Il libro della giungla 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il videogioco omonimo, vedi Il libro della giungla 2 (videogioco).
Il libro della giungla 2
Titolo originale The Jungle Book 2
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA, Australia
Anno 2003
Durata 72 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere animazione, avventura, musicale
Regia Steve Trenbirth
Soggetto Rudyard Kipling
Sceneggiatura Karl Geurs, Carter Crocker, Evan Spiliotopoulos, David Reynolds, Roger S.H. Schulman, Tom Rogers
Produttore Christopher Chase, Mary Thorne
Casa di produzione DisneyToon Studios, Walt Disney Animation Australia, Walt Disney Pictures, Walt Disney Television Animation
Distribuzione (Italia) Buena Vista International Italia
Storyboard Doug Murphy
Art director Michael Peraza Jr.
Character design Ritsuko Notani
Animatori Simon Ashton, Kelly Baigent, Bob Baxter, Kevin Peaty
Montaggio Christopher K. Gee, Peter Lonsdale
Effetti speciali Del Larkin, Marvin Petilla
Musiche Joel McNeely
Tema musicale "Lo stretto indispensabile", di Terry Gilkyson
Scenografia Steve Lumley, Alex Nicholas
Sfondi Nathan Hughes, Barry Dean, Jerry Liew, Patrick Muylkens, Polina Omelchuk, Sara Rivers, Owen Rohu, James Zheng
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi

Annie Awards 2004: Miglior storyboarding in un lungometraggio animato a Sharon Forward

Il libro della giungla 2 (The Jungle Book 2) è un film del 2003 diretto da Steve Trenbirth. È un film d'animazione prodotto dai DisneyToon Studios di Sydney e distribuito da Walt Disney Pictures e Buena Vista Distribution. Il film uscì nei cinema in Francia il 5 febbraio 2003, e venne distribuito negli Stati Uniti il 14 febbraio. È il sequel del Classico Disney Il libro della giungla del 1967 e vede, nella versione originale, Haley Joel Osment come voce di Mowgli e John Goodman come voce di Baloo. Il film fu originariamente prodotto come un lungometraggio direct-to-video, ma venne distribuito prima nelle sale, come il sequel de Le avventure di Peter Pan, Peter Pan - Ritorno all'isola che non c'è. È il terzo sequel Disney ad essere stato distribuito al cinema piuttosto che direct-to-video, dopo Bianca e Bernie nella terra dei canguri del 1990 e Peter Pan - Ritorno all'isola che non c'è del 2002. Il film è la continuazione de Il libro della giungla di Rudyard Kipling, e non si basa su Il secondo libro della giungla. Tuttavia, essi hanno alcuni personaggi in comune. Quando venne distribuito fu criticato soprattutto per la qualità della sua animazione e la somiglianza della sua trama a quella del film originale.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Mowgli vive nel villaggio degli uomini con la ragazza che ce lo ha attirato, Shanti, suo fratello adottivo Ranjan e i loro genitori. Tuttavia, Mowgli vorrebbe tornare al divertimento della giungla, e dopo aver quasi condotto gli altri bambini del villaggio nella giungla è punito dal padre adottivo per aver cercato di metterli in pericolo. Nel frattempo, nella giungla, Shere Khan è tornato nella parte della giungla di Baloo e Bagheera per vendicarsi di Mowgli. Baloo si intrufola nel villaggio degli uomini e porta Mowgli a vivere con lui nella giungla ma, a loro insaputa, anche Shere Khan si infiltra nel villaggio, venendo però cacciato fuori dagli abitanti. Nel caos che segue l'attacco della tigre, Shanti e Ranjan vanno nella giungla per recuperare Mowgli, credendo che Baloo sia un animale ostile e abbia rapito il ragazzo.

Bagheera sente della partenza di Mowgli dal villaggio quando gli umani lo cercano nella giungla, e sospetta subito di Baloo. Mowgli istruisce Baloo per spaventare Shanti se dovesse arrivare, e si lamenta della vita noiosa che aveva nel villaggio degli uomini. Baloo e Mowgli vanno al vecchio tempio di Re Luigi (che se n'è andato), ma quando gli animali della giungla si prendono gioco di Shanti e di altri aspetti della vita di Mowgli nel villaggio, il ragazzo se ne va offeso. Si imbatte in Shanti e Ranjan, ma Baloo spaventa Shanti come voleva Mowgli. Quando la verità viene a galla, Shanti e Ranjan scappano e lasciano Mowgli.

Baloo riconosce che a Mowgli manca la sua vecchia vita, ma quando Mowgli cerca di fare pace con i suoi amici umani, i tre vengono attaccati da Shere Khan. La tigre insegue Mowgli e Shanti a un tempio costruito sopra un lago di lava, e Baloo lascia Ranjan con Bagheera mentre lui va a proteggere Mowgli. Dopo aver confuso Shere Khan colpendo molti gong diversi, la presenza di Shanti si rivela a Shere Khan. Baloo combatte Shere Khan mentre Mowgli sta per rischiare la vita per salvare Shanti, ma la tigre insegue i due ragazzi fino ad una statua in un pozzo di lava. Shere Khan è intrappolato all'interno della bocca della statua, e precipita su una grossa pietra che si trova nella lava sottostante. Con il suo nemico sconfitto, Mowgli ritorna al villaggio degli uomini con Shanti e Ranjan, ma va regolarmente a trovare Baloo e Bagheera nella giungla.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Negli anni '90, il duo di sceneggiatori Bob Hilgenberg e Rob Muir presentarono una sceneggiatura de Il libro della giungla 2 in cui Baloo si avventurava a salvare il suo interesse romantico da un bracconiere. La Disney alla fine andò in una direzione diversa per il sequel.[1]

John Goodman registrò le sue battute a New Orleans, mentre Haley Joel Osment in California. A causa di una disputa legale con Gia Maione, la vedova di Louis Prima, il personaggio di Re Luigi non poté essere incluso nel film. Tuttavia, Re Luigi fa un'apparizione non fisica come fantoccio all'inizio, e viene brevemente menzionato nel mezzo del film.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La band Smash Mouth registrò una cover della canzone dei fratelli Sherman, I Wan'na Be Like You (originariamente nel film del 1967), contenuta nella colonna sonora del film. La versione italiana, rititolata Credi a me, è cantata dalle Lollipop.

Album[modifica | modifica sorgente]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Credi a me - Lollipop - 3:11
  2. Il ritmo della giungla - Lorena Brancucci - 3:04
  3. Veri selvaggi - Augusto Giardino - 2:32
  4. Lo stretto indispensabile - Fabrizio Pucci, Gabriele Patriarca e Gabriella Scalise - 1:51
  5. Spera in me - Sergio Tedesco - 2:50
  6. La marcia del colonnello Hathi - Luigi Pavese - 2:31
  7. Siamo tuoi amici - Luigi Pavese - 2:07
  8. Casa mia - Amalia De Rita - 3:30
  9. La regina della giungla - Alessandra Turri - 2:11
  10. Il serpente è proprio fortunato - Elisa Zorzi - 2:25
  11. La faccia dell'elefante - Renato Pareti - 1:48
  12. Mai sorridere ad un coccodrillo - Renato Pareti - 1:40

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Data di uscita[modifica | modifica sorgente]

Le date di uscita internazionali nel corso del 2003 sono state:

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

Il doppiaggio italiano venne eseguito dalla Royfilm su dialoghi di Manuela Marianetti, e diretto da Leslie La Penna. L'unico doppiatore del film originale a tornare nel proprio ruolo fu Sergio Tedesco, voce di Kaa. Inoltre, nel ruolo del colonnello Hathi torna Renato Mori, che aveva già doppiato il personaggio adulto nella serie TV Cuccioli della giungla.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Incassi[modifica | modifica sorgente]

Il film incassò $ 47.901.582 negli Stati Uniti e $ 87.802.017 all'estero, raggiungendo $ 135.703.599 in tutto il mondo.[2]

Critica[modifica | modifica sorgente]

Basata su 87 recensioni, il film ha una valutazione di approvazione "rotten" del 18% su Rotten Tomatoes, con un voto medio di 4.4/10.[3] In un altro aggregatore di recensioni, Metacritic, che assegna un punteggio normalizzato su 100 recensioni migliori dalla critica mainstream, il film ha ricevuto un punteggio medio del 38%, sulla base di 24 recensioni.[4]

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

VHS[modifica | modifica sorgente]

Prima edizione[modifica | modifica sorgente]

La prima e unica edizione VHS del film uscì in Italia il 3 settembre 2003, insieme alla prima edizione DVD. Nella cover era scritto erroneamente che il film è un Classico Disney.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La VHS contiene il film in formato 4:3.

DVD[modifica | modifica sorgente]

Prima edizione[modifica | modifica sorgente]

La prima edizione DVD del film uscì il 3 settembre 2003, insieme all'edizione VHS. Nella cover era scritto erroneamente che il film è un Classico Disney.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]
  • Lingue in Dolby Digital 5.1: italiano e inglese;
  • Lingua italiana in DTS;
  • Sottotitoli in italiano, inglese e inglese per non udenti;
  • Contenuti speciali:
    • Making of Il libro della giungla 2;
    • Il labirinto nella giungla di Mowgli;
    • Selezione di canzoni Disney;
    • Canzoni eliminate: "I Got You Beat" e "Braver";
    • Video musicali: "Il ritmo della giungla" e "Veri selvaggi";
    • Sinossi del film originale;
    • Canta insieme al film.

Edizione speciale[modifica | modifica sorgente]

La seconda edizione DVD del film è uscita il 14 maggio 2008.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]
  • Lingue in Dolby Digital 5.1: italiano, inglese, tedesco e turco;
  • Sottotitoli in italiano, inglese, tedesco, turco e inglese per non udenti;
  • Contenuti speciali:
    • Canzoni eliminate: "I Got You Beat" e "Braver";
    • Mowgli racconta la sua avventura;
    • Il labirinto nella giungla di Mowgli;
    • Sinossi del film originale;
    • L'eredità de Il libro della giungla;
    • Selezione di canzoni Disney;
    • Canta insieme al film;
    • Video musicali: "Il ritmo della giungla" e "Veri selvaggi".

Altri media[modifica | modifica sorgente]

In contemporanea all'uscita del film fu distribuito dalla Ubisoft il videogioco Il libro della giungla 2, realizzato dalla Disney Interactive per Game Boy Advance.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Armstrong, Josh, Bob Hilgenberg and Rob Muir on the Rise and Fall of Disney’s Circle 7 Animation, KnowTheArtist.com, 5 marzo 2012. URL consultato il 1º aprile 2012.
  2. ^ The Jungle Book 2 (2003), Box Office Mojo.
  3. ^ The Jungle Book 2 Movie Reviews, Pictures in Rotten Tomatoes, IGN Entertainment.
  4. ^ The Jungle Book 2 (2003): Reviews, Metacritic.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]