Le avventure di Winnie the Pooh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le avventure di Winnie the Pooh
Winniepooh.JPG
Winnie the Pooh in una scena del film
Titolo originale The Many Adventures of Winnie the Pooh
Paese di produzione USA
Anno 1977
Durata 71 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia John Lounsbery, Wolfgang Reitherman
Soggetto tratto dai libri di Alan Alexander Milne illustrati da Ernest H. Shepard
Sceneggiatura Larry Clemmons, Ralph Wright, Vance Gerry, Xavier Atencio, Ken Anderson, Julius Svendsen, Ted Berman, Eric Cleworth
Produttore Wolfgang Reitherman
Casa di produzione Walt Disney Productions
Distribuzione (Italia) Buena Vista Distribution
Art director Seth Engstrom, David James
Animatori Milt Kahl, Don Bluth, Art Stevens, Ollie Johnston, Gary Goldman, Frank Thomas, Cliff Nordberg, Burny Mattinson, John Pomeroy, Eric Larson, Walt Stanchfield, Fred Hellmich, Hal King, Eric Cleworth, John Lounsbery, John Ewing, Hal Ambro, Bill Keil, John Sibley, Dave Michener, Dan McManus, Dale Bear, Andy Gaskill, Chuck Williams, Don Griffith, Joe Hale, Basil Davidovich, Sylvia Roemer, Dale Barnhart, Sylvia Cobb
Montaggio Tom Acosta, James Melton
Musiche Richard M. Sherman e Robert B. Sherman (canzoni), Buddy Baker (tema)
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Episodi

Le avventure di Winnie the Pooh (The Many Adventures of Winnie the Pooh) è un film d'animazione del 1977 prodotto e distribuito dalla Walt Disney Pictures. È il 22º classico Disney secondo il canone ufficiale.

Il film è composto da tre cortometraggi animati usciti precedentemente, basati sui libri di Winnie the Pooh di A. A. Milne: Winny Puh, orsetto ghiottone (Winnie the Pooh and the Honey Tree) (1966), Troppo vento per Winny Puh (Winnie the Pooh and the Blustery Day) (1968) e Tigro e Winny Puh a tu per tu (Winnie the Pooh and Tigger Too!) (1974). Troppo vento per Winny Puh vinse l'Oscar come miglior cortometraggio d'animazione nel 1969. Un quarto e ultimo cortometraggio, Il compleanno di Ih-Oh, uscì nel 1983.

I personaggi del film hanno generato un'industria di sequel, programmi televisivi, vestiti, libri e giocattoli. Il film differisce dai tre cortometraggi individuali perché possiede del nuovo materiale di collegamento, e un finale per chiudere le storie (basato sul capitolo finale di La strada di Puh). Walt Disney ha sempre avuto l'intenzione di creare un lungometraggio, ma decise invece di creare dei cortometraggi — dopo l'inizio della produzione — per familiarizzare il pubblico statunitense con i personaggi.

Il film ispirò anche un'attrazione omonima a Disneyland, Walt Disney World e Hong Kong Disneyland. Un'attrazione molto più elaborata, sempre basata sul film, aprì in Tokyo Disneyland come "Pooh's Hunny Hunt".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel Bosco dei Cento Acri, il piccolo Christopher Robin ha tanti amici: l'orsetto Winnie the Pooh, così ghiotto di miele da rimpinzarsi fino a rimanere incastrato nell'albero del coniglio Tappo; la tigre salterina Tigro, che ambisce a ritrovare la sua famiglia; l'asinello depresso Ih-Oh, il maialino fifone Pimpi, i canguri Kanga e Ro e il dotto gufo Uffa. Insieme a loro vive diverse avventure nel magico bosco. Il film è diviso in tre parti:

Ogni parte corrisponde a uno dei tre episodi usciti precedentemente.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il nome italiano dell'orsetto era proprio Winny Puh quando i tre cortometraggi furono doppiati in italiano. Nel 1997 è arrivato in Italia il film completo: in questa occasione gli episodi sono stati completamente ridoppiati (con dialoghi e canzoni simili a quelli delle rispettive prime versioni italiane) e al personaggio è stato ridato il suo nome inglese originale.

Differenze rispetto ai libri originali[modifica | modifica wikitesto]

  • Nei libri Winnie Puh e La strada di Puh i personaggi di Tappo, il coniglio e Uffa, il gufo sono dei veri animali in carne e ossa e proprio per questo tendono ad avere un comportamento da “maestrini” verso gli altri abitanti del Bosco dei 100 Acri, che sono tutti dei pupazzi, anche se la loro conoscenza lessicale e culturale si rivela poi uguale a quella degli altri animali di peluche. Nel film invece, pur mantenendo le loro principali caratteristiche di cosiddetti “sapientoni”, i due personaggi sono degli animali di pezza come tutti gli altri animali.
  • Nei libri non compare il personaggio di De Castor, che fu infatti creato appositamente dalla Disney per dare un tocco americano al film. Durante una scena del primo episodio del film De Castor dice “I’m not in the phone book!” ossia “Non sono nell’elenco telefonico”: tale battuta è stata aggiunta in seguito proprio per spiegare il fatto che De Castor non è nell’elenco, cioè nel libro, book in inglese.

Canzoni[modifica | modifica wikitesto]

Le canzoni del film sono in tutto 10 e sono state composte dai Fratelli Sherman

  • La canzone del Bosco dei 100 Acri
  • La ginnastica del mattino
  • I crampetti del pancino
  • Sono una nuvola nera
  • Il grande giorno
  • Ventodì
  • La cosa più bella dei tigri
  • Efelanti e noddole
  • La Pioggia pioggia pioggia cadde giù
  • Hip – Hip – Purra!

Dopo l’uscita del film completo nel 1997, anche in Italia sono state pubblicate diverse compilation su CD e musicassetta che raccolgono le canzoni del film e dei suoi svariati sequel.

Home Video[modifica | modifica wikitesto]

Il film non è mai uscito al cinema in Italia, i tre episodi uscirono separatamente in videocassetta per il noleggio negli anni ottanta. Il film è uscito completo in VHS solo nel 1997 e nel 2002. Per l’occasione i tre episodi sono stati completamente ridoppiati; tale ridoppiaggio però non ha avuto molto successo. Il Classico è uscito su DVD nel 2002, durante il 25º anniversario della sua distribuzione ufficiale americana. La pellicola è stata completamente restaurata e rimasterizzata e inoltre sono presenti nel DVD diversi contenuti speciali, tra cui il cortometraggio Il Compleanno di Hi-Ho.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La scena in cui Christopher Robin lancia via delle pietre, alla fine del film, viene ripresa da Mowgli nel film Il libro della giungla del 1967.
  • Alcune azioni di De Castor sono uguali a quelle del castoro del film Lilli e il vagabondo. Inoltre il suo doppiatore italiano Massimo Lodolo doppiò il personaggio nel ridoppiaggio del film del '97.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]