Booklet, Square Co., Limited, 2002.
  9. ^ IGN: Kingdom Hearts, IGN. URL consultato il 2007-05-12.
  10. ^ a b c d Turner, Benjamin, Kingdom Hearts Review (PS2), GameSpy, 2002-09-03. URL consultato il 2007-07-05.
  11. ^ a b Kingdom Hearts for PlayStation 2 (2002), MobyGames. URL consultato il 2012-10-18.
  12. ^ Tetsuya Nomura Interview in Edge, nº 177, Future Publishing, July 2007, pp. 80–81.
  13. ^ Official International Kingdom Hearts Website, Square. URL consultato il 2007-05-14.
  14. ^ a b c d Kasavin, Greg, Kingdom Hearts for PlayStation 2 Review, GameSpot, 2002-09-09. URL consultato il 2007-05-13 (archiviato dall'url originale il ).
  15. ^ a b c d e f g Dan Birlew, Kingdom Hearts Official Strategy Guide, BradyGames Publishing, 2003, ISBN 0-7440-0198-6.
  16. ^ Varanini, Giancarlo, Kingdom Hearts Preview, GameSpot, 2002-04-03. URL consultato il 2007-05-18.
  17. ^ a b c d Kingdom Hearts Company Line, GameSpot. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  18. ^ a b c Gerstmann, Jeff, E3 2001: Square announces Disney RPG for PS2, GameSpot, 2001-05-17. URL consultato il 2007-05-13.
  19. ^ Official Kingdom Hearts Website: Characters, Square Enix. URL consultato il 2007-05-21.
  20. ^ a b c d Official Kingdom Hearts Website: News, Square Enix. URL consultato il 2007-05-14.
  21. ^ Square, Early Kingdom Hearts Concept Art, Kingdom Hearts Ultimania.com. URL consultato il 2007-05-24.
  22. ^ Boulette, Bryan, Nomura Divulges Kingdom Hearts II Details, RPGamer, 2005-11-27. URL consultato il 2007-05-21.
  23. ^ a b c d Satoru Iwata, Volume 12 : KINGDOM HEARTS 3D [Dream Drop Distance], Nintendo of America Inc., April 2012. URL consultato il May 4, 2014.
  24. ^  Final Fantasy Retrospective Part XI. GameTrailers, , 2007-10-10. URL consultato in data 2007-11-20. [collegamento interrotto]
  25. ^ Anoop Gantayat, TGS 2004: Tetsuya Nomura Q&A, IGN, 2004-09-23. URL consultato il 2007-06-12.
  26. ^ (JA) Kingdom Hearts キングダム ハーツ, Final Fantasy 2000. URL consultato il 2007-05-30.
  27. ^ a b c KHU Interview w/Tetsuya Nomura, Kingdom Hearts Insider. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  28. ^ Playstation.com Europe - E3 Interview, Kingdom Hearts Ultimania. URL consultato il 2007-06-15 (archiviato dall'url originale il ).
  29. ^ a b Tetsuya Nomura on the Kingdom Hearts Sequels, G4TV. URL consultato il 2007-06-15 (archiviato dall'url originale il ).
  30. ^ Mike Splechta, Tetsuya Nomura discusses Kingdom Hearts 1.5, Kingdom Hearts 3 and Final Fantasy 15, Gamezone, 2013-06-26. URL consultato il 2013-06-28.
  31. ^ a b  Square Enix. (EN) Square Enix Presents E3 2013 - Day1 (#03) - KINGDOM HEARTS HD 1.5 ReMIX Interview. Youtube, 25 giugno 2013. URL consultato in data 28 giugno 2013.
  32. ^ Fox, Fennec, Square Confirms Kingdom Hearts Date, GamePro, 2003-04-30. URL consultato il 2008-09-19 (archiviato dall'url originale il ).
  33. ^ Kingdom Hearts II Ultimania - Tetsuya Nomura Interview, Kingdom Hearts Ultimania. URL consultato il 2007-08-10 (archiviato dall'url originale il ).
  34. ^ Nomura Dengeki Interview #3, Kingdom Hearts Ultimania. URL consultato il 2007-06-15 (archiviato dall'url originale il ).
  35. ^ Kingdom Hearts II Tetsuya Nomura interview, Video Game Blogger. URL consultato il 2007-06-19.
  36. ^ Gerstmann, Jeff, TGS 2001 FallKingdom Hearts hands-on, GameSpot, 2001-10-12. URL consultato il 2007-05-18.
  37. ^ IGN Staff, Square Opens Kingdom Hearts Page, IGN, 2002-05-14. URL consultato il 2007-05-13.
  38. ^ IGN Staff, IGN: Kingdom Hearts Voice Cast, IGN. URL consultato il 2007-05-13.
  39. ^ Bryant, Paul, Kingdom Hearts auction now live, Gaming Age, 2002-08-08. URL consultato il 2007-09-25 (archiviato dall'url originale il ).
  40. ^ Klepek, Patrick, Kingdom Hearts Consumer Demo Day, Gaming Age, 2002-08-13. URL consultato il 2007-09-25 (archiviato dall'url originale il ).
  41. ^ a b Kingdom Hearts Original Soundtrack CD insert. Toshiba-Emi Limited. 2002.
  42. ^ IGN Staff, Hikaru Utada Sings Kingdom Hearts Theme, IGN, 2002-01-10. URL consultato il 2007-05-13.
  43. ^ a b Coleman, Stephen, Square, Disney and Japanese Pop Star Utada Hikaru Collaborate on Kingdom Hearts, IGN, 2002-08-22. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  44. ^ (JA) RELEASE - Single 光, EMI Music Japan. URL consultato il 2008-09-19.
  45. ^ (JA) Kingdom Hearts Original Soundtrack Complete, EMI Music Japan. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  46. ^ (JA) Drammatica -The Very Best Of Yoko Shimomura, HMV Japan. URL consultato il 2008-02-26.
  47. ^ Full cast and crew for Kingdom Hearts (2002) (VG), IMDB. URL consultato il 2007-07-05.
  48. ^ a b Fox, Fennec, Kingdom Hearts Voice Talent Announced, GamePro, 2003-04-30. URL consultato il 2008-09-19 (archiviato dall'url originale il ).
  49. ^ Sains, Alex, Kingdom Hearts voice actors in Final Fantasy Net. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  50. ^ Kingdom Hearts (credits), GameSpot. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  51. ^ Calvert, Justin, October video game sales, GameSpot, 2002-11-18. URL consultato il 2007-07-05.
  52. ^ Stephen Coleman, UBSW Top 10 Games For the week ending Nov. 11, IGN, 2002-11-13. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  53. ^ GameSpot Staff, Kingdom Hearts tips scales at 4 million, GameSpot, 2004-03-17. URL consultato il 2007-05-18.
  54. ^ Coleman, Stephen, Kingdom Hearts II Gets All-Star Cast, IGN, 2006-02-08. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  55. ^ Square, Kingdom Hearts Series Ships over 10 Million Worldwide, GameSpot, 2007-02-05. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  56. ^ IGNPS2 Staff, Best of 2002: Best Game of the Year, IGN, 2003-01-17. URL consultato il 2007-08-07.
  57. ^ IGN PlayStation Team, The Top 25 PS2 Games of All Time, IGN, 2007-03-16. URL consultato il 2007-03-18 (archiviato dall'url originale il ).
  58. ^ Perry, Douglass C., The Best Looking Games on PS2, IGN, 2003-03-20. URL consultato il 2007-05-13.
  59. ^ GameSpy's Top 25 Video Game Cinematic Moments, GameSpy, 2007-04-16. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  60. ^ GameSpy's Top 25 Video Game Cinematic Moments, GameSpy, 2007-04-16. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  61. ^ (JA) 電撃オンライン編集部がオススメするソフトを個性的なレビュアーがアツく語る!, Dengeki Online. URL consultato il 2007-07-08 (archiviato dall'url originale il ).
  62. ^ IGN Staff, G-Phoria Report, IGN, 2003-07-31. URL consultato il 2007-08-07.
  63. ^ Famitsu Reveals Top 100 Reader-Voted Games Of All-Time, Gamasutra, 2006-03-03. URL consultato il 2007-05-29.
  64. ^ Fall 2005: 10-Year Anniversary Contest - The 10 Best Games Ever, GameFAQs, 2005. URL consultato il 2007-07-05.
  65. ^ IGN Site Staff, Readers' Picks Top 100 Games: 91-100, IGN, 2006. URL consultato il 2007-05-29.
  66. ^ IGN Site Staff, Top 25 PS2 Games of All Time, IGN, 2006. URL consultato il 2010-08-24.
  67. ^ 最優秀賞は「FF10」!! 「第6回 CESA GAME AWARDS」授賞式, GPARA.COM. URL consultato il 2009-05-28.
  68. ^ Kingdom Hearts Official Strategy Guide, Brady Games. URL consultato il 2007-07-07.
  69. ^ Kingdom Hearts the First Door, Indigo Books and Music. URL consultato il 2007-10-02.
  70. ^ Kingdom Hearts Darkness Within, Indigo Books and Music. URL consultato il 2007-10-02.
  71. ^ a b c Kingdom Hearts Final Mix, IGN. URL consultato il 2007-05-13.
  72. ^ a b Kingdom Hearts Insider - Final Mix, Kingdom Hearts Insider. URL consultato il 2007-05-29 (archiviato dall'url originale il ).
  73. ^ (JA) Studio BentStuff, Kingdom Hearts Series Ultimania α ~Introduction of Kingdom Hearts II~, Square Enix, 2005, ISBN 4-7575-1597-9.
  74. ^ Kingdom Hearts: Final Mix (Import), Neoseeker. URL consultato il 2007-05-29.
  75. ^ a b Robert Peeler, Announcing KINGDOM HEARTS HD 1.5 ReMIX, Square Enix, 2013-02-26. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  76. ^ a b KINGDOM HEARTS HD 1.5 ReMIX, releasing exclusively for PS3, PS3 News, 2013-02-26. URL consultato il 2013-02-26.
  77. ^ a b Kingdom Hearts HD 1.5 ReMIX coming to Europe!, Square Enix, 2013-02-25. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  78. ^ a b Hilary Goldstein, Kingdom Hearts Vol. 1 Review, IGN, 2002-09-12. URL consultato il 2008-03-18.
  79. ^ Kingdom Hearts, Vol. 1 (Paperback), Amazon.com.
  80. ^ Kingdom Hearts, Vol. 4 (Paperback), Amazon.com.
  81. ^ Kingdom Hearts Boxed Set--vols 1-4 (Paperback), Amazon.com.
  82. ^ USA Today Best-Selling Books Database - Top 150 best sellers, USA Today. URL consultato il 2007-07-05.
  83. ^ Kingdom Hearts: Chain of Memories Volume 1, Tokyopop. URL consultato il 2014-04-28 (archiviato dall'url originale il ).
  84. ^ Kingdom Hearts II Volume 1 (Kingdom Hearts (Graphic Novels)) (Paperback), Amazon.com.
  85. ^ Nomura talks KH3D and possible KH HD remake, Andriasang, 2011-08-09. URL consultato il 2014-04-28.
  86. ^ Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance in Game Informer, nº 230, GameStop Corporation, June 2012.
  87. ^ Nomura Teases Kingdom Hearts II HD And Other Kingdom Hearts HD 1.5 Remix Tidbits, Siliconera, 2012-10-02. URL consultato il 2012-10-03.
  88. ^ Sal Romano, Kingdom Hearts HD 1.5 Remix Japanese release date set, 2012-12-20. URL consultato il 2013-05-07.
  89. ^ Luke Karmali, Original Kingdom Hearts' Assets Lost, IGN, 2013-06-27. URL consultato il 2013-06-27.
  90. ^ Kingdom Hearts: Chain of Memories, IGN. URL consultato il 2007-09-04.
  91. ^ Kingdom Hearts: Chain of Memories Info, GameFAQs. URL consultato il 2007-05-24.
  92. ^ Kingdom Hearts II, IGN. URL consultato il 2007-09-04.
  93. ^ Anoop Gantayat, Kingdom Hearts II Update For PS2, IGN, 2006-09-13. URL consultato il 2007-03-11.
  94. ^ Kingdom Hearts, IGN. URL consultato il 2007-08-08.
  95. ^ Charles Onyett, Three New Kingdom Hearts Titles, IGN, 2007-09-19. URL consultato il 2007-09-19.
  96. ^ Anoop Gantayat, Tetsuya Nomura on Kingdom Hearts 3D, Andriasang, 2010-06-18. URL consultato il 2014-04-28.
  97. ^ Alexa Ray Corriea, Kingdom Hearts 3 coming to PS4, Polygon, 2013-06-10. URL consultato il 2013-06-10.
  98. ^ E3 2013: Kingdom Hearts III Heading to Xbox One, IGN, 2013-06-11.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]