La bella e la bestia: Un magico Natale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Bella e la Bestia - Un magico Natale
Titolo originale Beauty and the Beast - The Enchanted Christmas
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1997
Durata 68 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,33:1
Genere animazione
Regia Andy Knight
Sceneggiatura Flip Kobler, Cindy Marcus, Bill Motz, Bob Roth
Produttore Susan Kapigian
Casa di produzione Walt Disney Productions
Musiche Don Black Rachel Portman Michael Starobin
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

La Bella e la Bestia - Un magico Natale è un film direct-to-video prodotto dalla Walt Disney Company nel 1997, ed è il secondo episodio della trilogia de La Bella e la Bestia. Il film è ufficialmente il sequel de La Bella e la Bestia, in quanto il prologo e l'epilogo si svolgono nel Natale successivo all'infrazione dell'incantesimo, ma per il resto svolge il ruolo di midquel, dato che la parte centrale prende luogo all'interno del film precedente (dopo lo scontro con i lupi, ma prima che la Bestia regali a Belle la biblioteca). In questo film la Bestia proibisce il Natale (perché la sua trasformazione da Principe in Bestia avvenne proprio in questo giorno) finché Belle, Tockins, Lumiere, Mrs. Bric e Chicco lo convincono che il Natale è una festa gioiosa. Il film mostra anche, più dettagliatamente, il momento in cui la fata lancia l'incantesimo sul castello, come già narrato nel primo film.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Belle e il Principe Adam danno una festa di Natale per gli abitanti del villaggio al loro castello. Lumiere e Tockins discutono su chi ha riportato il Natale al castello, mentre Mrs. Bric insiste per spiegare la vera storia dietro il ritorno della festività fra di loro.

Il film passa poi a un lungo flashback, durante gli eventi del primo film dopo che la Bestia ha salvato Belle da un branco di lupi. Belle è entusiasta per il Natale, ma è sconvolta quando i servi del castello le rivelano che la Bestia ha vietato i festeggiamenti.

Belle decide così di ricominciare i festeggiamenti, e Lumiere e Chicco la accompagnano nella soffitta del castello, dove incontrano Angelique, una delle amanti di Lumiere, che si oppone alla reintroduzione della festività a causa della maledizione della Bestia che ricorre a Natale, quando rifiutò l'entrata dell'Incantatrice nel castello. La Bestia consulta il vecchio compositore di corte, il maestro Forte, che è stato trasformato in un gigantesco organo a canne. Forte preferisce rimanere come ornamento piuttosto che venire liberato da Belle, godendo della sua manipolazione sulla rabbia della Bestia. La Bestia si confronta con Belle nella caldaia del castello, ma i due discordano sulla ricorrenza del Natale. Belle incontra finalmente Forte, che le consiglia di avventurarsi nella parte più profonda della foresta per tagliare un albero di Natale gigante. Tuttavia, Belle scopre che l'albero è quasi impossibile da abbattere e alla fine cade sotto una lastra di ghiaccio. La Bestia viene a sapere che cosa è successo e va a salvarla con Lumiere, Tockins, Fife (il secondo di Forte, trasformato in un flauto) e il falegname Ascia. Tuttavia, sapendo che stava progettando il Natale contro la sua volontà, la Bestia imprigiona Belle nei sotterranei. Fife comprendendo infine le cose terribili che ha fatto, si pente delle sue azioni.

I servi visitano Belle, e Angelique si scusa per il suo atteggiamento. Forte plagia la bestia dicendo che lo rattrista vederlo soffrire così e incita il suo padrone a porre fine alle sue sofferenze distruggendo la rosa incantata. Sul momento di colpire la rosa, un petalo cade sul regalo di Belle che si rivela un libro di favole. La bestia si calma e comincia a leggerlo. Commosso dalle parole del libro, la Bestia ha un cambiamento di cuore e libera Belle, chiedendole perdono per quello che ha fatto. Belle sorride dolcemente dicendo che lo perdona. Decidono tutti insieme infine di festeggiare il Natale. Forte si infuria e usa la sua musica magica nel tentativo di distruggere il castello per fare in modo che tutti rimanessero sotto quell'aspetto. La Bestia si confronta con Forte, ma è sopraffatto dalla sua musica incantata. Fife pentitosi dei suoi errori sottolinea che la tastiera di Forte è il suo punto debole, così la Bestia la strappa dal basamento e la getta lontano da Forte, che collassa e muore. Belle, la Bestia e la servitù possono così festeggiare il Natale insieme.

Il film si conclude alla festa dell'anno dopo, con il Principe Adam che prende Belle da parte e le dà una rosa come regalo di Natale, mentre si scopre che Fife è ora il suo nuovo compositore di corte.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo il successo de La Bella e la Bestia, un altro film era inevitabile. Per il film venne deciso un rilascio direct-to-video dopo che Il ritorno di Jafar e altri sequel di film cinematografici avevano avuto successo nel mercato dell'home video. Il film fu il primo prodotto di una filiale dello studio di Vancouver della Walt Disney Television Animation. Lo studio è stato chiuso nel 2002 a causa di tagli di studio.

Nelle prime fasi della produzione, il film avrebbe dovuto essere un sequel del film originale. Il film avrebbe avuto fra i personaggi Avenant, qui raffigurato come fratello minore di Gaston, come il cattivo. L'obiettivo di Avenant era quello di vendicare Gaston rovinando la vita di Belle e il Principe Adam e minacciando di ucciderli. Anche se il personaggio venne tagliato fuori dalla storia e la trama venne cambiata, questo tratto è stato dato a Forte, l'organo a canne, che non voleva che la Bestia tornasse umano. Questa trama fu ispirata dal film del 1946.

Nel doppiaggio italiano, rispetto al primo film, la defunta Isa Di Marzio è stata sostituita da Alina Moradei (doppiatrice ufficiale di Angela Lansbury) per la parte parlata e da Maria Cristina Brancucci per la parte cantata.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film venne distribuito per la prima volta in VHS l'11 novembre 1997. È il quarto più alto incasso per un film d'animazione direct-to-video, superando i 180 milioni di dollari, dietro a Aladdin e il re dei ladri (186 milioni). Il DVD uscì invece il 13 ottobre 1998. Entrambe le edizioni vennero presto ritirate dal mercato e il film rimase irreperibile finché la Disney non distribuì l'Edizione Speciale in DVD e VHS il 12 novembre 2002, subito dopo che lo studio aveva pubblicato l'Edizione Speciale in DVD del film originale. Il nuovo DVD conteneva un video musicale della canzone "As Long As There's Christmas" del gruppo Play. Erano presenti, inoltre, un gioco intitolato Forte's Challenge, un dietro le quinte di 10 minuti, la Selezione Canzoni Disney, e l'Enchanted Environment, che mostrava il castello della Bestia nelle diverse stagioni. Le due Edizioni Speciali vennero ritirate dal mercato nello stesso momento a gennaio 2003. L'Edizione Speciale in DVD è stata ripubblicata il 1º dicembre 2010, in seguito all'uscita della 'Diamond Edition' del primo film.

In Italia il film è uscito in videocassetta nel 1999 e nel 2003, e in DVD nel 2000 (distribuito dalla Warner Home Video), nel 2003 e nel 2010.

Critica[modifica | modifica sorgente]

Secondo il sito web di recensioni Rotten Tomatoes il film ha un punteggio "Rotten" dello 0% nella lista Top Critics. Nella RT Community, il film ha un punteggio "Fresh" del 73%. Il film ha avuto recensioni discordanti, ma è stato definito migliore del sequel, Il mondo incantato di Belle. Il critico Paolo Mereghetti invece, nel suo dizionario, dà ad entrambi i film una stella e mezza, e definisce La Bella e la Bestia - Un magico Natale «uno scialbo cartoon molto ben animato».

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Le partiture e canzoni originali sono state composte da Rachel Portman con parole scritte da Don Black. Le canzoni del film sono state registrate "dal vivo" con un'orchestra e il cast in una stanza, un po' come nel primo film. "Stories", cantata in originale da Marjorie Biondo, riguarda il regalo di Natale di Belle alla Bestia: un libro di favole, ed è fortemente basata sul motivo finale della Sinfonia n. 5 di Jean Sibelius. "As Long As There's Christmas", il tema portante del film, riguarda la ricerca della speranza a Natale. La canzone è stata cantata del cast del film con un coro di sottofondo ed è cantata quando Belle e gli oggetti incantati ridecorano il castello per Natale.

"Don't Fall in Love", cantata da Franco Chillemi, mostra i piani di Forte per tenere la Bestia lontana da Belle, così da bloccare l'infrazione dell'incantesimo. "A Cut Above the Rest", anch'essa cantata dal cast, parla di come il lavoro di squadra e gli amici siano molto importanti nella vita. "Deck the Halls" è eseguita durante il titolo di testa da Vittorio Amandola, Gianni Vagliani, Maria Cristina Brancucci e il coro. Una colonna sonora è stata pubblicata negli Stati Uniti il 9 settembre 1997. L'album originale serve come colonna sonora del film e anche come album natalizio con canzoni tradizionali cantate da Paige O'Hara.

Album[modifica | modifica sorgente]

  1. Deck the Halls (Jerry Orbach, David Ogden Stiers, Bernadette Peters, Angela Lansbury, Chorus)
  2. Stories (Paige O'Hara)
  3. As Long As There's Christmas (Paige O'Hara, Jerry Orbach, David Ogden Stiers, Bernadette Peters, Angela Lansbury, Chorus)
  4. Don't Fall In Love (Tim Curry)
  5. As Long As There's Christmas (Reprise) (Paige O'Hara, Bernadette Peters)
  6. A Cut Above the Rest (David Ogden Stiers, Jerry Orbach, Paige O'Hara)
  7. As Long As There's Christmas (End Title) (Peabo Bryson, Roberta Flack)
  8. We Wish You A Merry Christmas (Paige O'Hara)
  9. Do You Hear What I Hear (Paige O'Hara)
  10. O Come, O Come, Emmanuel/Joy To The World (Paige O'Hara)
  11. O Christmas Tree (Paige O'Hara)
  12. The First Noel (Paige O'Hara)
  13. What Child Is This (Paige O'Hara)
  14. The Twelve Days of Christmas (Paige O'Hara)
  15. Silent Night (Paige O'Hara)
  16. Belle's Magical Gift (Rachel Portman)
  17. Fife's Yuletide Theme (Rachel Portman)
  18. The Enchanted Christmas Finale (Rachel Portman)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]