DisneyToon Studios

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
DisneyToon Studios
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Public company
Borse valori NYSE: DIS
Fondazione 1988 a Burbank (California), USA
Sede principale Stati Uniti 833 Sorona Avenue, Glendale (California), USA
Gruppo Disney
Persone chiave Ed Catmull (Presidente)

John Lasseter (CCO)

Settore Intrattenimento
Prodotti Animazione
Sito web www.disney.it

La DisneyToon Studios, precedentemente Disney Movietoons[1] e Disney Video Premieres, è uno studio di animazione ed una divisione della Walt Disney Animation Studios. Verso gli anni novanta è diventata una società indipendente.

Lo studio ha prodotto alcune serie televisive. Principalmente sequel (solitamente direct-to-video) dei film d'animazione Disney, film di Winnie-the-Pooh, film di Topolino e film basati su serie TV Disney. Inoltre gli studi nel 2007 hanno prodotto il loro primo direct-to-video non sequel: Le magiche fiabe delle Principesse Disney: Insegui i tuoi sogni.

Serie televisive[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Sequel di film Disney[modifica | modifica sorgente]

Film di Winnie-the-Pooh[modifica | modifica sorgente]

Film di Topolino & Co.[modifica | modifica sorgente]

Film da serie TV[modifica | modifica sorgente]

Film direct-to-video[modifica | modifica sorgente]

  • N.B.: Fino al 2003, lo studio non aveva un logo proprio.

[modifica | modifica sorgente]

Su sfondo bianco, si vedeva un ovale rosso. Topolino ne sbucava fuori con un pennello, e scriveva le parole DisneyToon (con Disney nel suo carattere), con una linea e STUDIOS, che veniva scritto con un solo colpo. Topolino rientrava nel cerchio, alzava le mani, e si trasformava in un ritratto bianco. La musica era maestosa. Dal 2006, il logo stampa è stato cambiato. Appare alla fine dei post-2003 film descritti sopra.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Richard Harrington, 'DuckTales: The Movie' in Washington Post, 7 agosto 1990. URL consultato il 17 febbraio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]